expand_lessAPRI WIDGET

La ricetta per la felicità esiste: basta riconoscere d’esser tristi!

Spesso, nel raggiungimento dei nostri obiettivi, corriamo il rischio di lasciarci sopraffare dalle emozioni negative: meglio riconoscerle e accettarle.

Di Marina Morgese, Redazione

Pubblicato il 21 Mag. 2015

E’ assolutamente importante non scambiare le emozioni per dei fini ma vederle più come dei mezzi: è dunque sbagliato utilizzare le sole emozioni positive come misuratori della qualità delle nostre vite.  

Tutte quelle volte in cui alla domanda Quali sono i tuoi obiettivi nella vita? abbiamo risposto Mi basta essere felice, non abbiamo fatto altro che allontanarci dalla felicità…o almeno questo è quanto afferma Todd Kashdan, professore di Psicologia presso la George Mason University.

Nell’articolo consigliato, Kashdan viene intervistato sul suo ultimo libro The Upside of Your Dark Side: Why being your whole self – not just your good self – drives success and fulfillment. Secondo l’autore infatti, è assolutamente importante non scambiare le emozioni per dei fini ma vederle più come dei mezzi: esistono tanti fattori, al di fuori del nostro controllo, che possono influenzare i nostri pensieri e le emozioni, è dunque sbagliato, secondo Kashdan, utilizzare le sole emozioni positive come misuratori della qualità delle nostre vite.  

Ma non finisce qui…Kashdan offre delle strategie e dei messaggi, basati sui risultati delle sue ricerche, per insegnare come gestire le emozioni e non lasciarci da queste condizionare nel raggiungimento delle nostre mete. Un esempio? Si può iniziare con il distinguere le emozioni negative dagli eventi negative e le emozioni positive dagli eventi positivi: non è detto quindi che la felicità sia migliore della tristezza, dipende solo dalle situazioni!

In fin dei conti, qualunque sia il nostro obiettivo, dal diventare un buon genitore al realizzarci nel mondo del lavoro, dovremmo pur essere consapevoli che le salite non sono sempre facili e che possiamo concerderci dei momenti di tristezza…l’importante è non perdere di vista il traguardo, anche se con una lacrimuccia in più.

 

One of the most important things that we’ve discovered – the message that we should always feel good and try not to feel bad, ends up being a toxic message that doesn’t work well as a strategy for going through life.

 

La ricetta per la felicità esiste: basta riconoscere d’esser tristi!Consigliato dalla Redazione

La ricetta per la felicità esiste: basta riconoscere d'esser tristi! - Immagine: 83039315
Spesso, nel raggiungimento dei nostri obiettivi, corriamo il rischio di lasciarci sopraffare dalle emozioni negative: meglio riconoscerle e accettarle. (…)

Tratto da: Washington Post

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su
Piangiamo perché siamo tristi o siamo tristi perché piangiamo? Teorie fisiologiche delle emozioni a confronto
Nel tempo sono stati tanti gli studiosi che hanno cercato di dare spiegazioni sul funzionamento delle emozioni e dei processi sottesi ad esse
Schema Therapy e disregolazione emotiva: evidenze scientifiche a supporto
La Schema Therapy, aprendosi all'integrazione di tecniche cognitivo-esperienziali, può risultare efficace per intervenire sulla disregolazione emotiva
Disturbi d’Ansia
Diamo uno sguardo ai disturbi d'ansia, vediamo consigli pratici per affrontare l'ansia nella vita di tutti i giorni e sfatiamo i falsi miti
L’ansia in un’equazione
Salkovskis propone uno strumento per aiutare le persone a sentirsi meno sopraffatte dall’ansia, si tratta dell’equazione dell’ansia
Alessitimia: la difficoltà a riconoscere e verbalizzare le emozioni
L’alessitimia indica l’incapacità di mentalizzare, percepire, riconoscere e descrivere verbalmente i propri e gli altrui stati emotivi
La gestione dell’ansia nelle relazioni sentimentali
Le coppie possono aiutarsi reciprocamente nei momenti di difficoltà, inclusi i periodi di ansia. Quali dinamiche si instaurano?
Aggiornamenti delle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità “Mental Health Gap Action Programme (mhGAP) guideline”
Le Mental Health Gap Action Programme guideline sono indicazioni, raccomandazioni e aggiornamenti per il trattamento di disturbi mentali, neurologici e abuso di sostanze
“Apriti Cuore”: Lucio Dalla ci esorta a non trascurare le emozioni e ad aprirci al sentire
Apriti Cuore, capolavoro di musica e parole, è un brano di Lucio Dalla, incredibilmente intenso ed emozionante
Quando tuo figlio ti incolpa per i suoi problemi
Spesso i figli accusano i genitori dei loro problemi. Cosa fare? Ecco 6 suggerimenti per affrontare questa situazione
“Fuori controllo”. I benefici di tollerare l’incertezza
La sensazione di non sapere cosa accadrà può essere vista come avversa e disorientante e può accompagnarsi all’intolleranza all'incertezza
Il biofeedback: tra parametri fisiologici e consapevolezza corporea
Il biofeedback è un intervento trasversale utile ad alleviare sintomi comuni a molti disturbi e a migliorare il benessere generale
Neuroplasticità e interventi psicologici nell’ottica di trattamenti sinergici
Integrare terapie che promuovono l’aumento della neuroplasticità e interventi cognitivo comportamentali può mantenere più a lungo gli effetti positivi
Perché provare nostalgia fa bene?
Approfondiamo il fenomeno della nostalgia e spieghiamo la sua utilità per il benessere mentale e la sua funzione motivazionale
Ansia da batteria scarica e paura di perdersi tutto – Psicologia digitale
Cosa provate quando siete fuori casa e il livello della batteria è 20% o meno? L’ansia da batteria scarica sembra influenzare le nostre abitudini
La vergogna del terapeuta (2023) di Gianpaolo Salvatore – Recensione
Il libro “La vergogna del terapeuta” esplora in modo originale un tema in cui terapeuta e paziente condividono fattori di vulnerabilità
Fobie specifiche, cosa e quali sono
Le fobie specifiche sono una risposta di paura o ansia per una situazione o un oggetto, in misura sproporzionata rispetto al pericolo reale
L’impatto psicologico di eventi climatici estremi e l’ecoansia
L'impatto negativo del cambiamento climatico sulla salute e sul benessere degli individui è sempre più grave e frequente
Verso una terapia espositiva di precisione (2023) di Emiliano Toso – Recensione
Recensione del libro “Verso una terapia espositiva di precisione” del Prof. E. Toso che descrive alcune novità nel trattamento dell'ansia
Il cervello emotivo: connessioni tra mente e corpo
La ricerca psicologica ha esplorato le radici delle emozioni e del comportamento, ma rimangono ancora alcuni aspetti da esplorare
Si può vivere senza ansia?
Eliminare l'ansia non è possibile, ma imparare a conviverci sì. Per riuscirci è d'aiuto fare riferimento ad alcune tecniche di psicoterapia
Carica altro
Si parla di:
Categorie
ARTICOLI CORRELATI
cancel