I Disturbi del Sonno sono malattie curabili in tutto il mondo

Il 14 marzo si è celebrata la Giornata Mondiale del Sonno.

ID Articolo: 41344 - Pubblicato il: 20 marzo 2014
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

L’insonnia e le malattie del sonno costituiscono una piaga sociale. Hanno un effetto sul lavoro, sulle relazioni e sugli incidenti stradali.  Oggi ad esempio solo l’insonnia è diffusa tra la popolazione Europea e USA con una frequenza che va dal 10 al 30%.

È importante proprio a pochi giorni della giornata nazionale dei Disturbi del Sonno, e con questi dati alla mano,  parlarne perché è un vero costo sociale!

Nelle storia sono eclatanti i disastri che hanno avuto come concausa la sonnolenza derivata dalla mancanza di sonno, oggi per evitare questi disastri, (anche i più piccoli disastri personali!) ci vengono in aiuto non solo farmaci ma anche terapie psicologiche.

Queste terapie sono  riconosciute a livello scientifico e si servono si tecniche cognitive comportamentali che hanno il beneficio non solo di ridurre il sintomo in breve tempo, ma anche di eliminarlo, al contrario dei farmaci che sono semplicemente palliativi.

È chiara quindi l’importanza del creare una giornata sui disturbi del sonno per fare informazione e prevenzione e soprattutto sponsorizzare cure efficaci perché i disturbi del sonno si possono curare!

Considerato che:
– l’eccessiva sonnolenza e la mancanza di sonno hanno rilevanza epidemica a livello globale e mettono a repentaglio lo stato di salute e la qualità di vita;
– molto può essere fatto per prevenire e curare l’eccessiva sonnolenza e la mancanza di sonno;
– la coscienza del problema a livello degli operatori professionali e del pubblico è il primo passo per poter agire;
si dichiara
che i disturbi del sonno sono patologie prevenibili e curabili in tutti i Paesi del mondo
.

 

Guarire dalle malattie: “Perché non riesco a dormire bene?”Consigliato dalla Redazione

BANDO SELEZIONE PSICOLOGI
Il 14 marzo si celebra la Giornata Mondiale del Sonno. I disturbi del sonno sono tra i problemi di salute più diffusi nella popolazione e nella pratica clinica. Una persona su dieci, prima o poi, avrà un disturbo del sonno. Più andremo avanti con gli anni e più diventerà probabile. Non riusciamo ancora a dare una risposta soddisfacente alla domanda di cure che questo popolo di insonni ci presenta. (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind sui Disturbi del sonno

Buonanotte, dormi bene! – L’importanza del sonno per gli adolescenti
Psicologia

Buonanotte, dormi bene! – L’importanza del sonno per gli adolescenti

È importante notare che un ritardo nel bedtime (l’orario nel quale si va a dormire) durante la seconda decade di vita è stato osservato in oltre 16 Paesi nei 6 continenti, in culture che vanno dal preindustriale al moderno. Non è tuttavia chiaro quante ore di sonno necessiti un adolescente. Elena Tonazzoli e Marta Venturini – OPEN

Cosa succede mentre dormiamo? Ce lo raccontano le neuroscienze!
Neuroscienze

Cosa succede mentre dormiamo? Ce lo raccontano le neuroscienze!

Il sonno ha sempre affascinato scienziati e filosofi, portando alle più disparate teorie.    Oggi lo strumento più usato per misurare i parametri fisiologici durante lo stato di sonno è la polisonnografia, basata principalmente sull’elettroencefalogramma, ma anche sull’elettromiografia, sull’elettrooculografia, sull’elettrocardiogramma e su misure della respirazione. Generalmente, le ricerche moderne vengono

Sopravvissuti a disastri naturali mostrano disturbi del sonno e problemi legati alla salute mentale
Psicologia

Sopravvissuti a disastri naturali mostrano disturbi del sonno e problemi legati alla salute mentale

In letteratura sono riportati numerosi studi che valutano le conseguenze psichiche in seguito a tre diverse tipologie di disastri: naturali, tecnologici e provocati volontariamente dall’uomo come gli attacchi terroristici.   La serie di disturbi provocati da tali eventi comprende: disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo depressivo maggiore (MDD), abuso d’alcol,

L’ apnea notturna potrebbe creare vuoti di memoria
Neuroscienze Psicologia

L’ apnea notturna potrebbe creare vuoti di memoria

I disturbi respiratori durante il sonno, o sleep disordered breathing (SDB), costituiscono un ampio spettro di quadri clinici   In un continuum di gravità, si va dal russamento semplice (simple snoring), alla sindrome da aumentata resistenza delle alte vie aeree superiori (upper airway resistance syndrome, UARS) e alla sindrome delle

I sottotipi riguardanti il disturbo dell’insonnia
Neuroscienze Psicologia

I sottotipi riguardanti il disturbo dell’insonnia

Secondo i ricercatori del Netherlands Institute for Neuroscience l’ insonnia può essere di 5 tipi diversi. Lo studio è stato pubblicato il 7 gennaio 2019 su The Lancet Psychiatry.   Il disturbo dell’ insonnia è considerato il secondo disturbo mentale più diffuso al mondo e il primo rischio di depressione. Quando

La curiosità di associare ad un approccio psicoeducazionale tecniche mind-body in ambito riabilitativo – Congresso SITCC 2018
Psicologia

La curiosità di associare ad un approccio psicoeducazionale tecniche mind-body in ambito riabilitativo – Congresso SITCC 2018

La curiosità di associare ad un approccio psicoeducazionale tecniche mind-body in ambito riabilitativo Antonia Pierobon, Martina Vigorè, Nicolò Granata, Elisa Covini, Laura Ranzini, Anna Giardini, Simona Callegari   Numerose ricerche negli ultimi anni hanno evidenziato come la valutazione psicologica del paziente con Obstructive Sleep Apnea Syndrome (OSAS) e in trattamento

Psicoterapia dell’insonnia: l’efficacia dei trattamenti cognitivo-comportamentali online
Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia dell’insonnia: l’efficacia dei trattamenti cognitivo-comportamentali online

Uno studio dell’Università di Oxford e della Northwestern Medicine ha scoperto che grazie alle terapie cognitivo-comportamentali digitali, si può migliorare lo stato di salute in generale ed in particolare il sonno.   L’insonnia è uno dei fattori di rischio connessi allo sviluppo di disturbi mentali, malattie cardiovascolari e diabete di

Prime linee guida per la valutazione e il trattamento della depressione associata alla perimenopausa
Psicologia

Prime linee guida per la valutazione e il trattamento della depressione associata alla perimenopausa

Sono state pubblicate sul Journal of Women’s Health le prime linee guida per la valutazione e il trattamento della depressione nel periodo di transizione verso la menopausa.   Durante la perimenopausa, il periodo che precede la vera e propria menopausa, gli ormoni subiscono un naturale calo, ciò porta alla manifestazione

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini
Psicologia

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini

Un recente studio sembra mettere in evidenza come vi sia una maggiore tendenza nei bambini con madri che mostrano sintomi depressivi a soffrire di disturbi del sonno durante la crescita, mentre ciò sembra non avvenire nel caso di bambini con madri serene, per i quali le possibilità che sviluppino questo

Insonnia cronica: aspetti cognitivi e comportamentali
Psicologia

Insonnia cronica: aspetti cognitivi e comportamentali

L’insonnia cronica è un disturbo molto comune (circa il 30% della popolazione ne soffre), è più frequente nelle donne e negli anziani (Burton, 2006) e può presentarsi sia come conseguenza o aspetto di un altro disturbo medico o psichiatrico (insonnia secondaria) oppure come forma indipendente e autonoma nella sua eziologia

Larsen di Caparezza: e il tuo acufene come lo chiami?
Psichiatria Psicologia

Larsen di Caparezza: e il tuo acufene come lo chiami?

A maggio è uscito il video del singolo Larsen di Caparezza nel quale si chiarisce brillantemente cosa significa avere un acufene: una sorta di volatile, il manachino delizioso, che produce un fischio acuto con il movimento delle ali e che ci segue costantemente ovunque andiamo. Uno stalker insomma. La canzone

Sonno inadeguato: conseguenze per la salute e costo per la collettività
Psicologia

Sonno inadeguato: conseguenze per la salute e costo per la collettività

Sonno inadeguato per quantità o qualità: nel mondo ne soffrono milioni di persone. Le conseguenze sulla salute sono note da tempo. Uno studio pubblicato sulla rivista SLEEP ha calcolato quanto costa questo problema alla collettività in termini economici. Un problema che sta assumendo una certa importanza in termini di salute

La terapia di Mindfulness per l’insonnia (MBTI) di Jason C. Ong – Principi e tecniche per dormire meglio
Psicologia Psicoterapia

La terapia di Mindfulness per l’insonnia (MBTI) di Jason C. Ong – Principi e tecniche per dormire meglio

Il prof. Jason C. Ong ha sviluppato una Terapia basata sulla Mindfulness per l’insonnia (MBTI) , un innovativo intervento terapeutico di gruppo per il trattamento dell’ insonnia cronica.   Esiste nel mondo una specie di setta della quale fanno parte uomini e donne di tutte le estrazioni sociali, di tutte

Il fenomeno del Binge watching e i disturbi del sonno
Psicologia

Il fenomeno del Binge watching e i disturbi del sonno

In un studio recente Exelmans e Van den Bulck hanno mostrato come il binge watching notturno si associ a un rischio raddoppiato di disturbi del sonno. In cosa consiste il fenomeno del binge watching Una serie dopo l’altra, gli appassionati di serie TV passano sempre più notti davanti allo schermo;

Insonnia? Puoi curarla senza sonniferi!
Psicologia Psicoterapia

Insonnia? Puoi curarla senza sonniferi!

La terapia cognitivo comportamentale per l’ insonnia è un intervento multimodale che unisce diverse tecniche, sia cognitive sia comportamentali, per modificare le idee e le attitudini errate riguardo al sonno. Le varie tecniche, combinate tra loro, hanno lo scopo di insegnare in breve tempo alcune strategie per controllare il proprio

Psicoterapia per l’ insonnia? Efficace quanto i farmaci
Psicoterapia

Psicoterapia per l’ insonnia? Efficace quanto i farmaci

La psicoterapia per l’ insonnia è efficace quanto il trattamento farmacologico e a differenza di quest’ultimo ha effetti benefici anche a lungo termine.   A sostenerlo è la British Association for Psychopharmacology (2010), una delle più importanti associazioni scientifiche sul tema, che sottolinea l’importanza di trattare l’ insonnia perché si tratta

Trattamenti comportamentali per i disturbi del sonno (2015) – Recensione
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Trattamenti comportamentali per i disturbi del sonno (2015) – Recensione

I professionisti alla ricerca di un manuale che rappresenti un’utile guida al trattamento dei disturbi del sonno dovrebbero consultare Trattamenti comportamentali per i disturbi del sonno, il manuale illustra una grande varietà di protocolli in modo molto preciso, dettagliato ma per nulla dispersivo. Marina Morgese – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi  

Le norme di Igiene del Sonno per la cura dell’insonnia
Psicoterapia

Le norme di Igiene del Sonno per la cura dell’insonnia

Mantenere una buona igiene del sonno è il primo passo per la cura dell’insonnia. È noto che il sonno è influenzato dal nostro stile di vita e da vari fattori ambientali. Nella letteratura scientifica è documentato che nella maggior parte delle insonnie le norme di igiene del sonno non sono rispettate

La deprivazione di sonno porta a mangiare di più: possibili ricadute nella lotta contro l’obesità
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

La deprivazione di sonno porta a mangiare di più: possibili ricadute nella lotta contro l’obesità

Secondo una recente meta-analisi svolta da ricercatori del King’s College di Londra, la deprivazione di sonno potrebbe portare le persone a consumare un maggior numero di calorie durante il giorno successivo.  Presto a letto, presto svegli: ciò che rende un uomo sano e saggio   Gli autori, infatti, analizzando una

L’insonnia e le alterazioni cerebrali ad essa associate
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

L’insonnia e le alterazioni cerebrali ad essa associate

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Università di Pittsburg School of Medicine, vi sono alcune regioni specifiche del cervello, tra le quali si citano quelle coinvolte nella consapevolezza di sé e la tendenza a rimuginare, che mostrano una attività alterata nei pazienti che soffrono di insonnia. Mariagrazia Zaccaria

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario