expand_lessAPRI WIDGET

Alzheimer: il ruolo del rame nella formazione delle placche nel sistema nervoso.

Il rame altera la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche del morbo di Alzheimer

Pubblicato il 29 Ago. 2013

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

“È chiaro che, con il tempo, l’effetto cumulativo del rame è quello di danneggiare i sistemi cerebrali dai quali non può essere rimossa la proteina beta-amiloide”, ha spiegato Rashid Deane, ricercatore del Dipartimento di Neurochirurgia dello University of Rochester Medical Center (URMC) che ha coordinato lo studio. “Occorre però cautela nel valutare questi risultati perché il rame non è un elemento fondamentale per molti processi fisiologici e l’esposizione utilizzata nella ricerca è equivalente a quella consumata da molti cittadini con la normale dieta”.

Le colpe del rame nella malattia di Alzheimer – Le ScienzeConsigliato dalla Redazione

L’esposizione a limitate concentrazioni di rame è in grado di alterare la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche caratteristiche della malattia di Alzheimer. Lo afferma un nuovo studio che presenta la prima prova sperimentale di un coinvolgimento del metallo nell\’insorgenza della patologia (…)
Tratto da: Le Scienze

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Morbo di Alzheimer
Sostenere chi sostiene (2022) di E. Borella e S. Faggian - Recensione
Sostenere chi sostiene (2022) di Erika Borella e Silvia Faggian – Recensione
"Sostenere chi sostiene" presenta i principali disturbi neurocognitivi, il profilo del caregiver di una persona con demenza e le conseguenze di tale impegno
Sindrome di Down e malattia di Alzheimer: quale legame - Neuroscienze
Sindrome di Down e malattia di Alzheimer: destini incrociati
Gli individui con sindrome di Down sembrano costituire una popolazione ad alto rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, scopriamo come e perchè
Demenza e variazioni ponderali una possibile associazione
Variazioni ponderali negli anziani e rischio di demenza: cosa dice la letteratura
Secondo una ricerca inglese del 2020 l’obesità è un fattore di rischio per le malattie neurodegenerative, tra cui la demenza
Ergonomia ambientale: migliorare performance e benessere psicofisico
Ergonomia ambientale: la disciplina che migliora le nostre performance e promuove il benessere psicofisico
L’ergonomia ambientale è una delle più antiche discipline che solo a partire dagli ultimi due secoli ha ridestato l’interesse della ricerca.
Anosognosia e metacognizione nella malattia di Alzheimer
Anosognosia e metacognizione: l’adozione di un nuovo punto di vista sulla malattia di Alzheimer
L’anosognosia, cioè la mancata consapevolezza di malattia, e la metacognizione, cioè il monitoraggio e la regolazione dei processi cognitivi, sono correlate
Alzheimer e interventi non farmacologici: gli effetti di musica e pittura
L’arte della cura: possono musica e pittura ridurre la severità dei sintomi da dolore cronico, migliorando l’umore, la qualità di vita ed il benessere cognitivo in pazienti con Alzheimer? 
Le terapie non farmacologiche sono un'interessante strategia di cura complementare per dolore e disturbi dell'umore nei pazienti con malattia di Alzheimer
Malattia di Alzheimer: effetto benefico dell'irisina muscolare
Mens sana in corpore sano: l’effetto benefico dell’irisina muscolare nella malattia di Alzheimer
L'irisina, un ormone scoperto recentemente prodotto dall’organismo durante l’attività muscolare, sembra avere effetti protettivi nella malattia di Alzheimer
Alzheimer nuove frontiere e il ruolo dello psicologo per il malato e famiglia
Alzheimer: nuove frontiere e il ruolo dello psicologo nella cura del malato e nel supporto alla famiglia
La gestione dell'Alzheimer per il malato e la sua famiglia è difficile. Quali sono le novità su diagnosi e cura? Quale ruolo può ricoprire lo psicologo?
Declino cognitivo: il ruolo del pensiero negativo ripetitivo (RNT)
Il ruolo del pensiero negativo ripetitivo nell’insorgenza del declino cognitivo
Il pensiero negativo ripetitivo, un processo costituito da rimuginio e ruminazione, potrebbe contribuire al rischio di declino cognitivo
Memory Training: alcuni metodi che sfruttano la memoria implicita
Il Memory Training: metodi che sfruttano la memoria implicita
Bier e colleghi hanno confrontato diverse tecniche di memory training per l’apprendimento dell’associazione volto-nome in pazienti con Demenza di Alzheimer
Demenza: trattamenti farmacologici per disturbi cognitivi e comportamentali
Interventi farmacologici nella demenza
I trattamenti farmacologici nella demenza agiscono sulla sfera cognitiva, come memoria e attenzione, ma anche su alcuni disturbi comportamentali
Malattia di Alzheimer: disturbi del linguaggio e rispettivi correlati metabolici
I disturbi di linguaggio nella malattia di Alzheimer: correlati metabolici di errori semantici, fonemici e formali ad un compito di denominazione
Fin dai primi stadi della malattia di Alzheimer inizia un progressivo deterioramento del linguaggio utile per distinguerla da mutamenti attribuibili all’età
Demenza: strumenti e indicazioni per gestire il momento del pasto
Il momento del pasto nella demenza: strategie utili per una migliore qualità di vita
Nella demenza il pasto è un’attività complessa che, se non adeguatamente supportata, può far sperimentare all'anziano un senso di fallimento e inadeguatezza
Alzheimer: le difese antiossidanti contro la neurodegenerazione
Alzheimer: scoperti i meccanismi delle difese antiossidanti contro la neurodegenerazione – Comunicato stampa
Individui NDAN avrebbero la capacità di attivare una risposta cerebrale antiossidante efficace al punto da far fronte alla neurodegenerazione dell’Alzheimer
Demenza: quali sono gli effetti della stigmatizzazione su pazienti e familiari
Alzheimer e Demenze: oltre la stigmatizzazione
Le persone con demenza sono spesso oggetto di stigma e, insieme alle loro famiglie, interiorizzano le rappresentazioni negative che vengono loro attribuite
Alzheimer: il declino cognitivo soggettivo come possibile indicatore precoce
Pensare di avere problemi di memoria predice l’Alzheimer?
Le terapie contro l'Alzheimer iniziano troppo tardi. Il declino cognitivo soggettivo potrebbe essere un indicatore del rischio di sviluppare la malattia.
Alzheimer: verso nuove terapie per rallentarne il decorso - Neuroscienze
Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?
I ricercatori affermano che migliorare la trasmissione sinaptica sarà la chiave per risolvere la cognizione compromessa nella malattia di Alzheimer.
Patologie neurovegetative un progetto di sostegno per malati e caregiver
Alzheimer e demenze, malati e caregiver: un progetto di sostegno attraverso dei video online – Comunicato Stampa
Non perdere il ciclo di incontri "Sostegno per malati, famiglie e caregiver di patologie neurovegetative" da martedì 7 luglio online.
Malattia di Alzheimer: l'anosognosia e il suo impatto sulla malattia
L’anosognosia e la malattia di Alzheimer: qual è il legame?
L'anosognosia è un aspetto presente nella malattia di Alzheimer che rende ancora più difficile la sua gestione e l'assistenza da parte dei caregivers
Alzheimer: possibili alterazioni dell'assorbimento dei farmaci nell'intestino
L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco
Alla luce dei risultati di nuovi studi, potrebbe essere necessario riesaminare la pratica di prescrivere alcuni farmaci ai pazienti con Alzheimer.
Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
cancel