Centri Clinici

La dipendenza da sostanze spiegata in un video

ID Articolo: 108029 - Pubblicato il: 12 marzo 2015
La dipendenza da sostanze spiegata in un video
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

La dipendenza da sostanze, o tossicodipendenza viene descritta in questo efficace cortometraggio di animazione Nudget (2014) dello Studio Filmbilder

Il protagonista del breve video è un Kiwi (non il frutto, ma un tipo di uccello inadatto al volo tipico della Nuova Zelanda) che cammina lungo la linea dell’orizzonte. Trova un “nudget” (termine inglese per dire pepita,  o le famigerate crocchette di pollo fritto) per la strada e, incuriosito, lo assaggia.

L’effetto è esaltante, il kiwi letteralmente spicca il volo (e qui si spiega probabilmente la scelta di usare come protagonista un animale che normalmente non vola) e si pasce nel piacere dell’esperienza della sostanza.

Quel che accade dopo è spietatamente realistico: l’atterraggio da indolore che era la prima volta, diventa sempre più traumatico, il momento di intenso piacere tende  poco a poco a diminuire fino a scomparire del tutto. Il mondo circostante diventa via via più buio, tetro e triste. Le condizioni e l’aspetto del kiwi peggiorano a vista d’occhio, le sue energie vanno scomparendo, concentrandosi unicamente sulla ricerca del nugget (vedi: CRAVING). Il piacere e la sorpresa del primo originale incontro con la sostanza sono ormai scomparsi.

ARGOMENTI CORRELATI:

DIPENDENZEDROGHE E ALLUCINOGENI

 

ARTICOLI SULLE DIPENDENZE:

Gioco d’azzardo in adolescenza: tra narcisismo, ipercompetizione ed impiego di strategie di coping disadattive
Psicologia

Gioco d’azzardo in adolescenza: tra narcisismo, ipercompetizione ed impiego di strategie di coping disadattive

Da hobby innocuo e divertente, il gioco d’azzardo può divenire una dipendenza problematica e provocare esiti negativi.   Il disturbo da gioco d’azzardo è classificato dal DSM-5 come un comportamento di dipendenza non correlato alle sostanze (American Psychiatric Association, 2013) che, sebbene principalmente limitato agli adulti, coinvolge sempre di più

Le origini traumatiche della tossicodipendenza (2021) di Antimo Navarra – Recensione del libro
Psicologia

Le origini traumatiche della tossicodipendenza (2021) di Antimo Navarra – Recensione del libro

Le origini traumatiche della tossicodipendenza, dopo un’iniziale panoramica delle più diffuse sostanze d’abuso e dei meccanismi che favoriscono l’insorgenza ed il mantenimento dei comportamenti di dipendenza, si concentra sulle cause del Disturbo da Uso di Sostanze (SUD).   I Disturbi da Dipendenza da Sostanze, definiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una

L’abuso di sostanze. Una strategia di regolazione emotiva – Report dal webinar
Psicoterapia

L’abuso di sostanze. Una strategia di regolazione emotiva – Report dal webinar

Il 25 Gennaio 2021 si è tenuto il primo webinar gratuito proposto dal Centro per i Disturbi di Personalità di Modena dal titolo L’abuso di sostanze. Una strategia di regolazione emotiva.   Il Centro, polo specialistico di Studi Cognitivi, che propone un percorso intensivo di tre mesi, è un progetto

Fumare ti calma? Uno sguardo alla relazione tra ansia e fumo di sigaretta
Psicologia

Fumare ti calma? Uno sguardo alla relazione tra ansia e fumo di sigaretta

I dati epidemiologici su larga scala indicano che gli individui con un disturbo d’ansia o elevati sintomi legati all’ansia hanno una probabilità significativamente maggiore di fumare sigarette e una minor probabilità di smettere   L’ansia è una delle condizioni di salute mentale più comuni a livello globale e ad essa

Food addiction: analogie e differenze tra i disturbi da addiction e gli episodi di binge-eating
Psichiatria Psicologia

Food addiction: analogie e differenze tra i disturbi da addiction e gli episodi  di binge-eating

L’espressione food addiction ha raggiunto negli ultimi anni una significativa diffusione mediatica, generando una conseguente proliferazione di dibattiti nella comunità scientifica circa la validità e l’utilità clinica di tale dicitura e concettualizzazione.    Nonostante siano evidenti e dimostrabili analogie tra gli episodi di binge-eating e la fenomenologia dei disturbi da

Strutture di personalità e alcol: possono i disturbi di personalità mantenere e alimentare il disturbo da uso di alcol compromettendone i trattamenti?
Psicologia

Strutture di personalità e alcol: possono i disturbi di personalità mantenere e alimentare il disturbo da uso di alcol compromettendone i trattamenti?

Le persone affette da disturbo da uso di alcol (ing. Alcohol Use Disorder, AUD), possono essere bevitori a rischio, bevitori eccessivi, o alcoldipendenti.   Tutte e tre queste condizioni, affinché siano tali, producono disagio, determinando danni alla salute psicofisica propria e/o di altri individui, conflitti interpersonali, problemi legali, o conseguenze

Nomofobia: il sottile Confine tra Paura di stare senza Smartphone ed Uso Problematico del Dispositivo
Psicologia

Nomofobia: il sottile Confine tra Paura di stare senza Smartphone ed Uso Problematico del Dispositivo

Kaviani e colleghi hanno svolto uno studio in merito, che mirava a determinare se la nomofobia potesse aumentare la probabilità di uso problematico dipendente, proibito e pericoloso del telefono cellulare.   Al giorno d’oggi vivere senza un telefono cellulare può porre le persone in una posizione di svantaggio. Per molti,

Il ruolo delle metacognizioni nelle dipendenze
Psicologia Psicoterapia

Il ruolo delle metacognizioni nelle dipendenze

Grazie al lavoro di Adrian Wells e i suoi collaboratori si è iniziato a studiare il ruolo delle metacognizioni in relazione ai disturbi psicologici, in particolare nell’eziologia e nel mantenimento.   Le metacognizioni Esse sono definite come le cognizioni applicate alle cognizioni o pensieri sul pensiero, ed hanno per oggetto

La principessa che aveva fame d’amore (2017) Come imparare a nutrire se stesse – Recensione del libro
Psicologia

La principessa che aveva fame d’amore (2017) Come imparare a nutrire se stesse – Recensione del libro

Nel libro La Principessa che aveva fame d’amore, di Maria Chiara Gritti viene affrontato, attraverso la favola, il tema del nutrimento dell’anima e del cuore. Di come molte donne imparano che l’unico modo per essere amate sia quello di sacrificare se stesse pur di avere vicino il principe che le

eSPORT e Internet Gaming Disorder: il confine tra gioco e dipendenza
Psicologia

eSPORT e Internet Gaming Disorder: il confine tra gioco e dipendenza

I bambini e gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili a comportamenti a rischio e forme di dipendenza. Il tempo eccessivo trascorso giocando/impegnandosi in eSport può, difatti, influire considerevolmente sul loro apprendimento, sul benessere mentale e sullo sviluppo.   Negli ultimi due decenni giocare ai videogiochi è diventata un’attività popolare in tutto

Il gioco problematico come strategia di compensazione: il ruolo del narcisismo vulnerabile
Psicologia

Il gioco problematico come strategia di compensazione: il ruolo del narcisismo vulnerabile

Il Gaming Disorder è stato recentemente riconosciuto, nell’undicesima revisione dell’International Classification of Diseases, (ICD-11; World Health Organization, 2019) come una condizione caratterizzata principalmente da una perdita di controllo nel comportamento legato al gioco.   Secondo il modello del Compensatory internet use framework (Kardefelt-Winther, 2014), le attività online, come i videogiochi,

Tra amore romantico e manifestazioni patologiche
Psicologia

Tra amore romantico e manifestazioni patologiche

Risulta difficile il tentativo di definire univocamente l’esperienza di amore romantico e ancor di più lo è definirne le manifestazioni patologiche. La distinzione tra espressione sana o patologica di una passione naturale come l’amore richiede l’adozione di criteri condivisi, non sempre disponibili.   L’amore, nella sua accezione di amore romantico,

Overdose da videogiochi: conseguenze sul benessere del minore
Psichiatria Psicologia

Overdose da videogiochi: conseguenze sul benessere del minore

L’internet gaming disorder (dipendenza da videogiochi) è sempre più diffuso e le sue conseguenze, riportate da bambini, preadolescenti e adolescenti, possono essere fisiche, cognitive, relazionali, economiche ed emotive.   Ogni gioco è anzitutto e soprattutto un atto libero. Il gioco comandato non è più gioco; tutt’al più può essere la

“L’ultimo episodio e poi smetto”: l’incremento del Binge Watching durante la pandemia da Covid-19.
Attualità Psicologia

“L’ultimo episodio e poi smetto”: l’incremento del Binge Watching durante la pandemia da Covid-19.

Con l’espressione “binge watching” si fa riferimento al consumo intenso e consecutivo degli episodi di una serie televisiva in una sola seduta (Pittman & Sheehan, 2015) e il periodo di isolamento determinato dal Covid-19 ha creato la condizione ideale per la diffusione di tale fenomeno.    Al giorno d’oggi, i

Dipendenze patologiche e il modello delle “tre colline” – Intervista al Dott. Maurizio Frisina
Psicologia Psicoterapia

Dipendenze patologiche e il modello delle “tre colline” – Intervista al Dott. Maurizio Frisina

Il modello delle “tre colline” offre una visione allargata e complessa alla tematica delle dipendenze e ha permesso di formalizzare il mio modo di lavorare, basato sull’idea che non si possa cogliere la complessità clinica con una sola chiave di lettura (Maurizio Frisina).   Maurizio Frisina è psicologo e psicoterapeuta,

Relazioni tossiche: non solo narcisismo e dipendenza affettiva – VIDEO dal Webinar organizzato da Psicoterapia Cognitiva e Ricerca di Mestre
Psicologia

Relazioni tossiche: non solo narcisismo e dipendenza affettiva – VIDEO dal Webinar organizzato da Psicoterapia Cognitiva e Ricerca di Mestre

Il webinar organizzato da Psicoterapia Cognitiva e Ricerca di Mestre ha avuto lo scopo di fornire un’ampia panoramica sui vari aspetti di personalità che possono portare a instaurare e mantenere relazioni tossiche.   Negli ultimi tempi vi è un grande interesse riguardo alle tematiche della dipendenza affettiva e delle relazioni

L’applicazione della MCT nel disturbo da uso di alcol – Il sesto episodio di The Journal Club
Psicoterapia

L’applicazione della MCT nel disturbo da uso di alcol – Il sesto episodio di The Journal Club

The Journal Club, la webserie organizzata da Studi Cognitivi per discutere e approfondire le novità dal panorama scientifico internazionale, ora in esclusiva per i lettori di State of Mind.   Il circuito di Scuole di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato nell’autunno del 2020, per gli allievi e i didatti delle Scuole

L’abuso di sostanze: una strategia di regolazione emotiva – Video dal webinar organizzato dal CIP Modena
Psicologia

L’abuso di sostanze: una strategia di regolazione emotiva – Video dal webinar organizzato dal CIP Modena

Il webinar organizzato da CIP Modena si propone come un momento di riflessione sull’abuso di sostanze quale strategia di coping maladattiva, attuata a fronte di esperienze emotive indesiderate.   Usare sostanze è un comportamento appreso, mantenuto dalle aspettative sulle conseguenze: in base alla sostanza scelta ci sarà una modificazione dello

Uso problematico dei Social Media: dalla validità del costrutto agli interventi clinici – Report dall’European Conference on Digital Psychology – ECDP 2021
Attualità Psicologia Psicoterapia

Uso problematico dei Social Media: dalla validità del costrutto agli interventi clinici – Report dall’European Conference on Digital Psychology – ECDP 2021

Nel corso della giornata iniziale del primo Congresso Europeo di Psicologia Digitale, una parte del programma è stata dedicata all’uso problematico dei social media.   L’argomento è stato affrontato nel corso delle due relazioni “Problematic Social Media Use: critical reflections on the construct in the light of fifteen years of

La drunkorexia: classificazione, motivazioni alla base e gruppi a rischio
Psicologia

La drunkorexia: classificazione, motivazioni alla base e gruppi a rischio

Fattori associati alla drunkorexia sono la disregolazione emotiva, la volontà di migliorare l’umore negativo, prevenire l’aumento di peso causato dall’assunzione di alcol, una scarsa stima verso il proprio corpo e la ricerca di sensazioni estreme.   L’alcol, nonostante ampiamente utilizzato e socialmente accettabile, può avere effetti dannosi a livello cerebrale,

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 4,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario