Messaggio pubblicitario

La psicoterapia è un trattamento biologico

La psicoterapia va bene solo per problemi a base psicologica? Su Stateofmind un interessante articolo sui rapporti tra psicoterapia e modificazioni neurali.

ID Articolo: 114965 - Pubblicato il: 28 ottobre 2015
La psicoterapia è un trattamento biologico
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Si ritiene generalmente che la psicoterapia vada bene solo per problemi che hanno una base psicologica, mentre per i problemi legati allo scompenso di sostanze cerebrali siano indicate solo le cure farmacologiche.

E’ uscito qualche giorno fa su Stateofmind un articolo molto interessante sui rapporti tra psicoterapia e modificazioni neurali, ne voglio riassumere qui il concetto principale. Il mio naturalmente è un interesse di parte, ma magari è utile anche a chi è meno “di parte” di me.

Alcune ricerche scientifiche evidenziano che la psicoterapia produce modificazioni nel cervello, esattamente come un agente chimico. Negli ultimi anni le neuroscienze hanno studiato approfonditamente quella che viene chiamata plasticità neurale, cioè la capacità del cervello di modificarsi sia durante lo sviluppo che da adulto, a seguito di esperienze e influenze ambientali, pensiamo per esempio ai processi di apprendimento e di memoria.

Un articolo di Patrizia Mattioli

La psicoterapia è un trattamento biologico – Il Fatto QuotidianoConsigliato dalla Redazione

Si ritiene generalmente che la psicoterapia vada bene solo per problemi che hanno una base psicologica, mentre per i problemi legati allo scompenso di sostanze cerebrali siano indicate solo le cure farmacologiche. E’€™ uscito qualche giorno fa su Stateofmind un articolo molto interessante sui rapporti tra psicoterapia e modificazioni neurali, ne voglio riassumere qui il (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su

Avere memoria di un’esperienza mai vissuta
Neuroscienze

Avere memoria di un’esperienza mai vissuta

Veniamo al mondo con una cassetta degli attrezzi tale che, dalla nascita, per tutta la nostra esistenza, possiamo apprendere e rispondere prontamente ed efficacemente agli stimoli ambientali esterni.. In stretta associazione all’apprendimento vi è un altro “attrezzo” che ci consente di sopravvivere: la memoria ovvero la capacità di codificare, immagazzinare

Depressione e neuroscienze – Introduzione alla Psicologia
Neuroscienze Psicologia

Depressione e neuroscienze – Introduzione alla Psicologia

Nel trattamento della depressione è importante indurre anche piccoli cambiamenti nella vita delle persone perché è così possibile facilitare alcune modificazioni sull’attività neurotrasmettitoriale e cambiamenti positivi a livello neurale che si traducono in un miglioramento della qualità della vita. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di Psicologia

Praticare uno sport di squadra porterebbe benefici al cervello dei bambini
Psicologia

Praticare uno sport di squadra porterebbe benefici al cervello dei bambini

A livello cerebrale, è ormai noto, la depressione risulta associata ad un ridotto volume dell’ ippocampo. Evidenze recenti invece mostrano un aumento del volume dell’ ippocampo in bambini che praticano sport di squadra. Alcuni ricercatori hanno pertanto cercato di studiare se tra questi fattori esiste un qualche tipo di relazione.   Da

Cos’è la diattenuation imaging e quali sono i vantaggi di questa nuova tecnica di neuroimaging?
Neuroscienze

Cos’è la diattenuation imaging e quali sono i vantaggi di questa nuova tecnica di neuroimaging?

La diattenuation imaging è una tecnica di imaging che consente di raggiungere una risoluzione micrometrica (0,0001 cm) nello studio della struttura cerebrale e delle fibre nervose.   Una conoscenza dettagliata dell’architettura delle fibre nervose è essenziale per comprendere la struttura e le funzioni del cervello. Sono passati più di 150

“Scusi ma non riconosco la sua voce”: alla scoperta della fonoagnosia
Neuroscienze Psicologia

“Scusi ma non riconosco la sua voce”: alla scoperta della fonoagnosia

La fonoagnosia viene definita come un deficit nel riconoscere voci di persone familiari e/o di discriminare differenti voci (e.g. indicare se due parole sono pronunciate dalla stessa persona). Alla stregua della prosopagnosia, la fonoagnosia, essendo specifica per le voci, non è associata a deficit nel riconoscimento di altri suoni (e.g.

Effetti dell’istituzionalizzazione sulla sua struttura e sul funzionamento dell’amigdala
Neuroscienze Psicologia

Effetti dell’istituzionalizzazione sulla sua struttura e sul funzionamento dell’amigdala

L’ amigdala è una struttura implicata nella elaborazione e nella risposta di informazioni di tipo emotivo (Davis & Whalen, 2001) ed è sensibile a precoci eventi stressanti o negativi sia negli animali che negli umani (Suomi, 1997; Teicher, Andersen, Polcari, Anderson, Navalta & Kim, 2003). Giorgia Petrova   Mehta e

PTSD e flashback: i processi neurali specifici implicati
Neuroscienze Psicologia

PTSD e flashback: i processi neurali specifici implicati

Un nuovo studio evidenzia come le avversità incontrate durante la vita e l’esperienza di eventi traumatici possono dar luogo – insieme a quote di disagio psicologico – a un incremento di processi neurali durante l’esperienza dell’evento traumatico.   Di quali processi neurali si tratta dunque? In particolare l’aumento di processi

Tutti hanno dei limiti, anche i network biologici
Neuroscienze

Tutti hanno dei limiti, anche i network biologici

Ancora non è chiaro quali siano i fattori che sottendono alla capacità di una rete o di un network biologico di svolgere più compiti contemporanemente. Certo, però, è importante interrogarsi sulla questione.   I sistemi complessi solitamente vengono concettualizzati come network, quindi anche in biologia possiamo assistere a questo processo.

Paralisi cerebrale negli adulti: esisterebbe un rischio maggiore di sviluppare ansia e depressione
Psicologia

Paralisi cerebrale negli adulti: esisterebbe un rischio maggiore di sviluppare ansia e depressione

Secondo un recente studio, pubblicato su Jama Neurology, gli adulti con paralisi cerebrale hanno un rischio maggiore di sviluppare depressione e ansia.   Un gruppo di ricercatori condotto dal Dott. Kimberley Smith dell’Università di Surrey e da Jennifer Ryan del Royal College of Surgeons in Irlanda, finanziato dalla Brunel University

Basta osservare il nostro profilo Twitter per rendersi conto del nostro “Jet-lag sociale”
Psicologia

Basta osservare il nostro profilo Twitter per rendersi conto del nostro “Jet-lag sociale”

Un recente studio ha indagato il fenomeno del jet-lag sociale osservando come cambia l’uso che facciamo di Twitter in base a cambiamenti momentanei delle nostre condizioni di vita.   Nonostante più o meno tutti noi siamo familiari con il concetto (e talvolta i sintomi) del “jet-lag”, probabilmente non tutti sono

Bullismo: le modificazioni nella struttura cerebrale delle vittime
Neuroscienze Psicologia

Bullismo: le modificazioni nella struttura cerebrale delle vittime

Purtroppo, la maggior parte di noi è venuta a conoscenza o ha assistito a fenomeni di bullismo e di prevaricazione che riguardano gli adolescenti. Le conseguenze, per le vittime, potrebbero manifestarsi anche a livello neurofosiologico.   Le conseguenze comportamentali a breve termine del bullismo sono evidenti, ma potrebbe accadere che

I bambini di pochi mesi non sanno parlare, ma sanno ragionare
Neuroscienze Psicologia

I bambini di pochi mesi non sanno parlare, ma sanno ragionare

Secondo un recente studio i bambini, anche se non sanno parlare, sono in grado di fare deduzioni e compiere alcuni tipi di ragionamento logico. Questo sta ad indicare che una certa capacità razionale è già presente nei bambini prima che inizino a parlare. Si tratta di bambini che hanno un anno

L’ansia e le neuroscienze – Introduzione alla Psicologia
Neuroscienze Psicologia

L’ansia e le neuroscienze – Introduzione alla Psicologia

L’amigdala rappresenta l’epicentro degli eventi coinvolti nella modulazione degli stati d’ ansia, ed è implicata nella risposta emozionale, cognitiva, autonomica ed endocrina allo stress. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di Psicologia a Milano   L’ ansia e la paura sono due emozioni molto simili, per questo sono

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?
Neuroscienze

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?

Cosa succede al nostro cervello di fronte a un segnale minaccioso, come per esempio un’espressione di rabbia o una voce aggressiva? L’Università di Ginevra ha pubblicato una ricerca riguardante l’attività cerebrale durante il processamento di diversi stimoli vocali emotivi.   I risultati di tale studio evidenziano un meccanismo che ci permette

L’interprete: come il cervello decodifica il mondo (2011) di Michael Gazzaniga- Recensione del libro
Neuroscienze

L’interprete: come il cervello decodifica il mondo (2011) di Michael Gazzaniga- Recensione del libro

Il libro L’interprete. Come il cervello decodifica il mondo di Michael Gazzaniga edito da Di Renzo Editore è un titolo accattivante che potrebbe essere fuorviante per chi non conoscesse l’autore e i suoi studi.   Michael Gazzaniga è un neuroscienziato americano di origini italiane (come si diletta a dichiarare nel

L’area di Wernicke: la sede della comprensione del linguaggio – Introduzione alla Psicologia
Neuroscienze Psicologia

L’area di Wernicke: la sede della comprensione del linguaggio – Introduzione alla Psicologia

L’ area di Wernicke è stata scoperta nel 1874 da un neurologo tedesco, Carl Wernicke, da cui ha ereditato il nome. L’ area di Wernicke è riconosciuta, insieme all’area di Broca, come una delle due aree nella corteccia cerebrale responsabile del linguaggio. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University,

HIV e disturbi neurocognitivi
Neuroscienze Psicologia

HIV e disturbi neurocognitivi

Il virus dell’ HIV entra molto precocemente nel Sistema Nervoso Centrale dopo l’esposizione iniziale. E’ stata riscontrata la presenza di HIV-RNA (che indica la replicazione del virus) nel liquor cefalorachidiano già dall’ottavo giorno dopo l’infezione.   Uno dei maggiori ostacoli all’eradicazione del virus HIV è legato proprio all’abilità di tale

Lesioni frontali e disturbi comportamentali nella sindrome disesecutiva
Neuroscienze Psicoterapia

Lesioni frontali e disturbi comportamentali nella sindrome disesecutiva

Una persona a seguito di una lesione in sede frontale, sia unilaterale che bilaterale, può manifestare disturbi del comportamento. I lobi frontali infatti hanno un ruolo cruciale nel modulare e controllare i meccanismi emozionali sottesi al sistema limbico (Natua, 1971). Simona Pappacena – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Milano

Disturbi alimentari e anomalie nel circuito del reward
Neuroscienze Psicologia

Disturbi alimentari e anomalie nel circuito del reward

Uno studio di Frank, DeGuzman e colleghi – dipartimento di Psichiatria dell’Università del Colorado e Eating Disorders Care, Colorado – ha investigato la possibile associazione tra sistema cerebrale dopaminergico del reward, restrizione dell’apporto calorico ed evitamento del cibo in un gruppo di adolescenti e giovani adulti affetti da anoressia nervosa.

L’area di Broca – Introduzione alla Psicologia
Neuroscienze Psicologia

L’area di Broca – Introduzione alla Psicologia

L’ area di Broca, che corrisponde alle aree citoarchitettoniche di Brodman 44 e 45, è definita area motoria del linguaggio ed è situata nella terza circonvoluzione frontale, avanti all’area motoria, che controlla i muscoli del volto, e sopra la scissura di Silvio. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University,

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Immagine: Fotolia_88539252_Cambiamenti neurologici nel praticante mindfulness

Cambiamenti neurologici nel praticante mindfulness

Le ultime ricerche suggeriscono come la Mindfulness promuova cambiamenti funzionali nel cervello mediante la neuro plasticità - Neuropsicologia
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Scritto da