Messaggio pubblicitario

Ciottoli - Psicopatologia Generale

Ciottoli - Una rubrica di Roberto Lorenzini: spunti e idee sparpagliati di psicopatologia generale, da raccogliere (se si vuole) e mettere in tasca. 

Condividi

Una rubrica di Psicopatologia generale a cura di Roberto Lorenzini

Psicopatologia Generale - Ciottoli , Psicologia - Rubrica di Roberto Lorenzini

Introduzione

Aspirerei moltissimo, giunto alla mia età, e prima di morire, a scrivere un libro importante un po’ riassuntivo di fine carriera, magari un compendio di psicopatologia generale dove tentare una sistematizzazione complessiva del disagio mentale. Se ci riuscissi non potrei poi esimermi da scrivere un secondo volume di clinica generale rimandando ancora la partenza e chissà quanto poi potrei tirarla a lungo con la bibliografia da aggiornare continuamente. Ho imparato da mia nonna che voleva prima vedermi grandicello, poi diplomato, poi laureato, poi sposato, poi con un figlio finchè ho dovuto ammazzarla perché non tolleravo mi mettesse fretta. C’è sempre un buon motivo per non dar soddisfazione all’INPS.

In questo periodo sto lavorando con Benedetto Farina ad un progetto del genere per una psicopatologia e una clinica completamente dimensionali. Di giorno ci lavoriamo e di notte lo smontiamo secondo la strategia di Penelope che non voleva darla ai Proci. Ma non si sa mai: uno si distrae un attimo e Benni che è serio e studioso lo finisce e Tito Boeri inizia a fregarsi le mani.

Allora ho pensato di iniziare un progetto aperto a tutti che per sua natura non potrà mai finire. Lo stimolo mi è stato dato da un bellissimo libro di Kahneman (l’unico psicologo che ha preso il nobel anche se per l’economia: buttalo via!) “Pensieri veloci, pensieri lenti” e da altre letture che sono seguite di contorno in particolare sui sistemi motivazionali e la scopistica.

Il progetto che ho in mente viene incontro a varie esigenze. Non ho la capoccia ne la pazienza per fare un progetto ampio e complessivo e mi diverte scrivere cosette brevi, poco più di un’idea un po’ lievitata e da spizzicare prima della cottura come l’impasto per i dolci o per le polpette, un po’ nello stile della mia rubrica “Tribolazioni” che sono incluse nel volume “Dal malessere al Benessere” pubblicato per Franco Angeli con la complicità di un altro serio come Antonio Scarinci che le cose poi le finisce. Invece questo progetto lo vorrei chiamare “Ciottoli” perché suona meglio di pietre o cocci (entrambi poco rimandano alla vivacità cognitiva) o mattoni (per il senso di pesantezza e il rischio di Tarsi e imu che si corre).

 

Ciottoli di psicopatologia generale

Insomma quello che vorrei tentare è buttare giù singole idee un po’ sviluppate riguardanti la psicopatologia generale e poi mandarle in giro per i siti che talvolta mi ospitano in modo che chi le incontra possa farci quello che vuole: arricchirle e dibatterne con me e altri interessati grazie ai mezzi che il web ci mette a disposizione (non c’è solo “youporn”), utilizzarle per le tesine di specializzazione nelle scuole di psicoterapia, insomma le idee non sono di nessuno e ciascuno ci fa ciò che gli pare compreso tutte quelle cose indicibili che a qualsiasi romano verrebbe in mente di rispondere alla domanda “e con questo cosa devo farci?

“Ciottolo” mi sembra il nome adatto perché può essere usato come elemento per una costruzione più grande e fare grandi imprese, può restare come ricordo di una vacanza ad impolverarsi su un mobile, può avvilire l’arroganza dei superbi (andate a dirlo a Golia), può essere lisciato dalla corrente del fiume fino a diventare carezzevole come le nocche delle mani di una donna, può rimbalzare sulla superficie dello stagno causando conseguenze graziose ma transitorie e infine togliere il disturbo adagiandosi sul fondo melmoso, finalmente in pace tra le tinche e le anguille di ritorno dalle feste orgiastiche del mar dei sargassi.

P.S.: per correttezza devo confessare come abbia utilizzato un difetto per stimolare la creatività. La premessa è che stento a comprendere qualsiasi idioma che si parli all’esterno del G.R.A. che è vero che è il mitico grande Raccordo anulare, l’anello di 73 KM che circonda Roma ed essendo sempre bloccato costituisce l’unico vero baluardo contro l’avanzata dell’ISIS verso piazza San Pietro, ma si chiama così perché l’ing Gra ne è stato il progettista e costruttore (un bell’esempio di quell’iperdeterminazione che Freud vedeva attiva nel lavoro onirico). La conseguenza della premessa è che per leggere la letteratura inglese, mica finlandese, uso il traduttore di google inserendoci l’intero articolo. Poi leggo il testo in italiano e completo con la fantasia dove non si capisce, quasi dovunque dunque. Il testo originario è così una sorta di tavola di Rorschach dove proietto roba mia. Non credo sia un procedere rigidamente scientifico ma non c’è bisogno che andiate in giro a fare la spia.

Il Sé autentico – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 44
Psicologia

Il Sé autentico – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 44

Finché si cerca di conoscere un qualche dominio dell’esistente è facile, c’è un osservato e un osservatore, un oggetto e un soggetto. Ciò vale anche se l’oggetto dell’osservazione è una parte del proprio corpo o un comportamento. Ma cosa succede se la mente vuole guardare se stessa?

La bellezza – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 43
Psicologia

La bellezza – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 43

La bellezza e il modo in cui ne facciamo esperienza è un tema sul quale si dibatte da sempre, rispetto al quale diverse discipline, non solo filosofiche, hanno cercato di dare delle risposte che consentissero di dare un senso a quest’esperienza, alla sua origine e ai fattori coinvolti

“Vinca il peggiore” – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 42
Psicologia

“Vinca il peggiore” – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 42

La vita va distinta dall’esistenza che prevede esclusivamente l’esserci e può attribuirsi a tutti gli oggetti inanimati che non si riproducono e non muoiono e assistono distaccati alla lotta per la vita. L’esistenza è stabile e pacifica, la vita precaria e vorace, per sua natura strettamente connessa con la morte.

Spoiler – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 41
Psicologia

Spoiler – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 41

Con il termine spoiler si intende la possibilità di rovinare la sorpresa di come andranno le cose svelandone l’esito anticipatamente. Alcune persone temono lo spoiler come la peggiore sventura, per altri invece la ricerca di risposte anticipate è un bisognoso necessario per placare l’ansia di ciò che non è certo.

L’uomo sano – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 40
Psicologia Psicoterapia

L’uomo sano – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 40

Due principi guidano oggi l’approccio alla psicoterapia: il primo è l’atteggiamento non giudicante, il secondo è il partire da una egodistonia del paziente per concordare insieme gli obiettivi terapeutici. Cosa significa ciò lo si comprende attraverso una riflessione sul sistema culturale in cui tali principi sono nati

Inconsapevolezza – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 39
Psicologia

Inconsapevolezza –  Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 39

Secondo l’approccio cognitivo, il modo in cui interpretiamo la realtà è guidato da alcuni schemi, che consentono una rapida elaborazione delle informazioni e dunque una veloce risposta comportamentale. La nostra prospettiva risulta però spesso egocentrica e questo ci condiziona nella valutazione delle scelte altrui.

La ripetizione dell’uguale – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 38
Psicologia

La ripetizione dell’uguale – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 38

A fronte della ricerca della novità sbandierata dalla pubblicità come un bene in sé, sembra che in realtà si cerchi conforto nella ripetizione dell’uguale in una tendenza che assume un significato di rassicurazione riferibile alla ricerca di una stabilità del mondo esterno e soprattutto del proprio sé.

Burocrafilia – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 37
Psicologia

Burocrafilia – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 37

Nelle società, la richiesta di regole si esprime nella continua brama verso i protocolli. Sarebbe interessante capire le ragioni sociologiche o psicologiche di questa idolatria delle regole, che spesso porta a una lunga e inconcludente burocrazia

Complimenti per la trasmissione – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 36
Psicologia

Complimenti per la trasmissione – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 36

Molti sono i comportamenti umani che non è possibile spiegare. Tante le bizzarrie che scandiscono la nostra quotidianità, il tentativo della mente è quello di normalizzarle per rassicurarsi che il vero insensato, incomprensibile, indominabile non esiste.

Autoinganno – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 35
Psicologia

Autoinganno – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 35

Spesso e volentieri la realtà è davvero disturbante e viene avanti con i suoi cosiddetti “fatti” a rompere le uova nel paniere, volendo affermare la sua indipendenza dai nostri desideri. A nostra difesa si attiva un processo molto rapido e veloce che ha lo scopo di tenere lontane incertezze o

La terapia dei due cartellini – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 33
Psicologia Psicoterapia

La terapia dei due cartellini – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 33

Chi soffre di disturbi d’ansia è alla costante ricerca di rassicurazioni che tuttavia non saranno mai abbastanza. La psicoterapia mira a rendere il paziente capace di padroneggiare le proprie paure e per farlo si possono usare strategie anche molto creative, meglio ancora se pensate insieme al paziente stesso.

Autoefficacia del terapeuta – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 32
Psicologia Psicoterapia

Autoefficacia del terapeuta – Ciottoli di Psicopatologia Generale  Nr. 32

Nel valutare il proprio lavoro come terapeuta ciascuno di noi riflette in maniera più o meno approfondita sul proprio senso di autoefficacia e sul modo in cui è di effettivo aiuto per i propri pazienti. I criteri che possono essere presi in considerazione sono diversi e non hanno purtroppo valore

Il Disturbo Bipolare – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 31
Psichiatria Psicologia

Il Disturbo Bipolare – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 31

Il Disturbo Bipolare è ampiamente conosciuto per il suo altalenarsi di periodi di maniacalità e depressione che hanno un impatto molto forte sulla vita delle persone con questa psicopatologia. Il meccanismo sottostante all’alternarsi di queste fasi sembra però in realtà nascondere un valore evolutivamente adattivo.

Smetto quando voglio – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 30
Psicologia Psicoterapia

Smetto quando voglio – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 30

Ogni giorno ci troviamo a dover affrontare un cambiamento, non sempre questo processo è facile e a volte un suo blocco può determinare lo sviluppo di una psicopatologia. Ciò che rende così difficile cambiare è il valore che attribuiamo agli scopi connessi al percorso che ci troviamo a dover abbandonare.

La causalità – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 29
Psicologia Psicoterapia

La causalità –  Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 29

La causalità implica la capacità di procedere attraverso una definizione anticipata degli obiettivi da raggiungere. Studi scientifici recenti dimostrano però che questo modo di procedere non sempre è più vantaggioso rispetto al seguire gli eventi così come accadono, ma genera più stress ed emozioni disturbanti.

Accontentarsi, lamentarsi o andare da un consulente psicologico? – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr 28
Psicologia

Accontentarsi, lamentarsi o andare da un consulente psicologico? – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr 28

Una certa dose di insoddisfazione è funzionale e fisiologica in quanto segnala che qualcosa non va e ci spinge a migliorare. Per chi si occupa di sofferenza emotiva è necessario chiedersi come conciliare una serenità che rischia di essere stagnazione con un attivismo insoddisfatto e rabbioso.

La mente bipartita – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr 27
Psicologia

La mente bipartita – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr 27

In una concezione della mente come bipartita, il rapporto tra le due parti, quella razionale e qualle emotiva, è una continua lotta per prevalere nella gestione del comportamento. Secondo la teoria cognitivista tale dicotomia è inesistente e le emozioni sono il frutto proprio delle valutazioni più o meno coscienti.

Il bisogno di dramma – Ciottoli di Psicopatologia Generale
Attualità Psicologia

Il bisogno di dramma – Ciottoli di Psicopatologia Generale

Quando non riusciamo a spiegarci l’esito delle elezioni o di alcuni grandi cambiamenti decisi a livello collettivo, forse dobbiamo cercare i motivi delle scelte nel bisogno di dramma, che nasce anche dalla noia.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario