expand_lessAPRI WIDGET

Psicoterapia Metacognitiva: efficace per ansia e depressione – Meta-analisi

Una meta-analisi sull'efficacia della Terapia Metacognitiva per Ansia e Depressione confrontata con psicoterapie Cognitivo-Comportamentali standard

Di Gabriele Caselli

Pubblicato il 30 Apr. 2014

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

La Terapia Metacognitiva (Metacognitive Therapy, MCT) è un recente approccio psicoterapeutico che considera i disturbi psicologici come il risultato di uno stile di pensiero rigido che può ostacolare la naturale regolazione emotiva e rendere ansia e depressioni pervasive, intense e durature. Questo stile di pensiero consiste in rimuginio, ruminazione, fissazione dell’attenzione su stimoli minacciosi e comportamenti di gestione della sofferenza controproducenti.

La MCT ha sviluppato tecniche e protocolli di intervento per i Disturbi d’Ansia e la Depressione. La teoria e la terapia hanno avuto nel corso degli anni numerosi supporti scientifici di validità ed efficacia. Solo recentemente è stata pubblicata la prima meta-analisi che raccoglie tutti gli studi di efficacia della MCT anche confrontata con altre terapie come quella cognitivo-comportamentale.

Pur essendo solo all’inizio di questo lungo confronto è la prima volta che viene mostrata su un ampio insieme di studi la superiorità di una terapia su interventi cognitivo-comportamentali per disturbi d’ansia e depressione.

I punti forti di questo articolo sono: (1) gli autori sono indipendenti (l’analisi non è stata effettuata dagli autori della terapia), (2) le analisi sono state fatte sui dati originali, (3) sono stati inseriti tutti gli studi registrati anche quelli mai pubblicati.

On primary outcome measures the aggregate within-group pre- to posttreatment and pretreatment to follow-up effect sizes for MCT were large (Hedges’ g = 2.00 and 1.65, respectively). Within-group pre- to posttreatment changes in metacognitions were also large (Hedges’ g = 1.18) and maintained at follow-up (Hedges’ g = 1.31). Across the controlled trials, MCT was significantly more effective than both waitlist control groups (between-group Hedges’ g = 1.81) as well as cognitive behavior therapy (CBT; between-group Hedges’ g = 0.97).

 

THE EFFICACY OF METACOGNITIVE THERAPY FOR ANXIETY AND DEPRESSION: A META-ANALYTIC REVIEWConsigliato dalla Redazione

BANDO SELEZIONE PSICOLOGI
Article first published online: 22 APR 2014 (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli sulla Terapia Metacognitiva
Cosa dice la letteratura sulla Terapia Metacognitiva (MCT)
La terapia metacognitiva (MCT) è una terapia efficace nel trattamento di ansia e depressione che lavora sui processi invece che sui contenuti
Le credenze metacognitive
Le credenze metacognitive sono le idee e teorie che una ciascuno di noi ha in merito al proprio funzionamento cognitivo
Perché pensiamo così tanto? Imparare a pensare meno e a vivere meglio
Preoccuparsi delle cose può sembrare una strategia utile, ma se invece fosse proprio il fatto di pensare meno ad aiutarci a vivere meglio?
Disturbi alimentari: credenze metacognitive e caratteristiche alimentari
Credenze metacognitive e caratteristiche alimentari in pazienti con disturbo dell’alimentazione
Palmieri et al. (2022) hanno indagato le credenze metacognitive nei disturbi alimentari ipotizzandone il legame con le caratteristiche centrali del disturbo
Problemi interpersonali e credenze metacognitive quale relazione_
Le credenze metacognitive ed i problemi interpersonali
Lo studio di Nordahl et al., 2021 ha avuto come scopo la valutazione delle credenze metacognitive in associazione ai problemi interpersonali
Disturbi di personalità: metacredenze, rimuginio e ruminazione
Metacredenze, ruminazione e rimuginio nei disturbi di personalità
Lo studio di Spada e colleghi (2021) ha approfondito il tema delle credenze metacognitive e del Repetitive Negative Thinking nei disturbi di personalità
Detached Mindfulness e Temi Dolorosi - Partecipa alla ricerca
Affrontare i temi dolorosi con la Detached Mindfulness (DM) – PARTECIPA ALLA RICERCA
Studi Cognitivi sta conducendo una ricerca per valutare l’impatto di due esercizi dell'MCT nel promuovere la detached mindfulness dai temi dolorosi LIBET
Terapia Metacognitiva: l'efficacia del trattamento per ansia e depressione
Efficacia della terapia metacognitiva per ansia e depressione
Obiettivo della Terapia Metacognitiva è aiutare a sviluppare nuovi modi di reagire ai pensieri negativi attraverso nuovi modi di controllare l’attenzione
Terapia metacognitiva: applicazioni cliniche e valutazione dell'efficacia
La nascita della terapia metacognitiva – Parte II
Si approfondisce la terapia metacognitiva con un focus sul metodo sperimentale usato durante la sua ideazione e sulle sue applicazioni in ambito clinico
Terapia metacognitiva: nascita e principi fondamentali del modello
La nascita della terapia metacognitiva – Parte I
Quali sono le basi teoriche che hanno portato allo sviluppo della terapia metacognivita? Quali sono le evidenze scientifiche che la rendono così rilevante?
Terapia Metacognitiva caratteristiche obiettivi e differenze dalla CBT
Che cosa intendiamo per Terapia Metacognitiva
La Terapia Metacognitiva ha introdotto un nuovo modo di concettualizzare e trattare i disturbi psicologici, dall'ansia alla depressione, dal DOC al PTSD
Detached mindfulness: intervire su ossessioni, rimuginio e ruminazione
Pensieri ossessivi, rimuginio e ruminazione: la Detached Mindfulness come forma di intervento
La persona che adotta la detached mindfulness si pone nelle vesti di osservatore distaccato dei propri pensieri e delle emozioni che prova in quel momento
Psiconcologia: ACT e MCT per trattare il distress psicologico - Psicoterapia
Il distress psicologico dei pazienti oncologici: qual è il ruolo della terapie di terza ondata ACT e MCT?
La psiconcologia si sta orientando sul trattare eventuali disturbi psicologici legati alla patologia oncologica con interventi di terza onda come ACT e MCT
Metacognizioni: ruolo nei disturbi psicologici e nelle dipendenze
Il ruolo delle metacognizioni nelle dipendenze
Le metacognizioni determinano l’attivazione di pensieri e stili di coping disfunzionali che generano e mantengono i disturbi psicologici come le dipendenze
NAZIONALE - 201127 - The Journal Club 6di9 - Banner6
L’applicazione della MCT nel disturbo da uso di alcol – Il sesto episodio di The Journal Club
The Journal Club è la nuova webserie per discutere e approfondire le novità dal panorama scientifico internazionale - Su State of Mind il sesto episodio
Dipendenza: ruolo delle credenze metacognitive positive e negative
La metacognizione e i comportamenti di dipendenza: una relazione di natura bidirezionale?
Le credenze metacognitive contribuiscono ai comportamenti di dipendenza promuovendo stili di pensiero dannosi e strategie di coping disfunzionali
Pensare ai pensieri metacredenze nel disturbo bipolare - The Journal Club
Pensare ai pensieri: le metacredenze nel disturbo bipolare – Il secondo episodio di The Journal Club
The Journal Club è la nuova webserie per discutere e approfondire le novità dal panorama scientifico internazionale - Su State of Mind il secondo episodio
Terapia Metacognitiva l efficacia nel trattamento del PTSD - Psicoterapia
La Terapia Metacognitiva (MCT) applicata al Disturbo da Stress Post traumatico
La Terapia Metacognitiva (MCT) è tra i più recenti approcci al trattamento del PTSD e mira a rimuovere specifiche barriere al processo di guarigione
GAD: i vantaggi della terapia metacognitiva di gruppo - Psicoterapia
MCT di gruppo per il GAD – fattibilità ed efficacia
La MCT di gruppo per il disturbo d'ansia generalizzata(GAD) potrebbe essere un'alternativa efficace ed economicamente vantaggiosa al trattamento individuale
Schizofrenia: l'efficacia del training metacognitivo sui sintomi positivi
L’MCT è utile per le psicosi?
Uno studio recente ha valutato l'efficacia di un training metacognitivo (MCT) sulle psicosi ed in particolare sui sintomi positivi (deliri e allucinazioni)
Carica altro
Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Gabriele Caselli
Gabriele Caselli

Direttore scientifico Gruppo Studi Cognitivi, Professore di Psicologia Clinica presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna

Tutti gli articoli
ARTICOLI CORRELATI
cancel