Centri Clinici

Dimmi come pensi e ti dirò che cervello usi!

una nuova teoria su come la predominanza del cervello non sia più destra o sinistra (emisferica) ma coinvolga la parte alta e bassa del nostro cervello.

ID Articolo: 35759 - Pubblicato il: 22 ottobre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

“Top Brain, Bottom Brain: Surprising Insights Into How You Think”  questo è il titolo del nuovo libro di Stephen M. Kosslyn, professore a Harvard, e dello scrittore e sceneggiatore G. Wayne Miller.

Gli autori presentano una nuova teoria su come la predominanza del cervello non sia più destra o sinistra (emisferica)  ma coinvolga la parte alta e bassa del nostro cervello. Ci sono deiverse aree che entrano in sinergia dal basso o dall’alto dando origine a diversi modi di pensare, ad esempio l’utilizzo maggiore del cervello basso caratterizza uno stile più introverso, riflessivo; al contrario un uso esclusivo del cervello alto caratterizza una spiccata creatività.

Gli autori ne individuano 4:Dinamico , Riflessivo , Creativo ed Elastico.

Nonostante le grandi diversità dei 4 stili di ragionamento, nessuno è superiore all’altro, quindi non c’è necessità di nessuna “ginnastica” per migliorare il proprio modo di pensare/agire.  Gli autori per ogni tipo di pensiero ne sottolineano  le singole caratteristiche con  vantaggi e svantaggi  e ne delineano anche dei profili di personaggi famosi appunto per dimostrare quanto ogni stile di pensiero, quindi ogni interazione tra le diverse parti del nostro cervello, sia a sè e quanto potenziale è insito in ognuno di noi.
Sta a noi scegliere come sfruttarlo o come far pensare il nostro cervello al meglio.


Diventava importante evitare la distinzione destro/sinistro, analitico/intuitivo, logico/creativo. Volevamo analizzare in modo diverso come le diverse parti del cervello elaborano l’informazione. È sorta in me l’idea che il cervello, come un tutto, è un sistema integrato e dobbiamo considerare come le diverse parti interagiscono.

 

E tu di che cervello sei? Nuova teoria su come pensiamoConsigliato dalla Redazione

State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche. Twitter: @stateofmindwj - State of Mind's Tweets Cover Image © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata
Non più emisfero destro (creativo) e sinistro (logico): l’interazione sarebbe invece tra «basso» e «alto» (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind su Neuropsicologia

La Demenza a Corpi di Lewy. Meccanismi patogenetici, caratteristiche cliniche, strumenti diagnostici e terapeutici
Neuroscienze

La Demenza a Corpi di Lewy. Meccanismi patogenetici, caratteristiche cliniche, strumenti diagnostici e terapeutici

La Demenza a Corpi di Lewy (Dementia with Lewy Bodies, DLB) è considerata attualmente la seconda forma più comune di demenza su base degenerativa dopo la Demenza di Alzheimer. Eliana Berra – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Milano   La diagnosi di Demenza a Corpi di Lewy (DLB), soprattutto nelle fasi

Conseguenze a lungo termine dell’abuso di alcol: la Sindrome di Korsakoff
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Conseguenze a lungo termine dell’abuso di alcol: la Sindrome di Korsakoff

I sintomi della Sindrome di Korsakoff includono la confabulazione (Kopelman et al., 2009), l’amnesia retrograda ed anterograda, nonché la presenza di disfunzioni esecutive e di alterazioni affettive e socio-cognitive (Arts et al., 2017).   Introduzione Descritta per la prima volta da Lawson (Lawson, 1878) come una sindrome contraddistinta dalla perdita

Il Memory Training: metodi che sfruttano la memoria implicita
Psicologia

Il Memory Training: metodi che sfruttano la memoria implicita

Il Memory Training è una metodologia riabilitativa utilizzabile con pazienti con deficit lievi o con smemoratezza benigna.   Tale tecnica è composta da alcune prove per la memoria ed ha alla base la teoria della neuroplasticità secondo cui il cervello può subire delle modifiche in seguito a stimolazioni esterne o

Interventi farmacologici nella demenza
Neuroscienze Psicologia

Interventi farmacologici nella demenza

Allo stato attuale, i farmaci impiegati per attenuare le manifestazioni cliniche nel AD di stadio lieve-moderato sono gli inibitori dell’acetilcolinesterasi (Guaita & Vitali, 2004).   Il DSM-5 (APA, 2013) con Disturbi Neurocognitivi (DNC) fa riferimento a un’ampia categoria di disturbi acquisiti che rappresentano un declino rispetto al precedente livello di

La cognizione spaziale nella terza età
Neuroscienze Psicologia

La cognizione spaziale nella terza età

Con abilità visuo-spaziali si intende “la capacità di rappresentare, trasformare, generare e recuperare informazioni simboliche di tipo non linguistico” (Linn & Petersen, 1985).   Con cognizione spaziale si intende quell’insieme di abilità che permettono all’individuo di muoversi nello spazio, creando e memorizzando la rappresentazione mentale della propria posizione in relazione

I disturbi di linguaggio nella malattia di Alzheimer: correlati metabolici di errori semantici, fonemici e formali ad un compito di denominazione
Neuroscienze Psicologia

I disturbi di linguaggio nella malattia di Alzheimer: correlati metabolici di errori semantici, fonemici e formali ad un compito di denominazione

Un recente studio (Isella et al., 2020) ha esplorato i correlati metabolici specifici degli errori semantici, fonemici e formali prodotti da pazienti con malattia di Alzheimer in un compito di denominazione di figure. Maria Gazzotti – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Milano   La malattia di Alzheimer (Alzheimer’s disease,

Plasticità Neurale e Psicologia Clinica – Il sesto episodio di Angoli Clinici
Neuroscienze Psicologia

Plasticità Neurale e Psicologia Clinica – Il sesto episodio di Angoli Clinici

I professionisti delle Scuole di Specializzazione e dei Centri Clinici del circuito Studi Cognitivi sono stati protagonisti della serie di webinar “Angoli Clinici”: un ciclo di appuntamenti che ha esplorato alcuni interessanti temi teorici, clinici e applicativi della Psicoterapia   Il circuito di Scuole di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato nell’autunno

Invecchiare con successo – VIDEO dal webinar organizzato da Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto
Psicologia

Invecchiare con successo – VIDEO dal webinar organizzato da Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto ha organizzato il webinar “Invecchiare con successo” volto ad affrontare le tematiche di invecchiamento e potenziamento delle funzioni cognitive.   Le evidenze scientifiche documentano come il processo di sviluppo delle abilità cognitive, emotive e interpersonali avvenga lungo tutto l’arco di vita, anche nell’invecchiamento che

Aspetti metodologici nella pratica clinica con l’anziano
Psicologia

Aspetti metodologici nella pratica clinica con l’anziano

A causa del progressivo invecchiamento della popolazione e del conseguente aumento dei tassi di prevalenza dei disturbi neurocognitivi, la figura dello psicologo e le sue competenze sono sempre più richieste, in termini di prevenzione, diagnosi, percorsi di abilitazione-riabilitazione e di sostegno ai caregivers.   Il professionista che lavora con la

Aspetti neuropsicologici e dinamiche familiari in genitori di bambini con disturbo dello spettro autistico
Psicologia

Aspetti neuropsicologici e dinamiche familiari in genitori di bambini con disturbo dello spettro autistico

Ricerche che hanno indagato le difficoltà legate alla gestione di un figlio con disturbo dello spettro autistico (ASD), riportavano tra i parenti di primo grado, in particolare le madri, elevati livelli di stress e minore senso di benessere che si ripercuotevano negativamente sulla qualità della vita dei loro figli.  

Il geropsicologo: ruolo e competenze
Psicologia

Il geropsicologo: ruolo e competenze

L’American Psychological Association (APA) ha pubblicato nel 2003, con una revisione nel 2014, le ‘linee guida per la pratica psicologica con gli anziani’ e riconosciuto nel 2010 la figura del geropsicologo professionale.   Il progresso medico e scientifico, le migliori condizioni igienico-sanitarie e il diffondersi di stili di vita sani

Riabilitazione delle ADL nella demenza: il Procedural Memory Training
Psicologia

Riabilitazione delle ADL nella demenza: il Procedural Memory Training

Il Procedural Memory Training (PMT; Zanetti et al., 1997) è un intervento di stimolazione cognitiva che agisce sulla memoria procedurale, finalizzato alla ricostruzione delle sequenze motorie che costituiscono i comportamenti oggetto di addestramento.   Il Disturbo Neurocognitivo Maggiore (DNC) è una patologia acquisita, cronica, progressiva e irreversibile caratterizzata principalmente da declino

La Deep Brain Stimulation nel Parkinson
Neuroscienze Psicologia

La Deep Brain Stimulation nel Parkinson

La malattia di Parkinson colpisce negli USA l’1% circa della popolazione sopra i 50 anni e si manifesta con sintomatologia motoria a cui si associano deficit cognitivi di varia natura. Marta Paris – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre   Neuroanatomia e sintomatologia del morbo di Parkinson I gangli

La Riabilitazione Neuropsicologica. Premesse teoriche e applicazioni cliniche – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

La Riabilitazione Neuropsicologica. Premesse teoriche e applicazioni cliniche – Recensione del libro

Il libro La Riabilitazione Neuropsicologica è alla quarta edizione; dal 1986, anno della prima edizione, si sono sviluppate nuove metodiche di indagine e valutazione e tecnologie di supporto.   In questi anni i risultati della ricerca hanno modificato in modo sostanziale l’approccio tradizionale della neuropsicologia che si era andata costruendo alla

Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla – VIDEO
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla – VIDEO

Nel webinar dal titolo Quando nell’invecchiamento si fa spazio la demenza: conoscerla per prevenirla le relatrici illustrano i sintomi che precedono la demenza e le linee guida di intervento per prevenirla e trattarla.   Gli ultra 60enni nel mondo erano 900 milioni nel 2015, nel 2050 saranno 2 miliardi secondo le

Psicofisiologia delle emozioni: il riflesso di startle
Neuroscienze Psicologia

Psicofisiologia delle emozioni: il riflesso di startle

Il riflesso di startle, rapido ed involontario, può essere modificato, nella sua ampiezza, dagli stati emozionali in cui si trova la persona. Eleonora Poli – OPEN SCHOOL, Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre-Venezia   In particolare, sarà amplificato nel caso in cui il soggetto si trovi in uno stato emozionale negativo,

Melatonina, questa sconosciuta
Neuroscienze

Melatonina, questa sconosciuta

Melatonina, melatonina ovunque: dai farmaci da banco agli integratori alimentari. Viene presentato come un prodotto che ci aiuta a dormire bene, a favorire l’addormentamento, a risolvere i problemi di insonnia.   Ma cosa si nasconde dietro la melatonina? È tutta una operazione di marketing o risulta essere veramente di aiuto

Ragione ed emozione: compiere scelte responsabili “emozionandosi”
Psicologia

Ragione ed emozione: compiere scelte responsabili “emozionandosi”

Il senso comune ci esorta a compiere scelte importanti a “mente fredda”, mediante un procedimento razionale scevro da ogni tipo di emozione; l’emozione, nel processo di decision making, potrebbe portarci a compiere scelte avventate. Evidenze scientifiche mostrano il contrario, o perlomeno, la mera ragione non sempre permette di compiere scelte responsabili.

Aspetti neuropatologici e neuropsicologici nella variante comportamentale della demenza frontotemporale (bvFTD)
Neuroscienze

Aspetti neuropatologici e neuropsicologici nella variante comportamentale della demenza frontotemporale (bvFTD)

L’articolo propone un approfondimento circa le caratteristiche neuropatologiche della variante comportamentale della Demenza Frontotemporale, in rapporto agli specifici deficit cognitivi e segni clinici che la sindrome comporta.    La Demenza Frontotemporale descrive un gruppo di sindromi che presentano deficit nelle funzioni esecutive, modificazioni nel comportamento e problemi di linguaggio. Ne

L’inibizione del sistema immunitario, dopo un danno cerebrale, porta ad un miglior recupero dal trauma cerebrale
Neuroscienze Psicologia

L’inibizione del sistema immunitario, dopo un danno cerebrale, porta ad un miglior recupero dal trauma cerebrale

I traumi cranici possono causare danni biologici al cervello irreversibili, portando il soggetto ad avere complicanze in ambito cognitivo, comportamentale o emotivo. La principale difesa immunitaria del cervello è data dalle cellule microgliali. Quali influenze possono avere queste cellule sul recupero dopo un danno cerebrale?   Dopo un trauma cerebrale

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario