La LIBET nelle narrazioni

Le analisi dei personaggi più noti e seguiti della narrativa dal punto di vista della Concettualizzazione Condivisa del Caso secondo il modello LIBET

Condividi

La LIBET è una procedura di formulazione della sofferenza psicologica in termini di vulnerabilità appresa che si esprime in stati mentali dolorosi (temi) e rigide strategie di prevenzione degli stessi (piani). Analizzeremo le vite dei personaggi più amati della narrativa (e non solo) attraverso il modello della LIBET

LIBET e narrazioni analisi dei personaggi della narrativa secondo la LIBET

La LIBET è una procedura di formulazione della sofferenza psicologica in termini di vulnerabilità appresa che si esprime in stati mentali dolorosi (temi) e rigide strategie di prevenzione degli stessi (piani).

Messaggio pubblicitario I temi sono reazioni automatiche complesse, caratterizzate da pensieri, emozioni e sensazioni corporee che sono valutati implicitamente come intollerabili, pericolosi e condizionanti l’intero funzionamento psicologico dell’individuo. Il contenuto di questi temi può essere di 1) minaccia, ovvero una sensazione di pericolo e mancanza di protezione, 2) disamore e inadeguatezza, ovvero una sensazione di perdita di senso, inutilità, esclusione, assenza di valore, 3) indegnità, ovvero una sensazione di inferiorità, tossicità, disprezzo verso di sé.

In quasi tutte le storie che leggiamo o nella quasi totalità dei film che vediamo, i protagonisti sono portatori di un tema doloroso dal quale cercano di allontanarsi in una moltitudine di modi, attraverso quelle condotte che in ottica LIBET si definiscono “piani”.

I piani semifunzionali corrispondono a condotte rigide il cui fine non è di gestione dei problemi concreti della vita ma di prevenzione dei temi al fine di attutirli e/o tenersene lontani garantendo costantemente certe condizioni di sicurezza. Si tratta quindi di condotte che offrono sollievi temporanei vissuti all’ombra di una minaccia intollerabile pronta ad emergere. Non lasciano quindi spazio a selezionare e perseguire scopi diversi dal mantenimento di certe condizioni di sicurezza. I piani esprimono queste operazioni attraverso tre possibili funzioni 1) prudenziale, ovvero tenersi lontano da stimoli che potrebbero evocare l’esperienza del tema, 2) prescrittivo, ovvero esercitare uno sforzo per controllare gli stimoli in modo da mantenere condizioni di sicurezza, 3) immunizzante, che consiste nell’esercitare strategie che generino stati interni opposti e incompatibili con quelli del tema (es. effetti di sostanze, ricerca di situazioni ad alta emotività o anestetizzanti).

Ripensate all’ultimo libro letto, all’ultimo film o documentario seguito, vi risulterà facile notare come i personaggi raccontati abbiano spesso delle storie fatte di temi e piani. Ma quando questi ultimi hanno una certa rilevanza clinica?

Messaggio pubblicitario I temi e i piani assumono maggior valenza clinica quando sono rigidi. Nel modello LIBET la rigidità della relazione dinamica tra temi e piani viene attribuita a processi di meta-controllo, ovvero quei processi metacognitivi che (1) selezionano scopi da perseguire, (2) selezionano stimoli salienti da monitorare, (3) selezionano strategia autoregolatorie da attivare, (4) selezionano criteri di riferimento per interrompere o sospendere il perseguimento di uno scopo. In termini sintetici, i processi di meta-controllo irrigidiscono il funzionamento psicologico dell’individuo quando valutano i temi come intollerabili, lo scopo di reprimerli come prioritario (condizionamento), i piani come necessari e inevitabili (‘è più forte di me’) per regolare il proprio funzionamento.

Piani e temi vanno poi accertati in classiche procedure ABC di analisi delle situazioni (A), pensieri (B) ed emozioni (C) che riguardano i problemi presenti e quelli passati di apprendimento sia dei temi dolorosi che dei piani semifunzionali. Un ABC particolare è poi quello di invalidazione, la situazione in cui i piani sono stati invalidati dalla realtà, ovvero resi improvvisamente e drammaticamente poco utili e quindi smentiti.

Nel modello LIBET il processo di invalidazione è spesso origine di un esordio sintomatico, o un momento di incremento dell’acuzie sintomatica, quando l’individuo anziché usare l’invalidazione come occasione di cambiamento, crescita e flessibilizzazione tende a reagire con ancor maggior rigidità, ritenendo che il fallimento dei piani dipendesse non dalla loro disfunzionalità almeno episodica ma da una loro insufficiente applicazione.

Lo schema qui presentato di “processi di apprendimento – tema – processi di meta-controllo – piano – processi di invalidazione – incremento sintomatico acuto” può essere dunque una lente attraverso cui osservare la sofferenza psicologica così come emerge dalle narrazioni di film, serie tv, romanzi, videogiochi e fumetti che analizzeremo nei prossimi articoli.

 

 

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET
Psicologia Psicoterapia

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET

Rocketman mostra il processo psicoterapeutico di conoscenza, elaborazione e accettazione della propria storia e delle proprie sofferenze.

Bruce Wayne: la battaglia contro il crimine e contro il proprio senso di impotenza – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia

Bruce Wayne: la battaglia contro il crimine e contro il proprio senso di impotenza – La LIBET nelle narrazioni

Bruce Wayne e il lungo percorso che lo porterà ad anteporre la lotta al crimine ai propri affetti: una lettura del personaggio in chiave LIBET

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni

Anakin Skywalker decide di passare al lato oscuro, considerato l’unica via per evitare la morte e quindi per non entrare in contatto con il tema doloroso.

La trasformazione di Sansa Stark – La LIBET nelle narrazioni
Psicoterapia

La trasformazione di Sansa Stark – La LIBET nelle narrazioni

Ripercorriamo in termini LIBET la storia di Sansa Stark in Game of Thrones e la sua trasformazione a seguito delle molteplici invalidazioni che sperimenta

Io sono Iron Man, l’uomo di ferro con il cuore fragile – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Io sono Iron Man, l’uomo di ferro con il cuore fragile – La LIBET nelle narrazioni

Ripercorriamo in chiave LIBET la storia di Tony Stark e la sua trasformazione da “genio miliardario, playboy e filantropo” ad Iron Man.

Lion. La strada verso casa – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Lion. La strada verso casa – La LIBET nelle narrazioni

Ripercorriamo insieme la storia di vita di Saroo, bambino indiano adottato, mostrando l’invalidazione del suo piano semiadattivo in chiave LIBET.

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni

Si ripercorre la storia di vita di Aladdin, protagonista dell’omonimo film d’animazione, proponendo una formulazione in termini LIBET

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni

Un’analisi in termini Libet di Gwen, protagonista di “28 Days”, commedia drammatica degli anni 2000, che tratta principalmente il tema della dipendenza

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni
Psicoterapia

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni

Partendo dal film ‘I, Tonya’ si propone una lettura realistica, ma non necessarimanete veridica, della pattinatrice e la concettualizzazione LIBET del caso

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni

Viene proposta un’analisi in termini LIBET del funzionamento di Hercules, personaggio mitologico e protagonista del celebre film di animazione

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni

Viene proposta un’analisi in termini LIBET del funzionamento della protagonista del film Il Castello di Vetro, ripercorrendo la sua intera storia di vita

Olivia Benson: quando proteggere gli altri diventa un dovere imprescindibile – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Olivia Benson: quando proteggere gli altri diventa un dovere imprescindibile – La LIBET nelle narrazioni

Attraverso la LIBET si analizza la costruzione psicologica del personaggio di Law and Order Olivia Benson per arrivare ad ipotizzare il suo funzionamento

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni

Si ripercorre la storia delle protagoniste di Frozen e in particolare ci si concentra su Elsa, indagando i suoi temi, piani e il processo di invalidazione

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni

Si ipotizza il funzionamento in termini LIBET di Edward, protagonista del celebre film Edward mani di forbici, riportando anche un colloquio immaginario

Harry Potter – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Harry Potter – La LIBET nelle narrazioni

Si propone una concentualizzazione in termini di LIBET della vita di Harry Potter, ripercorrendo la sua storia e ipotizzando temi e piani

Amy – The girl behind the name (2015) – La LIBET nelle narrazioni
Psicopedia Psicoterapia

Amy – The girl behind the name (2015) – La LIBET nelle narrazioni

A partire dalla visione del documentario Amy – The girl behind the name viene fatta un’ipotesi di concentuallizazzione del caso in termini LIBET

Messaggio pubblicitario