inTherapy

Interventi farmacologici nella demenza

I trattamenti farmacologici nella demenza agiscono sulla sfera cognitiva, come memoria e attenzione, ma anche su alcuni disturbi comportamentali

ID Articolo: 183135 - Pubblicato il: 18 marzo 2021
Interventi farmacologici nella demenza
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Allo stato attuale, i farmaci impiegati per attenuare le manifestazioni cliniche nel AD di stadio lieve-moderato sono gli inibitori dell’acetilcolinesterasi (Guaita & Vitali, 2004).

 

Messaggio pubblicitario Il DSM-5 (APA, 2013) con Disturbi Neurocognitivi (DNC) fa riferimento a un’ampia categoria di disturbi acquisiti che rappresentano un declino rispetto al precedente livello di funzionamento e in cui il deficit clinico primario è di tipo cognitivo.

Relativamente al DNC Maggiore, esso si caratterizza per un significativo declino in uno o più domini cognitivi che interferisce con l’indipendenza nelle attività quotidiane. Il DSM-5, inoltre, presenta come specificatori cui prestare attenzione la gravità, la presenza di disturbi del comportamento e il sottotipo.

Prima di approfondire il trattamento farmacologico, è bene considerare le modificazioni neurobiologiche che avvengono nel cervello della persona con DNC di tipo Alzheimer (AD), il sottotipo più diffuso. Esso è una amiloidopatia, ovvero si caratterizza per un’alterazione del metabolismo delle proteine, in particolare i peptidi β-amiloidi che, accumulandosi formano le placche senili, e la proteina tau, che porta alla formazione dei grovigli neurofibrillari. Essi bloccano il normale funzionamento neuronale, portando alla morte cellulare con conseguente atrofia, specie a livello ippocampale. Per quanto riguarda i neurotrasmettitori, si verifica una riduzione dell’acetilcolina e un’eccessiva presenza di glutammato.

Trattamento farmacologico per lo stato cognitivo

Allo stato attuale, i farmaci impiegati per attenuare le manifestazioni cliniche nel AD di stadio lieve-moderato sono gli inibitori dell’acetilcolinesterasi (AchEI) (Guaita & Vitali, 2004). Essi contrastano l’enzima acetilcolinesterasi, causa della diminuzione dell’acetilcolina necessaria ai processi di memoria ed apprendimento (Hogan et al., 2008). Donepezil (Rogers & Friedhoff, 1996); Galantamina (Wilkinson et al., 2001) e Rivastigmina (Corey-Bloom et al., 1998) vengono scelti in base a eziologia, tollerabilità ed effetti collaterali (Hogan et al., 2007). Queste terapie agiscono sulla sfera cognitiva, in particolare su memoria e attenzione (Birks, 2006), ma la loro efficacia è stata dimostrata di breve durata (Birks & Harvey, 2018). Inoltre, un limite dei trattamenti farmacologici è legato ai loro effetti collaterali, di cui i più comuni sono l’aumento dell’incontinenza urinaria, problemi gastrointestinali, vertigini e sincopi (Hogan et al., 2008).

In fase moderato-grave di malattia si prescrive spesso la Memantina che, inibendo i recettori NMDA, contrasta il glutammato (Peskind et al., 2006). Tale farmaco può, però, indurre eventi avversi di tipo cardiovascolare e gastrointestinale.

Trattamento farmacologico per i disturbi del comportamento

Messaggio pubblicitario I problemi comportamentali sono la causa più frequente di istituzionalizzazione (Finkel & Burns, 2000) e l’approccio bio-medico individua come unica soluzione l’uso di farmaci sedativi: antipsicotici, ipnotici, stabilizzatori dell’umore e benzodiazepine. Queste ultime sono state per molto tempo utilizzate per il paziente geriatrico, ma le ricerche più recenti (Beers Criteria, American Geriatrics Society, 2015; Pasina et al., 2016) sottolineano l’inappropriatezza della loro prescrizione, poiché mal tollerate, causa di perdite mnesiche e della coordinazione motoria con conseguente aumento di cadute (Julien et al., 2015).

Per i disturbi del sonno, valide alternative alle benzodiazepine sono la melatonina, che si è dimostrata efficace nel ripristinare il ritmo circadiano in assenza di effetti collaterali (Cardinali et al., 2017; Reynolds, 2019), il Trazodone (Martinón‐Torres et al., 2004) o, quando l’insonnia è legata a sintomatologia depressiva, gli SSRI (Caltagirone et al., 2005). Per quel che riguarda gli stabilizzatori dell’umore, una esaustiva revisione della letteratura non ne raccomanda l’utilizzo routinario nelle demenze poiché i benefici sono inconsistenti e gli effetti collaterali rilevanti (Konovalov et el., 2008; Kwan et al., 2001).

Oggi di più largo impiego sono gli antipsicotici tipici, come Aloperidolo e Promazina, o atipici, come Risperidone, Olanzapina o Quetiapina, con preferenza per gli ultimi per la migliore tollerabilità e la minore tossicità (Sink et al., 2005; Connelly et al., 2010). Infatti, una recente review Cochrane (Mühlbauer et al., 2019), sottolinea l’influenza degli antipsicotici tipici sui sintomi extrapiramidali, sulla sonnolenza, sul peggioramento cognitivo e sull’aumento del rischio di morte (Randle et al., 2019).

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

ISRIB: il ruolo del farmaco contro il declino cognitivo - Psicologia

ISRIB: nuovo farmaco contro il declino cognitivo?

Sembra che il farmaco ISRIB possa alleviare i cambiamenti neuronali e immunitari connessi all’età e ripristinare una funzionalità cognitiva migliore.

Bibliografia

  • American Geriatrics Society 2015 Beers Criteria Update Expert Panel, Fick, D. M., Semla, T. P., Beizer, J., Brandt, N., Dombrowski, R., … & Giovannetti, E. (2015). American Geriatrics Society 2015 updated beers criteria for potentially inappropriate medication use in older adults. Journal of the American Geriatrics Society, 63(11), 2227-2246.
  • American Psychiatric Association. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (DSM-5®). American Psychiatric Pub.
  • Birks, J. S. (2006). Cholinesterase inhibitors for Alzheimer’s disease. Cochrane database of systematic reviews, (1).
  • Birks, J. S., & Harvey, R. J. (2018). Donepezil for dementia due to Alzheimer’s disease. Cochrane Database of systematic reviews, (6).
  • Caltagirone, C., Bianchetti, A., Di Luca, M., Mecocci, P., Padovani, A., Pirfo, E., … & Musicco, M. (2005). Guidelines for the treatment of Alzheimer’s disease from the Italian Association of Psychogeriatrics. Drugs & Aging, 22(1), 1-26.
  • Cardinali DP, Hardeland R. (2017). Inflammaging, metabolic syndrome and melatonin: a call for treatment studies. Neuroendocrinology.(4):382–97.
  • Connelly, P. J., Law, E., Angus, S., & Prentice, N. (2010). Fifteen years comparison of antipsychotic use in people with dementia within hospital and nursing home settings: sequential cross‐sectional study. International Journal of Geriatric Psychiatry: A journal of the psychiatry of late life and allied sciences, 25(2), 160-165.
  • Corey-Bloom, J. P. (1998). A randomized trial evaluating the efficacy and safety of ENA 713 (rivastigmine tartrate), a new acetylcholinesterase inhibitor, in patients with mild to moderately severe Alzheimer’s disease. Int J Geriatr Psyopharmacol, 1, 55-65.
  • Finkel, S. I., & Burns, A. (2000). Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia (BPSD): A Clinical and Reseach Update-Introduction. International Psychogeriatrics, 12(1), 9-12.
  • Guaita, A., & Vitali, S. F. (2004). Riabilitazione e training cognitivo nella malattia di Alzheimer: fatti e fantasie. G GERONTOL, 52, 395-400.
  • Hogan, D. B., Bailey, P., Carswell, A., Clarke, B., Cohen, C., Forbes, D., & Thorpe, L. (2007). Management of mild to moderate Alzheimer’s disease and dementia. Alzheimer’s & Dementia, 3(4), 355-384.
  • Hogan, D. B., Bailey, P., Black, S., Carswell, A., Chertkow, H., Clarke, B., & Lanctôt, K. (2008). Diagnosis and treatment of dementia: 5. Nonpharmacologic and pharmacologic therapy for mild to moderate dementia. Cmaj, 179(10), 1019-1026.
  • Julien, R.M., Advokat, C.L. & Comaty, J.E. (2015). Droghe e farmaci psicoattivi, Zanichelli, Bologna. 1^ ediz. it. 1997-2001. 2^ ediz. it. 2013.
  • Konovalov, S., Muralee, S., & Tampi, R. R. (2008). Anticonvulsants for the treatment of behavioral and psychological symptoms of dementia: a literature review. International psychogeriatrics, 20(2), 293-308.
  • Kwan, P., & Brodie, M. J. (2001). Neuropsychological effects of epilepsy and antiepileptic drugs. The Lancet, 357(9251), 216-222.
  • Martinón‐Torres, G., Fioravanti, M., & Evans, J. G. (2004). Trazodone for agitation in dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews, (3).
  • Mühlbauer, V., Luijendijk, H., Dichter, M. N., Möhler, R., Zuidema, S. U., & Köpke, S. (2019). Antipsychotics for agitation and psychosis in people with Alzheimer’s disease and vascular dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews, (4).
  • Pasina, L., Astuto, S., & Nobili, A. (2016). La valutazione dell’appropriatezza prescrittiva nell’anziano: pubblicati i nuovi Criteri di Beers The evaluation of appropriateness of drug prescribing in older adults: the update of the Beers criteria. Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione, 8(1), 5-15. Disponibile qui.
  • Peskind, E. R., Potkin, S. G., Pomara, N., Ott, B. R., Graham, S. M., Olin, J. T., & Memantine MEM-MD-10 Study Group. (2006). Memantine treatment in mild to moderate Alzheimer disease: a 24-week randomized, controlled trial. The American Journal of Geriatric Psychiatry, 14(8), 704-715.
  • Randle, J. M., Heckman, G., Oremus, M., & Ho, J. (2019). Intermittent antipsychotic medication and mortality in institutionalized older adults: A scoping review. International journal of geriatric psychiatry.
  • Reynolds, A. C., & Adams, R. J. (2019). Treatment of sleep disturbance in older adults. Journal of Pharmacy Practice and Research.
  • Rogers, S. L., & Friedhoff, L. T. (1996). The efficacy and safety of donepezil in patients with Alzheimer’s disease: results of a US multicentre, randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Dementia and Geriatric Cognitive Disorders, 7(6), 293-303.
  • Sink, K. M., Holden, K. F., & Yaffe, K. (2005). Pharmacological treatment of neuropsychiatric symptoms of dementia: a review of the evidence. Jama, 293(5), 596-608.
  • Wilkinson, D., & Schwalen, S. (2001). Reminyl™(galantamine) produces significant improvements in symptoms in patients with ‘advanced moderate’Alzheimer’s disease (poster). 10th Congr Int Psychogeriatr Assoc. Nice, September.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario