Ciottoli - Psicopatologia Generale

Ciottoli - Una rubrica di Roberto Lorenzini: spunti e idee sparpagliati di psicopatologia generale, da raccogliere (se si vuole) e mettere in tasca. 

Condividi

Una rubrica di Psicopatologia generale a cura di Roberto Lorenzini

Psicopatologia Generale - Ciottoli , Psicologia - Rubrica di Roberto Lorenzini

Introduzione

Aspirerei moltissimo, giunto alla mia età, e prima di morire, a scrivere un libro importante un po’ riassuntivo di fine carriera, magari un compendio di psicopatologia generale dove tentare una sistematizzazione complessiva del disagio mentale. Se ci riuscissi non potrei poi esimermi da scrivere un secondo volume di clinica generale rimandando ancora la partenza e chissà quanto poi potrei tirarla a lungo con la bibliografia da aggiornare continuamente. Ho imparato da mia nonna che voleva prima vedermi grandicello, poi diplomato, poi laureato, poi sposato, poi con un figlio finchè ho dovuto ammazzarla perché non tolleravo mi mettesse fretta. C’è sempre un buon motivo per non dar soddisfazione all’INPS.

In questo periodo sto lavorando con Benedetto Farina ad un progetto del genere per una psicopatologia e una clinica completamente dimensionali. Di giorno ci lavoriamo e di notte lo smontiamo secondo la strategia di Penelope che non voleva darla ai Proci. Ma non si sa mai: uno si distrae un attimo e Benni che è serio e studioso lo finisce e Tito Boeri inizia a fregarsi le mani.

Allora ho pensato di iniziare un progetto aperto a tutti che per sua natura non potrà mai finire. Lo stimolo mi è stato dato da un bellissimo libro di Kahneman (l’unico psicologo che ha preso il nobel anche se per l’economia: buttalo via!) “Pensieri veloci, pensieri lenti” e da altre letture che sono seguite di contorno in particolare sui sistemi motivazionali e la scopistica.

Il progetto che ho in mente viene incontro a varie esigenze. Non ho la capoccia ne la pazienza per fare un progetto ampio e complessivo e mi diverte scrivere cosette brevi, poco più di un’idea un po’ lievitata e da spizzicare prima della cottura come l’impasto per i dolci o per le polpette, un po’ nello stile della mia rubrica “Tribolazioni” che sono incluse nel volume “Dal malessere al Benessere” pubblicato per Franco Angeli con la complicità di un altro serio come Antonio Scarinci che le cose poi le finisce. Invece questo progetto lo vorrei chiamare “Ciottoli” perché suona meglio di pietre o cocci (entrambi poco rimandano alla vivacità cognitiva) o mattoni (per il senso di pesantezza e il rischio di Tarsi e imu che si corre).

 

Ciottoli di psicopatologia generale

Insomma quello che vorrei tentare è buttare giù singole idee un po’ sviluppate riguardanti la psicopatologia generale e poi mandarle in giro per i siti che talvolta mi ospitano in modo che chi le incontra possa farci quello che vuole: arricchirle e dibatterne con me e altri interessati grazie ai mezzi che il web ci mette a disposizione (non c’è solo “youporn”), utilizzarle per le tesine di specializzazione nelle scuole di psicoterapia, insomma le idee non sono di nessuno e ciascuno ci fa ciò che gli pare compreso tutte quelle cose indicibili che a qualsiasi romano verrebbe in mente di rispondere alla domanda “e con questo cosa devo farci?

“Ciottolo” mi sembra il nome adatto perché può essere usato come elemento per una costruzione più grande e fare grandi imprese, può restare come ricordo di una vacanza ad impolverarsi su un mobile, può avvilire l’arroganza dei superbi (andate a dirlo a Golia), può essere lisciato dalla corrente del fiume fino a diventare carezzevole come le nocche delle mani di una donna, può rimbalzare sulla superficie dello stagno causando conseguenze graziose ma transitorie e infine togliere il disturbo adagiandosi sul fondo melmoso, finalmente in pace tra le tinche e le anguille di ritorno dalle feste orgiastiche del mar dei sargassi.

P.S.: per correttezza devo confessare come abbia utilizzato un difetto per stimolare la creatività. La premessa è che stento a comprendere qualsiasi idioma che si parli all’esterno del G.R.A. che è vero che è il mitico grande Raccordo anulare, l’anello di 73 KM che circonda Roma ed essendo sempre bloccato costituisce l’unico vero baluardo contro l’avanzata dell’ISIS verso piazza San Pietro, ma si chiama così perché l’ing Gra ne è stato il progettista e costruttore (un bell’esempio di quell’iperdeterminazione che Freud vedeva attiva nel lavoro onirico). La conseguenza della premessa è che per leggere la letteratura inglese, mica finlandese, uso il traduttore di google inserendoci l’intero articolo. Poi leggo il testo in italiano e completo con la fantasia dove non si capisce, quasi dovunque dunque. Il testo originario è così una sorta di tavola di Rorschach dove proietto roba mia. Non credo sia un procedere rigidamente scientifico ma non c’è bisogno che andiate in giro a fare la spia.

Belle balle: quando la propria rappresentazione della realtà fa soffrire – Ciottoli di psicopatologia
Psicologia Psicoterapia

  Belle balle: quando la propria rappresentazione della realtà fa soffrire – Ciottoli di psicopatologia

Il paziente arriva in terapia spesso perchè soffre a causa della sua rappresentazione della realtà e del modo in cui

Il punto cieco: trovarlo scoprendo la propria amabilità e dignità – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia Psicoterapia

  Il punto cieco: trovarlo scoprendo la propria amabilità e dignità – Ciottoli di Psicopatologia Generale

Attraverso una relazione rassicurante sulla propria amabilità e dignità si può lasciare il proprio falso Sé e disappannare il proprio

Giustizia e forza: come entrano in gioco nella psicoterapia – Ciottoli di psicopatologia
Psicologia

  Giustizia e forza: come entrano in gioco nella psicoterapia – Ciottoli di psicopatologia

In psicoterapia il concetto di giustizia entra spesso in gioco in quanto i pazienti tendono a sentirsi vittime di ingiustizie

Le parole per dirlo: esprimere il dolore con le parole e non con l’agito – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia

  Le parole per dirlo: esprimere il dolore con le parole e non con l’agito – Ciottoli di Psicopatologia Generale

La psicoterapia dovrebbe offrire ai pazienti la possibilità di esprimere il dolore con le parole evitando di ricorrere ad agiti

Elogio della tiepidezza – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia

  Elogio della tiepidezza – Ciottoli di Psicopatologia Generale

I pazienti dipendenti sono quelli che si autosvalutano, incapaci di definire propri bisogni e desideri e che cercano invece di

Risolvere o accettare – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia Psicoterapia

  Risolvere o accettare – Ciottoli di Psicopatologia Generale

L’obiettivo della psicoterapia da raggiungere è quello di smussare gli aspetti problematici accettando e rendendo tollerabile ciò che risulta intollerabile.

Psicoterapia normale e rivoluzionaria – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia Psicoterapia

  Psicoterapia normale e rivoluzionaria – Ciottoli di Psicopatologia Generale

Anche nell’ambito della psicoterapia è possibile parlare di rivoluzione e questo accade quando avviene un cambiamento improvviso nella mente del

Io e l’altro come specchio di me: l’amore nella coppia e la nostra identità
Psicologia

  Io e l’altro come specchio di me: l’amore nella coppia e la nostra identità

Il sé mnemonico è sostegno dell’identità e suoi indispensabili complici sono le persone per noi tanto importanti da non volerle

L’inconscio – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia

  L’inconscio – Ciottoli di Psicopatologia Generale

Quando un modello del funzionamento mentale include l’ inconscio riesce a spiegare qualsiasi comportamento, tutto e l’incontrario di tutto

Diagnosi, protocolli, industria e artigiani
Psicologia

  Diagnosi, protocolli, industria e artigiani

Il pensiero psicopatologico è categoriale e, come la naturale spinta dell’uomo a classificare i propri interessi, si operano delle terribili

Fallimenti terapeutici: pazienti incurabili e inguaribili e quelle volte in cui la psicoterapia non ha funzionato
Psicologia Psicoterapia

  Fallimenti terapeutici: pazienti incurabili e inguaribili e quelle volte in cui la psicoterapia non ha funzionato

Nel corso della carriera capitano fallimenti terapeutici e pazienti intrattabili cui è meglio rinunciare a meno di risolvere prima i propri

Il doppio senso della supervisione – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 8
Psicologia

  Il doppio senso della supervisione – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 8

Il terapeuta descrive al supervisore il mondo della relazione con il paziente. E’ necessario che il supervisore sia un esperto

Le scelte e il timore di sbagliare – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Psicologia

  Le scelte e il timore di sbagliare – Ciottoli di Psicopatologia Generale

Fare delle scelte può comportare delle paralisi decisionali prima di decidere per il timore di sbagliare o dei rimpianti e

Le cattive abitudini e i comportamenti automatici – Ciottoli di psicopatologia generale nr. 6
Psicologia

  Le cattive abitudini e i comportamenti automatici – Ciottoli di psicopatologia generale nr. 6

Perseverare in comportamenti dannosi e cattive abitudini potrebbe essere un modo per evitare i rischi e i costi derivanti dal

Insoddisfazione nei bilanci di vita – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 5
Psicologia Psicoterapia

  Insoddisfazione nei bilanci di vita – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 5

Il Sé mnemonico, attivo nei nostri bilanci di vita, commette errori che ci portano a rimpiangere le esperienze passate e

Le radici comuni dell’ansia – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 4
Psicologia Psicoterapia

  Le radici comuni dell’ansia – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 4

I disturbi d’ansia si distinguono per lo scopo minacciato mentre sono identici per tre caratteristiche dell’evento temuto: probabilità, gravità e

Non cambiare mai – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 3
Psicologia

  Non cambiare mai – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 3

I bias cognitivi sono una minaccia per la mente e bersaglio privilegiato della terapia, eppure possono trasformarsi in preziose strategie

Complicati rapporti tra mezzi e fini – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 2
Psicologia

  Complicati rapporti tra mezzi e fini – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 2

I rapporti tra mezzi e fini risultano molteplici: un mezzo permette di raggiungere un unico scopo oppure più mezzi permettono

Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

0 utenti