I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?

La psichiatra Weiss, di fronte alla perdita di un paziente, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti, e riflette sul tema della morte dei propri pazienti.

ID Articolo: 112087 - Pubblicato il: 08 luglio 2015
I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Cosa succede al terapeuta che perde un suo paziente? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti.

Ricevere la notizia di qualcuno a noi vicino, ahimè, venuto a mancare è una delle esperienze più tristi e inspiegabili che ci possa capitare.

Messaggio pubblicitario John Bowlby ha elencato quattro fasi del lutto che colpiscono chi subisce la morte di una persona importante, colui che resta solo ad affrontare l’amarezza e la disperazione, che è la prima fase appunto; segue poi un intenso desiderio e la ricerca della persona perduta. Nella terza fase vi è spesso disorganizzazione: la persona affranta si chiude in se stessa, provando a volte delusione verso una realtà fatta solo di ricordi dell’altro e non della sua presenza. La fase finale prevede una riorganizzazione della propria vita: il dolore man mano si riduce e si comincia ad avvertire un ritorno alla normalità. La persona deceduta viene ora ricordata con un senso di gioia, mista comunque sempre a tristezza.

Cosa succede però al terapeuta che perde un paziente?

Alcuni lettori avranno, purtroppo, già vissuto questa esperienza: qual è stato il vissuto? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti. La psichiatra giunge alla conclusione che i terapeuti piangono da soli.

La relazione terapeutica prevede un rispettare i limiti, non si può diventare amici dei pazienti e condividere con loro aspetti al di fuori della terapia, eppure, come sottolinea Weiss, nell’arco di quei 50-60 minuti di seduta, il terapeuta diventa per il paziente il winnicottiano genitore sufficientemente buono.

La stessa psichiatra sottolinea come pochi incontri sono così profondamente onesti, e quindi intimi e questo genera profondi sentimenti, un particolare tipo di amore per il cliente.

Eppure, ai funerali del suo paziente, Weiss è lì in ultima fila, munita di fazzoletti. Vede davanti a sé tutti i personaggi che ha conosciuto dai racconti del suo paziente, non sono più solo parole e aneddoti, sono persone vere adesso, che piangono e si consolano per la morte del loro amico. Weiss si sente sola, non c’è nessuno per lei con cui condividere i ricordi del suo paziente e insieme riderne o piangerne…ma del resto i terapeuti piangono da soli.

I pull open my file cabinet drawer and extract several charts: patients who’ve died while I was treating them over the last 20 years that I’ve been in private practice as a psychiatrist. I am gathering material to write about how therapists feel when a patient dies. I make a couple of observations.

How Therapists Mourn?
Consigliato dalla Redazione

I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente? - Immagine: 10761605
Our grief happens alone, behind closed doors.

Tratto da: New York Times

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Relazione Terapeutica

Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica
Psicologia Psicoterapia

Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica

Il processo duale (intuizione ed analisi) come fulcro della consultazione terapeutica bi-sistemica singola e della comprensione psicoanalitica secondo Theodor Reik. Il presente articolo è il secondo, in ordine di pubblicazione, dei tre contibuti sul tema scritti dallo stesso autore e pubblicati da State of Mind. Il primo e il terzo contributo

Dalla prima visita psichiatrica alla consultazione terapeutica bi-sistemica singola
Psichiatria Psicoterapia

Dalla prima visita psichiatrica alla consultazione terapeutica bi-sistemica singola

Il processo duale (intuizione ed analisi) come fulcro della consultazione terapeutica bi-sistemica singola e della comprensione psicoanalitica secondo Theodor Reik. Al presente articolo seguono altri due importanti contibuti dell’autore sul tema: 2 – Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica 3 – Riflessioni meta-cognitive dello psichiatra psicoterapeuta sul metodo della consultazione

La relazione terapeutica in terapia cognitivo comportamentale. Manuale per il professionista (2019) di Kazantis, Dattilio e Dobson – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

La relazione terapeutica in terapia cognitivo comportamentale. Manuale per il professionista (2019) di Kazantis, Dattilio e Dobson – Recensione del libro

Sviluppare una sana relazione terapeutica consente di potenziare gli esiti di trattamento, prevenire e ridurre i drop-out e raggiungere i pazienti considerati difficili da trattare.    Lungi dal considerare la terapia cognitivo comportamentale (CBT) come un mero insieme di tecniche e strategie, gli autori (N. Kazantis, F. M. Dattilio e

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale
Psicologia Psicoterapia

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale

Il concetto di osservatore in fisica ci porta verso una riformulazione della nozione di relazione, sia in natura che in psicologia. Relazionale, allora, è la natura nel suo nucleo più profondo, dove nulla è quello che è se non in relazione a qualcos’altro che funge da osservatore, che ne è la misura.   Da pochi mesi il gruppo di lavoro guidato da Alessandro Fedrizzi (viennese, di

Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia (2019) di G. Passaro – Recensione del libro
Psicoterapia

Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia (2019) di G. Passaro – Recensione del libro

Il libro Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia enfatizza l’importanza della musicalità nelle relazioni e nelle interazioni umane, in terapia come nella vita, e amplia gli orizzonti teorici tracciati nel primo volume dello stesso autore sulla psicoterapia in età evolutiva   A due anni

Carl Rogers, la psicologia umanistica e la terapia centrata sul cliente – Introduzione alla Psicologia
Psicologia Psicoterapia

Carl Rogers, la psicologia umanistica e la terapia centrata sul cliente – Introduzione alla Psicologia

Carl Rogers ideò un modello psicoterapeutico definito terapia centrata sul cliente detta anche non direttiva e terapia rogersiana, che nacque all’interno dalla psicologia umanistica. 

Secondo tale approccio non sono le pulsioni istintuali a motivare il soggetto, ma il bisogno di conoscere, e autorealizzarsi. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University,

Livello filosofico e psicoterapeutico: un esempio su come possono interagire nella pratica clinica
Psicoterapia

Livello filosofico e psicoterapeutico: un esempio su come possono interagire nella pratica clinica

Facendo attenzione a non perdere di vista il fine terapeutico della psicoterapia, ciò che vogliamo proporre in questo articolo è un esempio di come filosofia e psicoterapia possano interagire tra loro. Marco Tarantino   Giorni fa Su State Of Mind è stato pubblicato un interessante articolo da Giovanni Maria Ruggiero e

Il desiderio all’interno del setting terapeutico: il coinvolgimento affettivo tra terapeuta e paziente
Psicologia Psicoterapia

Il desiderio all’interno del setting terapeutico: il coinvolgimento affettivo tra terapeuta e paziente

Il desiderio è rivolto all’altro che è riconosciuto come differente: è un’apertura del narcisismo all’alterità. In questo senso la relazione con l’analista è terapeutica, egli è l’altro riconosciuto come altro da sé nel rapporto col quale è possibile dare spazio alla possibilità di cambiamento. Ma come si gioca questo desiderio

Dall’autoriflessione all’alleanza terapeutica: l’incontro tra cognitivismo e altri mondi – Report dalla seconda e terza giornata del WCBCT 2019
Psicoterapia

Dall’autoriflessione all’alleanza terapeutica: l’incontro tra cognitivismo e altri mondi – Report dalla seconda e terza giornata del WCBCT 2019

Nella seconda e terza giornata del 9° congresso mondiale delle terapie cognitive e comportamentali (WCBCT, World Congress of Behavioural and Cognitive Therapies) ho assistito ancora a incontri tra il cognitivismo e altri mondi..   Nella seconda e terza giornata del 9° WCBCT (World Congress of Behavioural and Cognitive Therapies) ho

Terapia a seduta singola. Principi e pratiche. (2018) di Flavio Cannistrà e Federico Piccirilli – Recensione del libro
Psicoterapia

Terapia a seduta singola. Principi e pratiche. (2018) di Flavio Cannistrà e Federico Piccirilli – Recensione del libro

Terapia a seduta singola (TSS) negli ultimi trent’anni se ne parla sempre di più in tutto il mondo, ma sono pochi i riferimenti di rigore scientifico e metodologico sul panorama italiano. Con il presente manuale Flavio Cannistrà e Federico Piccirilli, offrono un contributo completo ed esaustivo su cosa sia e

La versione di Fenoglio (2019): il maresciallo Fenoglio e il racconto delle indagini che hanno segnato la sua vita – Recensione dell’ultimo libro di Gianrico Carofiglio
Psicologia Psicoterapia

La versione di Fenoglio (2019): il maresciallo Fenoglio e il racconto delle indagini che hanno segnato la sua vita – Recensione dell’ultimo libro di Gianrico Carofiglio

Gianrico Carofiglio in La versione di Fenoglio offre una affascinante lettura su come comprendere gli scopi e la condotta degli esseri umani che, per chi svolge il lavoro di terapeuta, apre ad una più ampia riflessione sul ragionamento clinico, la formulazione del caso e la relazione terapeutica.   Dopo aver

Per una Psicoterapia breve
Psicoterapia

Per una Psicoterapia breve

Perché non ipotizzare una psicoterapia che abbia come obiettivo una profonda consapevolezza di sé e del nesso tra il proprio modo di stare al mondo (identità) ed i sintomi che la persona lamenta e lasci poi al suo lavorio autonomo, ai suoi valori, alla casualità degli accadimenti, troppo sottovalutata, e

Quando è il terapeuta a piangere
Psicoterapia

Quando è il terapeuta a piangere

Devo ammettere che ho sempre ritenuto che nell’immaginario comune lo psicoterapeuta non piangesse. Dai, ma che c’hai da piangere? Ma se piangi tu, come puoi essere d’aiuto al paziente? Ma poi, la situazione è così disperata da far piangere pure il terapeuta?   Quando un paio di settimane fa mi

Prendersi cura della morte psichica
Psicoterapia

Prendersi cura della morte psichica

La morte è un evento difficile da metabolizzare, solitamente non fa parte delle possibilità che contempliamo nella nostra professione, perché rischia di minare le convinzioni teoriche ed etiche di noi “professionisti” della salute mentale; tali convinzioni costituiscono il fondamento più o meno solido su cui poggia la fiducia nella propria

I mille volti del drop out
Psicologia Psicoterapia

I mille volti del drop out

I pazienti se ne vanno. Succede. Non possiamo fingere che nessuno ci abbia mai lasciati così all’improvviso, magari in malo modo e soprattutto che la cosa sia passata sottecchi.   Il drop out è, infatti, il fenomeno secondo il quale il paziente abbandona la terapia prima che essa si concluda

Alla ricerca della sintonizzazione
Psicoterapia

Alla ricerca della sintonizzazione

Prerequisito indispensabile per una buona alleanza (e di una buona terapia) è la sintonizzazione tra terapeuta e paziente, tra due persone che interagiscono tra di loro. Intendo per sintonizzazione una forma di legame che va al di là dell’autoriflessività del terapeuta o del paziente, della comprensione dei bisogni dell’utente, del

Sul silenzio. Fuggire dal rumore del mondo (2018) di David Le Breton – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Sul silenzio. Fuggire dal rumore del mondo (2018) di David Le Breton – Recensione del libro

La quotidianità nell’epoca contemporanea è fortemente “rumorosa”: assuefatti al chiacchiericcio costante della TV e della radio in diretta 24h, accerchiati dai sottofondi indistinti della filodiffusione negli ascensori, nelle sale d’attesa, nei ristoranti, spersi nel fracasso dei motori, delle sirene, dei clacson..   Basta chiudere gli occhi in un centro città

Psicoanalisi relazionale e tecniche
Psicologia Psicoterapia

Psicoanalisi relazionale e tecniche

Il debito mio, dei miei colleghi più stretti e direi, come Magistrale stesso osserva, della corrente cognitivo-evoluzionista verso quella psicoanalisi è immenso e impagabile.   Ho letto la bella risposta di Giuseppe Magistrale alla mia provocazione sulla psicoanalisi vetero-pulsionale o, diciamola tutta, basata su fantasticherie. I concetti che esprime, con

Psicoanalisi e Cognitivismo alla prova (ineludibile e complessa) della scienza
Psicologia Psicoterapia

Psicoanalisi e Cognitivismo alla prova (ineludibile e complessa) della scienza

Non è possibile che noi psicologi non abbiamo ancora fatto pace con il novecento, con la sudditanza dalla filosofia, con i complessi nei confronti delle scienze naturali, in breve con l’autonomia (non autarchia) epistemologica della nostra disciplina (Greenwood, 2015).   Con una delle sue ben note e riuscite provocazioni Giancarlo

Amore, Transfert e Psicopatologia: il caso di Carl Gustav Jung e Sabina Spierlein
Psicoterapia

Amore, Transfert e Psicopatologia: il caso di Carl Gustav Jung e Sabina Spierlein

Chi era Sabina Spierlein? E quale tipo di relazione ha avuto con Carl Gustav Jung, l’allievo di Freud? La loro storia ci porta a comprendere più da vicino come si legano amore, transfert e psicopatologia nel caso del transfert erotico.   Quando morirò voglio che il dottor Jung abbia la

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario