Sovrastimare le proprie conoscenze: attenzione all’effetto Dunning-Kruger!

L' effetto Dunning- Kruger, ovvero la sovrastima delle proprie conoscenze, quali impatti ha nel web? Le notizie che leggiamo nei post sono davvero fondate?

ID Articolo: 111412 - Pubblicato il: 19 giugno 2015
Sovrastimare le proprie conoscenze: attenzione all’effetto Dunning-Kruger!
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

All’epoca di Twitter e Facebook, in cui le notizie sui più svariati temi circolano in tempo reale, in cui l’informazione è a portata di tutti, possiamo ancora dirci ignoranti su alcuni temi?

Tutti conosciamo la ben celebre frase di Socrate So di non sapere, con la quale il filosofo esprime l’ignoranza come consapevolezza di una conoscenza non definitiva, che funge però da spinta fondamentale verso il desiderio di conoscere.

Ma all’epoca di Twitter e Facebook, in cui le notizie sui più svariati temi circolano in tempo reale, in cui l’informazione è a portata di tutti, possiamo ancora dirci ignoranti su alcuni temi?

In realtà la risposta giusta da dare sarebbe proprio sì, ignorare o non conoscere a fondo un argomento o un concetto è una cosa possibilissima per ciascun essere umano, eppure la quantità di post e di pensieri condivisi su determinate tematiche fa pensare che i following ne sappiano davvero tante!

Messaggio pubblicitario E così ti ritrovi a scorrere la bacheca di Facebook e a trovare notizie con tanto di riflessioni personali pubblicate dall’amico esperto di pedagogia dell’ età prescolare, quello esperto in etologia dei pesci rossi d’acqua dolce, quello esperto di politica pronto a sfoggiare tutta la sua competenza in tema di costituzione e cittadinanza oppure, opzione frequente e più temuta, c’è l’amico eclettico: quello che sa tutto di tutto, quello con cui getti la spugna ancor prima di iniziare una discussione, pensando che sarebbe l’ideale per la tua salute psicofisica rispondere ai suoi attacchi di saggezza con un Oh! Ma quante cose conosci! Sapessi la metà di ciò che sai tu! 

In psicologia ci si è chiesti cosa succede negli individui che li porta a sovrastimare le proprie conoscenze, si è giunti così alla teorizzazione dell’ Effetto Dunning- Kruger, dal nome dei due studiosi che per primi hanno scoperto e spiegato tale fenomeno.

I due ricercatori hanno sottoposto i soggetti del loro studio a dei test di umorismo, grammatica e logica. Hanno poi selezionato gli individui con punteggi inferiori, punteggio medio reale 12, e hanno chiesto loro di fare una stima dei punteggi ottenuti ai test. I soggetti hanno notevolmente sovrastimato i loro risultati, fino ad ottenere un punteggio medio stimato pari a 62!

Dunning e Kruger hanno spiegato questo effetto alla luce della stessa incompetenza dei soggetti, che non consente loro di padroneggiare quelle strategie metacognitive che permetterebbero una maggiore consapevolezza dei propri limiti.

Sarebbe comunque errato ora sovrastimare la nostra conoscenza sull’effetto Dunning- Kruger e mettere in discussione tutte le notizie che leggiamo: fidarsi delle fonti e conoscere la loro competenza è il primo passo per informarsi in modo corretto.

Adesso però mi sorge un dubbio…sarò stata anch’io troppo convinta di quel che ho scritto e vittima dell’ Effetto Dunning- Kruger? A scanso di equivoci, per informarvi al meglio sul tema, vi rimando all’articolo consigliato!

 

Come fanno i profili di Twitter che seguiamo a mostrarsi sempre così competenti? Si tratti di geofisica, nazionale di calcio, spending review, carte nautiche, procedura penale o diritto costituzionale, di volta in volta la nostra timeline si riempie di profondi conoscitori del settore. Possibile che ci siano così tanti esperti e siano tutti tra i nostri following? No.

Le notizie on-line sono davvero fondate? Attenzione all’effetto Dunning-Kruger!Consigliato dalla Redazione

Le notizie on-line sono davvero fondate? Attenzione all'effetto Dunning-Kruger!_Fotolia_73278967_kraken
All’epoca di Twitter e Facebook, in cui le notizie sui più svariati temi circolano in tempo reale, in cui l’informazione è a portata di tutti, possiamo ancora dirci ignoranti su alcuni temi? (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Metacognizione

Metacognizione nel Binge Eating Disorder
Psicologia

Metacognizione nel Binge Eating Disorder

Al fine di sviluppare e valutare trattamenti psicologici efficaci per il Binge Eating Disorder, è importante essere in grado di misurare in modo affidabile le caratteristiche sottostanti lo sviluppo e il mantenimento del disturbo.  Alice Covolan – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre   II binge eating, come già

Cyberchondria: googla un sintomo e ti dirò cos’hai
Attualità Psicologia

Cyberchondria: googla un sintomo e ti dirò cos’hai

In questo momento storico in cui sembra che “dott. Google” sappia tutto, è sempre più frequente pensare o sentire da parenti e amici “sai quel mal di testa che ho?! Ho googolato e potrebbe essere un tumore al cervello, che ansia!”. Marino Claudia – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca,

ATTenzione alla vibrazione! Un’applicazione dell’Attention Training Technique all’uso delle nuove tecnologie
Psicologia

ATTenzione alla vibrazione! Un’applicazione dell’Attention Training Technique all’uso delle nuove tecnologie

Il progetto “Shift Focus and Be Positive” era orientato a offrire agli adolescenti “strumenti” utili per l’uso corretto di Internet e delle nuove tecnologie, con particolare riferimento alla gestione positiva delle situazioni potenzialmente stressanti. Claudia Marino – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Mestre   È sempre più frequente sentir dire

Perché si rumina nonostante le conseguenze negative?
Psicologia

Perché si rumina nonostante le conseguenze negative?

Data la mole di dati che mostra le conseguenze negative della ruminazione, ha senso domandarsi come mai le persone continuino a mettere in atto tale processo. Alcuni autori hanno risposto sottolineando l’esistenza di una “ruminazione positiva” che, nella sua forma adattiva di riflessione costruttiva, è associata ad effetti positivi sul

Mente e corpo in camera da letto: il rapporto tra metacognizione e dolore genito-pelvico femminile
Psicologia

Mente e corpo in camera da letto: il rapporto tra metacognizione e dolore genito-pelvico femminile

Ricerche recenti hanno sottolineato che donne con Disturbo del dolore genito-pelvico e della penetrazione riportavano una maggior preoccupazione riguardo alle conseguenze della penetrazione, una minor autostima e l’aspettativa di provare dolore durante il rapporto sessuale.   La dispareunia e il vaginismo sono classificati all’interno del DSM-5 tra le Disfunzioni Sessuali,

Social delle mie brame: chi è il più bello del reame?
Psicologia

Social delle mie brame: chi è il più bello del reame?

Parallelamente alla diffusione di internet e dei social media si sta verificando una tendenza ad un uso eccessivo o inadeguato di queste tecnologie che può portare allo sviluppo di una nuova dipendenza, quella da Internet. Le numerose ricerche che si sono concentrate sull’Internet Addiction hanno evidenziato i costrutti maggiormente legati a

Nascono prima le emozioni negative o la metacognizione?
Psicologia

Nascono prima le emozioni negative o la metacognizione?

Matthews e Wells hanno ipotizzato nel loro modello che le credenze metacognitive potrebbero precedere l’insorgenza di emozioni negative e disfunzionali. Uno studio ha cercato di esplorare questa eventualità.   Secondo il Self-Regulatory Function Model (S-REF), le emozioni negative sono influenzate da determinate credenze metacognitive che inducono l’individuo a reagire allo

Emotional schema therapy: una lettura d’insieme
Psicologia Psicoterapia

Emotional schema therapy: una lettura d’insieme

Secondo l’ Emotional Schema Therapy gli schemi emotivi, oltre a permetterci di concettualizzare emozioni ed esperienze, contengono credenze, sensazioni, disposizioni comportamentali e stili interpersonali che generano teorie implicite capaci di guidarci..   L’emozione porta con sé una costruzione socio-cognitiva dell’esperienza, dall’espressione alla regolazione emotiva. Proprio per questo si può ipotizzare

L’importanza delle meta credenze nel disturbo da uso di alcol
Psicologia Psicoterapia

L’importanza delle meta credenze nel disturbo da uso di alcol

Nel disturbo da uso di alcol è possibile rilevare la presenza di metacredenze relative all’alcol stesso, che si distinguono in positive, quando consistono nell’aspettativa che questo permetta di ottenere effetti benefici, e negative, quando riguardano le convinzioni relative agli esiti disfunzionali legati ad esso.   La ricerca relativa alla psicoterapia applicata ai Disturbi da

La fine dell’adolescenza e la nascita della personalità (e dei suoi disturbi)
Psicoterapia

La fine dell’adolescenza e la nascita della personalità (e dei suoi disturbi)

La fine dell’adolescenza segna il momento in cui possiamo riconoscere un’organizzazione di personalità che tende a restare stabile nel tempo e può evolversi in forme psicopatologiche.   A prescindere da orientamenti clinici, prese di posizioni su schemi e tratti, dimensioni e categorie, penso che tutti concordiamo sul fatto che sia

Efficacia delle terapie orientate metacognitivamente nel disturbo schizotipico di personalità
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Efficacia delle terapie orientate metacognitivamente nel disturbo schizotipico di personalità

L’attenzione degli psicoterapeuti non è mai andata davvero al cosiddetto Cluster A dei disturbi di personalità (DP). In particolare il disturbo schizotipico di personalità (DSP), nonostante tassi di prevalenza che oscillano tra il 3.9% ed il 4.6% (APA, 2014), appare un DP a cui prestare ben poca attenzione.   Eppure

Eventi di vita precoci e Credenze Metacognitive: una revisione della letteratura
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Eventi di vita precoci e Credenze Metacognitive: una revisione della letteratura

L’esposizione a eventi di vita precoci, ovvero eventi stressanti occorsi nei primi 18 anni di vita come abusi, neglect, separazione (Mansueto & Faravelli, 2018) sono ben noti fattori di rischio per i disturbi emotivi (Curran, Adamson, Rosato, De Cock, & Leavey, 2018).   Come delineato dai modelli diatesi stress (Zubin

Cambiamenti metacognitivi e sintomatici nella terapia del disturbo borderline di personalità: risultati di uno studio di processo psicoterapeutico
Psicologia Psicoterapia

Cambiamenti metacognitivi e sintomatici nella terapia del disturbo borderline di personalità: risultati di uno studio di processo psicoterapeutico

Dopo le prime osservazioni di Fonagy (1991), è stato più volte rilevato empiricamente che i pazienti con disturbo borderline di personalità hanno difficoltà nel riflettere sugli stati mentali, ragionarci su e regolarli (Semerari et al., 2005; 2014).   Due ipotesi clinicamente rilevanti avanzate sono state che: la metacognizione migliori nei

Identikit dello studente autoregolato: l’apprendimento tra emozione, motivazione e metacognizione
Psicologia

Identikit dello studente autoregolato: l’apprendimento tra emozione, motivazione e metacognizione

Lo studente “autoregolato” partecipa attivamente ai processi di apprendimento, mostrando un coinvolgimento non solo da un punto di vista motivazionale ma anche emozionale e metacognitivo.   Andare a scuola rappresenta una tra le attività più importanti nella vita dei bambini. Richiede loro di impiegare tempo, risorse ed energie, e allo

DSA e Metacognizione: l’importanza dell’approccio metacognitivo come parte integrante del percorso abilitativo ed educativo degli alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento
Psicologia

DSA e Metacognizione: l’importanza dell’approccio metacognitivo come parte integrante del percorso abilitativo ed educativo degli alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento

Si sente parlare sempre più spesso di metacognizione e della sua esplicazione nei campi più diversi, tanto che oggi la “didattica metacognitiva” riveste un ruolo primario già a partire dalla scuola dell’infanzia ed in particolare nel supporto di bambini con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).   Il termine metacognizione, introdotto nel

Metacognizione: saper leggere se stessi e gli altri… una chiave per favorire il benessere
Psicologia Psicoterapia

Metacognizione: saper leggere se stessi e gli altri… una chiave per favorire il benessere

In Italia il concetto di metacognizione nasce tra la fine degli anni ’90 e gli anni 2000, grazie a un gruppo di clinici e ricercatori che hanno integrato i concetti di lettura e identificazione degli stati emotivi appartenenti alla ToM con le capacità di regolazione emotiva e di risoluzione di problematiche

Quel che penso dei miei pensieri, cosa mi fa pensare? – Credenze metacognitive e psicopatologia
Psicologia Psicoterapia

Quel che penso dei miei pensieri, cosa mi fa pensare? – Credenze metacognitive e psicopatologia

Capita spesso di restare intrappolati in meccanismi di ricorsività del pensiero, ciò è dovuto alle credenze metacognitive o metacredenze: esse possono avere sia natura positiva, quando si crede che rimuginio e ruminazione siano utili ad affrontare gli eventi disturbanti, che negativa, quando ci si sofferma sulla pericolosità e l’incontrollabilità di

La Terapia Metacognitiva Interpersonale ottiene prove di efficacia in un trial clinico randomizzato
Psicoterapia

La Terapia Metacognitiva Interpersonale ottiene prove di efficacia in un trial clinico randomizzato

Popolo e Dimaggio (2016) hanno disegnato e manualizzato un approccio breve, 16 sedute, psicoeducazionale ed esperienziale, denominato TMI-Gruppo (TMI-G). L’idea dalla quale tale approccio partiva è che la metacognizione, essendo in buona parte contesto-dipendente, può essere allenata in contesti semi-naturali come il gruppo.   Sviluppare modelli di trattamento. Manualizzarli. Verificarli

Io-tu: l’autoriflessività per stare in relazione di coppia
Psicologia

Io-tu: l’autoriflessività per stare in relazione di coppia

L’autoriflessività o coscienza di sé è una funzione riflessiva del sé che significa sperimentare se stessi come soggetti della propria esistenza. Ogni relazione implica l’incontro con un altro uguale/diverso da me. Ma non tutti gli incontri diventano vere relazioni. Nella costruzione di un rapporto che implichi scambio e relazione è necessario

Il ruolo della metacognizione nel gioco d’azzardo patologico
Psicologia Psicoterapia

Il ruolo della metacognizione nel gioco d’azzardo patologico

Sono state condotte numerose ricerche per investigare il ruolo della metacognizione nel Gioco di azzardo patologico, le quali hanno portato a risultati interessanti. In uno studio di Lindberg e collaboratori (2011) è stata indagata la possibile relazione tra gioco di azzardo patologico, depressione e ansia.   Il gioco di azzardo

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario