Prevenzione dei suicidi su Facebook, un nuovo servizio

Se un utente vede nel suo feed di notizie un aggiornamento di stato particolarmente preoccupante, potrà segnalarlo a Facebook per un eventuale intervento...

ID Articolo: 107474 - Pubblicato il: 27 febbraio 2015
Prevenzione dei suicidi su Facebook, un nuovo servizio
Messaggio pubblicitario SFU 2023

Facebook ha da poco avviato una nuova iniziativa per la prevenzione dei suicidi, per adesso attiva solamente negli Stati Uniti e poi più avanti, nel caso si dimostrasse efficace, da estendere gradualmente agli altri paesi. 

Il funzionamento  è semplice: se un utente vede nel suo feed di notizie un aggiornamento di stato particolarmente preoccupante, potrà segnalarlo a Facebook in modo che il servizio di prevenzione possa valutarlo e decidere se contattare l’autore del post.

In caso di intervento, l’autore del post vedrebbe comparire un messaggio di questo tipo:

Ciao, un tuo amico pensa che tu stia attraversando un momento difficile e ci ha chiesto di dare un’occhiata al tuo recente aggiornamento di stato

Nel caso l’utente scelga di proseguire nell’interazione si propongono 2 azioni:

Cosa vuoi fare? Sei importante per noi, per questo vogliamo offrirti aiuto se ne hai bisogno. Non sei solo – Contattiamo molte persone ogni mese per questo motivo. Cosa vuoi fare?

Prevenzione suicidio facebook

 

Il comunicato stampa di Facebook riguardo al progetto di prevenzione dei suicidi:

Keeping you safe is our most important responsibility on Facebook. Today, at our fifth Compassion Research Day, we announced updated tools that provide more resources, advice and support to people who may be struggling with suicidal thoughts and their concerned friends and family members. We worked with mental health organizations Forefront, Now Matters Now, the National Suicide Prevention Lifeline, Save.org and others on these updates, in addition to consulting with people who had lived experience with self-injury or suicide. One of the first things these organizations discussed with us was how much connecting with people who care can help those in distress. If someone on Facebook sees a direct threat of suicide, we ask that they contact their local emergency services immediately. We also ask them to report any troubling content to us. We have teams working around the world, 24/7, who review any report that comes in. They prioritize the most serious reports, like self-injury, and send help and resources to those in distress. For those who may need help we have significantly expanded the support and resources that are available to them the next time they log on to Facebook after we review a report of something they’ve posted. Besides encouraging them to connect with a mental health expert at the National Suicide Prevention Lifeline, we now also give them the option of reaching out to a friend, and provide tips and advice on how they can work through these feelings. All of these resources were created in conjunction with our clinical and academic partners. We’re also providing new resources and support to the person who flagged the troubling post, including options for them to call or message their distressed friend letting them know they care, or reaching out to another friend or a trained professional at a suicide hotline for support. These updates will roll out to everyone who uses Facebook in the U.S. over the next couple of months. We’re also working to improve our tools for those outside the U.S.

(Facebook Safety Blog post, 25 Febbraio 2015)

 

VIDEO:

ARTICOLI SUL TEMA DEL SUICIDIO

L’effetto dell’abuso sessuale e della dissociazione sul tentativo di suicidio
Psichiatria Psicologia

L’effetto dell’abuso sessuale e della dissociazione sul tentativo di suicidio

Il suicidio è responsabile di più di 700.000 morti all’anno in tutto il mondo (WHO, 2021). I fattori di rischio tradizionali, come la depressione, la mancanza di speranza, i disturbi psichiatrici e l’impulsività possono predire l’ideazione suicidaria, ma tali fattori non sono in grado di prevedere i tentativi di suicidio tra

La commare secca va in vacanza (2022) di Lara Luciano – Recensione
Psichiatria Psicologia

La commare secca va in vacanza (2022) di Lara Luciano – Recensione

“La commare secca va in vacanza”, edita da Gambini nel 2022, è l’opera prima di Lara Luciano, redattrice free lance e addetta stampa di origini trentine.     Questo romanzo può essere definito come il diario di una malattia, all’interno del quale si possono rintracciare alcune note che riguardano la vita

La suicidalità nei bambini: un’emergenza da riconoscere
Psichiatria Psicologia

La suicidalità nei bambini: un’emergenza da riconoscere

Una meta-analisi pubblicata di recente su The Lancet Psychiatry (Geoffroy et al., 2022) evidenzia non solo la gravità e la rilevanza del suicidio infantile, ma anche l’attuale scarsità di dati a disposizione.   Introduzione Il suicidio, inteso come un comportamento emesso con una certa consapevolezza che potrebbe esitare e che

Il suicidio assistito nei pazienti psichiatrici: una revisione sistematica
Psichiatria Psicologia

Il suicidio assistito nei pazienti psichiatrici: una revisione sistematica

La prima revisione sistematica con l’obiettivo di identificare e descrivere i dati disponibili relativi ai pazienti che hanno ricevuto o richiesto l’eutanasia o il suicidio assistito (pEAS) è stata condotta da Calati e colleghi nel 2020.    Nei Paesi Bassi, in Belgio, in Lussemburgo e in Svizzera, l’eutanasia o suicidio

Alessitimia: quale relazione con traumi infantili e rischio suicidario
Psicologia

Alessitimia: quale relazione con traumi infantili e rischio suicidario

Gli individui con alta alessitimia sperimentano deficit nel controllare il loro eccitamento emotivo e sono più inclini ad utilizzare strategie di coping meno adattive come autolesionismo e tentativi di suicidio.    Il suicidio è un problema di salute pubblica globale che comporta oltre 800.000 morti ogni anno (OMS, 2014). La

Suicidio in carcere e psicoterapia
Attualità Psichiatria Psicoterapia

Suicidio in carcere e psicoterapia

È chiaro che un detenuto sofferente che finisce in carcere invece che in una REMS vede moltiplicarsi il suo rischio di suicidio. Come mai questi detenuti sono finiti nel luogo sbagliato?   I suicidi in carcere dipendono da una serie di fattori, non ultimi le pessime condizioni e la sovrappopolazione

Ruminazione e suicidio
Psicologia

Ruminazione e suicidio

Rogers e colleghi (2021) hanno svolto una ricerca per comprendere se alcune caratteristiche del pensiero ruminativo (come frequenza, durata, controllo percepito e contenuto) siano correlate ad un incremento di ideazioni, piani e tentativi di suicidio.   Impatto del suicidio Nel 2014, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riportato, come ogni anno,

L’istigazione al suicidio in rete: suicidio consapevole ed accidentale
Psicologia

L’istigazione al suicidio in rete: suicidio consapevole ed accidentale

In adolescenza il suicidio risulta essere la seconda causa di morte più frequente e, solo nell’ultimo anno, i tentativi di suicidio e di autolesionismo tra gli adolescenti sono aumentati del 30%.   Il suicidio in adolescenza Secondo una stima dell’OMS in Italia decidono di mettere in pratica azioni suicidarie legate

Il legame tra rischio di suicidio e solitudine dopo un lutto
Psicologia

Il legame tra rischio di suicidio e solitudine dopo un lutto

In che modo la solitudine e l’isolamento dopo un lutto improvviso influenzano il rischio di suicidio?   L’associazione tra solitudine e rischio di suicidio Per ogni persona che si suicida, all’incirca 800.000 persone all’anno in tutto il mondo, altre 20 tentano il suicidio (WHO, 2014). Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità

Gli antecedenti del suicidio nei giovani
Psichiatria Psicologia

Gli antecedenti del suicidio nei giovani

Il suicidio è considerato un grande problema di salute pubblica; è causato da aspetti psicologici, sociali, economici, biologici e culturali (Barrio, 2007).   Il suicidio colpisce tutte le fasce d’età e, sebbene nel mondo le statistiche durante l’infanzia siano più basse, recentemente sono aumentate, provocando scalpore per la tragicità dell’evento.

“13 Reasons Why” e autolesionismo tra gli adolescenti
Psichiatria Psicologia

“13 Reasons Why” e autolesionismo tra gli adolescenti

Uno studio molto recente (Sinyor et al., 2021) ha analizzato possibili cambiamenti nella frequenza delle visite nei reparti di emergenza per suicidio o autolesionismo da parte di adolescenti e giovani adulti nei mesi successivi al rilascio della prima stagione della serie tv Tredici.   Il 31 Marzo del 2017, su

Il suicidio: ricerche e best practice (2021) di Giacinto D’Urso – Recensione del libro
Psicologia

Il suicidio: ricerche e best practice (2021) di Giacinto D’Urso – Recensione del libro

Un libro scritto da un amante della ricerca e dello studio della psicologia che fornisce un notevole contributo alla conoscenza di una problematica che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, causa annualmente circa 800.000 decessi nel mondo: il suicidio.   L’autore dell’opera è il Dott. Giacinto D’Urso, un esperto nel settore

Uno psicoanalista sul cammino di Santiago (2021) di Carlo Arrigone – Recensione del libro
Psicologia

Uno psicoanalista sul cammino di Santiago (2021) di Carlo Arrigone – Recensione del libro

Nel libro Uno psicoanalista sul cammino di Santiago, per il dilagante vissuto depressivo che sembrava aver attanagliato l’intera comunità dopo il suicidio di Stella, Carlo decide di partire per il Cammino di Santiago di Compostela.   Il dolore deve essere liberato, la tristezza deve trovare le sue lacrime, la paura deve trovare

Il tragico dilemma del narcisista – REPORT dell’intervento del Prof. Gabbard al Convegno Internazionale di Suicidologia e Salute pubblica, XIX Edizione
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Il tragico dilemma del narcisista – REPORT dell’intervento del Prof. Gabbard al Convegno Internazionale di Suicidologia e Salute pubblica, XIX Edizione

Spesso si tende a pensare che un soggetto con disturbo narcisistico di personalità passi la vita a creare disagio all’altro, quando in realtà il disagio permea nella sua struttura ed essenza. Il Prof. Glen Gabbard ha trattato questa difficile tematica e la relazione tra narcisismo e suicidio.    Comunemente si pensa

Contraccettivi orali: la loro assunzione può incrementare il rischio di suicidio nelle giovani donne?
Psichiatria Psicologia

Contraccettivi orali: la loro assunzione può incrementare il rischio di suicidio nelle giovani donne?

Circa il 20% delle donne tra i 15 e 29 anni ha fatto uso di contraccettivi orali tra il 2015 ed il 2017 (Daniels & Daugherty, Abma, 2018).   Nonostante siano efficaci nel prevenire le gravidanze ed alleviare i sintomi mestruali (Oinonen & Mazmanian, 2002), non sono privi di potenziali

La percezione del tempo nei pazienti a rischio suicidario
Psichiatria Psicologia

La percezione del tempo nei pazienti a rischio suicidario

Nonostante decenni di ricerca, i tassi di suicidio al giorno d’oggi continuano ad aumentare.   Una prevenzione efficace del suicidio viene spesso ostacolata dalla limitata comprensione della neurobiologia e della storia del processo suicidario. Difatti, la durata di quest’ultimo, e dunque del tempo disponibile per l’intervento, ha un grande impatto

Giocare a videogiochi violenti può influenzare la tolleranza al dolore e ridurre la paura verso la morte?
Psicologia

Giocare a videogiochi violenti può influenzare la tolleranza al dolore e ridurre la paura verso la morte?

Se l’esposizione ripetuta a stimoli che generano paura porta assuefazione ed una maggiore capacità di attuare tentativi di suicidio; allo stesso modo, l’esposizione ripetuta a videogiochi violenti, aumenta la desensibilizzazione sottostante, e quindi il comportamento aggressivo autodiretto.   Secondo la teoria interpersonale-psicologica del suicidio (IPTS; Joiner, 2005), il desiderio di

Terapia Dialettico-Comportamentale (DBT) e Autismo: implicazioni future
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Terapia Dialettico-Comportamentale (DBT) e Autismo: implicazioni future

Il Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) e il Disturbo Borderline di Personalità (BPD) condividono molte caratteristiche, tra cui i gesti autolesivi e i comportamenti suicidari. Quale effetto ha la Terapia Dialettico-Comportamentale (DBT) nel prevenire questo genere di condotte in pazienti con ASD?   Molte persone con Disturbo dello Spettro Autistico

Terapia cognitivo comportamentale breve per la prevenzione del suicidio (2021) di Craig J. Bryan e M. David Rudd – Recensione
Psichiatria Psicoterapia

Terapia cognitivo comportamentale breve per la prevenzione del suicidio (2021) di Craig J. Bryan e M. David Rudd – Recensione

In Italia ogni anno circa 4.000 persone si suicidano. Se consideriamo i tentativi di suicidio e i comportamenti autolesivi ci rendiamo immediatamente conto di quanto il problema sia rilevante; Terapia cognitivo comportamentale breve per la prevenzione del suicidio affronta proprio queste tematiche.   Dagli studi compiuti, sono emerse diverse tendenze nei trattamenti

La clinica e l’economia comportamentale verso un obiettivo comune: la prevenzione del suicidio
Psicologia

La clinica e l’economia comportamentale verso un obiettivo comune: la prevenzione del suicidio

La prevenzione del suicidio ha dinanzi a sé innumerevoli ostacoli, come la scarsa tendenza alla ricerca di un trattamento e la discutibile accuratezza dei metodi di auto-rivelazione (King et al., 2015).   Al fine di poter superare le suddette problematiche, l’utilizzo di strategie e tecniche proprie dell’economia comportamentale potrebbe rappresentare

State of Mind © 2011-2023 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario