Cool Kids: un programma di prevenzione e intervento precoce per l’ansia applicato in contesto scolastico 

Il programma Cool Kids è uno dei principali protocolli di trattamento cogntivo-comportamentale dei disturbi d’ansia nell’età evolutiva

ID Articolo: 197098 - Pubblicato il: 09 gennaio 2023
Cool Kids: un programma di prevenzione e intervento precoce per l’ansia applicato in contesto scolastico 
Messaggio pubblicitario SFU 2023

Adottando una prospettiva preventiva, recentemente si sta sviluppando l’interesse verso un’applicazione universale del programma Cool Kids a livello scolastico rivolto a tutti gli studenti e non soltanto a coloro che sarebbero identificati come a rischio di sviluppare sintomatologia ansiosa.

 

Disturbi d’ansia in età evolutiva

I disturbi d’ansia sono considerati disturbi psichici comuni tra I bambini e gli adolescenti con un range di prevalenza variabile tra il 4% e il 25% (Beesdo-Baum, Knappe, 2012; Kessler, Petukhova, Sampson, 2012), possono esordire precocemente e divenire cronici (Beesdo, Knappe, Pine, 2009).

Nonostante vi siano programmi di trattamento evidence-based, è frequente che bambini e adolescenti con sintomi ansiosi non ricevano trattamenti appropriati, con alcuni studi che evidenziano che meno del 20% dei soggetti in età di sviluppo che presenta disturbi d’ansia ha accesso a terapie adeguate (Merikangas, He, Burstein, 2011).

Secondo Donovan and Spence (2000) la criticità maggiore in tal senso risiede in trattamenti attuati tardivamente rispetto all’esordio della sintomatologia. Per ovviare a questi problemi, alcuni autori suggeriscono di includere gli interventi di prevenzione, screening, assessment e trattamento dei disturbi d’ansia all’interno dei setting scolastici (Neil, Christensen, 2009). Infatti l’ambiente scolastico avrebbe diversi vantaggi, tra cui favorire la destigmatizzazione ed essere maggiormente accessibile all’utenza da diversi punti di vista.

Alcune review e meta analisi (Neil, Christensen, 2009; Scaini, Belotti, Ogliari, et al. 2016) hanno evidenziato che programmi di prevenzione dell’ansia attuati all’interno di contesti scolastici possano essere strumenti efficaci nella riduzione dei sintomi ansiosi nei bambini e negli adolescenti.

Il programma Cool Kids per il trattamento dell’ansia in età evolutiva

Il programma Cool Kids è uno dei principali protocolli di trattamento cogntivo-comportamentale dei disturbi d’ansia nell’età evolutiva (dai 7 ai 18 anni). Il programma è una versione revisionata dell’originale modello cognitivo-comportamentale Coping Cat di Philip C. Kendall (1994) e Coping Koala di Paula Barret, Mark Dadds e Ronald Rapee (1996). Si tratta di un trattamento nato in ambito clinico per essere somministrato a bambini specificamente selezionati per sintomi d’ ansia o a rischio di svilupparli, che si basa su ricerche effettuate da istituzioni australiane (la Macquarie University di Sydney, il Royal North Shore Hospital di Sydney e l’università del Queensland) nel corso di un decennio. I principi fondamentali sono descritti in Treating Anxious Children and Adolescents: An Evidence-Based Approach (Rapee, Wignall, Hudson, & Schniering, 2000).

Il programma include componenti di psicoeducazione, ristrutturazione cognitiva, strategie di gestione del bambino ed esposizioni graduali, oltre ad altri moduli aggiuntivi relativi alle social skills e all’assertività. L’efficacia del programma Cool Kids è stata solidamente e congruamente dimostrata empiricamente sia in Australia che nel contesto di molti altri paesi (Arendt, Thastum, Hougaard, 2016;  Rapee, Lyneham, Wuthrich, 2017; Zikopoulou, Rapee, Simos, 2021).

Il programma Cool Kids presenta anche diverse evidenze di efficacia quando applicato e valutato all’interno di setting scolastici (Mifsud, C.; Rapee, 2005) con dati che segnalano una riduzione significativa della sintomatologia ansiosa nel gruppo sperimentale rispetto al gruppo di controllo (costituito da soggetti in lista d’attesa di trattamento) con un mantenimento di tali esiti positivi anche a un follow-up di 4 mesi. Altri studi hanno riportato risultati simili, tra cui una ricerca norvegese che ha mostrato un significativo miglioramento dei sintomi ansiosi in adolescenti sottoposti al programma Cool Kids rispetto ai controlli (Haugland, Haaland, Baste, 2020).

L’applicazione del Cool Kids in ambito scolastico

Messaggio pubblicitario Adottando una prospettiva preventiva, recentemente si sta sviluppando l’interesse verso un’applicazione universale del programma Cool Kids a livello scolastico rivolto a tutti gli studenti frequentanti la scuola e non soltanto a coloro che sarebbero identificati come a rischio di sviluppare sintomatologia ansiosa.

Ad oggi non vi sono studi che abbiano indagato l’efficacia del programma Cool Kids in qualità di programma universalmente applicato finalizzato alla prevenzione primaria dei sintomi ansiosi in età evolutiva.

Lo scopo dello studio di Scaini e colleghi (2022) è quello di applicare, verificandone l’efficacia, il programma Cool Kids a un’intera popolazione scolastica, e non soltanto a soggetti considerati “a rischio“ o clinicamente diagnosticati con un disturbo d’ansia.

Il campione è stato costituito da 73 bambini italiani (35 maschi e 36 femmine, con un range di età compreso tra i 10–13 anno) che frequentavano l’ultimo anno della scola primaria oppure il primo anno della scuola secondaria di primo grado. Il programma Cool Kids è stato rivolto a tutti gli studenti indipendentemente dalla loro condizione in termini di salute mentale.

L’adattamento del protocollo Cook Kids al contesto scolastico italiano ha previsto anzitutto un incontro preliminare con insegnanti e genitori per illustrare il programma di intervento. Il programma ha previsto 5 incontri di Gruppo della durata di due ore con la classe tenuti da uno psicologo con esperienza in psicoterapia cognitivo comportamentale e alla presenza di un insegnante. Durante gli incontri è stata svolta attività di psicoeducazione sull’ansia e sulle prinicapli tecniche per la gestione della stessa, come ad esempio ristrutturazione cognitiva, esposizione graduale, problem solving, etc, utilizzando giochi, materiale digitale e lavori di gruppo.

I partecipanti hanno completano alcuni questionari self-report (il questionario “Screen for Child Anxiety-Related Emotional Disorders – SCARED” e il “Child Depression Inventory”) durante il primo e ultimo incontro di gruppo. Anche i genitori hanno compilato un questionario (Child Behavior Checklist) relativamente alla sintomatologia dei figli prima e immediatamente dopo l’implementazione del programma Cool Kids.

I risultati delle analisi statistiche hanno evidenziato un trend di diminuzione dei sintomi ansiosi nel questionario “SCARED”, soprattutto a livello di punteggio globale, e nelle subscale di ansia somatica, ansia generalizzata, ansia da separazione, ansia sociale e ansia scolastica nella valutazione post-trattamento. Tuttavia, nei questionari compilati dai genitori non è stato evidenziato tale miglioramento nei livelli di ansia percepita nei figli.

In relazione agli aspetti depressivi, anche i punteggi dei sintomi depressivi si sono significativamente ridotti nella fase di post-trattamento rispetto al pre-assessment, suggerendo l’efficacia di un programma di prevenzione dell’ansia attuato in setting scolastico anche per il miglioramento di altre aree problematiche correlate all’umore.

Tali esiti sono in linea con precedenti ricerche che hanno dimostrato come i programmi di prevenzione dell’ansia contribuiscono a prevenire e migliorare lo sviluppo di sintomi depressivi, considerando la comorbidità tra le due tipologie di disturbo (Bienvenu, Ginsburg, 2007; Flannery-Schroeder, 2006).

Questa ricerca fornisce importanti elementi che rafforzano l’evidenza del programma Cool Kids, anche erogato in una modalità breve e non eccessivamente dispendiosa, può essere una valida modalità di prevenzione universalmente rivolta a tutti gli studenti per prevenire l’ansia in età evolutiva all’interno del contesto scolastico che implica la riduzione della sintomatologia ansiosa anche in soggetti non clinici.

Anche se tali risultati sono promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche per confermarli e generalizzarne l’evidenza, superando anche i limiti del presente studio tra cui la mancanza di un gruppo di controllo, l’utilizzo di scale self-report per l’assessment dei sintomi ansiosi e la presenza di un campione piuttosto limitato.

 

Consigliato dalla redazione

Cool Kids: il programma che insegna ai bambini come gestire l'ansia

Cool Kids: il programma che insegna ai bambini come gestire l'ansia

Il programma Cool Kids è uno dei principali protocolli di trattamento dei disturbi d’ansia nell’età evolutiva secondo l'approccio cognitivo-comportamentale.

Bibliografia

  • Scaini, S., Rossi, F., Rapee, R. M., Bonomi, F., Ruggiero, G.M., Incerti, A. (2022) The Cool Kids as a School-Based Universal Prevention and Early Intervention Program for Anxiety: Results of a Pilot Study. Int J Environ Res Public Health. ;19(2):941. doi: 10.3390/ijerph19020941. PMID: 35055763; PMCID: PMC8775776.
  • Arendt, K.; Thastum, M.; Hougaard, E. Efficacy of a Danish version of the Cool Kids program: A randomized wait-list controlled trial. Acta Psychiatr. Scand. 2016, 133, 109–121.
  • Beesdo-Baum, K.; Knappe, S. Developmental epidemiology of anxiety disorders. Child Adolesc. Psychiatr. Clin. N. Am. 2012, 21, 457–478.
  • Beesdo, K.; Knappe, S.; Pine, D.S. Anxiety and anxiety disorders in children and adolescents: Developmental issues and implications for DSM-V. Psychiatr. Clin. N. Am. 2009, 32, 483–524
  • Bienvenu, O.J.; Ginsburg, G.S. Prevention of anxiety disorders. Int. Rev. Psychiatry 2007, 19, 647–654.
  • Donovan, C.L.; Spence, S.H. Prevention of childhood anxiety disorders. Clin. Psychol. Rev. 2000, 20, 509–531.
  • Flannery-Schroeder, E.C. Reducing Anxiety to Prevent Depression. Am. J. Prev. Med. 2006, 31 (Suppl. 1), S136–S142.
  • Haugland, B.S.M.; Haaland, Å.T.; Baste, V.; Bjaastad, J.F.; Hoffart, A.; Rapee, R.M.; Raknes, S.; Himle, J.A.; Husabø, E.; Wergeland, G.J. Effectiveness of Brief and Standard School-Based Cognitive-Behavioral Interventions for Adolescents With Anxiety: A Randomized Noninferiority Study. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry 2020, 59, 552–564.e552.
  • Kessler, R.C.; Petukhova, M.; Sampson, N.A.; Zaslavsky, A.M.; Wittchen, H. Twelve-month and lifetime prevalence and lifetime morbid risk of anxiety and mood disorders in the United States. Int. J. Methods Psychiatr. Res. 2012, 21, 169–184.
  • Merikangas, K.R.; He, J.P.; Burstein, M.; Swendsen, J.; Avenevoli, S.; Case, B.; Georgiades, K.; Heaton, L.; Swanson, S.; Olfson, M. Service utilization for lifetime mental disorders in US adolescents: Results of the National Comorbidity Survey–Adolescent Supplement (NCS-A). J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry 2011, 50, 32–45.
  • Mifsud, C.; Rapee, R.M. Early intervention for childhood anxiety in a school setting: Outcomes for an economically disadvantaged population. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry 2005, 44, 996–1004.
  • Neil, A.L.; Christensen, H. Efficacy and effectiveness of school-based prevention and early intervention programs for anxiety. Clin. Psychol. Rev. 2009, 29, 208–215.
  • Rapee, R.M.; Lyneham, H.J.; Wuthrich, V.; Chatterton, M.L.; Hudson, J.L.; Kangas, M.; Mihalopoulos, C. Comparison of Stepped Care Delivery Against a Single, Empirically Validated Cognitive-Behavioral Therapy Program for Youth With Anxiety: A Randomized Clinical Trial. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry 2017, 56, 841–848.
  • Scaini, S.; Belotti, R.; Ogliari, A.; Battaglia, M. A comprehensive meta-analysis of cognitive-behavioral interventions for social anxiety disorder in children and adolescents. J. Anxiety Disord. 2016, 42, 105–112
  • Zikopoulou, O.; Rapee, R.M.; Simos, G. A Randomized Controlled Trial of a Cognitive Behavior Therapy Program for Children with Clinical Anxiety Symptoms. Psychiatry Int. 2021, 2, 211–223
State of Mind © 2011-2023 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario