Psicofarmaci: l’Italia sempre più impasticcata. Soluzioni? Aumentare l’offerta di Psicoterapia e sostegno psicologico

La spesa per psicofarmaci in netto aumento rispetto a vaccini e antibiotici, ma la crisi e la depressione è meglio combatterli con percorsi terapeutici...

ID Articolo: 107285 - Pubblicato il: 24 febbraio 2015
Psicofarmaci: l’Italia sempre più impasticcata. Soluzioni? Aumentare l’offerta di Psicoterapia e sostegno psicologico
Messaggio pubblicitario SFU 2020
I dati del Rapporto Osmed 2014 diramati all’Aifa sono impietosi e allarmanti: nel nostro Paese il consumo di antidepressivi è divenuto talmente ampio da costituire, a detta dei vertici dell’agenzia, ‘una delle principali componenti della spesa farmaceutica pubblica’. Durante i primi 9 mesi del 2014, i nostri concittadini hanno acquistato più antidepressivi, e contestualmente meno antibiotici e meno vaccini. Non c’è da stupirsi: da tempo la rabbia e la depressione vengono individuati da enti di ricerca e istituzioni quali fattori chiave della crisi sociale che stiamo attraversando. Ciò che invece stupisce è che si continui a trascurare l’opportunità di appropriatezza ed efficacia offerta dall’apporto di psicologi e psicoterapeuti, le cui potenzialità vengono tuttora colpevolmente trascurate dal Servizio Sanitario Nazionale. Curare la depressione costa poco rispetto ai costi diretti ed indiretti che genera: il rapporto Osmed ne è l’ennesima conferma…

 

 

Boom antidepressivi. Gli psicologi: “I dati Aifa dimostrano che bisogna rafforzare psicoterapia”Consigliato dalla Redazione

Farmacologia - Farmaci - Immagine: 61701636
Allarme dell’Ordine del Lazio dopo i dati dell’ultimo rapporto Osmed che pongono gli antidepressivi tra le principali componenti della spesa farmaceutica pubblica. “Stupisce che si continui a trascurare l’opportunità di appropriatezza ed efficacia offerta dall’apporto di psicologi e psicoterapeuti”… (…)

 

SCARICA IL RAPPORTO OSMED 2014 (PDF)

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Psicofarmaci

La riscoperta delle sostanze psicoattive: l’MDMA nel trattamento del Disturbo da Stress Post Traumatico
Psichiatria Psicoterapia

La riscoperta delle sostanze psicoattive: l’MDMA nel trattamento del Disturbo da Stress Post Traumatico

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una condizione comune e debilitante causata dall’esposizione ad un evento traumatico. Recentemente sono stati finanziati diversi studi sulla psicoterapia assistita dall’MDMA per il PTSD.   Per ottenere una diagnosi, oltre che l’esposizione al trauma, è prevista la presenza di sintomi intrusivi collegati all’evento

La sertralina è una strategia farmacologica efficace per la disregolazione emotiva?
Psichiatria

La sertralina è una strategia farmacologica efficace per la disregolazione emotiva?

Un ampio filone di ricerca ha permesso di concludere che le disfunzioni a carico della trasmissione serotoninergica sono generalmente associate alla disregolazione emotiva e/o comportamentale (Coccaro et al., 2015; Manchia et al., 2017).   L’ipotesi serotoninergica è, però, integrata in un modello esplicativo più ampio per spiegare la propensione alla

Antidepressivi e dipendenza: il difficile percorso di interruzione dello psicofarmaco
Psichiatria

Antidepressivi e dipendenza: il difficile percorso di interruzione dello psicofarmaco

I tassi di prescrizione degli antidepressivi sono molto alti e in continua crescita nonostante l’evidenza di massicci effetti avversi, inclusi sintomi di astinenza.   Recenti dati, indicano che in Italia, il 6% della popolazione ha ricevuto almeno una prescrizione di tali farmaci nell’arco della vita (Agenzia Italiana del Farmaco, 2017).

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e benzodiazepine nel trattamento del disturbo di panico: confronto tra i rispettivi effetti collaterali
Psichiatria

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e benzodiazepine nel trattamento del disturbo di panico: confronto tra i rispettivi effetti collaterali

Le benzodiazepine (BDZ) e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) si sono dimostrati entrambi efficaci nel trattamento farmacologico del disturbo di panico (DP).   Tuttavia, le linee guida sul trattamento favoriscono gli SSRI rispetto alle benzodiazepine, sulla base della convinzione che quest’ultime siano associate ad effetti collaterali più

Interventi farmacologici nella demenza
Neuroscienze Psicologia

Interventi farmacologici nella demenza

Allo stato attuale, i farmaci impiegati per attenuare le manifestazioni cliniche nel AD di stadio lieve-moderato sono gli inibitori dell’acetilcolinesterasi (Guaita & Vitali, 2004).   Il DSM-5 (APA, 2013) con Disturbi Neurocognitivi (DNC) fa riferimento a un’ampia categoria di disturbi acquisiti che rappresentano un declino rispetto al precedente livello di

ISRIB: nuovo farmaco contro il declino cognitivo?
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

ISRIB: nuovo farmaco contro il declino cognitivo?

Importante scoperta effettuata da uno studio italo-americano condotto dalla neuroscienziata aretina Susanna Rosi, circa il declino cognitivo dovuto all’invecchiamento e la sua possibile reversibilità grazie al farmaco ISRIB.   In precedenza, i numerosi studi condotti negli anni tra il 2013 e il 2018 hanno consentito di raggiungere traguardi interessanti nell’ambito

Sensazione globus: la psicologia in supporto alla deglutizione
Psicologia

Sensazione globus: la psicologia in supporto alla deglutizione

I pazienti che sperimentano la sensazione globus, nel momento in cui devono assumere una pillola di piccole o grandi dimensioni, avvertono un’oppressione alla gola, non correlata a una condizione fisica esterna, ma a una sensazione di paura o terrore.   Non è sempre vero che “con un po’ di zucchero

Antipsicotici per il trattamento della depressione: uno studio ne sottolinea la gravità degli effetti
Psichiatria

Antipsicotici per il trattamento della depressione: uno studio ne sottolinea la gravità degli effetti

I ricercatori hanno riscontrato un aumento relativo del 45% del rischio di mortalità per le persone con depressione in terapia con farmaci antipsicotici (Gerhard et al., 2020).   I ricercatori di Rutgers, assieme alla Columbia University, hanno riscontrato un aumento del rischio di mortalità negli adulti con diagnosi di depressione

Timeline under anesthesia – Il tempo sotto anestesia
Neuroscienze

Timeline under anesthesia – Il tempo sotto anestesia

Capita spesso che i pazienti nell’immediato risveglio da un intervento chirurgico chiedano per quanto tempo hanno dormito, altri quanto tempo è passato dall’inizio dell’intervento, altri ancora chiedono addirittura di esser addormentati convinti che debba ancora iniziare l’intervento chirurgico.   Tutto questo risulta estremamente normale, la stessa definizione di anestesia come

Dialoghi con Sandra – VIDEO del quinto incontro “Sono in psicoterapia: ho bisogno di farmaci? “
Psicologia Psicoterapia

Dialoghi con Sandra – VIDEO del quinto incontro “Sono in psicoterapia: ho bisogno di farmaci? “

Dalla clinica alle più profonde riflessioni sul contesto in cui oggi viviamo, accompagnati da Sandra Sassaroli e dai clinici del suo gruppo. L’iniziativa Dialoghi con Sandra ha riscosso un grande successo. Pubblichiamo oggi, per i nostri lettori, il video del quinto incontro con il Dott. Filippo Turchi.   I Dialoghi

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?

L’uomo è un sistema complesso in cui mente e corpo sono a tutti gli effetti due facce di una stessa medaglia in rapporto di interdipendenza e sinergia. Il nostro cervello-mente cambia a seguito di stimoli ambientali, ma anche un farmaco, specie se assunto a lungo e in dosi significative, può generare

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco
Neuroscienze

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco

L’Alzheimer è considerata una malattia del sistema nervoso centrale. Si tratta di una condizione clinica che ad oggi non conosce cura: è possibile rallentarne il decorso, ma non è ancora raggiungibile una completa guarigione. Quali sono le nuove scoperte riguardanti le terapie farmacologiche?    Ai pazienti con malattia di Alzheimer

L’uso di antidepressivi durante lo sviluppo può compromettere il desiderio sessuale delle donne in età adulta
Psichiatria Psicologia

L’uso di antidepressivi durante lo sviluppo può compromettere il desiderio sessuale delle donne in età adulta

La letteratura dimostra che l’uso di antidepressivi potrebbe avere delle conseguenze negative sulle funzioni e sul desiderio sessuale, sia negli uomini che nelle donne.   Sebbene gli antidepressivi possano avere un impatto su tutti gli aspetti della funzionalità sessuale – dal desiderio, all’eccitazione e all’orgasmo, alla soddisfazione e al piacere

Rischio di diabete mellito gestazionale per le donne in gravidanza che assumono antidepressivi  
Psichiatria

Rischio di diabete mellito gestazionale per le donne in gravidanza che assumono antidepressivi  

Il diabete mellito gestazionale (GDM) inizia o viene diagnosticato per la prima volta in gravidanza. Le donne affette da questa patologia sono esposte a un rischio maggiore di complicanze alla nascita e possono predisporre la progenie al diabete di tipo 2 e all’obesità.   Il diabete mellito gestazionale (GDM) è

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina

Oggigiorno, la depressione maggiore è probabilmente la condizione che accomuna molti individui sebbene in misura e frequenza diverse, sia che sopraggiunga in differenti periodi della nostra vita sia che si sviluppi per le più svariate ragioni o motivazioni.    Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia: l’antidepressivo è diventato

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi
Psichiatria Psicologia

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi

Precedenti ricerche hanno trovato una carenza di empatia nei soggetti con depressione. Tuttavia, molti di questi studi sono stati effettuati su pazienti depressi in cura con antidepressivi. La carenza empatica nei depressi è dunque correlata agli antidepressivi o alla depressione in sé?    La depressione è un disturbo psichico invalidante

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta
Psichiatria

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta

A partire dall’adolescenza, le donne hanno il doppio delle probabilità di sviluppare la depressione rispetto agli uomini. Vi sono diversi studi che evidenziano il ruolo importante degli ormoni (estrogeno, progestinico e testosterone) nel rischio di sviluppare la depressione, oltre ai fattori psicosociali e ambientali.    I contraccettivi orali (OC) contengono forme

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer
Psichiatria

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer

Le demenze comprendono un insieme di patologie (demenza di Alzheimer, demenza vascolare, frontotemporale, a corpi di Lewy, ecc.) che hanno un impatto notevole in termini socio-sanitari sia perché un sempre maggior numero di famiglie ne sono drammaticamente coinvolte, sia perché richiedono una qualificata rete integrata di servizi sanitari e socio-assistenziali.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?
Neuroscienze Psichiatria

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono attualmente gli antidepressivi più utilizzati. Tuttavia, questi farmaci non funzionano in quasi un terzo dei pazienti affetti da un disturbo depressivo maggiore.   Si parla di psicofarmacologia nell’ambito di quelle ricerche in cui viene collegata la somministrazione di determinate sostanze ai

MDMA e psicoterapia: efficacia nel trattamento del Disturbo da Stress Post-Traumatico
Neuroscienze Psichiatria Psicoterapia

MDMA e psicoterapia: efficacia nel trattamento del Disturbo da Stress Post-Traumatico

Il Disturbo da Stress Post Traumatico (PTSD) è una psicopatologia fortemente invalidante che ha una prevalenza del 4% a livello globale (Koenen et al., 2017).   I sintomi del PTSD comprendono pensieri e ricordi intrusivi, effetti negativi sui pensieri e sull’umore, iper-reattività agli stimoli legati al trauma ed evitamento. Le

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario