Ritorna Psicologia Film Festival (PFF) di Torino: Sister, di Ursula Meyer

Torna nell'edizione 2013 il PFF - Psicologia Film Festival di Torino con la proiezione di martedì 22 ottobre alle Officine Corsare.

ID Articolo: 35744 - Pubblicato il: 21 ottobre 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Ricomincia martedì 22 ottobre lo Psicologia Film Festival di Torino con la proiezione di Sister (2012). Sister 2012 - PFF

 


 

Sister (2012)

Recensione.Regia: Ursula Meier, Orso d’argento a BerlinoConsigliato dalla Redazione

Sister 2012 - PFF

Sister: “Il bambino abbandonato e la sua ferocia dolente”. Simon e Louise sono due personaggi tragici che vivono un mondo ai confini della strada, desolato e solitario, dove non c’è speranza di riscatto. (…)

Tratto da: State of Mind

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Cinema

The Gambler, il giocatore d’azzardo – Recensione
Psicologia

The Gambler, il giocatore d’azzardo – Recensione

The Gambler è considerato un remake di un film degli anni Settanta dallo stesso titolo originale, conosciuto in Italia come “40.000 dollari per non morire”.   La prima versione del film, famoso successo americano di Karel Reisz del 1974, è apprezzata per l’ottima performance del protagonista, James Caan, massicciamente lodata

“C’era una volta…” Il rescripting e il cinema di Tarantino
Cultura Psicoterapia

“C’era una volta…” Il rescripting e il cinema di Tarantino

 Attenzione! L’articolo può contenere spoiler Quando uno scenario doloroso si modifica tramite imagery rescripting, il corpo si riorganizza e lo stesso accade a me mentre vedo che dopo tanto dolore, sofferenze ed ingiustizie, finalmente i protagonisti dei film di Tarantino ottengono il loro riscatto. Si suggerisce l’ascolto di Son of

Vero come la finzione: l’accettazione e il disturbo ossessivo-compulsivo
Psicologia

Vero come la finzione: l’accettazione e il disturbo ossessivo-compulsivo

Nel film Vero come la finzione non viene specificato se il protagonista soffra effettivamente di un disturbo ossessivo-compulsivo ma sicuramente i meccanismi della sua mente svelano una moderata rigidità mentale che nel tempo diviene parte integrante del suo modo di essere. Sharon Vitarisi – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Milano

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni

Quali sono i processi che porteranno Anakin Skywalker ad un punto di rottura? Cosa contribuisce alla manifestazione sintomatica di questo personaggio, caratterizzata dal passaggio al lato oscuro? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 14) Anakin Skywalker Introduzione Verrà di seguito analizzato il personaggio di Anakin Skywalker da un punto di vista

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni

La storia di Aladdin è ambientata nel lontano oriente, in una città fantastica di nome Agrabah. Un luogo incantato, dalle mille tentazioni, prima tra tutte quella di cedere alla magia per poter raggiungere i propri scopi. Ma a che prezzo? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 10) Aladdin   Il nostro

Piccole donne: ritratto della condizione femminile e delle sue sfide sempre attuali nella società odierna
Cultura Psicologia

Piccole donne: ritratto della condizione femminile e delle sue sfide sempre attuali nella società odierna

Piccole donne è il nuovo adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta nel 1868.   Attenzione – L’articolo può contenere spoiler Diretto da Greta Gerwig, narra la storia delle sorelle March sullo sfondo della Guerra Civile Americana. Protagoniste sono Meg (Emma Watson), Jo (Saoirse Ronan), Amy (Florence Pugh) e

Sorry we missed you (2019) – Recensione del film
Attualità Psicologia

Sorry we missed you (2019) – Recensione del film

Sorry we missed you mostra un meccanismo perverso, dove la trappola si nasconde proprio in quel rapporto di lavoro non dipendente, spacciato appunto per autonomo, dove si viene illusi di essere padroni del proprio destino, ma in realtà non si è padroni di nulla, solo inghiottiti da una spirale senza

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni

28 Giorni è una commedia drammatica degli anni 2000 che tratta principalmente il tema della dipendenza (alcolismo e tossicodipendenza) La protagonista è l’attrice Sandra Bullock nella veste di Gwen, scrittrice di successo che ama vivere la vita superando i limiti, perdendosi nella città di Newyork per locali, tra una festa e l’altra.

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni
Psicoterapia

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni

‘I, Tonya’ è un recente film di Craig Gillespie, vincitore di un premio Oscar, che narra la storia biografica di Tonya Maxine Harding, famosa ex pattinatrice olimpica statunitense. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 8) Tonya Harding   Le vicende di vita raccontate ripercorrono un lungo arco temporale, dai 4 ai

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni

Hercules è un famoso film d’animazione della Walt Disney, distribuito nelle sale cinematografiche di tutto il mondo nel 1997. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 7) Hercules   Si tratta di uno dei più amati e conosciuti classici Disney; il primo ispirato alla cultura e mitologia greca, che ne esplora i

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni

Il Castello di Vetro è un film tratto dall’autobiografia di Jeannette Walls, giornalista e scrittrice americana. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 6) Il Castello di Vetro   Anni ’60, Jeannette, seconda di 4 fratelli, nasce in una famiglia a dir poco naïf che vive alla giornata spostandosi di stato in

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni

Frozen – Il regno di ghiaccio è un film d’animazione (2013) diretto da Chris Buck e Jennifer Lee, prodotto dalla Walt Disney Pictures Studios. Le prime scene inquadrano la relazione protettiva e sicura presente tra le due principesse, le quali si differenziano per la vivacità, noncuranza delle regole e iperattività di

Distanze ravvicinate – Nel film “Storia di un matrimonio” un’introspezione sulla distanza nel processo di separazione
Psicologia

Distanze ravvicinate – Nel film “Storia di un matrimonio” un’introspezione sulla distanza nel processo di separazione

Storia di un matrimonio, il film vincitore del Leone d’oro a Venezia, come un’introspezione che pone la metafora spaziale della “distanza” al centro del processo di separazione.   C’è una scena, minuta e quasi insignificante, una manciata di fotogrammi piazzati dopo nemmeno un quarto d’ora dall’inizio del film, che forse

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni

Edward mani di forbice, solitario ma in cerca di amore, fragile e allo stesso tempo forte…forse c’è un piccolo Edward è in ognuno di noi? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 3) Edward mani di forbice   Una volta, tanti e tanti anni fa, viveva in quel castello un inventore e

Harry Potter – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Harry Potter – La LIBET nelle narrazioni

Tutti lo conoscono, o quanto meno lo hanno sentito nominare almeno una volta. E’ il mago più famoso del mondo, ed ha solo 11 anni: Harry Potter. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 2) Harry Potter   La fama di Harry lo precede per via del suo passato. Il piccolo mago

A star is born: a (New) love is born?! – Lettura sistemica del film
Attualità Psicologia

A star is born: a (New) love is born?! – Lettura sistemica del film

Are you happy in this modern world? Una domanda, una sfida, perché chiedersi se si è felici dentro un mondo che ci suona stonato, costituto da assetti comportamentali stretti, a ridosso di aspettative ed apparenze, risulta essere un atto abbastanza complesso. Attenzione! L’articolo contiene spoiler   La felicità, se esiste,

Stelle sulla terra (2007) storia di creatività dislessica
Psicologia

Stelle sulla terra (2007) storia di creatività dislessica

Le persone con dislessia sembrano possedere un pensiero divergente e meno veicolato da schemi formali e rigidi, che favorisce il potenziale creativo. Non tutti però riescono a mettere a frutto le proprie potenzialità. E’ importante aiutare il bambino dislessico sia a prevenire problemi scolastici, emotivi e comportamentali, sia ad accrescere

La storia di Arthur Fleck: dalla ricerca di un’identità alla nascita di Joker
Cultura Psicologia

La storia di Arthur Fleck: dalla ricerca di un’identità alla nascita di Joker

Il Joker di Joaquin Phoenix è una persona comune, con le sue debolezze e i cui disagi fisico-psicologici diventano il riflesso di una società malata, ipocrita e violenta, sempre più preda del degrado e della disuguaglianza sociale. Nodo centrale di tutto il film è la metamorfosi del protagonista, da reietto a killer spietato, innescata dal dolore e dal

Joker (2019): il mostro creato dal nuovo decadentismo insito nelle società moderne
Cultura Psicologia

Joker (2019): il mostro creato dal nuovo decadentismo insito nelle società moderne

Tra i supereroi più famosi della storia del fumetto, Batman è l’unico a non avere veri e propri super poteri. Il suo vero potere è la ricchezza economica messa a servizio della giustizia e quindi della lotta al crimine. Allo stesso modo il suo nemico storico, Joker, non è un

Martin Eden (2019): la lotta tra autodeterminazione e autodistruzione – Recensione psicologica del film
Cultura Psicologia

Martin Eden (2019): la lotta tra autodeterminazione e autodistruzione – Recensione psicologica del film

Martin Eden (2019) ispirato all’omonimo romanzo di Jack London racconta della lotta tra l’autodeterminazione e l’autodistruzione; povero e orfano, il protagonista cresce in condizioni precarie, lotta per la sopravvivenza, accettando ogni lavoro denigrante e infine abbandona precocemente la scuola perché la povertà non gli consente di proseguire gli studi.  

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario