Messaggio pubblicitario

Emozioni

Le emozioni sono un processo multicomponenziale, articolato in più componenti, hanno un decorso temporale e sono attivate da stimoli interni o esterni.

Leggi tutti gli articoli che parlano di Emozioni
Condividi

Introduzione

La maggior parte delle teorie odierne definiscono le emozioni, o meglio le esperienze emotive, come un processo (e non come uno stato) multicomponenziale, cioè articolato in più componenti e con un decorso temporale che evolve. Tale struttura multicomponenziale differenzia le emozioni da altri fenomeni psicologici (come ad esempio le percezioni o i pensieri).

Emozioni: la definizione, le componenti e le diverse tipologie

E’ fondamentale sottolineare che parte dell’esperienza emotiva è anche un antecedente emotigeno (o evento emotigeno) che la innesca: gli antecendenti emotigeni possono essere di varia natura, compresi gli eventi interni, come ad esempio un ricordo, un pensiero o un’immagine mentale.

Le emozioni sono il segnale che vi è stato un cambiamento, nello stato del mondo interno o esterno, soggettivamente percepito come saliente.
Le altre componenti che costituiscono le emozioni sono: la valutazione cognitiva (o appraisal) da parte dell’individuo di un determinato antecedente emotigeno, l’attivazione fisiologica (o arousal) dell’organismo (ad esempio, variazioni nella frequenza cardiaca e e respiratoria, sudorazione, pallore, rossore, etc.), le espressioni verbali (e ad esempio il lessico emotivo) e non verbali (espressioni facciali, postura, gesti, etc.), la tendenza all’azione e infine il comportamento vero e proprio, generalmente finalizzato a mantenere o modificare il rapporto transazionale in corso tra individuo e ambiente.

Messaggio pubblicitario Tra le componenti dell’esperienza emotiva ritroviamo anche la tonalità edonica (o valenza edonica) che si riferisce alla piacevolezza o spiacevolezza dell’esperienza emotiva (valenza edonica positiva vs. negativa) per il soggetto che la sta provando.

In particolare la valutazione cognitiva dell’antecedente emotigeno induce un cambiamento in termini di tendenza all’azione che si accompagna a variazioni nell’attivazione fisiologica e nelle risposte espressive, traducendosi in specifiche risposte comportamentali.

In termini di decorso temporale è importante sottolineare che le emozioni non sono stati, bensì processi in continua evoluzione. Il decorso temporale delle emozioni può essere estremamente differente: in alcuni casi le emozioni hanno un chiaro inizio e una chiara fine, con una intensità stabile nell’arco temporale; in altri casi è più difficile definire in modo preciso il decorso temporale poichè presentano un pattern maggiormente discontinuo e fluttuante anche in termini di intensità.

Spesso la credenza comune vede l’ emozione come in contrapposizione dicotomica alla cognizione: tuttavia dagli anni ’50 la maggior parte degli approcci teorici alle emozioni evidenziano come la cognizione sia interdipendente e parte stessa del processo emotivo. La variabilità delle esperienze emotive è quindi dovuta anche alla variabilità del complesso processo multidimensionale di tale valutazione cognitiva. Ciò non significa che le emozioni insorgano sempre in base a cognizioni analitiche e a ragionamenti complessi; spesso vi possono essere valutazioni molto veloci e quasi automatiche della situazione emotigena trigger.
Di seguito verranno approfondite alcune delle emozioni generalmente provate nella vita quotidiana.

La tristezza

La tristezza è un’ emozione negativa che si sperimenta nel momento in cui perdiamo qualcosa di caro irrimediabilmente. A quel punto possiamo diventare molto tristi e continuiamo a ruminare in maniera autosvalutativa.

La tristezza è un’ emozione che manifestiamo in seguito a una serie di eventi sfortunati, dall’esito nefasto, rispetto ai quali non riusciamo a individuare nessuna possibile alternativa. Quindi, quando perdiamo qualcosa a cui teniamo, l’umore precipita e ci critichiamo autosvaluatandoci per non aver saputo affrontare adeguatamente la situazione.

Di conseguenza la postura diventa ricurva, come se fosse di chiusura verso qualsiasi tipo di alternativa possibile e la mimica facciale assume tratti caratteristici, come fronte corrugata, labbra piegate e sguardo perso nel vuoto.
Esistono agiti comportamentali che spesso accompagnano questa emozione, si tratta di crisi di pianto, passività, anedonia, carenza di appetito e a volte insonnia. Tutto questo è accompagnato da continue lamentele e recriminazioni sempre rivolte verso se stesso, nella percezione di non aver fatto abbastanza a per questo di non avere alternative.

Una persona triste non ha più mordente sia da un punto di vista relazionale sia sociale, per questo preferisce la solitudine in cui continua a pensare e ripensare a quello che ha perso. L’intensità emotiva varia in base all’importanza data all’oggetto perso.

Vale la pena citare anche la nostalgia, tra le esperienze emotive che fanno parte della famiglia della tristezza. Infatti, le diverse esperienze emotive possono raggrupparsi all’interno di “famiglie’ concettuali e lessicali, in cui diversi termini fanno riferimento a esperienze emotive non nettamente distinte le une dalle altre, bensì a stati emotivi che presentano somiglianze e confini smutati. La nostalgia è uno stato psicologico, a valenza negativa e appunto parte della famiglia della tristezza. A livello etimologico la parola nostalgia deriva dal greco ed è composta dalla parola νόστος, (“nostos”, in greco “ritorno”) e dalla parola άλγος (“algos” , in greco “dolore”): combinandole dunque il significato è “dolore del ritorno”). In altre parole, si tratta di una emozione o sentimento di tristezza e di rimpianto per la lontananza da persone o luoghi cari o per un evento collocato nel passato che si vorrebbe rivivere.

In ogni caso è uno stato passeggero, a meno che non si cristallizzi. A quel punto diventa uno stato patologico che può diventare qualcosa di più della tristezza: depressione.

Attenzione, la tristezza non è la depressione. Quest’ultima è una patologia molto più invasiva e quantitativamente più invalidante. Porta ad avere una visione negativa di se stessi, del mondo e degli altri. La depressione è uno stato che può protrarsi e che in alcuni casi sfocia in situazioni funeste. Dalla depressione non si esce con un atto di volontà, ma tramite psicoterapia e terapia farmacologica.

La paura

La paura è una delle emozioni di base, peraltro comune al genere umano e al genere animale. La funzione della paura è quella di promuovere la sopravvivenza dell’individuo e si innesca nel momento in cui si ha la percezione di una minaccia o di una situazione di pericolo.

Eventi che suscitano paura possono essere: trovarsi in una situazione non famigliare, trovarsi in una situazione di reale pericolo per la propria incolumità, trovarsi in una situazione che ricorda una passata circostanza in cui si era in pericolo o in cui sono accaduti eventi dolorosi.

In termini di tendenza all’azione e corrispettivi fisiologici-comportamentali, la risposta fight-or-flight (o in italiano attacco-fuga) è la prima reazione automatica che utilizziamo quando percepiamo di essere in pericolo. Lo scopo è quello di difenderci o di scappare dalla situazione pericolosa.

Questa risposta, chiamata in gergo ‘attacco-fuga’, è accompagnata da una serie di modificazioni fisiologiche che avvengono nel nostro corpo: il cuore batte più velocemente del solito, ci sentiamo tesi, respiriamo rapidamente, sudiamo, abbiamo la bocca secca e siamo molto più vigili perché dobbiamo capire istantaneamente cosa fare per metterci al sicuro o ci paralizziamo totalmente. La paura è una emozione provata da tutti, soprattutto in condizioni di reale pericolo.
Capita, a volte, che la paura diventi qualcosa di diverso: stiamo parlando dell’ ansia.

Ansia e paura hanno lo stesso interruttore nel cervello, ovvero sono codificate nella medesima area cerebrale, ma i motivi per cui si manifestano sono diversi. Nel primo caso, quando proviamo paura, siamo spaventati da qualcosa di reale. Se dovessimo sostenere un esame, è normale aver paura, ma nel momento in cui vorremmo andasse tutto secondo i nostri piani, cioè prendere assolutamente un trenta e lode, e chiaramente non si ha la certezza che questa cosa si verifichi, allora parleremo di ansia e non di paura. Insomma, l’ansia si scatena quando si effettuano irrazionali previsioni negative e catastrofiche su eventi percepiti come importanti o pericolosi.

Anche in questo caso ci sono una serie di modificazioni fisiologiche simili a quelle della paura: giramenti di testa, vertigini, senso di confusione, mancanza di respiro, senso di costrizione o dolori al torace, appannamento della vista, senso di irrealtà, il cuore batte in fretta o salta qualche battito, perdita di sensibilità o formicolii alle dita, mani e piedi freddi, sudore, rigidità muscolare, mal di testa, crampi muscolari, paura d’impazzire e di perdere il controllo (a questo punto l’ansia è diventata panico).

L’ansia, però, potrebbe presentarsi anche senza un motivo apparente, manifestandosi in modo eccessivo e privo di ogni controllo. In questo caso si otterrà una risposta eccessiva e sproporzionata, che innescherà sensazioni di ansia future.
In generale, i pensieri che possono generare ansia sono:
-Sopravvalutazione del pericolo: Se mi espongo in pubblico sarà un fallimento.
– Sottovalutazione delle proprie capacità di affrontare una situazione: non essendo capace di gestire una situazione di gruppo, allora la evito.

L’emozione della colpa

Il senso di colpa fa parte di quelle emozioni definite da Izard complesse. Si inizia a delineare più tardivamente rispetto alle emozioni di base, è fortemente legato alla morale e più in generale è connesso al modo di esprimere un comportamento in un determinato contesto.

Per capire cosa si intende per senso di colpa è necessario rendersi conto che la colpa non è una proprietà interna delle azioni umane, ma deriva dal modo in cui la persona giudica le azioni umane. In ogni cultura c’è un certo consenso circa le azioni che rendono gli individui colpevoli, perciò nel tenere un dato comportamento può subentrare la sensazione di essersi discostati eccessivamente dalla norma, avendo messo in atto un modo d’agire trasgressivo e incongruente con il pensiero di ciò che sarebbe giusto fare. Sentire una colpa implica che il soggetto si sia accorto di avere avuto la possibilità di agire in un altro modo, di agire meglio, con la consapevolezza dell’occasione persa di determinare un altro corso degli eventi. Il senso di colpa si manifesta con auto-rimproveri o rimorsi apparentemente assurdi, con condotte delittuose o sofferenze che il soggetto si auto-infligge.

Il senso di colpa non necessita di una base oggettiva, infatti, così come accade per la vergogna, non è indispensabile che l’accadimento che genera colpa sia reale, può essere, infatti, presente anche un giudizio su qualcosa di immaginario, facente parte della rappresentazione mentale che la persona ha del comportamento da seguire nelle diverse situazioni in cui si trova.

La capacità di provare senso di colpa, è strettamente connessa alla disponibilità a sentire il dispiacere per l’eventuale danno provocato all’altro con il nostro agire, seppure involontariamente. Il dispiacere per il dolore che il nostro modo di comportarci può provocare negli altri è un vissuto che, qualora non si trasformi in giudizio o condanna paralizzante, può rivelarsi estremamente fruttuoso, perciò la colpa, come le altre emozioni negative, ha una valenza adattiva: infatti, può aprire spazi di riflessione ben più ampi di quelli generati da un’immediata concordanza e, soprattutto, può indurre la necessità di attivarsi in un gesto di riparazione.

La vergogna

La vergogna compare generalmente più tardivamente rispetto alle emozioni cosiddette di base, poiché è necessario lo sviluppo del sé personale dal momento che questo stato emozionale implica necessariamente la percezione di un giudizio dell’altro, perciò il bambino deve essere arrivato ad una maturazione tale per cui possa essere in grado di effettuare una scissione tra se stesso e l’altro, per questo motivo è definita come un’emozione sociale. La vergogna ha a che fare, quindi, con l’immagine di sé e soprattutto con la autoconsapevolezza. La gioia, la rabbia e tante altre emozioni cosiddette di base risultano di natura differente rispetto la vergogna o l’imbarazzo perché non sono emozioni auto-riferite, non vanno, cioè, a toccare esclusivamente la consapevolezza di sé e non è in discussione unicamente la valutazione di se stessi nei confronti degli altri e da parte degli altri. Si potrebbe asserire che ci si vergogna di vergognarsi e ci si vergogna di aver fatto vergognare qualcuno.

La vergogna è stata definita da Izard come un’emozione complessa, rientrando, infatti, in quel tipo di emozioni che devono essere apprese. Si può affermare, inoltre, che questo stato affettivo possa essere considerato un indice di autoregolazione, dal momento che è implicato un legame con il rispetto delle norme sociali. La vergogna quindi è intimamente legata alla competenza sociale, in altre parole è connessa alla valutazione e alla comprensione degli standard culturali a cui la persona cerca di aderire. Il sentimento di vergogna nasce quando l’individuo devia rispetto alla norma sociale, percependo quel senso di fallimento tipico di quest’emozione. La vergogna può sembrare un affetto con una valenza altamente negativa, in realtà essa ha un forte potere adattivo e protettivo nei confronti dell’integrità dell’identità personale. Quest’emozione entra in gioco, infatti, quando l’individuo si espone all’osservazione degli altri, siano essi realmente presenti o immaginati; c’è la possibilità di essere vulnerabile nel caso in cui si verifichi un fallimento della persona, dato dal non apparire agli altri, veri o immaginari, come la persona crede che essi vorrebbero, così si ha come conseguenza l’insuccesso nel presentare una buona immagine di sé.

Il sé si forma attraverso le esperienze intersoggettive, la vergogna ha, perciò, il compito fondamentale di organizzarlo e conservarlo. Quest’emozione, così importante per la conservazione dell’integrità personale, può fungere anche come regolatore di buona distanza nella relazione anche in senso fisico, infatti, un certo grado di imbarazzo e vergogna regolano lo spazio privato e fungono da segnale quando l’altro è avvertito come intruso.

L’intensa sensibilità verso questa emozione può avere effetti disturbanti o patologici sullo sviluppo della personalità. L’individuo, infatti, può mettere in atto nei riguardi dello stile di vita relazionale delle modifiche, che possono tendere a una limitazione della libertà di azione, dovuta al timore di dover fare i conti con questa condizione emotiva sgradevole. E’ quanto accade, ad esempio, nell’individuo affetto da fobia sociale, che elabora in senso negativo la costruzione del suo sé sociale. La vergogna è uno stato emotivo che caratterizza anche alcuni disturbi di personalità, questo sentimento è presente tipicamente nel disturbo evitante di personalità, e in maniera marcata anche nelle persone affette da disturbo borderline di personalità. Spesso la vergogna è il sentimento che contraddistingue uno schema di pensiero dominato da inadeguatezza.

È opportuno sottolineare che vergogna e senso di colpa, pur presentando una serie di somiglianze, sono due emozioni profondamente diverse.
Una condizione tipica di vergogna vede la persona concentrarsi principalmente sulla condizione del sé personale, con la percezione dolorosa di un sé negativo. Si insinua, così, la sensazione di sentirsi una persona incompetente e cattiva, accompagnata da un senso di restringimento, quasi a sentirsi più piccoli, inutili e deboli. Un elemento molto interessante che riguarda la vergogna riguarda la presenza o meno di altre persone, infatti, si è visto che affinché si manifesti un sentimento di vergogna non è necessario che la situazione coinvolga osservatori esterni, questo accade perché il soggetto si trova a raffigurarsi mentalmente un pubblico immaginario, e grazie alla finta presenza di altre persone il sentimento di vergogna si genera ugualmente, anche in circostanze di solitudine.

Di contro una tipica situazione di senso di colpa è meno dolorosa e penosa del sentimento di vergogna, quest’emozione riguarda generalmente qualcosa che va oltre il proprio sé, si può affermare, infatti, che il sentimento di colpa riguarda la valutazione negativa di uno specifico comportamento verso un’altra persona, perciò il proprio sé non viene incluso nella sofferenza emotiva del soggetto, ciò non avviene quando nel soggetto si vengono a creare sentimenti di vergogna. Il senso di colpa genera soprattutto situazioni di rimorso e rimpianto in riferimento al comportamento precedentemente messo in atto, con un conseguente stato di tensione.

È quindi evidente come vergogna e colpa siano due stati affettivi simili, ma non sovrapponibili, in quanto le diversità sono evidentemente molteplici.

La rabbia

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA La rabbia è un’emozione definita da diversi autori come innata e basilare, infatti, è tra i primi affetti a formarsi, inizia a delinearsi presto nel bambino, tra i 3 e gli 8 mesi.

La rabbia è un’emozione provocata da una moltitudine di eventi e genera un impulso all’azione aggressiva verso la fonte che provoca questo sentimento, generalmente, però, le persone tendono a reprimere l’impulso ad aggredire che percepiscono, è per questo motivo che la rabbia è considerata una sensazione principalmente interna, che le persone non esprimono necessariamente con un comportamento reale. Apparentemente la rabbia si manifesta quando le persone percepiscono una minaccia nei confronti di qualcosa che ritengono appartenente a loro, anche la perdita di status o di autostima può innescare questo sentimento, si è così notato che l’aggressione verso gli altri e al contempo l’aggressione verso se stessi sono entrambe manifestazioni di rabbia. Ovviamente anche la rabbia, come tutte le altre emozioni, ha una funzione adattiva, infatti, spinge la persona all’azione quando è minacciata da qualcosa.

A livello cognitivo, affinché si generi l’emozione di rabbia, la situazione viene analizzata nella corteccia frontotemporale, successivamente si ha l’attivazione del sistema limbico, in particolar modo del nucleo centrale dell’amigdala, come risultato di questo processo si ha la produzione di noradrenalina e adrenalina nel sangue da parte del midollo surrenale. A questo punto aumentano anche i livelli di glucosio nel sangue, per aiutare l’individuo a prepararsi all’attacco. Il ruolo dell’amigdala nella creazione dei comportamenti aggressivi è stato dimostrato con alcuni esperimenti su animali, ai quali veniva asportata questa porzione di cervello; questi dopo l’asportazione manifestavano una diminuzione dei comportamenti aggressivi.

Bibliografia

Articoli su Emozioni

Identikit dello studente autoregolato: l’apprendimento tra emozione, motivazione e metacognizione
Psicologia

Identikit dello studente autoregolato: l’apprendimento tra emozione, motivazione e metacognizione

Alcuni bambini, più di altri, si dimostrano capaci di un elevato livello di adattamento alla scuola e un genuino interesse per l’apprendimento.

Sviluppo morale ed emotivo: un rapido intreccio verso la valorizzazione degli stili genitoriali
Psicologia

Sviluppo morale ed emotivo: un rapido intreccio verso la valorizzazione degli stili genitoriali

Nel bambino lo sviluppo morale è strettamente collegato al suo sviluppo emotivo, che sappiamo essere influenzato dalla qualità del legame di attaccamento.

La Neurobiologia Interpersonale: lo sviluppo della mente tra rapporti interpersonali e funzioni cerebrali
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

La Neurobiologia Interpersonale: lo sviluppo della mente tra rapporti interpersonali e funzioni cerebrali

La neurobiologia interpersonale presenta una visione integrata dello sviluppo della mente umana che si crea nel rapporto tra relazioni e funzioni cerebrali

Twitter: cinguettare le emozioni per regolarle
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Twitter: cinguettare le emozioni per regolarle

Twitter: recenti studi si sono occupati di capire se l’intensità e la qualità delle nostre emozioni variano dopo che le abbiamo cinguettate

L’arte di colpevolizzare (2008) di Robert Neuburger – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

L’arte di colpevolizzare (2008) di Robert Neuburger – Recensione del libro

L’arte di colpevolizzare di R. Neuburger analizza come e perché si tende a colpevolizzare all’interno di una relazione di coppia, riportando numerosi casi

Cool Kids: il programma che insegna ai bambini come gestire l’ansia
Psicologia Psicoterapia

Cool Kids: il programma che insegna ai bambini come gestire l’ansia

Il programma Cool Kids è uno dei principali protocolli di trattamento dei disturbi d’ansia nell’età evolutiva secondo l’approccio cognitivo-comportamentale.

Combattere la solitudine sentendoci meno disgustati da noi stessi
Psicologia

Combattere la solitudine sentendoci meno disgustati da noi stessi

Nella cura di chi soffre di solitudine e vive al contempo un forte senso di disgusto verso di sé non basta lavorare sul miglioramento delle abilità sociali

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?
Neuroscienze

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?

La rabbia può essere un segnale di minaccia potenziale, per questo motivo i nostri sensi promuovono un’elaborazione cerebrale dello stimolo.

Aggressività e mentalizzazione: possiamo curare il disturbo antisociale?
Psicologia Psicoterapia

Aggressività e mentalizzazione: possiamo curare il disturbo antisociale?

Capire gli antecedenti del comportamento antisociale è fondamentale per pianificare il trattamento e individuare chi ne può beneficiare

Quando la musica aiuta ad elaborare il dolore
Psicologia Psicoterapia

Quando la musica aiuta ad elaborare il dolore

Da tempo, ben prima della nascita della musicoterapia, le persone ascoltano musica per regolare le loro emozioni, come la tristezza..

Bambini ed emozioni: l’importanza di non sopprimere le emozioni in famiglia
Psicologia

Bambini ed emozioni: l’importanza di non sopprimere le emozioni in famiglia

Bambini ed emozioni: una recente ricerca ci fa riflettere sull’utilità di non manifestare emozioni dolorose e difficili di fronte ai bambini

Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia (2018) – Recensione del libro
Psicoterapia

Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia (2018) – Recensione del libro

In Tenere a mente le emozioni Jurist spiega perché in psicoterapia è importante lavorare sulle emozioni incrementando la mentalizzazione dei pazienti.

Disturbo ossessivo compulsivo made in Italy: la colpa italiana nella politica degli ultimi anni
Attualità Psicologia

Disturbo ossessivo compulsivo made in Italy: la colpa italiana nella politica degli ultimi anni

È possibile che la società italiana sia affetta da una malattia del senso morale? Una tumefazione della moralità che non è diventata una maturazione..

L’alessitimia è correlata a scarsa aderenza ai regimi terapeutici prescritti. Studio condotto su una coorte di pazienti HIV-positivi
Psicologia

L’alessitimia è correlata a scarsa aderenza ai regimi terapeutici prescritti.  Studio condotto su una coorte di pazienti HIV-positivi

L’alessitimia è prevalente nei pazienti affetti da HIV ed è associata a un minore sostegno sociale e scarsa aderenza al trattamento.

La mente adolescente (2014) di Daniel Siegel – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

La mente adolescente (2014) di Daniel Siegel – Recensione del libro

La mente adolescente di Daniel Siegel riporta i consueti riferimenti teorici cari all’autore – come il cervello tripartito di MacLean – e una nutrita casistica clinica che ha come filo conduttore l’obiettivo di integrare le parti del cervello adolescente, che presenta evidenti peculiarità

Il lungo viaggio della cicogna (2012) di Pier Giorgio Crosignani – Recensione del libro
Psicologia

Il lungo viaggio della cicogna (2012) di Pier Giorgio Crosignani – Recensione del libro

Il lungo viaggio della cicogna, di Pier Giorgio Crosignani, Professore dell’Università degli Studi di Milano e coordinatore delle ricerche CNR sulla contraccezione, offre una spiegazione delle possibili cause mediche dell’infertilità.

Qual è il ruolo dell’impulsività nel Binge Eating Disorder?
Psicologia

Qual è il ruolo dell’impulsività nel Binge Eating Disorder?

Chi è affetto da Binge Eating Disorder mostra impulsività e difficoltà a regolare le proprie emozioni. Il disturbo alimentare appare un tentativo impulsivo-compulsivo di regolare sentimenti percepiti come intollerabili in un’autocura (fallimentare) attraverso l’assunzione incontrollata di cibo e la sua eliminazione.

Maternità e disturbi dell’umore: osservate differenze nel riconoscimento delle espressioni emotive infantili
Psicologia

Maternità e disturbi dell’umore: osservate differenze nel riconoscimento delle espressioni emotive infantili

I Disturbi dell’umore, depressione o disturbo bipolare, hanno una maggiore incidenza nella popolazione femminile. Tale dato, associato ad un’alterazione di questi soggetti nella valutazione degli stati emotivi altrui, potrebbe comportare una serie di difficoltà alle madri nell’interazione con il proprio bambino.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario