I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?

La psichiatra Weiss, di fronte alla perdita di un paziente, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti, e riflette sul tema della morte dei propri pazienti.

ID Articolo: 112087 - Pubblicato il: 08 luglio 2015
I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Cosa succede al terapeuta che perde un suo paziente? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti.

Ricevere la notizia di qualcuno a noi vicino, ahimè, venuto a mancare è una delle esperienze più tristi e inspiegabili che ci possa capitare.

Messaggio pubblicitario John Bowlby ha elencato quattro fasi del lutto che colpiscono chi subisce la morte di una persona importante, colui che resta solo ad affrontare l’amarezza e la disperazione, che è la prima fase appunto; segue poi un intenso desiderio e la ricerca della persona perduta. Nella terza fase vi è spesso disorganizzazione: la persona affranta si chiude in se stessa, provando a volte delusione verso una realtà fatta solo di ricordi dell’altro e non della sua presenza. La fase finale prevede una riorganizzazione della propria vita: il dolore man mano si riduce e si comincia ad avvertire un ritorno alla normalità. La persona deceduta viene ora ricordata con un senso di gioia, mista comunque sempre a tristezza.

Cosa succede però al terapeuta che perde un paziente?

Alcuni lettori avranno, purtroppo, già vissuto questa esperienza: qual è stato il vissuto? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti. La psichiatra giunge alla conclusione che i terapeuti piangono da soli.

La relazione terapeutica prevede un rispettare i limiti, non si può diventare amici dei pazienti e condividere con loro aspetti al di fuori della terapia, eppure, come sottolinea Weiss, nell’arco di quei 50-60 minuti di seduta, il terapeuta diventa per il paziente il winnicottiano genitore sufficientemente buono.

La stessa psichiatra sottolinea come pochi incontri sono così profondamente onesti, e quindi intimi e questo genera profondi sentimenti, un particolare tipo di amore per il cliente.

Eppure, ai funerali del suo paziente, Weiss è lì in ultima fila, munita di fazzoletti. Vede davanti a sé tutti i personaggi che ha conosciuto dai racconti del suo paziente, non sono più solo parole e aneddoti, sono persone vere adesso, che piangono e si consolano per la morte del loro amico. Weiss si sente sola, non c’è nessuno per lei con cui condividere i ricordi del suo paziente e insieme riderne o piangerne…ma del resto i terapeuti piangono da soli.

I pull open my file cabinet drawer and extract several charts: patients who’ve died while I was treating them over the last 20 years that I’ve been in private practice as a psychiatrist. I am gathering material to write about how therapists feel when a patient dies. I make a couple of observations.

How Therapists Mourn?
Consigliato dalla Redazione

I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente? - Immagine: 10761605
Our grief happens alone, behind closed doors.

Tratto da: New York Times

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Relazione Terapeutica

I cicli interpersonali in terapia
Psicoterapia

I cicli interpersonali in terapia

L’obiettivo che permane durante tutto l’arco della terapia è quello di creare e mantenere la relazione terapeutica stabile e sicura al fine di modificare i pattern di attaccamento disfunzionali con alcuni più adattivi e funzionali. Michela Cavallaro, Giorgia Cipriano – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Milano   Il primo

L’alleanza terapeutica è il fattore aspecifico che renderebbe efficace qualunque psicoterapia? Non ci sono ragioni per supporlo
Psicologia Psicoterapia

L’alleanza terapeutica è il fattore aspecifico che renderebbe efficace qualunque psicoterapia? Non ci sono ragioni per supporlo

Il verdetto del Dodo, nonostante il suo fondamento dubbio, ha avuto il merito di stimolare un dibattito in letteratura che ha indotto lo spostamento dalla questione da se le psicoterapie sono efficaci al perché lo sono.   Nel nostro precedente post (Il verdetto del Dodo ha un adeguato fondamento empirico?

Il dialogo strategico nella terapia breve
Psicoterapia

Il dialogo strategico nella terapia breve

Il colloquio clinico in terapia, secondo l’approccio della terapia breve strategica, ha l’obiettivo di indurre cambiamenti radicali nella percezione della realtà soggettiva disfunzionale del paziente.   Il dialogo strategico (Nardone, G.; Salvini, S. 2004) è una tecnica sofisticata di conduzione di colloquio che ci permette di portare il paziente alla

La Functional Analytic Psychotherapy – FAP
Psicoterapia

La Functional Analytic Psychotherapy – FAP

La Functional Analytic Psychotherapy (FAP; Kohlenberg & Tsai, 1991) è una delle terapie comportamentali definite da Hayes di terza generazione (Hayes, 2004).   Si presenta come un approccio idiografico appartenente alla tradizione comportamentale contestualista (Vilardaga, Hayes, Levin, & Muto, 2009). In questo modello terapeutico, lo strumento primario per una psicoterapia

Valutazione delle esperienze infantili attraverso l’Adult Attachment Interview durante il percorso terapeutico
Psicologia Psicoterapia

Valutazione delle esperienze infantili attraverso l’Adult Attachment Interview durante il percorso terapeutico

L’Adult Attachment Interview (AAI) è un’intervista strutturata, composta di 20 domande, che indagano gli episodi che il paziente ha vissuto in relazione alle principali figure di attaccamento, tipicamente i propri genitori. Silvia Locatelli – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Bolzano   Spesso nella pratica clinica ci interroghiamo rispetto a

La vergogna cronica: quale lavoro terapeutico?
Psicoterapia

La vergogna cronica: quale lavoro terapeutico?

La vergogna non può e non deve essere additata ed eliminata dal terapeuta ma piuttosto deve essere accettata come parte dell’esperienza umana sia dei pazienti che del terapeuta. Tuttavia la vergogna cronica può diventare un grande ostacolo nella relazione terapeutica ed impedire una buona alleanza.   Il concetto di vergogna

Se guarissero tutti sarebbe la fine
Psicologia

Se guarissero tutti sarebbe la fine

E anche nella società attuale non servono forse meticolosi e scrupolosi ossessivi per fare i bancari, i commercialisti e i controllori di volo o i neurochirurghi? E istrionici per animare il mondo dello spettacolo?   Queste riflessioni partono da un confronto con un collega in sede di supervisione su quanto

Invidia e vergogna nella personalità narcisistica
Psicologia Psicoterapia

Invidia e vergogna nella personalità narcisistica

Per quanto possa apparire contraddittorio, il nucleo esistenziale più intimo del narcisismo è connotato da vissuti di invidia e vergogna. L’apparente ipervalutazione del Sé, propria di questi soggetti, è soltanto uno strumento compensativo con cui l’Io cerca di supplire l’autostima fragile e frammentata tipica di questa personalità.   Sarebbe, infatti,

Il terapeuta che ride in seduta: osservazioni e riflessioni sul ruolo del riso in psicoterapia
Psicoterapia

Il terapeuta che ride in seduta: osservazioni e riflessioni sul ruolo del riso in psicoterapia

Può un terapeuta sentirsi autorizzato in modo sincero e trasparente a lasciarsi andare ad una battuta o a ridere?   La mia collega (e omonima) Virginia Failoni tempo fa ci ha regalato un bellissimo articolo sul ruolo che può assumere il pianto all’interno del setting terapeutico, evento che si è

Psicoterapia in Pandemia: come cambia la dimensione relazionale?
Attualità Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia in Pandemia: come cambia la dimensione relazionale?

Introdotta per la prima volta nel 1127, la quarantena è la principale misura di contrasto adottata durante tutte le pandemie di malattie infettive e contagiose. Già in passato, la letteratura ha posto l’accento sui disagi psicologici correlati alle pandemie come l’aumento dei livelli di ansia, di panico e di distress

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza
Attualità Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza

Può uno spostamento di setting mettere in discussione l’efficacia psicoterapeutica? Non si tratta di stabilire se le terapia via Skype sia giusta o sbagliata, ma se si possa considerare questa modalità percorribile, in funzione del proprio modo di figurare il mondo.   …tutte le nostre percezioni attuali sono aperte alla

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto
Psicologia Psicoterapia

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto

La relazione terapeutica può essere l’unico fattore di cambiamento in psicoterapia? È immaginabile che parlando del più e del meno in una relazione configurabile come caratterizzata da accurate empathy, positive regard, nonpossessive warmth, and congruence or genuineness il paziente superi le sue difficoltà in modo diverso e migliore da quello

Cicli interpersonali e Disturbo Paranoide di Personalità: la prospettiva della Terapia Metacognitiva Interpersonale
Psicologia Psicoterapia

Cicli interpersonali e Disturbo Paranoide di Personalità: la prospettiva della Terapia Metacognitiva Interpersonale

Nel Disturbo Paranoide di Personalità la conseguenza della cronicizzazione dei cicli interpersonali di sospettosità è il ritiro sociale, l’isolamento. Si arriva così allo stadio finale del disturbo, ovvero il ciclo di abbattimento.   In psicoterapia è ormai nota la crescente attenzione alla relazione (Gilbert & Lehay, 2009; Kazantis, Dattilio, &

Disturbo bipolare: i benefici di una buona alleanza di lavoro
Psichiatria Psicologia

Disturbo bipolare: i benefici di una buona alleanza di lavoro

Nonostante il trattamento, molti pazienti affetti da disturbo bipolare soffrono di una compromissione del funzionamento e di una diminuzione della qualità della vita. Una buona collaborazione tra paziente e figure professionali potrebbe certamente influenzare positivamente gli esiti del trattamento.   Il disturbo bipolare è un disturbo cronico dell’umore, caratterizzato da

Un viaggio chiamato psicoterapia. Storia di un percorso difficile, emozionante e a tratti ironico (2019) di A. Parentela e M. Longo – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Un viaggio chiamato psicoterapia. Storia di un percorso difficile, emozionante e a tratti ironico (2019) di A. Parentela e M. Longo – Recensione del libro

Un libro che parla di relazioni umane, di come affrontare i problemi della vita, della consapevolezza di sé, della psicoterapia.   Questo libro è per tutti. Perché tutti dovrebbero interrogarsi su chi sono, per darsi l’opportunità di vivere l’unica vita che hanno nel miglior modo possibile. E il modo migliore

Il paziente espressivo e il terapeuta curioso: acceleratori interattivi della comprensione terapeutica
Psicologia Psicoterapia

Il paziente espressivo e il terapeuta curioso: acceleratori interattivi della comprensione terapeutica

Da una parte c’è il paziente che arriva in terapia con la sua espressività, apertura, confidenza, confessione ed auto-tradimento; dall’altra si trova il terapeuta, aperto, disponibile, con una sana curiosità (e non un narcisismo epistemofilico!); ed in mezzo ci sta l’interazione primaria creativa tra i loro inconsci comunicanti.   Questo

Dialoghi con Sandra – VIDEO del terzo incontro “Quali sono i segnali che una psicoterapia è in chiusura?”
Psicologia Psicoterapia

Dialoghi con Sandra – VIDEO del terzo incontro “Quali sono i segnali che una psicoterapia è in chiusura?”

Dalla clinica alle più profonde riflessioni sul contesto in cui oggi viviamo, accompagnati da Sandra Sassaroli e dai clinici del suo gruppo. L’iniziativa Dialoghi con Sandra ha riscosso un grande successo. Pubblichiamo oggi, per i nostri lettori, il video del terzo incontro con il Dott. Roberto Framba.   I Dialoghi

Il legame e le emozioni tra lo psicoterapeuta e il paziente: il lavoro psicologico ai tempi del Covid-19
Psicoterapia

Il legame e le emozioni tra lo psicoterapeuta e il paziente: il lavoro psicologico ai tempi del Covid-19

In questi giorni in cui abbiamo tanto tempo per riflettere, mi sono soffermato su di un pensiero legato al dolore, alle emozioni e alle dinamiche afferenti alla relazione tra lo psicoterapeuta e il paziente ai tempi del Covid-19.   Mi sono chiesto se il legame e i connotati emotivi abbiano

Vissuti ed emozioni di un umano qualsiasi: uno psicoterapeuta
Psicologia Psicoterapia

Vissuti ed emozioni di un umano qualsiasi: uno psicoterapeuta

Spesso il terapeuta viene visto come controllato, risoluto, imperturbabile, non dovrebbe commuoversi di fronte ai racconti dei pazienti, né avere insicurezze, paure o fobie, non dovrebbe provare rabbia, odio o tristezza, ma cavarsela sempre, in ogni situazione. Alla luce del fatto che ogni psicoterapeuta è prima di tutto un essere

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza – la teoria del cambiamento come diretto corollario
Psicologia Psicoterapia

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza – la teoria del cambiamento come diretto corollario

La teoria sterniana del cambiamento è riferita al processo di avanzamento terapeutico e si fonda sulle quattro precedenti tesi riguardanti l’esperienza. La teoria spiega come avvengono i cambiamenti su cui si basano i progressi in terapia. Il presente contributo è l’ultimo di una serie di articoli sull’argomento. Nel primo articolo è stata

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

ECDP 2021

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario