NEUROSCIENZE

 

    Una nuova tecnica per comprendere la complessa bellezza del cervello che dorme

Una nuova tecnica per comprendere la complessa bellezza del cervello che dorme
Neuroscienze

E’ stata creata una nuova tecnica per analizzare l’attività cerebrale durante il sonno e i cambiamenti neurofisiologici che avvengono.

    Misofonia: un sovraccarico dell’attività cerebrale alla base dell’eccessiva sensibilità ad alcuni rumori

Misofonia: un sovraccarico dell’attività cerebrale alla base dell’eccessiva sensibilità ad alcuni rumori
Neuroscienze

Un recente studio evidenzia la presenza di alcuni cambiamenti nella struttura del lobo frontale e nell’attività cerebrale in chi soffre di misofonia.

    ­­La stimolazione cerebrale non invasiva può alleviare la sintomatologia bulimica

­­La stimolazione cerebrale non invasiva può alleviare la sintomatologia bulimica
Neuroscienze Psicoterapia

La stimolazione cerebrale non invasiva – tDCS – `e in grado di diminuire, se non proprio sopprimere, i sintomi della bulimia nervosa.

    Valore atteso e rischio nel processo decisionale: quali i correlati neuronali?

Valore atteso e rischio nel processo decisionale: quali i correlati neuronali?
Neuroscienze

Si è oggi alla ricerca dei sistemi cerebrali coinvolti nel processo decisionale e nell’elaborazione della grandezza e della probabilità degli esiti.

    Il legame tra split brain e “coscienza divisa”: un’evidenza smentita?

Il legame tra split brain e “coscienza divisa”: un’evidenza smentita?
Neuroscienze

E’ stato dimostrato che lo split brain derivante dalla resezione del corpo calloso non implica due percezioni coscienti indipendenti in un solo cervello.

    Le infezioni in epoca prenatale e le sue conseguenze

Le infezioni in epoca prenatale e le sue conseguenze
Neuroscienze

E’ stato dimostrato sui topi che le infezioni nelle madri durante la gravidanza possono avere degli effetti sullo sviluppo epigenetico dei figli.

    Lavoro e invecchiamento: la valutazione neuropsicologica come mezzo efficace nel contrastare il paradigma del deficit nelle organizzazioni aziendali

Lavoro e invecchiamento: la valutazione neuropsicologica come mezzo efficace nel contrastare il paradigma del deficit nelle organizzazioni aziendali
Attualità Neuroscienze Psicologia

Oggi lavoro e invecchiamento sono termini sempre più vicini: sottoporre a valutazione neuropsicologica i lavoratori più anziani può prevenire diversi rischi

    Come il ritmo respiratorio influenza emozione e cognizione

Come il ritmo respiratorio influenza emozione e cognizione
Neuroscienze

E’ stato dimostrato che il ritmo del respiro crea un’attività elettrica nel cervello che influenza il giudizio emotivo, la memoria e la risposta.

    Il senso di alienazione nella schizofrenia

Il senso di alienazione nella schizofrenia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

La sensazione di alienazione nella schizofrenia si ha quando la realtà attorno al proprio sé assume forme e significati che solo il paziente riconosce

    Come lo stress può portare a disturbi cardiovascolari: il ruolo dell’amigdala

Come lo stress può portare a disturbi cardiovascolari: il ruolo dell’amigdala
Neuroscienze Psicologia

L’amigdala potrebbe svolgere il ruolo di struttura chiave all’interno del meccanismo che connette lo stress all’occorrenza di disturbi cardiovascolari

    Disprassia evolutiva: criteri clinici e principi di trattamento riabilitativo

Disprassia evolutiva: criteri clinici e principi di trattamento riabilitativo
Neuroscienze Psicologia

La Disprassia Evolutiva si può definire come la difficoltà a programmare, coordinare e controllare gli atti motori necessari a raggiungere uno scopo.

    Effetti di alcuni antibiotici sulle lesioni cerebrali: evidenze sperimentali su animali

Effetti di alcuni antibiotici sulle lesioni cerebrali: evidenze sperimentali su animali
Neuroscienze

Uno studio ha messo in evidenza gli effetti controversi che gli antibiotici possono indurre negli animali quando hanno subito un colpo in testa.

    Anedonia musicale: questione di ridotta connettività cerebrale

Anedonia musicale: questione di ridotta connettività cerebrale
Neuroscienze

L’anedonia musicale si associa ad una connettività funzionale ridotta tra le regioni cerebrali responsabili dell’elaborazione del suono e della ricompensa.

    Corsa e connettività cerebrale: un legame da approfondire

Corsa e connettività cerebrale: un legame da approfondire
Neuroscienze

I corridori sembrano avere una maggiore connettività cerebrale o maggiori connessioni tra regioni cerebrali, rispetto a chi non pratica attività

    Perché gli zuccheri creano dipendenza?

Perché gli zuccheri creano dipendenza?
Neuroscienze

E’ stato dimostrato come attualmente ci sia una sempre maggiore dipendenza da zuccheri e questa è una della cause della crescente obesità.

Iscriviti alla Newsletter

Consigliaci su Facebook

Messaggio pubblicitario

Hai una domanda?

Chiedi agli Psicologi

Seguici su Twitter

fluIDsex – Identità & Sessualità

fluIDsex sessualità fluida

Messaggio pubblicitario

Segui il canale Youtube

Messaggio pubblicitario

Chi sta visualizzando questa pagina

1 utente