Centri Clinici

Maggior rischio di malattie mentali nei figli nati da padri in età avanzata

I figli nati da padri over 45 abbiano, rispetto a figli nati da padri di 20-24 anni, un rischio maggiore di sviluppare alcune malattie mentali...

ID Articolo: 40714 - Pubblicato il: 05 marzo 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

L’orologio biologico umano con il suo ticchettare scandisce il tempo a disposizione per appagare il desiderio di genitorialità: di fronte agli aspiranti genitori in età avanzata si agita infatti lo spettro della menopausa e del rischio aumentato che i propri futuri figli nascano affetti da malformazioni congenite; ma non solo.

Il journal JAMA Psychiatry ha recentemente pubblicato lo studio di un team di ricerca guidato da Brian M. D’Onofrio dell’Indiana University che ha osservato come figli nati da padri over 45 abbiano, rispetto a figli nati da padri di 20-24 anni, un rischio maggiore di sviluppare alcune malattie mentali quali psicosi, autismo, disturbo bipolare, disturbo da deficit attentivo, nonché di avere maggiori difficoltà scolastiche e una maggior tendenza all’abuso di sostanze.

Lo studio ha preso in considerazione un vastissimo campione composto da 2,6 milioni di persone nate in Svezia dal 1973 al 2001 ed è stato condotto in maniera molto rigorosa ed accurata: nonostante i ricercatori abbiano controllato per qualsiasi variabile venisse loro in mente (età della madre, livello di istruzione dei genitori, reddito, etc.), le analisi dei dati hanno sempre mostrato un chiaro pattern di aumento di rischio di sviluppare malattie mentali con l’aumentare dell’età paterna.

Come si spiega questo aumento di rischio?

Una delle ipotesi più plausibili potrebbe essere la seguente: a differenza delle donne che nascono con un numero prestabilito di ovuli, negli uomini vi è una continua produzione di spermatozoi e quindi si verificano molti più cicli di duplicazione del DNA rispetto alla gametogenesi femminile. Un maggior numero di cicli di duplicazione implica un aumento della possibilità che si verifichino degli errori casuali (mutazioni de novo) che si accumulano di ciclo in ciclo: più si va avanti con l’età quindi, maggiori sono le mutazioni de novo a cui si va incontro e che si trasmetteranno alla propria prole. La maggior parte di queste mutazioni sono innocue, ma alcune sono state collegate a disturbi mentali. Ciononostante il contributo delle mutazioni de novo al rischio di sviluppare disturbi mentali è probabilmente piuttosto ridotto rispetto ad altri fattori e la vera sfida futura è proprio questa, riuscire a comprendere quali altre variabili entrano in gioco nel determinare le differenze di rischio tra i figli nati da genitori giovani e figli nati da genitori in là con l’età.

ARTICOLI SU GENETICA E PSICHE


The new report, which looked at many mental disorders in Sweden, should inflame the debate, if not settle it, experts said. Men have a biological clock of sorts because of random mutations in sperm over time, the report suggests, and the risks associated with later fatherhood may be higher than previously thought. The findings were published on Wednesday in the journal JAMA Psychiatry.

“This is the best paper I’ve seen on this topic, and it suggests several lines of inquiry into mental illness,” said Dr. Patrick F. Sullivan, a professor of genetics at the University of North Carolina, who was not involved in the research. “But the last thing people should do is read this and say, ‘Oh no, I had a kid at 43, the kid’s doomed.’ The vast majority of kids born to older dads will be just fine.”

 

Mental Illness Risk Higher for Children of Older Fathers, Study Finds

Consigliato dalla Redazione

rischio malattie mentali figli nati da padri età avanzata Immagine - © Matthew Cole - Fotolia.com -2
Children born to middle-aged men are more likely than those born to younger fathers to develop any of a range of mental difficulties (…)
Tratto da: New York Times

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Gravidanza & Genitorialità

L’arrivo di una nuova vita: la nascita di una mamma e di un papà – VIDEO dal webinar di Studi Cognitivi Modena
Psicologia

L’arrivo di una nuova vita: la nascita di una mamma e di un papà – VIDEO dal webinar di Studi Cognitivi Modena

Il Centro Clinico Studi Cognitivi Modena ha organizzato un incontro informativo rivolto a tutti i futuri genitori. Pubblichiamo per i nostri lettori il video dell’evento   Durante l’incontro sono state discusse le aspettative e le credenze delle future mamme e dei futuri papà aiutandoli a condividere e normalizzare pensieri funzionali

L’effetto IKEA nel mangiar sano
Psicologia

L’effetto IKEA nel mangiar sano

Basandosi sull’effetto IKEA lo studio del team di Radtke ipotizza che coinvolgere i bambini nella pianificazione e preparazione dei pasti sia positivamente correlato all’assunzione di verdure.   Frutta e verdura sono una parte essenziale di una dieta equilibrata. L’assunzione di frutta e verdura, infatti, può proteggere da moltissime malattie e

Genitori in lutto. Quali sono i fattori legati alla crescita post-traumatica?
Psicologia

Genitori in lutto. Quali sono i fattori legati alla crescita post-traumatica?

Waugh et al. (2018), tramite una revisione sistematica della letteratura, hanno indagato la crescita post traumatica tra i genitori in lutto a seguito della morte di un figlio.   La morte di un figlio può comportare una risposta psicologica negativa a lungo termine nei genitori, come un aumento dei sintomi

Emozioni in adolescenza: le difficoltà dei ragazzi e dei loro genitori – Recensione del libro “Adolescenti con emozioni intense”
Psicologia

Emozioni in adolescenza: le difficoltà dei ragazzi e dei loro genitori – Recensione del libro “Adolescenti con emozioni intense”

Il libro di Harvey e Rathbone, Adolescenti con emozioni intense, edito in Italia da Franco Angeli editore, si prefigge di essere un manuale di auto-aiuto a portata di mano per quei genitori che si sentono esausti, frustrati e impotenti nel gestire le emozioni e i comportamenti problematici dei propri figli

SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza – Psicologia Digitale

L’app per la gravidanza SerenaMente Mamma propone un intervento suddiviso in 5 moduli basato sulla psicologia positiva e la mindfulness per sostenere il benessere psicologico nelle donne in attesa. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 22) SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza   La gravidanza rappresenta un periodo di profondi

Invidia del pancione. Una guida per riconoscere le proprie emozioni e affrontare la ricerca di un figlio (2021) di Beatrice Corsale
Psicologia

Invidia del pancione. Una guida per riconoscere le proprie emozioni e affrontare la ricerca di un figlio (2021) di Beatrice Corsale

Invidia del pancione affronta le tematiche legate al percorso della PMA in modo empatico e professionale e fornisce diversi strumenti per gestire i turbamenti emotivi suscitati da ogni fase del percorso.    La ricerca di un figlio non sempre si realizza nell’immediato e il momento dell’attesa del concepimento può essere vissuto

L’attaccamento nella costruzione della realtà – Report del webinar
Psicologia

L’attaccamento nella costruzione della realtà – Report del webinar

Che cosa ha rappresentato la teoria dell’attaccamento nel rinnovamento della psicoterapia e nel cambiamento della nostra società, almeno in alcuni settori? Quali prospettive ci ha aperto? A queste domande cercano di rispondere i relatori da punti di vista differenti sul piano teorico e dell’approccio clinico.   Nicola Piccini apre la

SerenaMente Mamma, l’app per una gravidanza serena, nel corpo e nella mente – Comunicato Stampa
Psicologia

SerenaMente Mamma, l’app per una gravidanza serena, nel corpo e nella mente – Comunicato Stampa

Il malessere delle donne in gravidanza e le difficoltà nella regolazione delle emozioni possono avere effetti negativi, per questo l’app SerenaMente mamma propone un percorso per supportare le future mamme.   La gravidanza rappresenta un momento complesso nella vita delle donne, un periodo in cui in pochi mesi avviene il

Caregiver burden: lo stress dei genitori con figli disabili
Psicologia

Caregiver burden: lo stress dei genitori con figli disabili

Il caregiver burden viene definito come una forma di disagio psicofisico che coinvolge numerosi aspetti della vita quotidiana.   Il termine “caregiver” significa letteralmente “colui che fornisce cure”: si riferisce alle persone che accudiscono chi ha subito una diminuzione o una perdita di autonomia e che, pertanto, necessita di assistenza.

L’adolescenza e la rottura del processo adottivo
Psicologia

L’adolescenza e la rottura del processo adottivo

Con il termine “rottura dell’adozione” si è soliti far riferimento a tutte quelle situazioni caratterizzate da una separazione definitiva tra genitori e figli adottivi (Palacios et al., 2018).   Le rotture adottive sono il risultato di una commistione di fattori legati al bambino adottato, ai genitori adottivi, alla relazione bambino-genitore

Sindrome da Alienazione Genitoriale: combattere le strumentalizzazioni delle relazioni genitori-figli – Comunicato Stampa
Psicologia

Sindrome da Alienazione Genitoriale: combattere le strumentalizzazioni delle relazioni genitori-figli – Comunicato Stampa

Comunicato stampa L’Ordine degli Psicologi della Lombardia interviene nel dibattito sulla PAS (Sindrome da Alienazione Genitoriale) e richiama l’esigenza di proteggere i minori dagli effetti della conflittualità tra i genitori    I minori vanno protetti dagli effetti che una esasperata conflittualità tra genitori separati può produrre su di essi. Il dibattito

Genitorialità e generatività: cosa vuol dire essere genitori adottivi?
Psicologia

Genitorialità e generatività: cosa vuol dire essere genitori adottivi?

Cosa vuol dire nello specifico divenire genitori adottivi? Con l’adozione la coppia riuscirà a rielaborare il concetto di genitorialità, crescere quel bambino, sentirlo come figlio proprio ed accettarlo come tale.   Capita spesso che all’interno della stessa comunità sociale convivono più forme di famiglia ed è per questo che si parla

Viola che stava sulla montagna. Guai in casa e una casa per aggiustare i guai – Recensione
Psicologia

Viola che stava sulla montagna. Guai in casa e una casa per aggiustare i guai – Recensione

Uno dei temi affrontati in Viola che stava sulla montagna è come i bambini siano interlocutori sensibili e attenti che recepiscono tutto quello che succede e per questo con loro si può e si deve parlare in modo veritiero.   Roberta Balsamo e Flavia Sottoriva, psicologhe e psicoterapeute sistemico-relazionali, scrivono questa

La sindrome del burnout genitoriale nelle disabilità
Psicologia

La sindrome del burnout genitoriale nelle disabilità

Molte ricerche suggeriscono che i genitori di bambini con disabilità non solo sperimentano livelli più elevati di stress rispetto alle famiglie di bambini con sviluppo tipico, ma che la loro salute mentale in generale potrebbe avere delle complicazioni Antonio Albanesi – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto  

L’integrazione delle numerose parti di una donna e di una madre – Moms, una rubrica su maternità e genitorialità
Psicologia

L’integrazione delle numerose parti di una donna e di una madre – Moms, una rubrica su maternità e genitorialità

Come ogni avventura, anche la Rubrica Moms sta volgendo al termine, o almeno la prima serie. Quest’ultimo episodio si propone di valorizzare l’integrazione tra i diversi aspetti che appartengono ad ogni donna e madre. Moms – (Nr.14) L’integrazione delle numerose parti di una donna e di una madre   Carl A.

Rischio burnout per i genitori? Possibili effetti dello stress in famiglia
Psicologia

Rischio burnout per i genitori? Possibili effetti dello stress in famiglia

Le difficoltà e gli ostacoli quotidiani possono rappresentare una fonte significativa di stress, tanto che in alcune circostanze i genitori sono quasi sopraffatti dalle loro responsabilità educative e possono sperimentare un senso di sovraccarico emotivo, fino allo stato di Parental Burnout.   L’esperienza della genitorialità rappresenta una sfida continua, a

Comprendere l’adolescente. Indicazioni cliniche in ottica Cognitivo Comportamentale (2021) di Simona Tripaldi, Marika Ferri, Clarice Mezzaluna – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Comprendere l’adolescente. Indicazioni cliniche in ottica Cognitivo Comportamentale (2021) di Simona Tripaldi, Marika Ferri, Clarice Mezzaluna – Recensione del libro

Comprendere l’adolescente si propone di analizzare e trattare il “mondo” adolescenziale a 360 gradi.   Il libro si apre in chiave teorica, dedicandosi poi ai temi connessi alla psicopatologia in adolescenza e mettendo in luce l’importanza degli stili di attaccamento e del ruolo genitoriale e quello della Psicoterapia, focalizzandosi su

Manuale di Sopravvivenza per Genitori (2020) – Recensione del libro
Psicologia

Manuale di Sopravvivenza per Genitori (2020) – Recensione del libro

Le autrici hanno sviluppato un libro per genitori di facile comprensione, inserendo esempi concreti, possibili scenari, suggerendo strategie facilitanti ed efficaci all’acquisizione di comportamenti funzionali e adattivi all’ambiente di vita del bambino.   La volontà esplicita di questo manuale è sin da subito quello di affrontare l’argomento con grande capacità,

L’aborto come scelta individuale e di coppia – Moms, una rubrica su maternità e genitorialità
Psicologia

L’aborto come scelta individuale e di coppia – Moms, una rubrica su maternità e genitorialità

Nel dodicesimo episodio della serie tv Workin’ Moms, Anne, una delle protagoniste, decide di abortire quello che sarebbe stato il terzo figlio, la cui gravidanza era completamente inaspettata. Moms – (Nr.13) L’aborto come scelta individuale e di coppia    Interrompere una gravidanza non è una scelta facile. Richiede un tempo di elaborazione,

Uomo, partner e padre. La perdita perinatale e l’espressione del lutto maschile
Psicologia

Uomo, partner e padre. La perdita perinatale e l’espressione del lutto maschile

Come per la donna, anche per l’uomo la perdita perinatale risulta essere tanto più devastante quanto maggiore è l’investimento emotivo verso il nascituro.   Abstract Perdere un figlio in gravidanza interrompe il processo di costruzione genitoriale e rappresenta per l’uomo la dissoluzione del sogno di paternità. Sebbene coinvolti diversamente rispetto

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Messaggio pubblicitario