Non si può più dire “è più forte di me”, ora si può gestire l’aggressività.

Alcuni fattori del nostro organismo come ormoni, glucosio e addirittura geni ci dimostrano come si possa provare a controllare l'aggressività e impulsività

ID Articolo: 39742 - Pubblicato il: 14 febbraio 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2023

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 


Come mai chi mette in atto comportamenti aggressivi non riesce a fermarsi in tempo?

Per il senso comune è quasi impossibile pensare che una persona aggressiva o violenta non sia in grado di controllare la propria impulsività.

Ecco che ci vengono in aiuto alcune ricerche che ci dimostrano come chi è più aggressivo di fatto tenta di inibire il primo impulso di rabbia, ma che non sempre è possibile.

Questi fattori che vengono esplicati e messi a confronto nelle  ricerche dell’articolo, comprendono sia fattori genetici (gene della monamina ossidasi-A),sia livelli ormonali (cortisolo, testosterone…) che infine quelli di glucosio. Il fattore comune di queste ricerche sembra essere che non esiste un “è più forte di me” e la scienza ce lo dimostra!

Grazie anche all’intervento dei fattori, genetici od organici sembra esserci da parte del cervello un tentativo di inibizione del comportamento, che però spesso va a discapito di altro, ad esempio una prestazione cognitiva.

Quello che queste ricerche suggeriscono è che sia possibile andare ad agire sul cervello dell’aggressivo e limitare il danno del suo comportamento, gli si può insegnare a mantenere quello che lui tenta di mettere in atto spontaneamente.

 

An impatient commuter shoves us out of the way to get onto the subway train. The bullying boss enjoys berating us in front of colleagues. The grouch next door yells at the neighborhood kids whenever a kickball accidentally ends up in his yard. We routinely deal with people who seem socially reckless, quick to retaliate at any perceived slight, and unremorseful if not downright sadistic.

In truth, though, the modern mantra “mean people suck” fails to capture many underlying drivers of aggression, cruelty, and hostility. Recent work in social neuroscience indicates that the brains of hotheaded people seem to work extra hard to control their outbursts, but for some reason fail.

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind sull' Impulsività

Scrittura e lettura di messaggi alla guida: i predittori nei giovani adulti
Psicologia

Scrittura e lettura di messaggi alla guida: i predittori nei giovani adulti

Sia l’impulsività che la FOMO sono state correlate all’uso problematico del cellulare, che è stato associato positivamente anche all’uso del cellulare durante la guida.   L’uso del cellulare tra i giovani adulti  L’uso problematico del telefono è particolarmente diffuso tra i giovani adulti (di età compresa tra i 18 e

Caffè Cognitivo: i tratti di personalità protagonisti della nuova stagione – L’ottavo episodio è dedicato all’Impulsività
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Caffè Cognitivo: i tratti di personalità protagonisti della nuova stagione – L’ottavo episodio è dedicato all’Impulsività

State of Mind presenta la nuova stagione di Caffè Cognitivo in formato podcast: una raccolta di episodi, uno inedito ogni settimana, per conoscere ed esplorare il mondo della Psicologia e della Psicoterapia, accompagnati dalle voci dei nostri professionisti e dei più noti esperti in materia. Fil rouge di questa nuova

L’autocontrollo: non una mera questione di inibizione di impulsi
Psicologia

L’autocontrollo: non una mera questione di inibizione di impulsi

L’autocontrollo di tratto presuppone la presenza di un “sé attivo”, che sia in grado di dare priorità agli obiettivi a lungo termine, rispetto a quelli a breve termine, nonostante questi ultimi forniscano una gratificazione immediata.   L’autocontrollo viene generalmente definito come la capacità di inibire comportamenti indesiderati, in virtù del

L’impulsività: deficit nel controllo inibitorio motorio e cognitivo
Psicologia

L’impulsività: deficit nel controllo inibitorio motorio e cognitivo

L’impulsività è definita come la ‘mancanza di riflessione prima di fare o dire qualcosa‘, la ‘tendenza a seguire i propri impulsi‘ (Cattana e Nesci, 2003, pp. 366-367).   Il DSM-5 (APA, 2013) definisce l’impulsività, o un comportamento impulsivo, come un’azione non lungimirante espressa prematuramente, inappropriata per la situazione, rischiosa e

Il Disturbo Borderline di Personalità e Il Disturbo da Uso di Sostanze: evidenze scientifiche di efficacia del trattamento DBT
Psicoterapia

Il Disturbo Borderline di Personalità e Il Disturbo da Uso di Sostanze: evidenze scientifiche di efficacia del trattamento DBT

Numerosi studi hanno mostrato una comorbilità tra disturbo da uso di sostanze e disturbo borderline di personalità. Quale sarà con questi pazienti l’efficacia del trattamento DBT e DBT-DUS, un adattamento del trattamento DBT standard? Ornella Lastrina, OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Modena   La DBT e il modello bio sociale La

Impulsività e compulsività: un possibile punto di incontro
Psicologia

Impulsività e compulsività: un possibile punto di incontro

Negli ultimi anni si è evidenziato come l’asserita differenza tra impulsività e compulsività non sia poi così assoluta, a partire dall’analisi dei disturbi caratterizzati da questi due aspetti. Sembra infatti che nell’ambito del medesimo disturbo possano presentarsi sia aspetti impulsivi che compulsivi.   La teoria unidimensionale e le differenze tra

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e disturbo borderline di personalità (BPD) negli adulti: una review sui loro collegamenti e rischi
Psicologia

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e disturbo borderline di personalità (BPD) negli adulti: una review sui loro collegamenti e rischi

I sintomi dell’ADHD nell’età adulta differiscono dalla sintomatologia presente nell’infanzia (presenza maggiore di sintomi internalizzanti piuttosto che esternalizzanti), senza però diminuire il loro impatto sul funzionamento quotidiano. Essi si associano ad un elevato numero di comorbilità psichiatriche, tra cui il disturbo borderline di personalità.   Il disturbo da deficit di

Un bel respiro e conta fino a dieci
Neuroscienze Psicologia

Un bel respiro e conta fino a dieci

Il primo suggerimento che diamo a qualcuno vicino a noi in preda all’ira più funesta è: “fai un bel respiro e conta fino a dieci”, sperando che la messa in atto di questo possa in qualche modo prevenire nell’irato la manifestazione di un comportamento rabbioso e aggressivo tramite la dilazione

Rabbia da marciapiede e intolleranza alla lentezza: se solo fossimo più grati
Psicologia

Rabbia da marciapiede e intolleranza alla lentezza: se solo fossimo più grati

La rabbia da marciapiede sembra essere il chiaro esempio di come molte persone oggi non riescono più ad accettare momenti di lentezza all’interno delle loro frenetiche giornate. Cosa ci ha portato a diventare così poco pazienti nei confronti della lentezza?    “Chi si ferma è perduto” o, per lo meno,

Cinquanta sfumature dell’uso deviato della galassia dei social network: il caso dei killfie
Psicologia

Cinquanta sfumature dell’uso deviato della galassia dei social network: il caso dei killfie

Una recente ricerca documenta che da ottobre 2011 a novembre 2017 si sono verificate 259 morti nel mondo scattando selfie esiziali (killfie). All’interno di questo triste fenomeno, il Daredavil Selfie è l’attuale moda perversa di autoscatti estremi.   Un lavoro diacronico e sincronico svolto da studiosi (Bansal, Garg, Pakhare, Gupta,

La rivincita dell’autocontrollo
Psicologia Psicoterapia

La rivincita dell’autocontrollo

Le nuvole non hanno sapore. Possono diventare conigli ed elefanti, golfi e dinosauri ma stesi sul prato occhi all’aria, le guardate quanto vi pare e non vi viene fame. Articolo pubblicato su il Corriere della Sera il 14 aprile 2019   Mettete un bambino di fronte a dei dolci. Gli

Inibizione, controllo degli impulsi e olfatto
Neuroscienze Psicologia

Inibizione, controllo degli impulsi e olfatto

Un recente studio di Herman, Critchley e Duka dell’Università del Sussex, pubblicato su Scientific Reports, mette in luce la relazione tra abilità olfattive e tendenze comportamentali impulsive in un gruppo non clinico di volontari, con l’idea di poter individuare soggetti a rischio per problemi di inibizione e controllo degli impulsi

L’importanza della natura per il nostro benessere
Psicologia

L’importanza della natura per il nostro benessere

È risaputo che essere a contatto con la natura ha un notevole effetto sulla nostra salute e sul nostro benessere. Tuttavia oggi circa la metà della popolazione vive in centri urbani, riducendo drasticamente il tempo che passa a contatto con la natura.   Sebbene la connessione tra natura e benessere

E’ solo un gioco? La ricerca del rischio e i giochi pericolosi in adolescenza
Psicologia

E’ solo un gioco? La ricerca del rischio e i giochi pericolosi in adolescenza

Negli adolescenti è tipica l’esigenza di unicità e visibilità ed è proprio tale desiderio che li conduce spesso a mettere in atto comportamenti provocatori e a volte rischiosi.   Negli anni passati, non era previsto un periodo di transazione preciso tra l’infanzia e l’età adulta. Molti giovani trascorrevano gli anni precedenti

Qual è il ruolo dell’impulsività nel Binge Eating Disorder?
Psicologia

Qual è il ruolo dell’impulsività nel Binge Eating Disorder?

In questo articolo ci soffermeremo in particolar modo a parlare del Binge Eating Disorder (BED), descriveremo le sue peculiarità e ci concentreremo sul ruolo che riveste la strategia dell’ impulsività in questo specifico disturbo. Maria Obbedio e Ilaria Perrucci – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Bolzano   I disturbi

Autolesionismo e Adolescenza: “Non Potevo Farci Nulla”
Psicologia

Autolesionismo e Adolescenza: “Non Potevo Farci Nulla”

Chi utilizza l’autolesionismo sostiene che farsi del male li riporti in contatto con il loro corpo e con la mente, come se fosse un modo per esprimere emozioni indicibili, tenendole però sotto controllo.   “Cominci a prendere a calci la porta. Butti la roba in giro per la stanza, fuori

Parlare da soli: follia? No, stimolo cognitivo
Psicologia

Parlare da soli: follia? No, stimolo cognitivo

Parlare da soli: Quante volte ci capita di osservare il nostro compagno, la nostra amica, nostra madre a “parlottare” tra sé e sé? Quante volte non ne capiamo il senso e ci chiediamo se dobbiamo preoccuparci e se questi sono i primi segni di un giorno di ordinaria follia, di

Gli adolescenti e il brivido del rischio: i fattori neurologici e sociali alla base dei comportamenti impulsivi
Neuroscienze Psicologia

Gli adolescenti e il brivido del rischio: i fattori neurologici e sociali alla base dei comportamenti impulsivi

Alla luce degli studi recenti, sorge spontaneo chiedersi se davvero gli adolescenti siano delle inarrestabili e autolesive macchine in corsa o se invece ci siano altri fattori coinvolti nella propensione al rischio in adolescenza.   L’adolescenza è un periodo estremamente delicato: solo nel 2015 si stimano circa un milione e

Non tutto quello che postiamo va a beneficio della nostra immagine: gesto impulsivo o intenzionale?
Psicologia

Non tutto quello che postiamo va a beneficio della nostra immagine: gesto impulsivo o intenzionale?

Un recente studio cross-culturale tra Italia e Gran Bretagna, pubblicato su CyberPsychology, Behavior and social networking, ha mostrato come i soggetti di entrambe le nazionalità tendano a postare sui principali social network materiale personale ad alto rischio in modo impulsivo, in ugual misura, ma anche con intenzionalità.   I fattori

Il rischio suicidario nei pazienti con anoressia nervosa
Psicologia

Il rischio suicidario nei pazienti con anoressia nervosa

Il suicidio è una delle principali cause di morte tra le persone con anoressia nervosa: dal 3 al 20% dei pazienti con questo disturbo dell’alimentazione tentano il suicidio nell’arco della propria vita, mentre in una percentuale compresa tra 1 e 5,3% lo portano a termine (Franko et al., 2006). Secondo

State of Mind © 2011-2023 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Si parla di

Scritto da

Messaggio pubblicitario