Inside Out: La teoria cognitiva della mente e le funzioni delle emozioni

Il film mostra brillantemente come ognuna delle 5 emozioni ha una determinata funzione, che tutte loro vanno esplorate e nessuna di esse va mai ignorata.

ID Articolo: 113765 - Pubblicato il: 21 settembre 2015
Inside Out: La teoria cognitiva della mente e le funzioni delle emozioni
Condividi

Di Ennio Ammendola

 

Inside Out è appena uscito in Italia e se potete correte a vederlo. È una storia animata per tutte le età, sebbene le sue metafore psicologiche siano a tratti complesse. Non è la solita storia animata popolata di maghi, streghe ed elfi, o supereroi e viaggi spaziali e così via. Qui si tratta di quello che succede a ciascuno di noi quotidianamente. È difficile non ritrovarsi in uno dei momenti descritti in “Inside Out” ed è ancora più difficile che riusciate a vederlo tutto senza fermarvi un attimo per esclamare “Questo è successo anche a me!”

 

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO IL VIDEO

Questa storia vi aiuterà a ridere e a piangere al tempo stesso; la cosa più sorprendente alla fine sarà la consapevolezza della capacità che ciascuno di noi ha di connettersi con il livello più profondo delle proprie emozioni.

Da un punto di vista psicologico “Inside Out” ci consente di riesaminare quale sia il valore delle emozioni nel definire chi siamo e ci aiuta a capire perché ci comportiamo in un determinato modo. La nostra compagna di avventura è Riley, una ragazza di 11 anni piena di vita che dallo stato del Minnesota si trasferisce a San Franscisco. Questo spostamento non è vissuto nel migliore dei modi e “Inside Out” descrive come Riley come cambi da ragazza felice con moltissimi hobbies a ragazza estremamente infelice.

Messaggio pubblicitario Ed è a questo punto che inizia la magia della storia perché siamo trasportati nella mente di Riley dove incontriamo le sue emozioni. Ad attenderci ci sono Gioia, Tristezza, Rabbia, Disgusto e Paura. Ho usato intenzionalmente le maiuscole per meglio personificarle. Ciascuna emozione ha un colore ben definito e non vi nascondo che mi sono sentito subito a mio agio con questo accostamento cromatico, che si è rivelato molto utile per identificare quale sia l’emozione in gioco e perché ci si comporti e si parli in un certo modo. Avete mai tentato di dare voce alle vostre emozioni? Forse inizierete a farlo dopo aver visto questa fantastica storia.

Un punto importante a favore di “Inside Out” è che si tratta di uno dei primi film che utilizza in maniera semplice e chiara i concetti della teoria cognitiva della mente, presentandoli alla cultura di massa che in genere ha più familiarità con le teorie psicoanalitiche. Era ora che accadesse questo. I concetti cognitivi sono indubbiamente, rispetto a quelli psicoanalitici, molto meno ricchi di fascino e di mistero. Da una parte inconscio e forze profonde, dall’altra emozioni, pensieri e memoria di lavoro. La Pixar, tuttavia, è riuscita a presentare in maniera accattivante questi aridi concetti scientifici.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO IL VIDEO

Il film mostra brillantemente come ognuna delle cinque emozioni ha una determinata funzione, che tutte loro vanno esplorate e nessuna di esse va mai ignorata.

Mi sono particolarmente commosso quando il film ha riprodotto uno dei capisaldi teorici della terapia che pratico personalmente, la terapia razionale emotivo comportamentale:

ovvero che il modo in cui ci sentiamo emotivamente e il modo in cui agiamo sono la risultante di ciò che ci sia passando per la testa.

In “Inside Out” partiamo dalla componente emotiva per poi passare a quelle comportamentali e cognitive. Non dobbiamo commettete l’errore di pensare che noi siamo incondizionatamente in balia delle emozioni. Possiamo invece cercare di normalizzare la loro influenza sulle nostre azioni.

Tuttavia “Inside Out” ha anche dei messaggi che possono essere interpretati in una dimensione più psicoanalitica quando si sofferma sul valore delle prime esperienze, del trauma di Riley e di tematiche legate all’attaccamento.

Andate a vederlo e fatemi sapere cosa ne pensate! non vi nascondo che alla fine ho pianto quando Gioia e Tristezza sono riuscite a tornate alla base.

 

Gli articoli di State of Mind sul cinema

“Fiore”, l’umanità di un genitore – Recensione del film
Cultura Psicologia

“Fiore”,  l’umanità di un genitore – Recensione del film

Il presente articolo, attraverso l’analisi del rapporto padre – figlia del film Fiore di Claudio Giovannesi (2016), descrive il processo di caduta del mito genitoriale durante l’adolescenza, presentando comunque la situazione disagiata in cui si trovano i protagonisti della storia.   Ora che dormi ti voglio parlare sono tuo padre

‘Ricordi?’, una modalità per congelare il tempo
Psicologia

‘Ricordi?’, una modalità per congelare il tempo

L’articolo propone una lettura del film Ricordi? di Valerio Mieli, evidenziando l’aspetto simbolico del ricordo e della focalizzazione sul futuro, tipica dell’essere umano che non riesce a stare nel qui ed ora. Tale interpretazione mette dunque il luce l’aspetto in ombra del ricordo, protagonista del lungometraggio.   La piattaforma Sky

Tommaso (2016) e la paura dell’intimità nelle relazioni sentimentali – Recensione del film
Psicologia

Tommaso (2016) e la paura dell’intimità nelle relazioni sentimentali – Recensione del film

Numerosi uomini, come Tommaso, lanciano segnali importanti che vengono abilmente ignorati dalle compagne; queste nutrono fiducia, avviano un rapporto significativo e si trovano in una situazione di “improvvisa” rottura relazionale. Cosa è successo?   Tommaso è un attore di circa 40 anni, convive da tempo con una compagna il cui

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET
Psicologia Psicoterapia

Rocketman – Storia di una psicoterapia in chiave LIBET

In ottica LIBET, Rocketman risulta estremamente interessante per la presenza di tutti gli aspetti del modello: ambiente familiare e costrutti infantili, lo sviluppo e la stabilizzazione di un tema di vita, un evento invalidante che rafforza e irrigidisce i piani, fino ad arrivare allo sviluppo di una motivazione alla terapia,

Horror, che paure!
Neuroscienze Psicologia

Horror, che paure!

Le mani diventano fredde e sudate, i muscoli sono tesi, il battito cardiaco aumenta. Avete mai percepito anche voi queste sensazioni corporee mentre guardate un film horror?   Sono segnali che stiamo provando paura, un’emozione, innescata da stimoli minacciosi, funzionale all’evitamento di un pericolo. Ma cosa sta accadendo nel nostro

Sesso e social media: impatto e soluzioni
Psicologia

Sesso e social media: impatto e soluzioni

La visione di film ricchi di scene sessuali incide significativamente sui comportamenti degli adolescenti come, ad esempio, l’anticipazione dei primi rapporti sessuali, la tendenza ad avere più partner e la minore propensione ad usare il preservativo negli incontri casuali.   Uno degli aspetti fondamentali e più complessi nella vita dell’essere

The Gambler, il giocatore d’azzardo – Recensione
Psicologia

The Gambler, il giocatore d’azzardo – Recensione

The Gambler è considerato un remake di un film degli anni Settanta dallo stesso titolo originale, conosciuto in Italia come “40.000 dollari per non morire”.   La prima versione del film, famoso successo americano di Karel Reisz del 1974, è apprezzata per l’ottima performance del protagonista, James Caan, massicciamente lodata

“C’era una volta…” Il rescripting e il cinema di Tarantino
Cultura Psicoterapia

“C’era una volta…” Il rescripting e il cinema di Tarantino

 Attenzione! L’articolo può contenere spoiler Quando uno scenario doloroso si modifica tramite imagery rescripting, il corpo si riorganizza e lo stesso accade a me mentre vedo che dopo tanto dolore, sofferenze ed ingiustizie, finalmente i protagonisti dei film di Tarantino ottengono il loro riscatto. Si suggerisce l’ascolto di Son of

Vero come la finzione: l’accettazione e il disturbo ossessivo-compulsivo
Psicologia

Vero come la finzione: l’accettazione e il disturbo ossessivo-compulsivo

Nel film Vero come la finzione non viene specificato se il protagonista soffra effettivamente di un disturbo ossessivo-compulsivo ma sicuramente i meccanismi della sua mente svelano una moderata rigidità mentale che nel tempo diviene parte integrante del suo modo di essere. Sharon Vitarisi – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Milano

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Anakin Skywalker e il suo passaggio al lato oscuro – La LIBET nelle narrazioni

Quali sono i processi che porteranno Anakin Skywalker ad un punto di rottura? Cosa contribuisce alla manifestazione sintomatica di questo personaggio, caratterizzata dal passaggio al lato oscuro? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 14) Anakin Skywalker Introduzione Verrà di seguito analizzato il personaggio di Anakin Skywalker da un punto di vista

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Aladdin – La LIBET nelle narrazioni

La storia di Aladdin è ambientata nel lontano oriente, in una città fantastica di nome Agrabah. Un luogo incantato, dalle mille tentazioni, prima tra tutte quella di cedere alla magia per poter raggiungere i propri scopi. Ma a che prezzo? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 10) Aladdin   Il nostro

Piccole donne: ritratto della condizione femminile e delle sue sfide sempre attuali nella società odierna
Cultura Psicologia

Piccole donne: ritratto della condizione femminile e delle sue sfide sempre attuali nella società odierna

Piccole donne è il nuovo adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta nel 1868.   Attenzione – L’articolo può contenere spoiler Diretto da Greta Gerwig, narra la storia delle sorelle March sullo sfondo della Guerra Civile Americana. Protagoniste sono Meg (Emma Watson), Jo (Saoirse Ronan), Amy (Florence Pugh) e

Sorry we missed you (2019) – Recensione del film
Attualità Psicologia

Sorry we missed you (2019) – Recensione del film

Sorry we missed you mostra un meccanismo perverso, dove la trappola si nasconde proprio in quel rapporto di lavoro non dipendente, spacciato appunto per autonomo, dove si viene illusi di essere padroni del proprio destino, ma in realtà non si è padroni di nulla, solo inghiottiti da una spirale senza

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

28 Days: i temi dolorosi e la dipendenza patologica – La LIBET nelle narrazioni

28 Giorni è una commedia drammatica degli anni 2000 che tratta principalmente il tema della dipendenza (alcolismo e tossicodipendenza) La protagonista è l’attrice Sandra Bullock nella veste di Gwen, scrittrice di successo che ama vivere la vita superando i limiti, perdendosi nella città di Newyork per locali, tra una festa e l’altra.

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni
Psicoterapia

Tonya Harding – “I, Tonya” (2017) – La LIBET nelle narrazioni

‘I, Tonya’ è un recente film di Craig Gillespie, vincitore di un premio Oscar, che narra la storia biografica di Tonya Maxine Harding, famosa ex pattinatrice olimpica statunitense. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 8) Tonya Harding   Le vicende di vita raccontate ripercorrono un lungo arco temporale, dai 4 ai

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Walt Disney e LIBET: tema doloroso e strategie volontarie dell’eroe Hercules – La LIBET nelle narrazioni

Hercules è un famoso film d’animazione della Walt Disney, distribuito nelle sale cinematografiche di tutto il mondo nel 1997. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 7) Hercules   Si tratta di uno dei più amati e conosciuti classici Disney; il primo ispirato alla cultura e mitologia greca, che ne esplora i

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Il Castello di Vetro – La LIBET nelle narrazioni

Il Castello di Vetro è un film tratto dall’autobiografia di Jeannette Walls, giornalista e scrittrice americana. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 6) Il Castello di Vetro   Anni ’60, Jeannette, seconda di 4 fratelli, nasce in una famiglia a dir poco naïf che vive alla giornata spostandosi di stato in

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Frozen: indegnità e controllo nella vita di Elsa – La LIBET nelle narrazioni

Frozen – Il regno di ghiaccio è un film d’animazione (2013) diretto da Chris Buck e Jennifer Lee, prodotto dalla Walt Disney Pictures Studios. Le prime scene inquadrano la relazione protettiva e sicura presente tra le due principesse, le quali si differenziano per la vivacità, noncuranza delle regole e iperattività di

Distanze ravvicinate – Nel film “Storia di un matrimonio” un’introspezione sulla distanza nel processo di separazione
Psicologia

Distanze ravvicinate – Nel film “Storia di un matrimonio” un’introspezione sulla distanza nel processo di separazione

Storia di un matrimonio, il film vincitore del Leone d’oro a Venezia, come un’introspezione che pone la metafora spaziale della “distanza” al centro del processo di separazione.   C’è una scena, minuta e quasi insignificante, una manciata di fotogrammi piazzati dopo nemmeno un quarto d’ora dall’inizio del film, che forse

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

La storia di Edward: quando abbandono e inadeguatezza si riflettono in un paio di forbici – La LIBET nelle narrazioni

Edward mani di forbice, solitario ma in cerca di amore, fragile e allo stesso tempo forte…forse c’è un piccolo Edward è in ognuno di noi? La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 3) Edward mani di forbice   Una volta, tanti e tanti anni fa, viveva in quel castello un inventore e

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario