Immolarsi per la ricerca sì…ma fino a un certo punto!

Alcune ricerche in psicologia sono conosciute per prove e compiti inusuali e non affatto piacevoli ai quali i ricercatori hanno sottoposto i partecipanti.

ID Articolo: 111052 - Pubblicato il: 11 giugno 2015
Immolarsi per la ricerca sì…ma fino a un certo punto!
Condividi

Alcune ricerche in psicologia sono venute alla ribalta soprattutto per le prove e i compiti non proprio usuali e non affatto piacevoli ai quali i ricercatori hanno sottoposto i partecipanti. 

La maggior parte dei lettori, avendo studiato psicologia o psichiatria o, in caso contrario, mostrando comunque un certo interesse verso le scienze psicologiche e le neuroscienze, avrà avuto a che fare col mondo della ricerca scientifica.

Sia che i ricercatori siate voi (o per lo meno lo siete stati ai tempi della tesi sperimentale quando disperati cercavate di reclutare soggetti anche dal salumiere), sia che invece abbiate mai fatto parte di un campione di ricerca (magari eravate lì tranquilli dal salumiere a far la spesa!), avrete avuto modo di osservare, a grandi linee, cosa significa essere uno di quegli individui che prendono parte a una ricerca: per lo meno viene chiesto di compilare questionari, spesso a risposta chiusa, altre volte a risposta aperta o di svolgere compiti di concentrazione, memoria, calcolo, ecc. (a parte ovviamente gli studi che si avvalgono di risonanze magnetiche e altri strumenti di misurazione fisiologica e neuronale; con questo però non si vuole sminuire alcun tipo di ricerca, spero sia chiara l’impronta ironica dell’articolo). Dunque si tratta di essere sottoposti a compiti a volte semplici, alle volte un pò più difficili, ma comunque decisamente accettabili per i partecipanti.

Stessa lieta sorte non è però toccata ai soggetti di alcuni studi, venuti alla ribalta soprattutto per le prove e i compiti non proprio usuali e non affatto piacevoli ai quali i ricercatori hanno sottoposto i partecipanti.

Messaggio pubblicitario Un esempio: quale sarebbe stata la vostra reazione se un ricercatore, con l’intento di studiare il disgusto, vi avesse chiesto di odorare il pannolino sporco di un bebè? D’accordo, numerose mamme penserebbero Sono abituata, che ci vorrà mai?!, ma cosa penserebbero invece se dei neuroscienziati, mossi dalla voglia di scoprire i circuiti cerebrali coinvolti nella paura, le sottoponessero a una PET mentre un bel serpente di 1, 5 metri si stringe attorno al loro corpo?

L’articolo che vi consigliamo di leggere elenca le dieci ricerche in psicologia che più hanno messo a dura prova i soggetti e ce n’è di tutti i tipi: dalle prove più dolorose alle prove più hot! Non vi anticipo altro, buona lettura!

 

It was all in the name of science, to better understand the darker, less pleasant aspects of being human. We salute the men and women who volunteered their minds and bodies to take part. Their pain is our gain. It’s important to note that in line with international ethical protocols, any psychology studies from the modern era would have required participant informed consent, with careful debriefing upon study completion (…) Now, let’s get this Digest tour underway

Immolarsi per la ricerca sì…ma fino a un certo punto!Consigliato dalla Redazione

Immolarsi per la ricerca sì...ma fino a un certo punto! - Immagine: 59313025
Alcune ricerche in psicologia sono venute alla ribalta soprattutto per le prove e i compiti non proprio usuali e non affatto piacevoli ai quali i ricercatori hanno sottoposto i partecipanti. (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli Articoli di State of Mind su Ricerca

Il rischio di burnout negli operatori presso i servizi per minori in condizione di disagio
Psicologia

Il rischio di burnout negli operatori presso i servizi per minori in condizione di disagio

Secondo numerosi autori, il burnout è una sindrome multi-dimensionale in cui coesistono tre elementi, individuati a partire dal lavoro della Maslach: esaurimento emotivo, depersonalizzazione e mancata realizzazione personale.   Numerosi studi hanno dimostrato come il burnout coinvolga maggiormente le professioni d’aiuto, dove le eccessive richieste emotive dell’utenza possono portare ad

Darwinismo neuronale. L’impatto paradossale delle neuroscienze nella ricerca e nella pratica psicologica
Neuroscienze

Darwinismo neuronale. L’impatto paradossale delle neuroscienze nella ricerca e nella pratica psicologica

Lo sviluppo delle neuroscienze ha subito un’enorme accelerazione negli ultimi dieci anni. Sono molte le applicazioni pratiche che hanno beneficiato di queste nuove scoperte scientifiche.   Queste implicazioni hanno avuto l’ulteriore merito di suggerire nuove ipotesi di lavoro, nella riflessione teorica ed epistemologica da una parte e nello sviluppo di

I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I risultati dei principali studi
Psicologia

I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I risultati dei principali studi

Gli studi hanno mostrato come, anche in assenza di gravi forme di privazione materiale, le cure istituzionali precoci siano associate ad un più alto rischio di problemi esternalizzanti e dell’attenzione rispetto ai bambini non-istituzionalizzati cresciuti in famiglia. Il presente contributo è l’ultimo di una serie di tre articoli sull’argomento. Nel

I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I principali studi
Psicologia

I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I principali studi

Poiché anche l’adozione internazionale, pur senza il periodo di ricovero in istituto, può essere considerata un evento traumatico, dividere i bambini adottati e quelli adottati post-istituzionalizzati permette di verificare con maggiore chiarezza gli effetti delle cure istitutive precoci indipendentemente dall’adozione. Il presente contributo è il secondo di una serie di

Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?
Neuroscienze

Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?

L’obbiettivo di un recente studio è quello di comprendere quali cellule siano colpite nelle fasi iniziali della malattia di Alzheimer, così da sviluppare in seguito terapie che ne rallentino il decorso.    I neuroscienziati specializzati in cellule staminali dell’Università di Lund in Svezia hanno sviluppato un modello di ricerca che

La terapia online durante e dopo l’emergenza CoVid-19: una survey per indagare l’operare dei terapeuti ** PARTECIPA ALLA RICERCA **
Attualità Psicologia Psicoterapia

La terapia online durante e dopo l’emergenza CoVid-19: una survey per indagare l’operare dei terapeuti ** PARTECIPA ALLA RICERCA **

La psicoterapia online durante e dopo l’emergenza sanitaria: una survey per indagare l’operare dei terapeuti.   Fino a qualche mese fa la psicoterapia online era poco diffusa. Negli USA un sondaggio del 2018 ha rilevato che meno della metà dei terapeuti eroga prestazioni psicologiche in teleterapia e di questi la

MSAD: lo studio longitudinale che da 26 anni si occupa del Disturbo Borderline di Personalità
Psichiatria Psicologia

MSAD: lo studio longitudinale che da 26 anni si occupa del Disturbo Borderline di Personalità

Il MSAD ha permesso nel corso degli anni di osservare e descrivere molti aspetti dei pazienti con BPD. Lo studio ha cercato sia di cogliere le peculiarità della patologia, sia di analizzare i soggetti al di là del loro disturbo, esplorandone le esperienze, lo stile di vita, l’ambiente di riferimento

La Terapia Online durante e dopo l’emergenza sanitaria: l’esperienza del paziente ** PARTECIPA ALLA RICERCA **
Attualità Psicologia Psicoterapia

La Terapia Online durante e dopo l’emergenza sanitaria: l’esperienza del paziente ** PARTECIPA ALLA RICERCA **

La Terapia Online durante e dopo l’emergenza Covid-19 Una survey per indagare il vissuto dei pazienti   Fino a qualche mese fa la psicoterapia online era poco diffusa. Negli USA un sondaggio del 2018 ha rilevato che meno della metà dei terapeuti eroga prestazioni psicologiche in teleterapia e di questi

I confini della propria libertà terminano dove iniziano quelli dell’altro: questa è la bioetica – Recensione del saggio “Bioetica tra ‘morali’ e diritto”
Attualità

I confini della propria libertà terminano dove iniziano quelli dell’altro: questa è la bioetica – Recensione del saggio “Bioetica tra ‘morali’ e diritto”

Il saggio Bioetica tra “morali” e diritto di Patrizia Borsellino, nella nuova edizione aggiornata edita Raffaello Cortina Editore, riflette sulla necessità di trovare e dare spazio ad un argomento molto delicato e intricato di nodi, difficili da dipanare, come quello della bioetica.   Oggi, come mai prima d’ora, si sta

COVID-19 e Aderenza alle Cure in Oncologia: Studio Internazionale
Attualità Psicologia

COVID-19 e Aderenza alle Cure in Oncologia: Studio Internazionale

Nel 2020 la pandemia da Covid-19 ha stravolto le vite di tutti noi ed in particolare delle persone maggiormente a rischio per un’eventuale infezione. Al fine di indagare l’impatto del lockdown e della Covid-19 sui pazienti oncologici, un team internazionale composto da ricercatori provenienti da 13 nazioni, ha sviluppato uno

Le applicazioni di E-Mental Health nell’istruzione psicoterapeutica – PARTECIPA ALLA RICERCA
Attualità Psicoterapia

Le applicazioni di E-Mental Health nell’istruzione psicoterapeutica – PARTECIPA ALLA RICERCA

E-Mental Health si concentra sul rapporto tra media digitali e salute mentale, riferendosi a servizi di prevenzione, consulenza, trattamento o assistenza di post trattamento via Internet.   Informazioni sul progetto: l’utilizzo dei media digitali è diventato comune e quotidiano quanto dormire e mangiare. La mediatizzazione della psicoterapia va di pari

I complessi sintomi della fame: l’esempio del Minnesota Starvation Experiment
Psicologia

I complessi sintomi della fame: l’esempio del Minnesota Starvation Experiment

Ormai molti anni fa Ancel Keys mise in piedi uno studio per osservare durante sei mesi, quali fossero gli effetti fisiologici e psicologici di una dieta con una forte restrizione calorica e sul modo migliore di nutrire e riabilitare chi aveva sofferto condizioni di fame e malnutrizione estrema.   Il

Il narcisismo espresso nei social network: tra selfie e autostima
Psicologia

Il narcisismo espresso nei social network: tra selfie e autostima

Il narcisista vede la propria immagine come qualcosa di idealizzato, proprio perché non sarebbe in grado di accettare l’immagine di Sé reale, quella fallibile, quella per certi versi patetica di un soggetto incapace di riconoscersi e accettarsi.   La parola narcisismo è stata coniata da uno studioso inglese, sessuologo, che

Dopo un danno cerebrale, i neuroni danneggiati regrediscono ad uno stadio embrionale
Neuroscienze

Dopo un danno cerebrale, i neuroni danneggiati regrediscono ad uno stadio embrionale

La riparazione dei danni al cervello e al midollo spinale è una delle principali sfide della medicina moderna. Sembra che il processo di regressione ad uno stadio embrionale delle cellule, conseguente a un danno cerebrale, sia fondamentale per la compensazione del danno stesso.   Fino a qualche anno fa, si

Ricerca preliminare quantitativa sulla relazione tra videogame, violenza ed aggressività
Psicologia

Ricerca preliminare quantitativa sulla relazione tra videogame, violenza ed aggressività

Al di là dei diversi studi, rimangono ancora sconosciuti i fattori per possono influenzare o sopprimere la relazione tra l’uso di videogiochi violenti e l’aggressività; le variabili interagiscono fra loro in modi che ancora non comprendiamo, rendendo difficile generalizzare molti dei risultati ottenuti.   La preoccupazione per le potenziali conseguenze

APA Style: arrivata la nuova edizione del manuale
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

APA Style: arrivata la nuova edizione del manuale

Alla fine dello scorso anno, più precisamente ad ottobre 2019, l’American Psychological Association (APA) ha pubblicato la settima edizione dell’APA Publication Manual che sostituirà l’ultima edizione del 2009.   La versione aggiornata del manuale, composto da 12 capitoli, si propone di fornire linee guida più ampie e agevoli relativamente alla

SURVEY Coronavirus: pensieri, emozioni e comportamenti nella situazione d’emergenza – Partecipa alla ricerca
Attualità Psicologia

SURVEY Coronavirus: pensieri, emozioni e comportamenti nella situazione d’emergenza – Partecipa alla ricerca

In quanto professionisti della salute mentale non possiamo ignorare le conseguenze psicologiche che il coronavirus porta con sé. Conoscere le paure e le preoccupazioni più comuni, infatti, può aiutarci a capire come poterle gestire e affrontare.    Fino a pochi mesi fa nessuno avrebbe immaginato che le nostre vite sarebbero

Le emozioni in gravidanza durante la diffusione del Covid-19
Attualità Psicologia

Le emozioni in gravidanza durante la diffusione del Covid-19

L’indagine SEG-Covid19, avviata il 14 Marzo dall’Associazione di Volontariato “Mammachemamme” e patrocinata dal MIPPE (Movimento Italiano Psicologia Perinatale), ha l’obiettivo di valutare lo stato di salute psicologica delle donne in gravidanza durante la diffusione del Coronavirus.   Lo studio è coordinato dalle dottoresse Maria Cecilia Gioia (psicologa e psicoterapeuta presso

Una breve rassegna degli effetti psicologici conseguenti all’epidemia di Covid-19
Attualità Psicologia

Una breve rassegna degli effetti psicologici conseguenti all’epidemia di Covid-19

L’epidemia di COVID-19 ha causato gravi minacce alla salute fisica e alla vita delle persone. Ha anche innescato una vasta gamma di problemi psicologici, come disturbo da panico, ansia e depressione.   Alcuni studi hanno indagato il disagio psicologico nella popolazione generale della Cina durante l’epidemia di COVID-19. Al centro

Fattori predittivi della preoccupazione per il Coronavirus: un’indagine esplorativa su autostima, narcisismo, ipocondria e paura della morte
Attualità Psicologia

Fattori predittivi della preoccupazione per il Coronavirus: un’indagine esplorativa su autostima, narcisismo, ipocondria e paura della morte

Quando si ha a che fare con qualcosa che è minaccioso e sconosciuto mettiamo in atto una serie di meccanismi automatici, volti alla nostra sopravvivenza, molto simili a quelli osservabili negli animali. Uno di questi è il freezing, proprio ciò che ci viene richiesto di fare rimanendo a casa e

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario