Neuroscienze: l’apprendimento di nuovi termini attraverso l’associazione a simboli visivi

Una nuova ricerca ha indagato l'ultima frontiera della parola. Apprendiamo la lingua che parliamo grazie all'associazione tra parole e simboli visivi.

ID Articolo: 110539 - Pubblicato il: 22 maggio 2015
Neuroscienze: l’apprendimento di nuovi termini attraverso l’associazione a simboli visivi
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Come è possibile per il nostro cervello imparare nuove parole? L’ascolto e la ripetizione non bastano…

Come è possibile per il nostro cervello imparare nuove parole? L’ascolto e la ripetizione non bastano: secondo una nuova ricerca condotta alla Georgetown University e pubblicata sul Journal of Neuroscience, impariamo nuove parole solo se associate ad un simbolo visivo.

L’area cerebrale addetta all’apprendimento di nuovi termini linguistici è la Visual Word Form Area (VWFA), area coinvolta nell’individuazione di parole a partire da un livello più basso di manipolazione di immagini. Le immagini o i simboli vengono prima manipolati da quest’area e poi associati alla fonologia e alla semantica del termine da apprendere.

Una spiegazione evoluzionistica della funzionalità di quest’area è data dal fatto che le lettere e l’alfabeto hanno fatto recentemente il loro ingresso nell’evoluzione umana e, dunque il cervello, per apprendere nuove parole, ha bisogno di far riferimento a oggetti e simboli del suo ambiente naturale (proprio come i nostri antenati, prima dell’utilizzo dell’alfabeto).

Oltre al riconoscimento delle parole, la VWFA è coinvolta nell’elaborazione a livelli superiori del significato di una parola.

Dunque, solo quando il cervello associa visivamente un termine a un’immagine di senso compiuto, si può dire appreso il nuovo termine. Come si è arrivati a queste conclusioni? Come è stato possibile studiare il fenomeno in laboratorio? Proseguite con la lettura dell’articolo consigliato per saperne di più sulla ricerca condotta alla Georgetown University.

 

Si può ripetere un termine all’infinito, lo si può ascoltare per sempre, ma solo quando il cervello lo associa visivamente a un senso compiuto lo capisce. Lo stesso meccanismo viene usato anche dalle persone non vedenti che, pur non avendo simboli visivi di riferimento, associano la parola (sia essa sonora che in braille) a qualcosa che la loro mente possa codificare.

Psicologia: capiamo le parole quando le associamo a un simbolo visivoConsigliato dalla Redazione

Grazie a una nuova ricerca, il Journal of Neuroscience ha potuto indagare l’ultima frontiera della parola. Come facciamo ad apprendere la lingua che parliamo? Attraverso l’associazione a delle immagini. (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli Articoli di State of Mind su Neuropsicologia

La Riabilitazione Neuropsicologica. Premesse teoriche e applicazioni cliniche – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

La Riabilitazione Neuropsicologica. Premesse teoriche e applicazioni cliniche – Recensione del libro

Il libro La Riabilitazione Neuropsicologica è alla quarta edizione; dal 1986, anno della prima edizione, si sono sviluppate nuove metodiche di indagine e valutazione e tecnologie di supporto.   In questi anni i risultati della ricerca hanno modificato in modo sostanziale l’approccio tradizionale della neuropsicologia che si era andata costruendo alla

Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla – VIDEO
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla – VIDEO

Nel webinar dal titolo Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla le relatrici illustrano i sintomi che precedono la demenza e le linee guida di intervento per prevenirla e trattarla.   Gli ultra 60enni nel mondo erano 900 milioni nel 2015, nel 2050 saranno 2 miliardi secondo le

Psicofisiologia delle emozioni: il riflesso di startle
Neuroscienze Psicologia

Psicofisiologia delle emozioni: il riflesso di startle

Il riflesso di startle, rapido ed involontario, può essere modificato, nella sua ampiezza, dagli stati emozionali in cui si trova la persona. Eleonora Poli – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre-Venezia   In particolare, sarà amplificato nel caso in cui il soggetto si trovi in uno stato emozionale negativo,

Melatonina, questa sconosciuta
Neuroscienze

Melatonina, questa sconosciuta

Melatonina, melatonina ovunque: dai farmaci da banco agli integratori alimentari. Viene presentato come un prodotto che ci aiuta a dormire bene, a favorire l’addormentamento, a risolvere i problemi di insonnia.   Ma cosa si nasconde dietro la melatonina? È tutta una operazione di marketing o risulta essere veramente di aiuto

Ragione ed emozione: compiere scelte responsabili “emozionandosi”
Psicologia

Ragione ed emozione: compiere scelte responsabili “emozionandosi”

Il senso comune ci esorta a compiere scelte importanti a “mente fredda”, mediante un procedimento razionale scevro da ogni tipo di emozione; l’emozione, nel processo di decision making, potrebbe portarci a compiere scelte avventate. Evidenze scientifiche mostrano il contrario, o perlomeno, la mera ragione non sempre permette di compiere scelte responsabili.

Aspetti neuropatologici e neuropsicologici nella variante comportamentale della demenza frontotemporale (bvFTD)
Neuroscienze

Aspetti neuropatologici e neuropsicologici nella variante comportamentale della demenza frontotemporale (bvFTD)

L’articolo propone un approfondimento circa le caratteristiche neuropatologiche della variante comportamentale della Demenza Frontotemporale, in rapporto agli specifici deficit cognitivi e segni clinici che la sindrome comporta.    La Demenza Frontotemporale descrive un gruppo di sindromi che presentano deficit nelle funzioni esecutive, modificazioni nel comportamento e problemi di linguaggio. Ne

L’inibizione del sistema immunitario, dopo un danno cerebrale, porta ad un miglior recupero dal trauma cerebrale
Neuroscienze Psicologia

L’inibizione del sistema immunitario, dopo un danno cerebrale, porta ad un miglior recupero dal trauma cerebrale

I traumi cranici possono causare danni biologici al cervello irreversibili, portando il soggetto ad avere complicanze in ambito cognitivo, comportamentale o emotivo. La principale difesa immunitaria del cervello è data dalle cellule microgliali. Quali influenze possono avere queste cellule sul recupero dopo un danno cerebrale?   Dopo un trauma cerebrale

Chemioterapia e deficit cognitivi: in cosa consiste il ‘chemobrain’ e come trattarlo
Neuroscienze Psicologia

Chemioterapia e deficit cognitivi: in cosa consiste il ‘chemobrain’ e come trattarlo

Deficit cognitivi vengono riportati in circa il 50% dei casi di pazienti con cancro al seno in seguito a chemioterapia, nonostante solo nel 15-25% dei casi sia stato effettivamente individuato un declino cognitivo.   I passi in avanti e le scoperte in ambito oncologico sia dal punto di vista diagnostico

Come si riorganizza il cervello dopo l’asportazione di un emisfero?
Neuroscienze

Come si riorganizza il cervello dopo l’asportazione di un emisfero?

Sebbene sia piuttosto semplice descrivere in cosa consista un’operazione di emisferectomia, molto più difficile è invece cercare di spiegare cosa comporti, a livello funzionale, perdere il contributo di una parte così fondamentale dell’organo cerebrale, centrale operativa per il corretto funzionamento di tutte le funzioni vitali.   Alcune gravi forme di

I meccanismi neurobiologici della Terapia Metacognitiva
Psicologia Psicoterapia

I meccanismi neurobiologici della Terapia Metacognitiva

Uno studio recentemente pubblicato su Frontiers in Psychology, indaga i meccanismi neurobiologici che stanno alla base dei cambiamenti clinici osservabili nei pazienti con Disturbo Ossessivo-Compulsivo in Terapia Metacognitiva (Winter et al., 2019).   Grazie all’utilizzo delle tecniche di neuroimaging, negli ultimi anni i meccanismi neurobiologici correlati alle modificazioni cognitive e

Gli effetti protettivi della riserva cognitiva sul funzionamento neuropsicologico in pazienti con epatopatia HCV
Psicologia

Gli effetti protettivi della riserva cognitiva sul funzionamento neuropsicologico in pazienti con epatopatia HCV

Il virus dell’epatite C è in grado di infettare e replicarsi nella maggior parte delle cellule e dei tessuti umani causando deficit eterogenei. Tuttavia, differenti studi dimostrano che un’elevata riserva cognitiva (CR) può essere un fattore protettivo per l’espressone di tali deficit.   L’epatite C è una malattia infettiva che

Trauma cranico: deficit cognitivi e comportamentali
Neuroscienze Psicologia

Trauma cranico: deficit cognitivi e comportamentali

Le lesioni cerebrali traumatiche (TBI – Traumatic Brain Injury) sono un problema sanitario rilevante nei Paesi industrializzati, dal momento che rappresentano la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e tumorali. La distribuzione dell’età del Trauma Cranico presenta il picco massimo nei giovani adulti tra i 15 e i 25 anni, soprattutto a

Il cervello flessibile
Neuroscienze Psicologia

Il cervello flessibile

Quando tentiamo di capire la natura, essa ci appare aleatoria finché non viene istituito un punto di vista, un codice, per interpretarla. Selezioniamo in parte il contenuto di ciò che stiamo analizzando, una libera scelta, eliminando le informazioni non pertinenti, il rumore di fondo che limita la precisione del nostro

Bastano 20 neuroni per “vedere”
Neuroscienze

Bastano 20 neuroni per “vedere”

Da un punto di vista neurale, ancor oggi non si conosce la ragione per cui alcuni specifici pattern neurali siano coinvolti nella percezione visiva mentre altri, nelle medesime aree cerebrali, sembrano non partecipare. Le moderne tecniche di optogenetica sembrano però venirci in aiuto nel rispondere a tale questione.   Una nuova

L’impatto delle emozioni positive sulla nostra salute attraverso il circuito anti-infiammatorio colinergico
Neuroscienze Psicologia

L’impatto delle emozioni positive sulla nostra salute attraverso il circuito anti-infiammatorio colinergico

Recentemente si sono accumulate molte importanti conoscenze relative la connessione tra le nostre emozioni ed il nostro stato di salute attraverso il circuito anti-infiammatorio colinergico del sistema immunitario.   Agli inizi del 2000 finalmente si fece luce sul meccanismo attraverso il quale il nervo vago (NV), la principale struttura anatomica

Guidare un braccio robotico con il cervello: la Brain-Computer Interface
Neuroscienze

Guidare un braccio robotico con il cervello: la Brain-Computer Interface

L’interfaccia neurale, nota anche con il termine inglese brain-computer interface o BCI, è una macchina che permette una comunicazione diretta e unidirezionale dal cervello ad un dispositivo esterno, non dipendente da nervi periferici o muscoli.   Il calcio d’inizio del Campionato Mondiale di Calcio tenutosi in Brasile nel 2014 fu

Le demenze e il Morbo di Alzheimer
Neuroscienze

Le demenze e il Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è la forma più diffusa di demenza neurodegenerativa e progressiva. I primi sintomi si manifestano nel corso della settima decade di vita, ma in alcuni casi l’esordio può avere inizio già durante la mezza età.   Con il termine demenza senile si indica una sindrome clinica,

Internet e cervello: l’influenza sulle nostre capacità cognitive
Neuroscienze Psicologia

Internet e cervello: l’influenza sulle nostre capacità cognitive

In un mondo in cui siamo costantemente connessi e perennemente “online” è impossibile non credere che questo massiccio uso di internet non abbia alcuna conseguenza sulla nostra persona.   Internet è la forma di tecnologia più diffusa e rapidamente adottata della storia dell’umanità. Nell’arco di poche decadi, l’uso di Internet

Attività microcircuitale in diretta: una svolta per le Neuroscienze
Neuroscienze

Attività microcircuitale in diretta: una svolta per le Neuroscienze

Un recente studio basato sull’uso del processo di optogenetica parzialmente modificato, ha permesso per la prima volta di osservare “in diretta” l’attività dei neuroni. Le applicabilità sono enormi. Questa tecnologia apre una nuova finestra che potrebbe avere un effetto trasformativo nell’ambito delle neuroscienze.   Per anni gli scienziati hanno cercato

È utile qualsiasi tipo di supporto sociale?
Neuroscienze Psicologia

È utile qualsiasi tipo di supporto sociale?

Una nuova ricerca sulle neuroscienze dimostra l’effetto neurofisiologico di diverse tipologie di supporto sociale all’esperienza di esclusione sociale Rosalba Morese   Il supporto sociale può cambiare il modo in cui percepiamo una situazione spiacevole, ma alcuni tipi di supporto sembrano più efficaci di altri. Un team internazionale guidato da Giorgia

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Messaggio pubblicitario