Antonino Ferro: Alle origini dell’esperienza psichicha

Psicoanalisi - XVII Congresso Nazionale della SPI - Tre domande per il Congresso: risponde il Presidente della SPI Antonino Ferro

ID Articolo: 39507 - Pubblicato il: 10 febbraio 2014
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

A pochi giorni dal 17esimo Congresso della SPI, Società Psicoanalitica Italiana, Antonino Ferro risponde a 3 domande sullo stato attuale della Psicoanalisi e le direzioni future.

La psicoanalisi a mio avviso si trova a un bivio: o diventare sempre più di nicchia con i limitati casi di applicabilità classicamente descritti e di cui il “paziente nevrotico” era il fulcro oppure fare un salto di modello ed aprirsi verso tutte le forme di sofferenza mentale (pazienti borderline, psicotici, psicosomatici e soprattutto andando verso l’infantile, la psicoanalisi della coppia, della famiglia, dei gruppi istituzionali). Al tempo stesso ritengo fondamentale l’aprirsi  a nuovi setting, come quello delle consultazioni  prolungate, ad esempio le consultazioni con i bambini di 0-2 anni: l’apertura a fasce di età prima non pensabili sarà il nostro futuro.

Io posso aggiungere dove la psicoanalisi potrebbe auspicabilmente andare secondo me: potrebbe smettere di essere caratterizzata da ortodossie  o da supposte élites  capaci di pronunciarsi su tutto e qualificarsi invece come il più efficace –a tuttora conosciuto- strumento di terapia e di alleviamento della sofferenza psichica…

 

Alle origini dell’esperienza psichichaConsigliato dalla Redazione

Società Psicoanalitica Italiana - Rivista Online -SPIWEB - logo
XVII Congresso Nazionale della SPI – Tre domande per il Congresso: risponde il Presidente della SPI Antonino Ferro  (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind sulla Psicoanalisi e le Terapie Psicodinamiche

La dittatura del godimento: il disagio della società postmoderna (2018) di D. Luciani – Recensione del libro
Psicologia

La dittatura del godimento: il disagio della società postmoderna (2018) di D. Luciani – Recensione del libro

Daniele Luciani, psicologo e psicoanalista di stampo lacaniano, nel testo La dittatura del godimento: il disagio della società postmoderna (2018) racconta il disagio dell’uomo contemporaneo attraverso un’analisi dei cambiamenti che hanno caratterizzato il passaggio dall’epoca moderna a quella attuale.   Diversamente da quanto accade oggi, gli esseri umani nell’epoca moderna

Erotismo e aggressività nei disturbi gravi di personalità (2019) di Otto Kernberg – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Erotismo e aggressività nei disturbi gravi di personalità (2019) di Otto Kernberg – Recensione del libro

Otto Kernberg è senza dubbio uno degli autori più conosciuti e citati del nostro tempo. Il suo contributo, iniziato sin dalla seconda metà del Novecento, si è concentrato in particolare sull’analisi di quell’area marginale, quella dei Disturbi di Personalità, che divenne ben presto il suo marchio di fabbrica.   Il volume

A volte un sigaro è solo un sigaro: il lascito di Freud alla moderna psicoterapia
Psicoterapia

A volte un sigaro è solo un sigaro: il lascito di Freud alla moderna psicoterapia

Vent’anni fa la disciplina inventata da Freud era messa all’angolo. Travolta dall’incapacità di rispondere alla domanda: “Questa roba che fate, funziona davvero?” era caduta in disgrazia agli occhi dei praticanti, le scuole di formazione si svuotavano e i pazienti la cercavano meno Articolo pubblicato sul Corriere della Sera il 22 Settembre 2019   Se di questi

Cognitivismo e psicoanalisi: distinguere o integrare?
Psicoterapia

Cognitivismo e psicoanalisi: distinguere o integrare?

Gazzillo, Dimaggio e Curtis nel loro lavoro mescolano, nelle parole che usano, mille destini che plasticamente mostrano cosa rischia di diventare quella integrazione di cui tutti parlano e che molti desiderano forse troppo: un grande caos, un maledetto casino.   Francesco Gazzillo dell’Università Sapienza di Roma, Giancarlo Dimaggio del Center

Perché ci si innamora di persone già impegnate? Una spiegazione secondo Sigmund Freud
Psicologia

Perché ci si innamora di persone già impegnate? Una spiegazione secondo Sigmund Freud

Perché ci si innamora sempre di persone già impegnate? E perché il terzo nella relazione spesso non disturba? La spiegazione secondo Sigmund Freud.   Perché si è attratti sempre da persone impegnate o da coloro che hanno dubbia reputazione? E perché, in altri casi, la presenza di un terzo nella

Coinvolgimenti analitici con gli adolescenti. Sessualità, genere e sovversione – Recensione del libro
Psicoterapia

Coinvolgimenti analitici con gli adolescenti. Sessualità, genere e sovversione – Recensione del libro

Transfert e controtransfert erotico, omofobia interiorizzata ed esteriorizzata, i movimenti sovversivi, gli stati di torpore e tutti quegli ideali eccessivamente rigidi, che possono presentarsi in adolescenza, sono affrontati, nel libro Coinvolgimenti analitici con gli adolescenti. Sessualità, genere e sovversione, nelle loro peculiarità limitanti il processo di crescita, ma anche nelle opportunità di

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale
Psicologia Psicoterapia

L’amico di Wigner e la psicoanalisi relazionale

Il concetto di osservatore in fisica ci porta verso una riformulazione della nozione di relazione, sia in natura che in psicologia. Relazionale, allora, è la natura nel suo nucleo più profondo, dove nulla è quello che è se non in relazione a qualcos’altro che funge da osservatore, che ne è la misura.   Da pochi mesi il gruppo di lavoro guidato da Alessandro Fedrizzi (viennese, di

Quando l’amore diventa perversione
Psicologia

Quando l’amore diventa perversione

Nella perversione non c’è empatia o sensibilità, non esiste rispetto o delicatezza, mentre l’amore è generoso e orientato al Tu. Una breve illustrazione del passaggio tra amore a perversione e dell’impossibilità dei due di coesistere.   Il primo a parlare di perversione e a sfatare il tabù che da sempre ha aleggiato, e tutt’ora aleggia, sul tema

Inconsci e coscienza: un confronto tra distinte prospettive psicologiche
Psicologia

Inconsci e coscienza: un confronto tra distinte prospettive psicologiche

Un aspetto fonte di grandi divergenze nell’ambito della Psicologia è stato – e troppo spesso ancora è – il concetto di inconscio: essenziale per tutta la Psicoanalisi; relegato nella famosa “scatola nera” dal Comportamentismo; ribattezzato con termini come “implicito”, “tacito”, “non consapevole”; o addirittura negato.   La plus belle des

Il desiderio all’interno del setting terapeutico: il coinvolgimento affettivo tra terapeuta e paziente
Psicologia Psicoterapia

Il desiderio all’interno del setting terapeutico: il coinvolgimento affettivo tra terapeuta e paziente

Il desiderio è rivolto all’altro che è riconosciuto come differente: è un’apertura del narcisismo all’alterità. In questo senso la relazione con l’analista è terapeutica, egli è l’altro riconosciuto come altro da sé nel rapporto col quale è possibile dare spazio alla possibilità di cambiamento. Ma come si gioca questo desiderio

Filosofi, sacerdoti o economisti? Perché ci vergogniamo di essere “semplicemente” terapeuti?
Psicologia Psicoterapia

Filosofi, sacerdoti o economisti? Perché ci vergogniamo di essere “semplicemente” terapeuti?

Nel seguente articolo Giovanni M. Ruggiero e Sandra Sassaroli rispondono alle recenti dichiarazioni di Massimo Recalcati   La psicoterapia è quel che è: un mestiere e non una filosofia. Uno strumento e non una visione del mondo. Un attrezzo e non una religione. L’ultimo che c’è cascato è Recalcati il

La famiglia che uccide. Un contributo psicoanalitico alla discussione sul caso Schreber – Recensione del libro
Psichiatria

La famiglia che uccide. Un contributo psicoanalitico alla discussione sul caso Schreber – Recensione del libro

La famiglia che uccide, uscito per la prima volta in USA nel 1973, è un libro decisamente innovativo e di rottura per il suo tempo. Per diversi aspetti anticipa i modelli che si affermeranno negli anni a seguire e che avranno al centro l’esperienza della persona nel contesto delle relazioni

Paul L. Hewitt: Perfectionism. A Dynamic-Relational Approach to Conceptualization, Assessment and Treatment – Report dal Workshop di Bergamo, 25 Maggio
Psicoterapia

Paul L. Hewitt: Perfectionism. A Dynamic-Relational Approach to Conceptualization, Assessment and Treatment – Report dal Workshop di Bergamo, 25 Maggio

Durante il seminario che si è tenuto a Bergamo il 25 maggio scorso, Paul L. Hewitt ha illustrato il suo approccio dinamico-relazionale, frutto di oltre trent’anni di lavoro, all’assessment, alla concettualizzazione e al trattamento del perfezionismo, un complesso e problematico aspetto di personalità.   Il seminario è stato organizzato dalla

L’età dello smarrimento. Senso e malinconia (2018) di Cristopher Bollas – Recensione del libro
Cultura Psicologia

L’età dello smarrimento. Senso e malinconia (2018) di Cristopher Bollas – Recensione del libro

L’età dello smarrimento. Senso e malinconia di Cristopher Bollas, psicoanalista della British Psychoanalytical Society, è un interessante contributo in cui la disciplina psicoanalitica s’interroga sulla situazione di crisi in Occidente e segnala una possibilità per invertire quello che sembrerebbe il suo inarrestabile decorso.   Sin dalle prime pagine, infatti, si coglie,

I Legami e il dono – Il care giver materno
Psicologia

I Legami e il dono – Il care giver materno

Freud, in Al di là del principio di piacere, attraverso il concetto di “coazione a ripetere” afferma che gli adulti ricreano nei rapporti interpersonali della propria vita le esperienze di relazioni della prima infanzia. Ciò implica l’esistenza negli individui della capacità d’interiorizzazione e perpetuare modelli di relazione.   Freud e

I malati di mente e la morte pubblica – Una riflessione a partire dal caso di Noa Pothoven
Attualità Psicologia

I malati di mente e la morte pubblica – Una riflessione a partire dal caso di Noa Pothoven

Di fronte al caso della morte di Noa Pothoven e all’effetto mediatico che ha avuto, come professionisti della salute mentale non possiamo tacere! Anzi, è importante che difendiamo un modello di intervento attivo a tutela della salute mentale.   La morte di Noa Pothoven, una ragazzina di 17 anni, suscita

L’Io criminale. La psichiatria forense nella prospettiva psicoanalitica (2018) a cura di M. De Mari – Recensione del libro
Psichiatria Psicologia

L’Io criminale. La psichiatria forense nella prospettiva psicoanalitica (2018) a cura di M. De Mari – Recensione del libro

Alla fine del medioevo la lebbra sparisce dall’Europa. Si lascia alle spalle un capillare e ubiquitario sistema di accoglienza e assistenza che comunità laiche e religiose avevano faticosamente realizzato nel corso dei secoli.   Foucault ha genialmente dimostrato come nel XVI questo apparato si volga ad una nuova funzione. Costituisce

Psicoanalisi relazionale e tecniche
Psicologia Psicoterapia

Psicoanalisi relazionale e tecniche

Il debito mio, dei miei colleghi più stretti e direi, come Magistrale stesso osserva, della corrente cognitivo-evoluzionista verso quella psicoanalisi è immenso e impagabile.   Ho letto la bella risposta di Giuseppe Magistrale alla mia provocazione sulla psicoanalisi vetero-pulsionale o, diciamola tutta, basata su fantasticherie. I concetti che esprime, con

Psicoanalisi e Cognitivismo alla prova (ineludibile e complessa) della scienza
Psicologia Psicoterapia

Psicoanalisi e Cognitivismo alla prova (ineludibile e complessa) della scienza

Non è possibile che noi psicologi non abbiamo ancora fatto pace con il novecento, con la sudditanza dalla filosofia, con i complessi nei confronti delle scienze naturali, in breve con l’autonomia (non autarchia) epistemologica della nostra disciplina (Greenwood, 2015).   Con una delle sue ben note e riuscite provocazioni Giancarlo

Amore, Transfert e Psicopatologia: il caso di Carl Gustav Jung e Sabina Spierlein
Psicoterapia

Amore, Transfert e Psicopatologia: il caso di Carl Gustav Jung e Sabina Spierlein

Chi era Sabina Spierlein? E quale tipo di relazione ha avuto con Carl Gustav Jung, l’allievo di Freud? La loro storia ci porta a comprendere più da vicino come si legano amore, transfert e psicopatologia nel caso del transfert erotico.   Quando morirò voglio che il dottor Jung abbia la

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario