I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?

La psichiatra Weiss, di fronte alla perdita di un paziente, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti, e riflette sul tema della morte dei propri pazienti.

ID Articolo: 112087 - Pubblicato il: 08 luglio 2015
I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Cosa succede al terapeuta che perde un suo paziente? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti.

Ricevere la notizia di qualcuno a noi vicino, ahimè, venuto a mancare è una delle esperienze più tristi e inspiegabili che ci possa capitare.

Messaggio pubblicitario John Bowlby ha elencato quattro fasi del lutto che colpiscono chi subisce la morte di una persona importante, colui che resta solo ad affrontare l’amarezza e la disperazione, che è la prima fase appunto; segue poi un intenso desiderio e la ricerca della persona perduta. Nella terza fase vi è spesso disorganizzazione: la persona affranta si chiude in se stessa, provando a volte delusione verso una realtà fatta solo di ricordi dell’altro e non della sua presenza. La fase finale prevede una riorganizzazione della propria vita: il dolore man mano si riduce e si comincia ad avvertire un ritorno alla normalità. La persona deceduta viene ora ricordata con un senso di gioia, mista comunque sempre a tristezza.

Cosa succede però al terapeuta che perde un paziente?

Alcuni lettori avranno, purtroppo, già vissuto questa esperienza: qual è stato il vissuto? Nell’articolo consigliato la psichiatra Robin Weiss, trovatasi di fronte alla difficile esperienza di avere in terapia un paziente che riceve una diagnosi infausta, mette a nudo se stessa, i suoi sentimenti e pensieri, riflettendo sul tema della morte dei propri pazienti. La psichiatra giunge alla conclusione che i terapeuti piangono da soli.

La relazione terapeutica prevede un rispettare i limiti, non si può diventare amici dei pazienti e condividere con loro aspetti al di fuori della terapia, eppure, come sottolinea Weiss, nell’arco di quei 50-60 minuti di seduta, il terapeuta diventa per il paziente il winnicottiano genitore sufficientemente buono.

La stessa psichiatra sottolinea come pochi incontri sono così profondamente onesti, e quindi intimi e questo genera profondi sentimenti, un particolare tipo di amore per il cliente.

Eppure, ai funerali del suo paziente, Weiss è lì in ultima fila, munita di fazzoletti. Vede davanti a sé tutti i personaggi che ha conosciuto dai racconti del suo paziente, non sono più solo parole e aneddoti, sono persone vere adesso, che piangono e si consolano per la morte del loro amico. Weiss si sente sola, non c’è nessuno per lei con cui condividere i ricordi del suo paziente e insieme riderne o piangerne…ma del resto i terapeuti piangono da soli.

I pull open my file cabinet drawer and extract several charts: patients who’ve died while I was treating them over the last 20 years that I’ve been in private practice as a psychiatrist. I am gathering material to write about how therapists feel when a patient dies. I make a couple of observations.

How Therapists Mourn?
Consigliato dalla Redazione

I terapeuti piangono da soli: come può reagire un terapeuta alla morte di un suo paziente? - Immagine: 10761605
Our grief happens alone, behind closed doors.

Tratto da: New York Times

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Relazione Terapeutica

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza
Attualità Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza

Può uno spostamento di setting mettere in discussione l’efficacia psicoterapeutica? Non si tratta di stabilire se le terapia via Skype sia giusta o sbagliata, ma se si possa considerare questa modalità percorribile, in funzione del proprio modo di figurare il mondo.   …tutte le nostre percezioni attuali sono aperte alla

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto
Psicologia Psicoterapia

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto

La relazione terapeutica può essere l’unico fattore di cambiamento in psicoterapia? È immaginabile che parlando del più e del meno in una relazione configurabile come caratterizzata da accurate empathy, positive regard, nonpossessive warmth, and congruence or genuineness il paziente superi le sue difficoltà in modo diverso e migliore da quello

Cicli interpersonali e Disturbo Paranoide di Personalità: la prospettiva della Terapia Metacognitiva Interpersonale
Psicologia Psicoterapia

Cicli interpersonali e Disturbo Paranoide di Personalità: la prospettiva della Terapia Metacognitiva Interpersonale

Nel Disturbo Paranoide di Personalità la conseguenza della cronicizzazione dei cicli interpersonali di sospettosità è il ritiro sociale, l’isolamento. Si arriva così allo stadio finale del disturbo, ovvero il ciclo di abbattimento.   In psicoterapia è ormai nota la crescente attenzione alla relazione (Gilbert & Lehay, 2009; Kazantis, Dattilio, &

Disturbo bipolare: i benefici di una buona alleanza di lavoro
Psichiatria Psicologia

Disturbo bipolare: i benefici di una buona alleanza di lavoro

Nonostante il trattamento, molti pazienti affetti da disturbo bipolare soffrono di una compromissione del funzionamento e di una diminuzione della qualità della vita. Una buona collaborazione tra paziente e figure professionali potrebbe certamente influenzare positivamente gli esiti del trattamento.   Il disturbo bipolare è un disturbo cronico dell’umore, caratterizzato da

Un viaggio chiamato psicoterapia. Storia di un percorso difficile, emozionante e a tratti ironico (2019) di A. Parentela e M. Longo – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Un viaggio chiamato psicoterapia. Storia di un percorso difficile, emozionante e a tratti ironico (2019) di A. Parentela e M. Longo – Recensione del libro

Un libro che parla di relazioni umane, di come affrontare i problemi della vita, della consapevolezza di sé, della psicoterapia.   Questo libro è per tutti. Perché tutti dovrebbero interrogarsi su chi sono, per darsi l’opportunità di vivere l’unica vita che hanno nel miglior modo possibile. E il modo migliore

Il paziente espressivo e il terapeuta curioso: acceleratori interattivi della comprensione terapeutica
Psicologia Psicoterapia

Il paziente espressivo e il terapeuta curioso: acceleratori interattivi della comprensione terapeutica

Da una parte c’è il paziente che arriva in terapia con la sua espressività, apertura, confidenza, confessione ed auto-tradimento; dall’altra si trova il terapeuta, aperto, disponibile, con una sana curiosità (e non un narcisismo epistemofilico!); ed in mezzo ci sta l’interazione primaria creativa tra i loro inconsci comunicanti.   Questo

Dialoghi con Sandra – VIDEO del terzo incontro “Quali sono i segnali che una psicoterapia è in chiusura?”
Psicologia Psicoterapia

Dialoghi con Sandra – VIDEO del terzo incontro “Quali sono i segnali che una psicoterapia è in chiusura?”

Dalla clinica alle più profonde riflessioni sul contesto in cui oggi viviamo, accompagnati da Sandra Sassaroli e dai clinici del suo gruppo. L’iniziativa Dialoghi con Sandra ha riscosso un grande successo. Pubblichiamo oggi, per i nostri lettori, il video del terzo incontro con il Dott. Roberto Framba.   I Dialoghi

Il legame e le emozioni tra lo psicoterapeuta e il paziente: il lavoro psicologico ai tempi del Covid-19
Psicoterapia

Il legame e le emozioni tra lo psicoterapeuta e il paziente: il lavoro psicologico ai tempi del Covid-19

In questi giorni in cui abbiamo tanto tempo per riflettere, mi sono soffermato su di un pensiero legato al dolore, alle emozioni e alle dinamiche afferenti alla relazione tra lo psicoterapeuta e il paziente ai tempi del Covid-19.   Mi sono chiesto se il legame e i connotati emotivi abbiano

Vissuti ed emozioni di un umano qualsiasi: uno psicoterapeuta
Psicologia Psicoterapia

Vissuti ed emozioni di un umano qualsiasi: uno psicoterapeuta

Spesso il terapeuta viene visto come controllato, risoluto, imperturbabile, non dovrebbe commuoversi di fronte ai racconti dei pazienti, né avere insicurezze, paure o fobie, non dovrebbe provare rabbia, odio o tristezza, ma cavarsela sempre, in ogni situazione. Alla luce del fatto che ogni psicoterapeuta è prima di tutto un essere

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza – la teoria del cambiamento come diretto corollario
Psicologia Psicoterapia

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza – la teoria del cambiamento come diretto corollario

La teoria sterniana del cambiamento è riferita al processo di avanzamento terapeutico e si fonda sulle quattro precedenti tesi riguardanti l’esperienza. La teoria spiega come avvengono i cambiamenti su cui si basano i progressi in terapia. Il presente contributo è l’ultimo di una serie di articoli sull’argomento. Nel primo articolo è stata

Varianti di setting
Psicologia Psicoterapia

Varianti di setting

Fin da quando si muovono i primi passi nell’ambito della psicologia clinica e nella formazione come psicoterapeuti si incontra, a volte ci si scontra, con il concetto di setting, termine a cui variabilmente seguono svariati aggettivi: clinico, relazionale, terapeutico, etc etc.   In linea di massima, dopo tanti libri letti,

Teoria e pratica dell’alleanza terapeutica (2003) di J.D. Safran e J.C. Muran – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Teoria e pratica dell’alleanza terapeutica (2003) di J.D. Safran e J.C. Muran – Recensione del libro

Teoria e pratica dell’alleanza terapeutica fornisce l’aiuto necessario per essere dei terapeuti più attenti e consapevoli di quella che è la prassi teorica, la prassi pratica, la prassi relazionale nell’insieme, senza considerarli aspetti scollegati o alternativi.   Ho atteso la ristampa di questo testo del 2003 con lo stesso entusiasmo con

La “rivoluzione cognitiv(ist)a” del Terapeuta Sapiens, e dopo cosa ci sarà?
Psicologia Psicoterapia

La “rivoluzione cognitiv(ist)a” del Terapeuta Sapiens, e dopo cosa ci sarà?

Se è vero che la terapia personale per un terapeuta è fondamentale, perché non tutti la fanno? La self-disclosure è una manovra pericolosa oppure contribuisce a una maggiore sintonizzazione col paziente, favorendo una maggior vicinanza? Che influenza hanno questi aspetti sulla relazione terapeutica? Si suggerisce l’ascolto del brano Preludio (Osanna,

Io, tu, noi (2019) di Vittorio Lingiardi – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Io, tu, noi (2019) di Vittorio Lingiardi – Recensione del libro

L’autore di Io, Tu, Noi, tra excursus storico-clinici e ancoraggio all’attualità, ci mostra i piani dell’anima, l’imprescindibile bisogno di narrarci per organizzarci, le nostre spinte motivazionali e le nostre strategie di difesa.   Sin dalla primissime frasi, questo libro ti porta a dire: ‘wow, è proprio bello!’. Questo aggettivo potrà

Il transfert nel trattamento dei disturbi gravi di personalità: dialogo con Otto Kernberg – Report
Psicologia

Il transfert nel trattamento dei disturbi gravi di personalità: dialogo con Otto Kernberg – Report

Lo scorso 14 dicembre il CdPR – Centro di Psicoanalisi Romano – ha organizzato una giornata di studio incentrata sul ruolo esercitato dal transfert nel trattamento dei disturbi gravi di personalità, con protagonista Otto Kernberg.   Dopo i saluti iniziali del Prof. Meterangelis, presidente del CdPR, il Prof. Kernberg comincia il proprio intervento con

Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica
Psicologia Psicoterapia

Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica

Il processo duale (intuizione ed analisi) come fulcro della consultazione terapeutica bi-sistemica singola e della comprensione psicoanalitica secondo Theodor Reik. Il presente articolo è il secondo, in ordine di pubblicazione, dei tre contibuti sul tema scritti dallo stesso autore e pubblicati da State of Mind. Il primo e il terzo contributo

Dalla prima visita psichiatrica alla consultazione terapeutica bi-sistemica singola
Psichiatria Psicoterapia

Dalla prima visita psichiatrica alla consultazione terapeutica bi-sistemica singola

Il processo duale (intuizione ed analisi) come fulcro della consultazione terapeutica bi-sistemica singola e della comprensione psicoanalitica secondo Theodor Reik. Al presente articolo seguono altri due importanti contibuti dell’autore sul tema: 2 – Theodor Reik e la comprensione psicoanalitica 3 – Riflessioni meta-cognitive dello psichiatra psicoterapeuta sul metodo della consultazione

La relazione terapeutica in terapia cognitivo comportamentale. Manuale per il professionista (2019) di Kazantis, Dattilio e Dobson – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

La relazione terapeutica in terapia cognitivo comportamentale. Manuale per il professionista (2019) di Kazantis, Dattilio e Dobson – Recensione del libro

Sviluppare una sana relazione terapeutica consente di potenziare gli esiti di trattamento, prevenire e ridurre i drop-out e raggiungere i pazienti considerati difficili da trattare.    Lungi dal considerare la terapia cognitivo comportamentale (CBT) come un mero insieme di tecniche e strategie, gli autori (N. Kazantis, F. M. Dattilio e

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale
Psicologia Psicoterapia

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale

Il concetto di osservatore in fisica ci porta verso una riformulazione della nozione di relazione, sia in natura che in psicologia. Relazionale, allora, è la natura nel suo nucleo più profondo, dove nulla è quello che è se non in relazione a qualcos’altro che funge da osservatore, che ne è la misura.   Da pochi mesi il gruppo di lavoro guidato da Alessandro Fedrizzi (viennese, di

Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia (2019) di G. Passaro – Recensione del libro
Psicoterapia

Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia (2019) di G. Passaro – Recensione del libro

Il libro Risonanze della psiche. Il Disegno Narrativo Condiviso: immagini e storie in psicoterapia enfatizza l’importanza della musicalità nelle relazioni e nelle interazioni umane, in terapia come nella vita, e amplia gli orizzonti teorici tracciati nel primo volume dello stesso autore sulla psicoterapia in età evolutiva   A due anni

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario