EFT-NOVEMBRE-2022

Inside Out: La teoria cognitiva della mente e le funzioni delle emozioni

Il film mostra brillantemente come ognuna delle 5 emozioni ha una determinata funzione, che tutte loro vanno esplorate e nessuna di esse va mai ignorata.

ID Articolo: 113765 - Pubblicato il: 21 settembre 2015
Inside Out: La teoria cognitiva della mente e le funzioni delle emozioni
Messaggio pubblicitario SFU 2022

Di Ennio Ammendola

 

Inside Out è appena uscito in Italia e se potete correte a vederlo. È una storia animata per tutte le età, sebbene le sue metafore psicologiche siano a tratti complesse. Non è la solita storia animata popolata di maghi, streghe ed elfi, o supereroi e viaggi spaziali e così via. Qui si tratta di quello che succede a ciascuno di noi quotidianamente. È difficile non ritrovarsi in uno dei momenti descritti in “Inside Out” ed è ancora più difficile che riusciate a vederlo tutto senza fermarvi un attimo per esclamare “Questo è successo anche a me!”

 

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO IL VIDEO

Questa storia vi aiuterà a ridere e a piangere al tempo stesso; la cosa più sorprendente alla fine sarà la consapevolezza della capacità che ciascuno di noi ha di connettersi con il livello più profondo delle proprie emozioni.

Da un punto di vista psicologico “Inside Out” ci consente di riesaminare quale sia il valore delle emozioni nel definire chi siamo e ci aiuta a capire perché ci comportiamo in un determinato modo. La nostra compagna di avventura è Riley, una ragazza di 11 anni piena di vita che dallo stato del Minnesota si trasferisce a San Franscisco. Questo spostamento non è vissuto nel migliore dei modi e “Inside Out” descrive come Riley come cambi da ragazza felice con moltissimi hobbies a ragazza estremamente infelice.

Messaggio pubblicitario MASTER DSA Ed è a questo punto che inizia la magia della storia perché siamo trasportati nella mente di Riley dove incontriamo le sue emozioni. Ad attenderci ci sono Gioia, Tristezza, Rabbia, Disgusto e Paura. Ho usato intenzionalmente le maiuscole per meglio personificarle. Ciascuna emozione ha un colore ben definito e non vi nascondo che mi sono sentito subito a mio agio con questo accostamento cromatico, che si è rivelato molto utile per identificare quale sia l’emozione in gioco e perché ci si comporti e si parli in un certo modo. Avete mai tentato di dare voce alle vostre emozioni? Forse inizierete a farlo dopo aver visto questa fantastica storia.

Un punto importante a favore di “Inside Out” è che si tratta di uno dei primi film che utilizza in maniera semplice e chiara i concetti della teoria cognitiva della mente, presentandoli alla cultura di massa che in genere ha più familiarità con le teorie psicoanalitiche. Era ora che accadesse questo. I concetti cognitivi sono indubbiamente, rispetto a quelli psicoanalitici, molto meno ricchi di fascino e di mistero. Da una parte inconscio e forze profonde, dall’altra emozioni, pensieri e memoria di lavoro. La Pixar, tuttavia, è riuscita a presentare in maniera accattivante questi aridi concetti scientifici.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO IL VIDEO

Il film mostra brillantemente come ognuna delle cinque emozioni ha una determinata funzione, che tutte loro vanno esplorate e nessuna di esse va mai ignorata.

Mi sono particolarmente commosso quando il film ha riprodotto uno dei capisaldi teorici della terapia che pratico personalmente, la terapia razionale emotivo comportamentale:

ovvero che il modo in cui ci sentiamo emotivamente e il modo in cui agiamo sono la risultante di ciò che ci sia passando per la testa.

In “Inside Out” partiamo dalla componente emotiva per poi passare a quelle comportamentali e cognitive. Non dobbiamo commettete l’errore di pensare che noi siamo incondizionatamente in balia delle emozioni. Possiamo invece cercare di normalizzare la loro influenza sulle nostre azioni.

Tuttavia “Inside Out” ha anche dei messaggi che possono essere interpretati in una dimensione più psicoanalitica quando si sofferma sul valore delle prime esperienze, del trauma di Riley e di tematiche legate all’attaccamento.

Andate a vederlo e fatemi sapere cosa ne pensate! non vi nascondo che alla fine ho pianto quando Gioia e Tristezza sono riuscite a tornate alla base.

 

Gli articoli di State of Mind sul cinema

Al di là dei sogni, una trama ricca di colori – Recensione del film
Cultura Psicologia

Al di là dei sogni, una trama ricca di colori – Recensione del film

Il regista di “Al di là dei sogni” (Vincent Ward) offre allo spettatore un valido spunto di riflessione, dando vita ad un turbinio di emozioni e colpi di scena in grado di rimettere in discussione ciò che più ritenevamo veritiero, assoluto e definitivo. ATTENZIONE! L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER   Quando il

Psicofarmacologia come superpotere a Gotham City: l’esperto della salute mentale come cattivo in “Batman”
Psicologia

Psicofarmacologia come superpotere a Gotham City: l’esperto della salute mentale come cattivo in “Batman”

Lo psichiatra e lo psicologo, essendo conoscitori della mente e dei suoi meccanismi, possono essere dei cattivi molto interessanti e, nell’universo di Gotham City, diventano i principali avversari che Batman si trova ad affrontare.   Batman e Gotham City  Batman, personaggio dei fumetti ideato da Bob Kane e Bill Finger

Le prigioni esistenziali in ‘America Latina’ (2022) – Recensione del film
Psicologia

Le prigioni esistenziali in ‘America Latina’ (2022) – Recensione del film

Nella recensione a seguire si proporrà una rilettura psicologica del film America Latina, proponendo al lettore alcuni intrecci con la letteratura di stampo esistenzialista.   Attenzione! L’articolo può contenere spoiler Introduzione America Latina è un film tagliente, crudo, con un color grading dalle tinte oniriche e febbrili. Alcune scene paiono

È stata la mano di Dio, il cinema come terapia all’abbandono – Recensione
Cultura Psicologia

È stata la mano di Dio, il cinema come terapia all’abbandono – Recensione

Dopo aver attinto con generosità alla sua biografia, tanto che anche il palazzo dove ha trascorso l’infanzia è esattamente lo stesso, Paolo Sorrentino, con il suo ultimo lavoro È stata la mano di Dio, ci propone un viaggio disincantato e scarno intorno al tema dell’abbandono.   Attenzione! L’articolo potrebbe contenere

È stata la mano di Dio (2021) di P. Sorrentino – Recensione del film
Psicologia

È stata la mano di Dio (2021) di P. Sorrentino – Recensione del film

È stata la mano di Dio, il film di Paolo Sorrentino candidato all’Oscar 2022, è la rappresentazione di un lutto che riecheggia, segna la vita e genera creatività. Un’immersione nel passato che travolge. Il trauma di cui finalmente il regista sembra liberarsi dando in pasto agli spettatori i propri vissuti

Opera senza autore – Recensione del film
Psicologia

Opera senza autore – Recensione del film

Il film Opera senza autore è ispirato dal libro Ein Maleraus Deutschland. Gerard Richter Das Drama einer Familie.   Attenzione! L’articolo può contenere spoiler Il personaggio del protagonista Kurt Barnert è basato sulla vita del pittore Gerard Richter. La narrazione si snoda lungo tre periodi storici. La Germania nazista di

Analisi della psicologia di Sette Anime – La sindrome del sopravvissuto e il complesso del salvatore
Cultura Psicologia

Analisi della psicologia di Sette Anime – La sindrome del sopravvissuto e il complesso del salvatore

Con questo articolo non voglio razionalizzare una delle pellicole più emozionanti dell’ultimo millennio ma semplicemente fornire un’analisi psicologica del film Sette Anime.   Attenzione! L’articolo può contenere spoiler Sette anime è un film di Gabriele Muccino uscito nelle sale nel 2008. Il titolo sette anime è un riferimento a un’

Analisi della psicologia di Will Hunting – Genio ribelle
Cultura Psicologia

Analisi della psicologia di Will Hunting – Genio ribelle

Will Hunting è un film del 1997, con Matt Damon e Robin Williams. Il film ha come protagonista un ragazzo, un genio della matematica e una persona particolarmente acculturata, che ha conoscenze che spaziano dalla filosofia fino alla bio-chimica.   Anziché sfruttare il suo talento però, Will passa il suo

Sale cinematografiche e disturbi mentali: tra informazione e strumentalizzazione del disagio psichico
Cultura Psicologia

Sale cinematografiche e disturbi mentali: tra informazione e strumentalizzazione del disagio psichico

Quello che il cinema offre al pubblico è, il più delle volte, una caricatura diagnostica, una rappresentazione esagerata e drammatica di un’etichetta clinica che contribuisce a rafforzare lo stigma e gli atteggiamenti discriminatori.   Purtroppo, non è ancora scomparso lo stigma paralizzante legato alla malattia mentale (Beachum; 2010), stigma che

Erotomania: il delirio d’amore tra storia, clinica e cinema
Psichiatria Psicologia

Erotomania: il delirio d’amore tra storia, clinica e cinema

L’erotomania presenta un quadro clinico caratterizzato da un persistente delirio erotico, che porta il paziente a costruire delle false credenze di natura amorosa su un’altra persona, le cui azioni non vengono interpretate in modo corretto.     L’erotomania, conosciuta anche come Sindrome di de Clerambault, dallo psichiatra francese Gaëtan Gatian de

Cinema, metafore e psicoterapia (2021) di Isabel Caro Gabalda (a cura di) – Recensione
Cultura Psicoterapia

Cinema, metafore e psicoterapia (2021) di Isabel Caro Gabalda (a cura di) – Recensione

È un lavoro interessante quello nato dalla collaborazione degli autori di Cinema, metafore e psicoterapia.   Per una psicoterapeuta appassionata di cinema il titolo di questo volume è stato un invito a nozze, e le mie aspettative non sono certo state deluse. Nonostante la complessità e l’ampiezza del tema, il

Odore di Napalm al mattino, Magnum 44 e Cimmeri spinti dalla vendetta: la mascolinità reazionaria di John Milius
Cultura Psicologia

Odore di Napalm al mattino, Magnum 44 e Cimmeri spinti dalla vendetta: la mascolinità reazionaria di John Milius

John Milius è un regista e sceneggiatore americano famoso per aver lavorato in film capolavori come Apocalypse Now e su pellicole cult come Conan il Barbaro ed i primi due film con protagonista il poliziotto Harry Callahan.        Dichiaratamente conservatore e con una visione romantica del mondo militare,

Recensione del film “Il Divin Codino” – Una riflessione psicoanalitica
Attualità Psicologia

Recensione del film “Il Divin Codino” – Una riflessione psicoanalitica

Il 26 maggio di quest’anno, dopo un’ampia campagna pubblicitaria, è stato distribuito su Netflix Il Divin Codino, film dedicato al celebre calciatore Roberto Baggio.   Interpretato da un attore sorprendentemente identico, Andrea Arcangeli, accompagnato da un’esplosiva colonna sonora cantata da Diodato, presentato al pubblico a valle di un anno calcistico

Cinema, metafore e psicoterapia (2021) di Isabel Caro Gabalda – Recensione del libro
Psicologia

Cinema, metafore e psicoterapia (2021) di Isabel Caro Gabalda – Recensione del libro

In generale il libro Cinema, metafore e psicoterapia, oltre che una piacevole e scorrevole lettura, può essere utile a un terapeuta sia come suggerimento di film che possono essere usati in terapia come metafore terapeutiche, sia come lettura guidata ai diversi livelli di lettura possibili degli stessi film.    Ho

Lo stato della mente (2017). Diretto da Jon Avnet con Richard Gere – Cinema & Psicoterapia
Psichiatria Psicologia

Lo stato della mente (2017). Diretto da Jon Avnet con Richard Gere – Cinema & Psicoterapia

Lo stato della mente (2017). Diretto da Jon Avnet con Richard Gere. Il film è basato sul libro The Three Christs of Ypsilanti di Milton Rokeach. Trama Il Dr. Alan Stone, presidente dell’American Psychiatric Association, intorno agli anni sessanta del secolo scorso svolge un esperimento nell’ospedale Ypsilanti su tre pazienti

Storia di un fantasma (2017) di D. Lowery – Recensione in chiave psicologica del film
Cultura Psicologia

Storia di un fantasma (2017) di D. Lowery – Recensione in chiave psicologica del film

Il film Storia di un fantasma è una lunga e pacata riflessione sull’essenza del tempo. La scelta del fantasma – lenzuolo appare fin da subito vincente: rimanda lo spettatore all’immaginario infantile e alla dimensione del ricordo: il fantasma protagonista un’entità vulnerabile che sa di non potere più esistere e si

Quello che tu non vedi (2020) – Cinema & Psicoterapia
Psichiatria Psicologia

Quello che tu non vedi (2020) – Cinema & Psicoterapia

Il messaggio del film Quello che tu non vedi è chiaro: occorre addentrarsi nelle pieghe buie del proprio animo e riconoscerle, senza aver paura di affrontarle apertamente.   Info Quello che tu non vedi (2020). Regia di Thor Freudenthal. Interpreti Charlie Plummer e Taylor Russell. Tratto dall’omonimo romanzo di Julia

A testa alta – La Tête haute (2015) di Emmanuelle Bercot – Recensione del film
Cultura Psicologia

A testa alta – La Tête haute (2015) di Emmanuelle Bercot – Recensione del film

A testa alta è stato film d’apertura del sessantottesimo festival di Cannes 2015, vincitore dei premi Cesar 2016 come miglior attore esordiente, promessa maschile, per l’interpretazione del giovanissimo Rod Paradot (Malony), e come migliore attore non protagonista per il lavoro di Benoît Magimel (Yaan).   Il film sincero, forte e

La famiglia Savage (2007): diagnosi e istituzionalizzazione – Recensione del film
Psicologia

La famiglia Savage (2007): diagnosi e istituzionalizzazione – Recensione del film

Il film La famiglia Savage è una riflessione su come la malattia e la perdita delle autonomie di un genitore comportino spesso il riemergere di dinamiche familiari congelate per anni.   Di sicuro il rovescio della medaglia dell’aumento della speranza di vita, e del conseguente aumento della popolazione anziana, è l’incremento

Soul, un vero viaggio alla scoperta della naturale scintilla che è in noi: vivere – Recensione
Psicologia

Soul, un vero viaggio alla scoperta della naturale scintilla che è in noi: vivere – Recensione

Joe, protagonista di Soul, scopre che ciò che conta è saper cogliere ogni attimo, assaporare giorno dopo giorno i diversi momenti, senza cercare di ridurre il proprio talento a un’unica condizione esistenziale. Attenzione! L’articolo può contenere spoiler   Un professore di musica delle medie, Joe, ha una grande passione: il Jazz proprio

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario