Centri Clinici

Sei una persona generosa? E’ tutta questione di dopamina

Un nuovo studio mette in luce il ruolo della dopamina sulla generosità e sulla percezione della iniquità nella distribuzione delle risorse tra individui.

ID Articolo: 110544 - Pubblicato il: 27 maggio 2015
Sei una persona generosa? E’ tutta questione di dopamina
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Cosa succede a livello neuronale che ci motiva alla generosità e all’offrire qualcosa di nostro agli altri? Un nuovo studio mette ora in luce il ruolo della dopamina nella percezione della iniquità nella distribuzione delle risorse tra individui. 

Chissà…qualcuno di noi potrebbe essere tra quelle persone che hanno sempre detto di no sia da piccoli, alla classica richiesta del compagno di banco Mi dai un pezzo della tua merenda?, che da grandi, alle pressioni di sorelle o fratelli che volevano i nostri cd o le nostre maglie. E in risposta a questo rifiuto gli altri potrebbero averci additato come avidi o ingordi… nessun problema, ora ci si può giustificare grazie ai livelli di dopamina rilasciati dal nostro cervello!

Gli esseri umani, data la scarsa prestanza fisica rispetto alle altre specie viventi, nel corso della loro evoluzione, hanno dovuto fare affidamento ai sentimenti di generosità per consentire un’equa distribuzione delle risorse intra-specie in modo da garantire la sopravvivenza dei propri simili.

Ma cosa succede a livello neuronale che ci motiva alla generosità e all’offrire qualcosa di nostro ad altri? 

Un nuovo studio mette ora in luce il ruolo della dopamina nella percezione della iniquità nella distribuzione delle risorse tra individui: i soggetti dello studio sono stati sottoposti dapprima a un questionario che indagava la sensibilità di ciascun individuo ai temi della disuguaglianza e tolleranza, successivamente sono stati formati due gruppi di soggetti. Ai partecipanti del primo gruppo è stata somministrata una dose di tolcapone (una sostanza che favorisce l’aumento del rilascio di dopamina nel cervello), ai partecipanti del secondo gruppo è stata somministrata una sostanza placebo. I soggetti di entrambi i gruppi hanno poi giocato a una versione modificata di Dictator Game, in cui è stato chiesto loro di scegliere quanti gettoni conservare e quanti invece distribuirne a un partner di gioco anonimo.

Quale ruolo avrà la dopamina in tutto ciò? Favorirà i comportamenti generosi o, al contrario, tenderà ad inibirli? Per scoprirne di più leggete l’articolo consigliato.

 

A research team led by Ignacio Saez of UC Berkeley had study participants play various versions of the Dictator Game — more or less: Here, take these 100 tokens worth a little money and decide how many you want to keep versus how many you want to give to an anonymous partner…

Quanto sei generoso? E’ tutta una questione di dopaminaConsigliato dalla Redazione

Sei una persona generosa? E' tutta questione di dopamina- Immagine: 55679394
Cosa succede a livello neuronale che ci motiva alla generosità e all’offrire qualcosa di nostro ad altri? Un nuovo studio mette ora in luce il ruolo della dopamina nella percezione della iniquità nella divisione delle risorse. (…)

Tratto da: Science of Us

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Psicologia Sociale

Scendere in Campo: quando lo sport diventa famiglia!
Psicologia

Scendere in Campo: quando lo sport diventa famiglia!

Lo sport, attività agonistica e non, che sin dai tempi antichi, portava grandi flussi di gente a riunirsi in un piazzale, in un campetto, in un anfiteatro, in uno stadio, creando forti emozioni sia in chi si cimentava nella pratica sia in chi rimaneva semplice spettatore.   Un mix di

Ricordo di Albert Bandura

Ricordo di Albert Bandura

In ricordo di Albert Bandura (4 dicembre 1925 – 26 luglio 2021) – È deceduto il 26 luglio 2021 Albert Bandura, psicologo e studioso che ha contribuito al passaggio dal comportamentismo alla rivoluzione cognitiva nel campo dell’apprendimento sociale.   Il suo primo contributo fu sull’apprendimento: attraverso una serie di esperimenti,

“Io non sono un oggetto”: la relazione tra oggettivazione, controllo percepito e aggressività
Psicologia

“Io non sono un oggetto”: la relazione tra oggettivazione, controllo percepito e aggressività

Vi è mai capitato di ritrovarvi in interazioni sociali e di rendervi conto che l’unico interesse del vostro interlocutore fosse quello di sfruttarvi col fine di poter ottenere qualcosa? Se la risposta è affermativa, vuol dire che siete stati vittime di oggettivazione.    Con il termine oggettivazione si fa riferimento

Il pregiudizio di conferma
Psicologia

Il pregiudizio di conferma

Ci illudiamo di essere persone che utilizzano sempre la ragione, ma la realtà dei fatti è che molti pregiudizi guidano, spesso inconsapevolmente, le nostre azioni; uno di questi è sicuramente il “pregiudizio di conferma” (in inglese “confirmation bias”).   Definizione Ma cos’è questo “pregiudizio di conferma”? In generale, possiamo definire

L’effetto Dunning Kruger
Psicologia

L’effetto Dunning Kruger

David Dunning incominciò alcune sperimentazioni insieme a Justin Kruger e pubblicarono insieme il lavoro “Unskilled and Unaware of It: How Difficulties In Recognizing One’s Own Incompetence Lead to Inflated Self-Assessments” (1999): era nato l’Effetto Dunning Kruger.   Il 6 gennaio 1995 (Errol Morris, 2010) Wheeler McArthur rapinò due banche di

Il Passero Pellegrino
Psicologia

Il Passero Pellegrino

Attraverso i risultati di un esperimento l’autore affronta il tema della comunicazione e degli aspetti di consapevolezza e inconsapevolezza che la riguardano.   Nelle Confessioni Sant’Agostino interrogandosi sul tempo dice: “Che cos’è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; se dovessi spiegarlo a chi me ne chiede,

Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte – Psicologia Digitale
Psicologia

Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte – Psicologia Digitale

L’app Apart of Me è un gioco terapeutico che aiuta i più giovani ad affrontare il lutto fornendo supporto psicologico, strategie ed esercizi per elaborare la perdita. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 21) Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte    Lo scorso Novembre

Zimbardo: memorie di uno psicologo (2017) a cura di Daniel Hartwig – Recensione del libro
Psicologia

Zimbardo: memorie di uno psicologo (2017) a cura di Daniel Hartwig – Recensione del libro

Ho impiegato diverso tempo a leggere il libro di Daniel Hartwig Zimbardo: memorie di uno psicologo. Non per la lunghezza del testo o per la noia, affatto, ma perché gli spunti di riflessione sono tantissimi.   Parla di esperimenti e teorie che vuoi andare a ricercare, conoscere, verificare. Impossibile quindi

Perché durante le video call guardiamo più noi stessi che gli altri – Psicologia Digitale
Psicologia

Perché durante le video call guardiamo più noi stessi che gli altri – Psicologia Digitale

Le videochiamate sono momenti di interazione; ma perché ci capita di guardare e concentrarci più su noi stessi che sugli altri? PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 20) Perché durante le video call guardiamo più noi stessi che gli altri    Passiamo molte ore al giorno impegnati in video call: per lavoro, per

Potere e autorità: i processi psicologici alla base
Attualità

Potere e autorità: i processi psicologici alla base

L’obbedienza all’autorità è l’elemento fondamentale della struttura sociale. Non è né giusta né sbagliata, l’eticità dell’obbedienza dipende unicamente dalle disposizioni a cui si è sottoposti e dal contesto entro cui si obbedisce.   La folla è un gregge docile incapace di vivere senza un padrone. È talmente desiderosa di obbedire

Clubhouse: perché tutti lo vogliono?
Attualità Psicologia

Clubhouse: perché tutti lo vogliono?

Clubhouse è un social network messo a punto nel 2020, ma il boom in Italia c’è stato solo tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio 2021. Perché tutti vogliono potervi avere accesso?   Negli ultimi tempi, abbiamo assistito all’esplosione di un nuovo trend: quello di Clubhouse. È

I processi di costruzione identitaria nell’integrazione culturale
Psicologia

I processi di costruzione identitaria nell’integrazione culturale

I giovani immigrati stranieri sono chiamati ad affrontare un duplice impegno: la ricerca della propria identità, cioè di un insieme organizzato di conoscenze, sentimenti, ricordi e rappresentazioni che si riferiscono all’individuo, e di un sentimento di continuità di sé nello spazio e nel tempo.   La presenza di minori e

La censura sui social network per il benessere psicologico e sociale
Psicologia

La censura sui social network per il benessere psicologico e sociale

A partire dal concetto di “influenza sociale”, si cerca di spiegare in che modo determinati contenuti diffusi liberamente sui social network possano diventare pericolosi fino anche ad innescare possibili reazioni violente.   Ha fatto molto discutere, nei giorni scorsi, la scelta operata da Twitter di sospendere l’account personale di Donald

Psicologia del viaggiare – Il terzo episodio di Caffè Cognitivo

Psicologia del viaggiare – Il terzo episodio di Caffè Cognitivo

I professionisti delle Scuole di Specializzazione e dei Centri Clinici del circuito Studi Cognitivi sono stati protagonisti della serie di webinar “Caffé Cognitivo”: un ciclo di appuntamenti che ha esplorato alcuni interessanti argomenti della Psicologia, della Psicoterapia e della Psichiatria, con uno sguardo all’attualità e al panorama sociale.   Ai

Il ruolo dell’empatia come mediatrice del contatto intergruppi
Psicologia

Il ruolo dell’empatia come mediatrice del contatto intergruppi

Il termine empatia deriva dal greco empateia e significa ‘sentirsi dentro l’altro’.   Si tratta, infatti, della capacità di mettersi nei panni dell’altro, aprendosi emotivamente e cognitivamente per comprenderne sentimenti e pensieri. Bateson definisce l’empatia come una ‘risposta emotiva orientata verso l’altro, congruente con la percezione del suo benessere‘. Secondo

Gli inesplicabili processi psicologici che si celano nel contesto gruppo
Psicologia

Gli inesplicabili processi psicologici che si celano nel contesto gruppo

L’appartenenza al gruppo permette al singolo di rispecchiarsi nelle persone che ne fanno parte. Il processo cognitivo che vi è alla base è l’identificazione, la persona si comprende cognitivamente membro di quel particolare insieme. Non è tanto il tipo di persona che un uomo è, ma la situazione in cui

Covid-stigmatizzati
Attualità Psicologia

Covid-stigmatizzati

La paura del contagio, che la società sta vivendo in seguito alla pandemia da Covid-19, crea terreno fertile per la stigmatizzazione di persone o gruppi sociali.   Si delinea così un’altra paura: la paura di essere l’oggetto dello stigma. Questo spiega perché risulta così complesso comunicare la propria positività al

Dillo con un meme: bisogni e funzioni comunicative dei contenuti virali – Psicologia Digitale
Psicologia

Dillo con un meme: bisogni e funzioni comunicative dei contenuti virali – Psicologia Digitale

I web meme o internet meme, o più comunemente meme, sono dei contenuti, testuali o video, che sono creati, trasformati e diffusi da molti utenti, diventando virali. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 15) Dillo con un meme: bisogni e funzioni comunicative dei contenuti virali   Cosa sono i meme e perché

Meme: analisi psicologica della nuova forma di comunicazione
Psicologia

Meme: analisi psicologica della nuova forma di comunicazione

Quante volte ci capita di condividere sui social o su chat private immagini che rispecchiano a pieno un nostro sentimento, una circostanza vissuta con qualcuno o un’esperienza comune di vita quotidiana?   Questa forma di comunicazione e condivisione, che da anni ormai circola in Internet, prende il nome di “meme”

Housing first, “Prima la casa”: un modello di intervento per i senza fissa dimora
Psicologia

Housing first, “Prima la casa”: un modello di intervento per i senza fissa dimora

Il principio fondante del modello housing first è che la casa è un diritto umano primario: fornire un’abitazione a persone senza fissa dimora diventa il punto di partenza, e non quello finale, per l’attivazione di un percorso di inclusione sociale. Giulia Rossi – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Bolzano

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario