expand_lessAPRI WIDGET

Inside Out 2 – Tra autodeterminazione e cambiamento

Con Inside Out 2 torniamo nella mente di Riley e scopriamo la rivoluzionaria fase della pubertà e l'entrata in scena di nuove emozioni

Di Maurilio Verdesca

Pubblicato il 27 Giu. 2024

Inside Out 2: non solo un film d’animazione per bambini

Solitamente non guardo i film più di una volta, se non a distanze temporali degne d’oblio, tuttavia, Inside Out 1 è stata una eccezione: negli anni l’ho rivisto, ripensato, utilizzato e discusso abbondantemente in diversi interventi di psicoeducazione. Potrebbe sembrare un film d’animazione per bambini ma, a mio parere, non è questo il suo (primario) intento.

Tutte le volte che mi trovavo a guardare il primo capitolo di Inside Out – in maniera analoga a quanto accadutomi con il sequel – mi trovavo a ripetere tra me e me: “Perché non farne oggetto di cineforum ed approfondimenti universitari?”. Il modello della mente proposto nel film si dimostra in linea con le moderne intuizioni delle neuroscienze affettive, con il taglio teorico cognitivo-evoluzionista ed il concetto di Sistemi Motivazionali Interpersonali, accordandosi con gli interventi focalizzati sulle emozioni e con i recenti contributi sulla embodied cognition (Farina & Liotti, 2018; Liotti & Cortina, 2009; Liotti, Fassone & Monticelli, 2017; Onofri, 2018; Panksepp, 1998; ad es. Jhonson & Campbell, 2021;). In Inside Out 2 ci ho visto molto altro, persino un riferimento esplicito al FACS e alle microespressioni facciali tanto care a Paul Ekman – ma andiamo per gradi (Ekman & Friesen, 1978;) 

In questa edizione, c’è dell’altro che bolle in pentola, e questo altro, come in un thriller mozzafiato, mi ha ipnotizzato, divertito, meravigliato e commosso, tenendomi incollato sulla poltrona del cinema; il mio motto interiore – pressoché costante – era un po’: WOW (Keltner, 2015;); era come rivedere Art Attack, per quanto mi riguarda, un vero e proprio salto indietro nel tempo, in perfetto stile regressivo. 

Gli affetti, l’embodied cognition e la coerenza del senso di sé in Inside Out

Anzitutto, in Inside Out 2 si esplicita – a scanso di equivoci – come le emozioni, tutte, abbiano un ruolo funzionale ed uno scopo adattivo; è un po’ come se, durante la visione, ci si sentisse validati nella propria esperienza soggettiva. Mi sono ritrovato a pensare incessantemente alle teorie di Allan Schore (2000; 2009) e di Daniel Hill (2015), in particolare circa il ruolo del corpo-mente nella regolazione degli affetti e delle emozioni (Ardovini, 2005). La visione delle emozioni, qui proposta, permette di comprendere bene come l’intento del corpo sia quello di marcare somaticamente, momento per momento, il nostro ambiente interno ed esterno (Damasio, 1996; Stern, 1985; 2005). D’altronde, già Freud (1922), scriveva che “L’Io è innanzitutto un’entità corporea”. 

Sin dai primi minuti del film viene introdotto poi il concetto del sistema di credenze, cristallizzate nella mente di Riley, la protagonista; esse vengono presentate come una sorta di convinzioni innervate e profonde, intrecciate con il sistema dei valori, dette isole della personalità.

A partire dal concetto di core beliefs emergerebbe il senso di sé, proposto allo spettatore come una struttura nucleare, fondante la personalità e dotata di un gradiente dinamico, plastico – che offre un margine di apprendimento e, potenzialmente, di (costoso) cambiamento.

Il senso di sé, di cui si parla essendo di matrice interpersonale, emerge nel soggetto sotto forma di pensieri taciti, procedurali, preverbali, che parlano un linguaggio edonico – di pancia diremmo oggi; solo talvolta essi acquisiscono forme preconsce e verbalizzabili, alla stregua di pensieri automatici e di aspettative, ad es. “sono una brava persona”. (Beck 1976; Stern, ibidem; Beebe & Lachmann, 2014; Bowlby, 1989; Liotti, 2005; Ginot, 2015; Neisser, 1978;  Weiss, 1998;).

Il film tratteggia bene la duplice prospettiva sulla natura umana (La Rosa & Onofri, 2018;). Quella bottom-up (più cara alle recenti teorie di terza ondata ed alle dinamiche, gestaltiche ed umanistiche) e quella top-down (associata soprattutto alle prime ondate delle correnti cognitive e comportamentali). 

Per la prima volta i personaggi di Inside Out 2 – percorrendo il flusso di coscienza – giungono nelle segrete dell’inconscio e utilizzano espressamente il termine “negazione riferendosi alla esclusione difensiva di contenuti cognitivo-affettivi (ad es. di natura erotica), resi inaccessibili per la coerenza e la salvaguardia del sé. Non a caso, a vigilare e censurare incessantemente l’ordine della mente vi sono i corpi di polizia mentale. Tra gli altri sistemi di difesa mentali ad es. emerge lo humor che, talvolta, con l’ausilio di Noia assume i tratti di un dirompente sarcasmo (Lingiardi, 2006). 

Teoria della Mente, Mentalizzazione e Metacognizione in Inside Out

Assume rilievo, ancora, il tema della famiglia che incarna le costanti della base sicura sufficientemente buona (Bowlby, ibidem; Winnicott, 2004;); in particolare, all’interno del secondo episodio, la funzione familiare pare settata più sul polo esplorativo, promuovendo l’autodeterminazione di Riley.  
 
Puntualmente gli scenari proposti paiono rimandare al costrutto di Teoria della Mente, facendo sì che lo spettatore riesca ad afferrare l’idea che ogni essere umano possegga un impianto altrettanto simile e complesso a quello della mente di Riley (ad es. il focus sulla mente di sua madre e di suo padre). Il concetto che gli autori paiono evidenziare è che una miriade di altrettante emozioni, desideri, scopi e conflitti si agitino in ogni vivente, rendendo di fatto tangibile la complessità relazionale entro cui – in quanto esseri umani – siamo innestati (Baron-Cohen, 1997; Farina & Liotti, ibidem). 

La madre di Riley, ora, deve essere in grado di distanziarsi progressivamente dalla sua prospettiva, incontrando la mente della figlia (Fonagy & Allison, 2013); per farlo, è necessario che ricorra alle proprie capacità metacognitive, monitorandosi, autoregolandosi e smussando alcuni moti di iperprotettività (Semerari, 2015; Dimaggio, 2019).  

Un cenno, insomma, al concetto di mentalizzazione e alla universalità delle emozioni, quale linguaggio comunicativo innato (Fonagy, ibidem; Ekman, ibidem; Semerari, ibidem; De Luca, Mazza & Gazzillo, 2017). 

La resistenza al cambiamento e le emozioni secondarie in Inside Out

Con l’arrivo della pubertà, i piccoli protagonisti colorati che personificano le emozioni – in preda allo scompenso – si contendono la coscienza di Riley, simbolicamente rappresentata da una console. Il comando di quest’ultima diviene motivo di caotici conflitti e improvvisi dirottamenti. Lo scopo è sempre lo stesso: la protezione, il mantenimento della safety adattiva di Riley nei confronti dei cambiamenti. L’esito di ciò conduce a una rigida e ostinata resistenza al cambiamento, che lentamente pone Riley in scacco matto (Florita, 2011; Podolan & Gelo, 2023; Gazzillo, Leonardi & Bush, 2021;).  
 
I nuovi alters emotivi, introdotti in questa edizione, sono Imbarazzo, Noia, Invidia e Ansia. Nel loro animarsi si nota come ad es. Invidia spinga Riley verso un sano narcisismo, portandola a desiderare stima e ad ambire autoaffermazione. In maniera altrettanto accurata, viene introdotta Ansia che, tra le emozioni menzionate, è forse quella maggiormente caratterizzata ed esplorata; mettendo bene in evidenza come, di concerto ai processi cognitivi (ad es. la pianificazione), essa sia necessaria nei processi di decision-making e durante le prestazioni di Riley. Una rappresentazione dell’ansia a tutto tondo e non come ingenuamente patogena. All’ansia dunque – un po’ come avveniva per Tristezza nella precedente edizione – viene riconosciuto il suo ruolo adattivo, a patto che essa sia gestita entro certi limiti – a conferma della nota curva a campana proposta da Yerkes e Dodson (1908); limiti che nella parte finale del film vengono superati, impattando negativamente su Riley e sul suo senso di sé, che ne risulta disorientato, disregolato e paralizzato, in preda al turbine di dubbi e insicurezze, innescate da Ansia, la quale, in maniera opprimente, monopolizza mente e corpo di Riley, isolandola dalla restante esperienza emotiva.  
 
Via via Emozioni e Pensieri s’agitano, riverberando tra loro, in una forza centrifuga dalla quale svincolarsi diviene compito arduo. Il panico e la confusione crescono. La protagonista, allora, accettando di farsi attraversare da queste sensazioni implosive e parossistiche, pare dilatare spazio e tempo di manovra, trovando nel proprio respirare un’ancora di salvezza all’interno della tempesta – analogamente a quanto accade nelle tecniche basate sulla mindfulness e, più in particolare, nell’ACT (Hayes, 1999; Semerari, ibidem).  

A questo movimento interiore di accettazione, vale a dire, alla difficile scelta di mollare il controllo corrisponde un globale movimento di flessibilità e di apertura al cambiamento; le emozioni, infatti, negli ultimi minuti del film, simbolicamente si alleano, rinunciando al potere e alla competizione e perseguendo una sorta di scopo cooperativo, che apre a un senso di sé armonico ed integrato, portando alla luce la compassione e l’empatia (Gilbert, 2019; Jhonson & Campbell, ibidem).   

La gamma emotiva di Riley ne risulta espansa, al contempo, il nucleo della personalità, prima rigido e in continuo pericolo, ora, ne risulta più sfaccettato e flessibile. All’unisono gli alters emotivi asseriscono: Amiamo tutto della nostra ragazza, ogni caotica meravigliosa parte di lei”. 

Infine, molto altro vi sarebbe da scrivere, ad es. sul tema della (meta)vergogna, sul rapporto tra emozioni e pensieri, sul terreno in comune tra cognitivismo e psicoanalisi, sulla riscrittura mnemonica relazionale-implicita, sulle psicoterapie corporee ed esperienziali – a testimonianza del grande potenziale che movimenta questa opera (ad es. Bucci, 1997; Migone & Liotti, 2018; Dimaggio, ibidem; Ginot, ibidem; Van Der Kolk, 2020;).  

Inside Out e il cambiamento che (per)turba

Se il vero protagonista di Inside Out 2 sono le emozioni, a mio parere, a farne il ruolo di antagonista è invece il tema del cambiamento – inteso come crescita. L’apparente stabilità che rassicura, il mutamento che (per)turba (ad es. Verdesca 2018a; 2018b; 2022).

Il film rimarca la sfida della autodeterminazione e, nel farlo, narra di una fase evolutiva fisiologicamente rivoluzionaria, quella della pubertà.

In essa, le emozioni e il corpo, loro teatro e mezzo d’azione, scrivono storie segrete, che assomigliano ai moti del mare. Quieti e tempeste, luci e ombre, superfici e profondità si reggono su un equilibrio dinamico, a prima vista alieno.  

Inside Out 2, parla di tutte queste cose e, nel farlo, abbraccia una narrazione di stampo allegorico, che assume sembianze oniriche; un sogno che è possibile decifrare, ma dal quale destarsi risulta impossibile perché quel sogno – come una macchia di Rorschach – parla di te. 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Ardovini, C. (2005). Intersoggettività, attaccamento e regolazione delle emozioni. PSICOBIETTIVO, (2005/2). 
  • Baron-Cohen, S. (1997). Mindblindness: An essay on autism and theory of mind. MIT press. 
  • Beck, A. T. (1976). Principi di terapia Cognitiva (edizione 1984). Roma: Astrolabio. 
  • Beebe, B., & Lachmann, F. M. (2014). The origins of attachment. Routledge.[JSC]. 
  • Bowlby, J. (1989). Una base sicura: applicazioni cliniche della teoria dell’attaccamento. Cortina. 
  • Bucci, W. (1997). Psychoanalysis and cognitive science: A multiple code theory. Guilford Press. 
  • Damasio, A. R. (1996). The somatic marker hypothesis and the possible functions of the prefrontal cortex. Philosophical Transactions of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, 351(1346), 1413-1420. 
  • De Luca, E., Mazza, C., & Gazzillo, F. (2017). La centralità dell’adattamento: Emozioni primarie, funzionamento motivazionale e moralità tra neuroscienze, psicologia evoluzionistica e control mastery theory. Rass. Psicol, 36, 41-49. 
  • Dimaggio, G. (2019). Corpo, immaginazione e cambiamento: Terapia metacognitiva interpersonale. R. Cortina. 
  • Ekman, P., & Friesen, W. V. (1978). Facial action coding system. Environmental Psychology & Nonverbal Behavior. 
  • Farina, B., & Liotti, G. (2018). La svolta relazionale in psicoterapia cognitiva: origini e prospettive della psicoterapia cognitivo-evoluzionista. Quaderni di Psicoterapia Cognitiva, (2018/42). 
  • Fiorenza, E., Santodoro, M., Dazzi, N., & Gazzillo, F. (2023, April). Safety in control-mastery theory. In International Forum of Psychoanalysis (Vol. 32, No. 2, pp. 93-104). Routledge. 
  • Florita, M. O. (2011). L’intreccio: neuroscienze, clinica e teoria dei sistemi dinamici complessi.
  • Fonagy, P., & Allison, E. (2013). What is mentalization?: The concept and its foundations in developmental research. In Minding the child (pp. 11-34). Routledge.
  • Freud S. (1922), L’Io e l’Es, in OSF, vol. 9, Bollati Boringhieri, Torino
  • Gazzillo, F., Leonardi, J., & Bush, M. (2021). Pathological worry and rumination according to control-mastery theory. Psychoanalytic Psychology, 38(4), 254.
  • Gilbert, P. (2019). Psychotherapy for the 21st Century: An integrative, evolutionary, contextual, biopsychosocial approach. Psychology and Psychotherapy: Theory, Research and Practice, 92, 164–189.
  • Ginot, E. (2015). The Neuropsychology of the Unconscious: Integrating Brain and Mind in Psychotherapy (Norton Series on Interpersonal Neurobiology). WW Norton & Company.
  • Hayes, S. C., Strosahl, K. D., & Wilson, K. G. (1999). Acceptance and commitment therapy (Vol. 6). New York: Guilford press.
  • Hill, D. (2015). Affect Regulation Theory: A Clinical Model (Norton Series on Interpersonal Neurobiology). WW Norton & Company.
  • Johnson, S. M., & Campbell, T. L. (2021). A primer for emotionally focused individual Therapy (EFIT): Cultivating fitness and growth in every client. Routledge.
  • Keltner, D. (2023). Awe: The Transformative Power of Everyday Wonder. Random House.
  • La Rosa, C., & Onofri, A. (2017). DAL BASSO IN ALTO (e ritorno…): Nuovi approcci bottom up: psicoterapia cognitiva, corpo, EMDR [FROM BOTTOM UP (and back…): New bottom up approaches: Cognitive psychotherapy, body, EMDR]. Roma: Edizioni Apertamenteweb.
  • Lingiardi, V. (2006). Meccanismi di difesa. In Dizionario storico di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze (pp. 323-329). Einaudi.
  • Liotti, G. (2005). La dimensione interpersonale della coscienza. Roma: Carocci.
  • Liotti, G., & Cortina, M. (2009). Il volto dell’altro: emozioni e genesi della coscienza. Ricerca Psicoanalitica, 20(1), 47-62.
  • Migone, P., & Liotti, G. (2018). Psicoanalisi e psicologia cognitivo-evoluzionista: un tentativo di integrazione. Psicoterapia e Scienze Umane, 52(2), 249-290.
  • Neisser, U. (1978). Perceiving, anticipating, and imagining.
  • Onofri, A. (2018). Le emozioni come realtà biologiche a base innata. PSICOBIETTIVO, (2018/3).
  • Panksepp J. (1998) Affective Neuroscience: The Foundation of Human and Animal Emotions. Oxford University Press,Oxford.
  • Podolan, M., & Gelo, O. C. (2023). The functions of safety in psychotherapy: an integrative theoretical perspective across therapeutic schools. Clinical neuropsychiatry, 20(3), 193.
  • Schore, A. N. (2000). Attachment and the regulation of the right brain. Attachment & human development, 2(1), 23-47.
  • Schore, A. N. (2009). Right-brain affect regulation. The healing power of emotion, 112-144.
  • Semerari, A. (2015). Storia, teorie e tecniche della psicoterapia cognitiva. Gius. Laterza & Figli Spa.
  • Siegel, D. J. (2019). The mind in psychotherapy: An interpersonal neurobiology framework for understanding and cultivating mental health. Psychology and Psychotherapy: Theory, Research and Practice, 92(2), 224-237.
  • Stern D. (1985) Il mondo interpersonale del bambino trad. it., Boringhieri, Torino, 1987.
  • Stern D. (2004) Il momento presente trad. it., Raffaello Cortina Editore, Milano, 2005.
  • Van der Kolk, B. (2020). Il corpo accusa il colpo: mente, corpo e cervello nell’elaborazione delle memorie traumatiche. Raffaello Cortina Editore.
  • Verdesca, M. (2018b). A partire dai contributi di Imbasciati: alcune considerazioni sulla psicoterapia come progressivo apprendimento in PsicoPuglia vol.22, pp.68-71, Notiziario dell’Ordine degli Psicologi della Puglia
  • Verdesca, M. (2018a). Teoria dei sistemi dinamici un framework metateorico per la psicoterapia? in PsicoPuglia. vol.22, pp.277-281, Notiziario dell’Ordine degli Psicologi della Puglia
  • Verdesca, M. (2022), Il cervello ha una mente propria (2022): una mappa (meta)teorica per le psicoterapie – Recensione, State of Mind.
  • Weiss, J. (1998). Patients’ unconscious plans for solving their problems. Psychoanalytic Dialogues, 8(3), 411-428.
  • Winnicott, D. W. (2004). La distorsione dell'Io in rapporto al vero e falso Sé. Psicoanalisi dello sviluppo: brani scelti.-(Collana medico psico pedagogica), 1000-1013.
  • Yerkes, R. M., & Dodson, J. D. (1908). The relation of strength of stimulus to rapidity of habit-formation.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Inside Out - Tristezza
Inside Out & la valenza positiva della tristezza

Non un elogio, ma un’apologia della tristezza che esamina in profondità il suo significato più autentico, ossia l’elaborazione di un evento spiacevole.

ARTICOLI CORRELATI
Vortex: uno sguardo introiettato al divenire della terza età – Recensione del film

Nel film Vortex, Gaspar Noé offre una rappresentazione nuda e cruda della terza età, della solitudine e dell'incapacità di costruire una necessaria inclusività

It follows: quando l’horror parla alle angosce giovanili – Recensione

Nell’opera di Robert Mitchel il contatto con la paura diventa un espediente per esplorare la vulnerabilità umana nei confronti della morte

cancel