‘Ma che colpa abbiamo noi’: le nostre scelte musicali? Nel bene o nel male, merito dei nostri genitori

Le canzoni che hanno segnato i ricordi dei nostri genitori, hanno per noi lo stesso impatto emotivo delle canzoni ascoltate nella nostra adolescenza.

ID Articolo: 111702 - Pubblicato il: 03 luglio 2015
‘Ma che colpa abbiamo noi’: le nostre scelte musicali? Nel bene o nel male, merito dei nostri genitori
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

La musica considerata più nostalgica sembra quella ascoltata negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in quanto evocatrice di ricordi autobiografici: gli autori hanno chiamato questo picco di nostalgia Reminescence Bump. Ma c’è di più…

Vi è mai capitato di ritrovare, a distanza di anni, una vostra vecchia audiocassetta e di provare ad ascoltarla? Quasi sicuramente vi sarà scesa una lacrima dovuta non tanto alla consapevolezza di non avere più 13 anni, quanto alla vergogna provata per il tipo di musica che ascoltavate quando eravate pre-adolescenti! Eppure le corde vocali partono in automatico e vi ritrovate, quasi fosse un duetto con il vostro cantante preferito d’allora, a cantare a squarciagola il ritornello (giurando a voi stessi che nessuno saprà mai quel che sta accadendo). Stessa cosa succede ai matrimoni: tutti timorosi e imbarazzati, fin dalle prime note, all’idea di dover ballare eppure, nel momento in cui il dj mette I will survive, non resistete ad alzarvi dalla sedia e a scatenarvi con gli sposi in pista!

Messaggio pubblicitario Gli psicologi hanno studiato i meccanismi di questa nostalgia musicale e hanno fatto delle interessanti scoperte. In uno studio del 2013 sono stati reclutati 62 soggetti, età media 20 anni, e sono stati fatti loro ascoltare pezzi delle hit musicali di ogni anno, dal 1955 al 2009. E’ stato poi chiesto quale canzone avesse suscitato loro una maggiore sensazione di nostalgia.

Ovviamente la musica considerata più nostalgica era quella ascoltata negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in quanto evocatrice di ricordi autobiografici: gli autori hanno chiamato questo picco di nostalgia Reminescence Bump.

Ma non è tutto: la scoperta più sorprendente è che altri picchi di Reminescence Bump si sono registrati per le canzoni degli anni 60 e dei primi anni 80, prima ancora della nascita dei soggetti. I ricercatori spiegano questo fenomeno, indicato col nome Cascading Reminiscence Bumps, alla luce di una trasmissione transgenerazionale: le canzoni che hanno segnato la giovinezza dei nostri genitori e, forse, anche dei nostri nonni possono avere per noi lo stesso impatto nostalgico delle canzoni ascoltate durante la nostra adolescenza. In fin dei conti siamo cresciuti con dei genitori che ascoltavano o canticchiavano davanti a noi alcuni ritornelli, anche quelli possono dirsi dei piacevoli ricordi.

I genitori, mentre allevavano noi fanciulli, hanno dunque contribuito alla nostra formazione musicale? Qual è invece la spiegazione del picco degli anni 60? Si è propensi a credere che, nella trasmissione delle preferenze musicali, vi sia anche una influenza nonni-genitori-figli. Tuttavia, non avendo in realtà studiato l’effettiva influenza dei nonni in questa trasmissione, i ricercatori hanno avanzato anche un’altra spiegazione: la musica degli anni 60 è stata sempre considerata di qualità superiore e, quindi, i brani di quel periodo sono rimasti nel repertorio popolare guadagnandosi lo status di evergreen o classic rock e dunque una maggiore diffusione via radio.

E così, proprio come la nostalgia porta a una maggiore nostalgia, allo stesso modo la popolarità porta ad ulteriore popolarità: siamo condannatti a ballare I will survive anche ai matrimoni dei nostri nipoti?

Per saperne di più sull’argomento, vi rimando alla lettura dell’articolo consigliato…capirete che, se i vostri amici criticano tanto la musica che ascoltate, è solo colpa dei vostri genitori! Nel frattempo però pensate anche alla vostra canzone preferita, siete proprio sicuri di volerla cantare davanti ai vostri figli?

 

“… Baby, One More Time” is not a good song. You could make a convincing argument, in fact, that it is an actively terrible song: devoid of musical merit, underdeveloped, overproduced, eroding our collective IQs one oh, baby, baby at a time—a notable roadblock, basically, on humanity’s long march toward the hazy destination of Progress. And yet: I love “… Baby, One More Time”

I nostri gusti musicali? Nel bene o nel male, merito dei nostri genitoriConsigliato dalla Redazione

'Ma che colpa abbiamo noi' le nostre scelte musicali? Nel bene o nel male, merito dei nostri genitori - Immagine: 84432422
Le canzoni che hanno segnato la giovinezza dei nostri genitori e, forse, anche dei nostri nonni possono avere per noi lo stesso impatto nostalgico delle canzoni ascoltate durante la nostra adolescenza. (…)

Tratto da: The Atlantic

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli Articoli di State of Mind su Musica

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET
Psicologia Psicoterapia

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET

In ottica LIBET, Rocketman risulta estremamente interessante per la presenza di tutti gli aspetti del modello: ambiente familiare e costrutti infantili, lo sviluppo e la stabilizzazione di un tema di vita, un evento invalidante che rafforza e irrigidisce i piani, fino ad arrivare allo sviluppo di una motivazione alla terapia,

Una musica puo’ fare… In gravidanza – L’uso della musica nella riduzione di ansia e stress nelle donne incinte
Psicologia

Una musica puo’ fare… In gravidanza – L’uso della musica nella riduzione di ansia e stress nelle donne incinte

Molti studi hanno dimostrato l’effetto positivo della musica nel ridurre lo stress e aumentare il benessere in gravidanza, aiutando le future mamme anche a rilassarsi durante il travaglio e a provare meno dolore, con maggiore soddisfazione riguardo all’esperienza del parto. Mazzieri Elena – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del

Psicologia e Opera: un training per i cantanti lirici
Psicologia

Psicologia e Opera: un training per i cantanti lirici

Sembra che i cantanti d’opera debbano mantenere una forte motivazione e una capacità di auto-regolazione per fronteggiare lo stress e l’ansia legate alle condizioni di lavoro e alle pressioni psicologiche.    Non è insolito per i cantanti d’opera fronteggiare momenti di stress e ansie dovute alla propria condizione occupazionale e

Rap, trap ed espressione della rabbia
Attualità Psicologia

Rap, trap ed espressione della rabbia

Sappiamo che la musica rappresenta la colonna sonora di un’epoca, il linguaggio attraverso cui le nuove generazioni definiscono la propria appartenenza collettiva e la propria identità personale. Che funzione hanno Rap e Trap nel far esprimere la rabbia ai giovani? Michela Scinto e Angela Turco – OPEN SCHOOL, Studi Cognitivi

I suoni della mente in ambito rieducativo scolastico. Primi dati di un intervento di musicoterapia combinata con suite Brainwave Alpha (binaural-beat a 10Hz)
Neuroscienze Psicologia

I suoni della mente in ambito rieducativo scolastico. Primi dati di un intervento di musicoterapia combinata con suite Brainwave Alpha (binaural-beat a 10Hz)

Uno studio preliminare si propone di verificare se la tecnica di musicoterapia combinata Brainwave Binaural Beat (10 Hz) sia in grado di sostenere l’apprendimento, favorire le relazioni all’interno del gruppo degli studenti e migliorare l’atteggiamento generale riguardo le materie d’insegnamento.   Introduzione In questo intervento a valenza rieducativa si è

Vedere la musica, sentire la musica. Le associazioni mentali tra musica, emozioni e colori
Neuroscienze Psicologia

Vedere la musica, sentire la musica. Le associazioni mentali tra musica, emozioni e colori

I brani percepiti come più allegri e vivaci sono associati a colori brillanti e luminosi, mentre le melodie a carattere maggiormente meditativo e malinconico sono spesso collegate a colori grigi o appartenenti a tonalità più fredde e spente.   Suono e colore. La vista è uno dei sensi maggiormente utilizzato

Come la musica suscita emozioni: un pomeriggio con Massimo Priviero
Cultura Psicologia

Come la musica suscita emozioni: un pomeriggio con Massimo Priviero

Sono diversi gli aspetti della musica che ci portano a provare un’emozione. A cominciare dalla struttura del brano. Per quanto esposto in questo articolo faremo particolare riferimento al testo “Psicologia e musica” e ad un evento musicale organizzato lo scorso 8 febbraio con la presenza di Massimo Priviero, musicista, cantante

Le 13 emozioni suscitate dalla musica
Psicologia

Le 13 emozioni suscitate dalla musica

13 emozioni, 13 sentimenti dominanti quando ascoltiamo una canzone, mappati dai neuroscienziati dell’Università di Berkley in California.   Obiettivo della ricerca La ricerca dell’Università di Berkeley in California ha mappato le risposte emotive di oltre 2500 persone di età e cultura diversa (i soggetti partecipanti all’esperimento sono stati selezionati tra

Niccolò Fabi, il cantautore della gentilezza – Recensione dell’album Tradizione e tradimento (2019)
Attualità

Niccolò Fabi, il cantautore della gentilezza – Recensione dell’album Tradizione e tradimento (2019)

Tradizione e tradimento: un disco con arrangiamenti elaborati, ma anche portatore di messaggi profondi, al passo con la third wave della psicoterapia cognitiva, da assaporare nota dopo nota, ovviamente nel momento presente.   Cominciamo ad insegnare la gentilezza nelle scuole, che non è dote da educande, ma virtù da cavaliere (N. Fabi)

Musicoterapia Umanistica
Psicologia

Musicoterapia Umanistica

La musica è espressione delle emozioni, di tutte le emozioni. Cosa accade in musicoterapia? Lungi dal fare spettacolo, o dall’utilizzare gli strumenti musicali in modo virtuosistico, si suona per portare gioia, vita, festa, laddove c’è sofferenza, dolore, chiusura, negazione.    “Qual è il punto di forza e il punto fragile

Intervista a Giovanni Allevi: musica significa infrangere le regole consolidate
Cultura

Intervista a Giovanni Allevi: musica significa infrangere le regole consolidate

Paura e desiderio, immaginazione e mistero, individualità e futuro. La musica: un viaggio mentale complesso e articolato, chiave d’accesso verso territori nuovi ed incontaminati.    Intervistatore (I): Quando è nato il Suo amore per la musica? Giovanni Allevi (GA): Più che di amore, parlerei di paura e desiderio insieme. La

Battiato ai tempi delle Neuroscienze
Neuroscienze

Battiato ai tempi delle Neuroscienze

Battiato ai tempi delle Neuroscienze: la lungimiranza del cantautore siculo che già nel 1971 cantava le prospettive della manipolazione genetica sull’essere umano.    Non ero ancora nato che già sentivo il cuore, che la mia vita nasceva senza amore. Mi trascinavo adagio dentro il corpo umano, giù per le vene verso il mio destino. Questa frase costituisce

I dolori del giovane Indie
Psicoterapia

I dolori del giovane Indie

La musica può essere uno strumento utile per dare espressione a ciò che proviamo, soprattutto quando consente di dare sfogo ad emozioni dolorose. Un recente studio ha mostrato come addirittura il 73% dei musicisti indipendenti abbia sperimentato emozioni negative (stress, ansia, depressione) in relazione alla creazione musicale.   L’altro giorno

Ascolto della musica e regolazione dell’umore
Psicologia

Ascolto della musica e regolazione dell’umore

Numerose ricerche hanno evidenziato come l’ascolto della musica sia promotore del benessere generale nella persona, con riduzione dello stress e aumento del rilassamento (Schafer et al., 2013; Lundqvist et al., 2009).   A tal proposito, un recente studio ha voluto testare se l’ascolto della musica agisse sulla regolazione dell’umore in

Ballate per uomini e bestie di Vinicio Capossela, imperdibile album antropologico
Cultura Psicologia

Ballate per uomini e bestie di Vinicio Capossela, imperdibile album antropologico

Vinicio Capossela, non nuovo a mitologiche imprese musicali (si pensi al visionario viaggio di Marinai, profeti e balene), è riuscito con l’ultimo disco fresco di uscita Ballate per uomini e bestie, a rappresentare magistralmente ancora una volta l’umana esistenza, nelle sue miserie, contraddizioni e slanci eroici, grazie a una serie

Patologie del sistema nervoso centrale e depressione: il suicidio del cantante Ian Curtis e la correlazione con l’epilessia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Patologie del sistema nervoso centrale e depressione: il suicidio del cantante Ian Curtis e la correlazione con l’epilessia

Ian Kevin Curtis è stato un cantautore britannico, nato nel 1956 e fondatore del famoso gruppo musicale Joy Division; nel dicembre 1978, Curtis inizia a soffrire di un disturbo denominato epilessia tonico-clonica, il cosidetto “grande male”.. Rachele Recanatini – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto    Ian Kevin

Gli stati di coping nel disco “Three Friends” dei Gentle Giant
Psicoterapia

Gli stati di coping nel disco “Three Friends” dei Gentle Giant

Mentre le strategie di coping sono tutto ciò che il soggetto fa nel pratico per gestire un dolore interno, gli stati di coping sono delle disposizioni mentali storicizzate, degli assetti interni consolidati in cui il soggetto si muove, che servono per proteggersi o evitare di sperimentare gli stati somatici o

Un pianeta che non c’è – Recensione della canzone e intervista a Frankavilla
Psicologia

Un pianeta che non c’è – Recensione della canzone e intervista a Frankavilla

Quando un vortice emozionale ci sequestra ogni battito e i pensieri sembrano rincorrere senza sosta ricordi e memorie di un passato che non sbiadisce, forse è il domani che sta forgiando per noi, istante dopo istante, la chiave per ripartire e finalmente, esistere.   A veicolare il messaggio è il

Una musica anche per me​ – La campagna di crowdfunding dell’Associazione Passo Passo per portare la musicoterapia alle famiglie del territorio
Psicologia

Una musica anche per me​ – La campagna di crowdfunding dell’Associazione Passo Passo per portare la musicoterapia alle famiglie del territorio

Suoni, melodie, ritmi e note musicali per migliorare la qualità della vita dei bambini bolognesi con disabilità, affetti da autismo o con difficoltà relazionali, questa l’essenza di ​Una musica anche per me..   Utilizzare suoni, melodie, ritmi e note musicali per migliorare la qualità della vita dei bambini bolognesi con

La Bella e la Bestia: al di là delle apparenze – Riflessioni psicologiche sul Musical in scena a Palermo
Psicologia

La Bella e la Bestia: al di là delle apparenze – Riflessioni psicologiche sul Musical in scena a Palermo

La storia de La Bella e la Bestia ha radici profonde, quando si cercava di insegnare a piccole spose-bambine come fosse possibile amare mariti molto più grandi di loro, così simili ai loro occhi al Mostro di questo racconto.. ma non fermiamoci qui, qual è il messaggio che questa storia

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario