Psicofarmaci: l’Italia sempre più impasticcata. Soluzioni? Aumentare l’offerta di Psicoterapia e sostegno psicologico

La spesa per psicofarmaci in netto aumento rispetto a vaccini e antibiotici, ma la crisi e la depressione è meglio combatterli con percorsi terapeutici...

ID Articolo: 107285 - Pubblicato il: 24 febbraio 2015
Psicofarmaci: l’Italia sempre più impasticcata. Soluzioni? Aumentare l’offerta di Psicoterapia e sostegno psicologico
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi
I dati del Rapporto Osmed 2014 diramati all’Aifa sono impietosi e allarmanti: nel nostro Paese il consumo di antidepressivi è divenuto talmente ampio da costituire, a detta dei vertici dell’agenzia, ‘una delle principali componenti della spesa farmaceutica pubblica’. Durante i primi 9 mesi del 2014, i nostri concittadini hanno acquistato più antidepressivi, e contestualmente meno antibiotici e meno vaccini. Non c’è da stupirsi: da tempo la rabbia e la depressione vengono individuati da enti di ricerca e istituzioni quali fattori chiave della crisi sociale che stiamo attraversando. Ciò che invece stupisce è che si continui a trascurare l’opportunità di appropriatezza ed efficacia offerta dall’apporto di psicologi e psicoterapeuti, le cui potenzialità vengono tuttora colpevolmente trascurate dal Servizio Sanitario Nazionale. Curare la depressione costa poco rispetto ai costi diretti ed indiretti che genera: il rapporto Osmed ne è l’ennesima conferma…

 

 

Boom antidepressivi. Gli psicologi: “I dati Aifa dimostrano che bisogna rafforzare psicoterapia”Consigliato dalla Redazione

Farmacologia - Farmaci - Immagine: 61701636
Allarme dell’Ordine del Lazio dopo i dati dell’ultimo rapporto Osmed che pongono gli antidepressivi tra le principali componenti della spesa farmaceutica pubblica. “Stupisce che si continui a trascurare l’opportunità di appropriatezza ed efficacia offerta dall’apporto di psicologi e psicoterapeuti”… (…)

 

SCARICA IL RAPPORTO OSMED 2014 (PDF)

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Psicofarmaci

Dialoghi con Sandra – VIDEO del quinto incontro “Sono in psicoterapia: ho bisogno di farmaci? “
Psicologia Psicoterapia

Dialoghi con Sandra – VIDEO del quinto incontro “Sono in psicoterapia: ho bisogno di farmaci? “

Dalla clinica alle più profonde riflessioni sul contesto in cui oggi viviamo, accompagnati da Sandra Sassaroli e dai clinici del suo gruppo. L’iniziativa Dialoghi con Sandra ha riscosso un grande successo. Pubblichiamo oggi, per i nostri lettori, il video del quinto incontro con il Dott. Filippo Turchi.   I Dialoghi

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?

L’uomo è un sistema complesso in cui mente e corpo sono a tutti gli effetti due facce di una stessa medaglia in rapporto di interdipendenza e sinergia. Il nostro cervello-mente cambia a seguito di stimoli ambientali, ma anche un farmaco, specie se assunto a lungo e in dosi significative, può generare

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco
Neuroscienze

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco

L’Alzheimer è considerata una malattia del sistema nervoso centrale. Si tratta di una condizione clinica che ad oggi non conosce cura: è possibile rallentarne il decorso, ma non è ancora raggiungibile una completa guarigione. Quali sono le nuove scoperte riguardanti le terapie farmacologiche?    Ai pazienti con malattia di Alzheimer

L’uso di antidepressivi durante lo sviluppo può compromettere il desiderio sessuale delle donne in età adulta
Psichiatria Psicologia

L’uso di antidepressivi durante lo sviluppo può compromettere il desiderio sessuale delle donne in età adulta

La letteratura dimostra che l’uso di antidepressivi potrebbe avere delle conseguenze negative sulle funzioni e sul desiderio sessuale, sia negli uomini che nelle donne.   Sebbene gli antidepressivi possano avere un impatto su tutti gli aspetti della funzionalità sessuale – dal desiderio, all’eccitazione e all’orgasmo, alla soddisfazione e al piacere

Rischio di diabete mellito gestazionale per le donne in gravidanza che assumono antidepressivi  
Psichiatria

Rischio di diabete mellito gestazionale per le donne in gravidanza che assumono antidepressivi  

Il diabete mellito gestazionale (GDM) inizia o viene diagnosticato per la prima volta in gravidanza. Le donne affette da questa patologia sono esposte a un rischio maggiore di complicanze alla nascita e possono predisporre la progenie al diabete di tipo 2 e all’obesità.   Il diabete mellito gestazionale (GDM) è

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina

Oggigiorno, la depressione maggiore è probabilmente la condizione che accomuna molti individui sebbene in misura e frequenza diverse, sia che sopraggiunga in differenti periodi della nostra vita sia che si sviluppi per le più svariate ragioni o motivazioni.    Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia: l’antidepressivo è diventato

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi
Psichiatria Psicologia

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi

Precedenti ricerche hanno trovato una carenza di empatia nei soggetti con depressione. Tuttavia, molti di questi studi sono stati effettuati su pazienti depressi in cura con antidepressivi. La carenza empatica nei depressi è dunque correlata agli antidepressivi o alla depressione in sé?    La depressione è un disturbo psichico invalidante

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta
Psichiatria

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta

A partire dall’adolescenza, le donne hanno il doppio delle probabilità di sviluppare la depressione rispetto agli uomini. Vi sono diversi studi che evidenziano il ruolo importante degli ormoni (estrogeno, progestinico e testosterone) nel rischio di sviluppare la depressione, oltre ai fattori psicosociali e ambientali.    I contraccettivi orali (OC) contengono forme

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer
Psichiatria

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer

Le demenze comprendono un insieme di patologie (demenza di Alzheimer, demenza vascolare, frontotemporale, a corpi di Lewy, ecc.) che hanno un impatto notevole in termini socio-sanitari sia perché un sempre maggior numero di famiglie ne sono drammaticamente coinvolte, sia perché richiedono una qualificata rete integrata di servizi sanitari e socio-assistenziali.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?
Neuroscienze Psichiatria

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono attualmente gli antidepressivi più utilizzati. Tuttavia, questi farmaci non funzionano in quasi un terzo dei pazienti affetti da un disturbo depressivo maggiore.   Si parla di psicofarmacologia nell’ambito di quelle ricerche in cui viene collegata la somministrazione di determinate sostanze ai

MDMA e psicoterapia: efficacia nel trattamento del Disturbo da Stress Post-Traumatico
Neuroscienze Psichiatria Psicoterapia

MDMA e psicoterapia: efficacia nel trattamento del Disturbo da Stress Post-Traumatico

Il Disturbo da Stress Post Traumatico (PTSD) è una psicopatologia fortemente invalidante che ha una prevalenza del 4% a livello globale (Koenen et al., 2017).   I sintomi del PTSD comprendono pensieri e ricordi intrusivi, effetti negativi sui pensieri e sull’umore, iper-reattività agli stimoli legati al trauma ed evitamento. Le

L’interazione della cannabis terapeutica con le benzodiazepine
Neuroscienze Psichiatria Psicologia Psicoterapia

L’interazione della cannabis terapeutica con le benzodiazepine

Un recente studio preliminare ha mostrato che pazienti in cura farmacologica con benzodiazepine, ai quali era stata prescritta parallelamente l’utilizzo di cannabis terapeutica, hanno interrotto la preesistente terapia con benzodiazepine.   Le benzodiazepine sono una classe di psicofarmaci aventi proprietà sedative, utilizzati prevalentemente per curare i sintomi legati all’ansia. Inoltre,

Ketamina e Depressione: sperimentazione sui topi di laboratorio
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Ketamina e Depressione: sperimentazione sui topi di laboratorio

La capacità della ketamina di diminuire i sintomi collegati alla depressione in modo rapido la rendono un importante oggetto di sperimentazione scientifica. Per questo motivo è importante capirne appieno gli effetti e le potenzialità per sviluppare nuovi e migliori trattamenti per la prevenzione, la diagnosi e la cura di questo

ADHD: gli esiti di una buona compliance al trattamento farmacologico
Psichiatria Psicologia

ADHD: gli esiti di una buona compliance al trattamento farmacologico

I risultati ottenuti da un recente studio sono sorprendenti e mostrano un aumento del 50% della probabilità di utilizzare antidepressivi nell’adolescenza in soggetti con ADHD quando la terapia con il metilfenidato nell’infanzia viene seguita con ottima aderenza.   Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) è un’entità psicopatologica complessa e

Sensibilità al dolore: il ruolo chiave degli ormoni sessuali – Quali conseguenze nel trattamento farmacologico?
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Sensibilità al dolore: il ruolo chiave degli ormoni sessuali – Quali conseguenze nel trattamento farmacologico?

Nonostante il dolore non sia una sensazione piacevole, tuttavia risulta necessario: esso infatti ci segnala la presenza di un pericolo o di un danno al nostro organismo e ci permette in questo modo di allertarci e porvi rimedio per evitare conseguenze negative ancor più gravi o irreparabili a tessuti o

L’insorgenza di psicosi nei pazienti con ADHD a seguito dell’assunzione di anfetamine e metilfenidato
Psichiatria Psicologia

L’insorgenza di psicosi nei pazienti con ADHD a seguito dell’assunzione di anfetamine e metilfenidato

Il trattamento indicato per la cura del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) è l’uso di farmaci psicostimolanti, la cui prescrizione è notevolmente aumentata negli ultimi anni, insieme tuttavia anche ai casi di psicosi e sintomi psicotici.   L’ ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività) rientra nella

L’ecstasy migliorerebbe la cooperazione…ma ad una condizione
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

L’ecstasy migliorerebbe la cooperazione…ma ad una condizione

I ricercatori del King’s College di Londra hanno scoperto che il principio attivo dell’ ecstasy migliora la cooperazione tra persone ritenute affidabili, quindi non tra gli estranei. Inoltre hanno identificato i cambiamenti nell’attivazione cerebrale delle aree connesse con l’elaborazione sociale.   L’ ecstasy è composta principalmente da MDMA che viene

Psicopillole. Per un uso etico e strategico dei farmaci (2017) di A. Caputo e R. Milanese – Recensione del libro
Psichiatria Psicologia

Psicopillole. Per un uso etico e strategico dei farmaci (2017) di A. Caputo e R. Milanese – Recensione del libro

Il volume Psicopillole. Per un uso etico e strategico dei farmaci, è stato scritto da Alberto Caputo e Roberta Milanese, rispettivamente psichiatra e psicologa, psicoterapeuti entrambi. Inserito nella Collana Saggi di Terapia breve diretta da Giorgio Nardone, rappresenta un apprezzabile contributo scientifico-divulgativo sul corretto uso degli psicofarmaci e la loro

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili
Psicologia

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili

Secondo uno studio finanziato dal National Institutes of Health, nelle coppie in cura per la fertilità, la depressione dell’uomo potrebbe essere correlata ad una minore probabilità di concepire un figlio.   L’ autore dello studio Esther Eisenberg, MD, della Fertility and Infertility Branch sostiene che questo studio ha fornito, ai

Farma party: la pericolosa moda delle feste a base di farmaci, sempre più diffusa tra gli adolescenti
Attualità Psicologia

Farma party: la pericolosa moda delle feste a base di farmaci, sempre più diffusa tra gli adolescenti

Perché i farma party sembrano essere la nuova pericolosa moda degli adolescenti? Alcune caratteristiche adolescenziali correlano positivamente con la probabilità di mettere in atto comportamenti devianti o di utilizzare sostanze stupefacenti o, nel caso in esame, prodotti farmaceutici allo scopo di “sballarsi”. Rachele Recanatini – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 4,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario