Messaggio pubblicitario

Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa, rientra tra le demenze e prevede 7 fasi di declino cognitivo progressivo. 

Leggi tutti gli articoli che parlano di Morbo di Alzheimer
Condividi

Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer fa parte delle demenze neurodegenerative primarie ed è caratterizzato dalla comparsa di deficit di memoria a carattere ingravescente, a cui, successivamente, si aggiungono deficit di altri domini cognitivi (attenzione, prassia, abilità esecutive, ecc.) sino alla conversione a stadio di demenza conclamata. Ci si può ammalare di Alzheimer in modalità primaria o può insorgere secondariamente per una predisposizione genetica associata a specifiche mutazioni (per es., gene precursore della β-amiloide, gene della presenilina 1 e 2) (Michael S. Gazzaniga ,Richard B. Ivry, George R. Mangun).

La progressione del morbo di Alzheimer è inesorabile. Gli esperti hanno sviluppato delle “tappe” per descrivere come le abilità di una persona cambino, rispetto alla loro normale funzionalità.

Morbo di Alzheimer

Le fasi degenerative del morbo di Alzheimer

Questo quadro, caratterizzato da sette fasi, si fonda su un sistema sviluppato da Barry Reisberg, M.D., direttore clinico del Dementia Research Center (Centro di Ricerca sull’Invecchiamento e la Demenza) della New York University School of Medicine:

Fase 1: Funzionalità normale
La persona non soffre di problemi di memoria. La visita effettuata presso un medico non mostra alcuna prova di sintomi di demenza.

Fase 2: Declino cognitivo molto lieve (è possibile che si tratti di normali cambiamenti legati all’età o dei primi segnali del morbo di Alzheimer)
La persona potrebbe segnalare la sensazione di avere vuoti di memoria – dimenticando parole familiari o la posizione di oggetti di uso quotidiano. Tuttavia, nessun sintomo di demenza può essere rilevato nel corso di una visita medica oppure da amici, familiari o colleghi di lavoro.

Fase 3: Declino cognitivo lieve. Un lieve declino cognitivo (il morbo di Alzheimer in fase precoce può essere diagnosticato con questi sintomi in alcune, ma non in tutte le persone).
Amici, familiari o colleghi di lavoro iniziano a notare delle difficoltà. Nel corso di una visita medica accurata, i medici possono essere in grado di rilevare problemi di memoria o di concentrazione. Le difficoltà più comuni di cui alla fase 3 includono:
-Evidenti difficoltà a trovare la parola o il nome giusto
-Problemi a ricordare i nomi quando vengono presentate nuove persone
-Difficoltà notevolmente maggiori nello svolgere dei compiti in contesti sociali o di lavoro
-Dimenticare cose appena lette
-Perdere o non trovare un oggetto di valore
-Aumento dei problemi di programmazione o organizzazione

Messaggio pubblicitario Fase 4: Declino cognitivo moderato (morbo di Alzheimer lieve o in fase precoce)
A questo punto, una visita medica accurata dovrebbe poter rilevare chiari sintomi in diversi ambiti:
-Dimenticanza di recenti eventi
-Compromissione della capacità di eseguire calcoli aritmetici mentali impegnativi – ad esempio, il contare a ritroso da 100 di sette in sette
-Maggiore difficoltà a svolgere compiti complessi, quali, ad esempio, la pianificazione della cena per gli ospiti, il pagamento delle bollette o la gestione delle finanze
-Dimenticanza della propria storia personale
-Carattere sempre più lunatico o riservato, soprattutto in occasione di situazioni socialmente o mentalmente impegnative.

Fase 5 : Declino cognitivo moderatamente grave (morbo di Alzheimer moderato o in stadio intermedio)
Le lacune nella memoria e nel pensare diventano evidenti, e le persone cominciano ad avere bisogno di aiuto per svolgere le attività quotidiane. In questa fase, chi è affetto dal morbo di Alzheimer potrebbe:
-Non essere in grado di ricordare il proprio indirizzo o numero di telefono oppure la scuola superiore o l’università presso la quale si è laureato
-Confondersi sul luogo in cui si trova o sul giorno attuale
-Avere problemi con l’esecuzione di calcoli aritmetici mentali meno impegnativi – ad esempio, il contare a ritroso da 40 di quattro in quattro, oppure da 20 di due in due
-Avere bisogno di aiuto per scegliere un abbigliamento adeguato per la stagione o per l’occasione
-Ricordare ancora particolari significativi su se stessi e la loro famiglia
-Non necessitare ancora di assistenza per mangiare o andare in bagno.

Fase 6 : Declino cognitivo grave (morbo di Alzheimer moderatamente grave o in fase media)
La memoria continua a peggiorare, possono aver luogo cambiamenti di personalità; le persone hanno bisogno di notevole aiuto per svolgere le attività quotidiane. In questa fase, tali individui potrebbero:
-Perdere la consapevolezza delle esperienze più recenti e di ciò che li circonda
-Ricordare il proprio nome, ma avere difficoltà a ricordare la propria storia personale
-Distinguere i volti noti e non noti, ma avere difficoltà a ricordare il nome di un coniuge o di una persona che l’assiste
-Avere bisogno di aiuto per vestirsi correttamente e, in caso di mancato controllo, compiere errori quali indossare il pigiama sopra i vestiti da giorno o indossare scarpe sul piede sbagliato
-Vivere l’esperienza di grandi cambiamenti nei modelli di sonno – dormire durante il giorno e diventare irrequieto di notte
-Avere bisogno di aiuto nel gestire certi dettagli dell’igiene personale (ad esempio, tirare lo sciacquone, pulirsi con la carta igienica o smaltirla correttamente)
-Avere problemi sempre più frequenti nel controllare la vescica o l’intestino
-Vivere l’esperienza di notevoli cambiamenti di personalità e di comportamento, tra cui la sospettosità e le fissazioni (come credere che la persona che l’assiste sia un’imbrogliona) oppure comportamenti incontrollabili o ripetitivi, come torcersi le mani o fare a pezzetti i fazzoletti di carta

-Tendere a vagare o perdersi

Fase 7: Declino cognitivo molto grave (morbo di Alzheimer grave o in fase avanzata)
Nella fase finale di questa malattia, la persona perde la capacità di rispondere al suo ambiente, di portare avanti una conversazione e, in seguito, di controllare i movimenti. L’individuo può ancora utilizzare parole o frasi.
In questa fase, è necessario molto aiuto nella cura personale quotidiana, tra cui mangiare o andare in bagno. Possono andare perdute le capacità di sorridere, di sedersi senza supporto e di sorreggere la propria testa. I riflessi diventano anomali. I muscoli diventano rigidi. La deglutizione diventa compromessa.

 

Bibliografia:

  • Gazzaniga, M.S., Ivry, R.B., Mangun, G. R., Conti, D. (2005). Neuroscienze cognitive. Zanichelli Editore.

Articoli su Morbo di Alzheimer

Alzheimer e nuove conferme dell’impatto dell’inquinamento sulla salute
Neuroscienze Psicologia

Alzheimer e nuove conferme dell’impatto dell’inquinamento sulla salute

Alzheimer: uno studio tra Messico e USA evidenzia come un alto tasso di inquinamento atmosferico può aumantare il rischio di patologie neuroinfiammatorie

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro
Neuroscienze Psichiatria

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer è scritto da Arnaldo Benini, neurochirurgo. Illustra i diversi stadi della malattia e come supportare il paziente

Cellule senescenti: scoperto il loro ruolo nello sviluppo delle malattie neurodegenerative
Neuroscienze

Cellule senescenti: scoperto il loro ruolo nello sviluppo delle malattie neurodegenerative

Un recente studio pubblicato su Nature accende i riflettori sulle cellule senescenti, ponendo nuovamente l’attenzione sulle possibili cause che concorrono allo sviluppo delle malattie neurodegenerative. L’accumulo in certe zone del cervello di queste cellule impatterebbe, infatti, sulla comunicazione neuronale.

Olfatto e memoria: una connessione che potrebbe spiegare alcuni sintomi dell’Alzheimer
Neuroscienze Psicologia

Olfatto e memoria: una connessione che potrebbe spiegare alcuni sintomi dell’Alzheimer

Numerose ricerche riportano tra i sintomi precoci della malattia di Alzheimer una perdita della memoria relativa agli odori. Tale deficit precede il declino cognitivo tipico del morbo e sembra correlato al grado di severità della malattia.

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza
Psichiatria Psicologia

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza

Il disturbo bipolare, nelle sue diverse tipologie identificate dal DSM-5, è uno dei disturbi dell’umore più gravi. In questo articolo si passano in rassegna gli studi che hanno analizzato le difficoltà cognitive precoci e quelli che stanno cercando di capire se e quale legame ci sia tra DB e sviluppo

Alzheimer: obesità e invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?
Neuroscienze

Alzheimer: obesità e  invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Tra i principali fattori di rischio ritroviamo l’invecchiamento. Oltre a ciò, alcuni studi suggeriscono che anche l’obesità legata all’alimentazione possa essere collegata al suo manifestarsi aggravando gli effetti dell’invecchiamento.

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)
Neuroscienze

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)

La prevalenza di Mild Cognitive Impairment (MCI) nella popolazione anziana varia dal 3% al 6% e costituisce un importante fattore di rischio verso lo sviluppo di diverse forme di demenza. Nel contrastare questa forma di deterioramento cognitivo precoce sono stati sviluppati oggi diversi approcci di training cognitivo.

Gli interventi e gli effetti della musicoterapia nelle demenze
Psichiatria Psicologia

Gli interventi e gli effetti della musicoterapia nelle demenze

Diversi studi da tempo indagano l’efficacia di interventi di musicoterapia a supporto dei trattamenti – anche farmacologici – per pazienti con demenza. La musicoterapia agirebbe sia sui sintomi comportamentali che su quelli cognitivi.

Scoperti particolari segmenti di DNA che causerebbero la morte dei neuroni nel Morbo di Alzheimer
Neuroscienze

Scoperti particolari segmenti di DNA che causerebbero la morte dei neuroni nel Morbo di Alzheimer

Un recente studio che ha coinvolto più di 600 soggetti ha messo in evidenza per la prima volta un’associazione tra la presenza di proteina Tau all’interno delle cellule cerebrali e l’attività di particolari sequenze di DNA che potrebbero innescare la neurodegenerazione tipica del morbo di Alzheimer.

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?
Neuroscienze

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?

Le persone affette da malattia di Alzheimer, o da altre forme di demenza, si trovano di fronte a un mondo sconosciuto che causa disorientamento e ansia. Nuove evidenze scientifiche suggeriscono che la musica potrebbe rendere questi sintomi più gestibili e migliorare la qualità di vita di questi pazienti.

Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?
Neuroscienze

Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?

Con l’avanzare dell’età capita più facilmente di scordare nomi o oggetti. Queste dimenticanze sono semplicemente una parte normale dell’invecchiamento o segnalano le prime fasi di un disturbo più grave quale il morbo di Alzheimer?

Lo sviluppo del morbo di Alzheimer: il dibattito è ancora aperto
Neuroscienze

Lo sviluppo del morbo di Alzheimer: il dibattito è ancora aperto

In uno studio sono state osservate le correlazioni tra i modelli della proteina tau e il cablaggio del cervello nei pazienti con morbo di Alzheimer.

Una nuova scoperta sui meccanismi di morte cellulare nelle malattie neurodegenerative
Neuroscienze

Una nuova scoperta sui meccanismi di morte cellulare nelle malattie neurodegenerative

Secondo un recente studio, in caso di malattie neurodegenerative, le cellule nervose andrebbero incontro a un blocco che impedisce il processo di autofagia

Le crisi epilettiche infrequenti possono danneggiare la memoria
Neuroscienze

Le crisi epilettiche infrequenti possono danneggiare la memoria

Lo studio spiega il meccanismo mediante il quale le crisi epilettiche infrequenti nei pazienti con malattia di Alzheimer possono generare deficit cognitivi

Alzheimer e benessere psicologico: gli interventi non farmacologici
Psicologia Psicoterapia

Alzheimer e benessere psicologico: gli interventi non farmacologici

Doll Therapy, Orticultura e Validation Therapy sono solo alcuni dei trattamenti utilizzati per garantire il benessere dei pazienti con demenza di Alzheimer

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: origine del morbo legata a depressione e disturbi dell’umore
Neuroscienze

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: origine del morbo legata a depressione e disturbi dell’umore

La causa della demenza di Alzheimer sarebbe dovuta alla morte dei neuroni dell’area tegmentale ventrale, area che governa anche i disturbi dell’umore

I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer
Neuroscienze

I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer

Uno studio ha dimostrato come alcuni test neuropsicologici consentano di individuare i primi segni dell’Alzheimer in persone asintomatiche.

Il ruolo dell’Omega-3 nella prevenzione della malattia di Alzheimer: uno studio con la SPECT
Neuroscienze

Il ruolo dell’Omega-3 nella prevenzione della malattia di Alzheimer: uno studio con la SPECT

In pazienti con alti livelli di omega-3, è stato rilevato un aumento del flusso sanguigno nelle aree del cervello associate a memoria e apprendimento.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario