Alzheimer: il ruolo del rame nella formazione delle placche nel sistema nervoso.

Il rame altera la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche del morbo di Alzheimer

ID Articolo: 33748 - Pubblicato il: 29 agosto 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

“È chiaro che, con il tempo, l’effetto cumulativo del rame è quello di danneggiare i sistemi cerebrali dai quali non può essere rimossa la proteina beta-amiloide”, ha spiegato Rashid Deane, ricercatore del Dipartimento di Neurochirurgia dello University of Rochester Medical Center (URMC) che ha coordinato lo studio. “Occorre però cautela nel valutare questi risultati perché il rame non è un elemento fondamentale per molti processi fisiologici e l’esposizione utilizzata nella ricerca è equivalente a quella consumata da molti cittadini con la normale dieta”.

Le colpe del rame nella malattia di Alzheimer – Le ScienzeConsigliato dalla Redazione

L’esposizione a limitate concentrazioni di rame è in grado di alterare la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche caratteristiche della malattia di Alzheimer. Lo afferma un nuovo studio che presenta la prima prova sperimentale di un coinvolgimento del metallo nell\’insorgenza della patologia (…)

Tratto da: Le Scienze

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Morbo di Alzheimer

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer
Psichiatria

I brevetti nella produzione farmaceutica – Riflessioni sulla mancata sperimentazione di una molecola per la cura della Malattia di Alzheimer

Le demenze comprendono un insieme di patologie (demenza di Alzheimer, demenza vascolare, frontotemporale, a corpi di Lewy, ecc.) che hanno un impatto notevole in termini socio-sanitari sia perché un sempre maggior numero di famiglie ne sono drammaticamente coinvolte, sia perché richiedono una qualificata rete integrata di servizi sanitari e socio-assistenziali.

Le demenze e il Morbo di Alzheimer
Neuroscienze

Le demenze e il Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è la forma più diffusa di demenza neurodegenerativa e progressiva. I primi sintomi si manifestano nel corso della settima decade di vita, ma in alcuni casi l’esordio può avere inizio già durante la mezza età.   Con il termine demenza senile si indica una sindrome clinica,

Alzheimer e nuove conferme dell’impatto dell’inquinamento sulla salute
Neuroscienze Psicologia

Alzheimer e nuove conferme dell’impatto dell’inquinamento sulla salute

La crescente preoccupazione inerente ad una evoluzione e diffusione dell’ Alzheimer tra i giovani delle municipalità di Città del Messico ha portato molti ricercatori di svariate Università americane e messicane ad indagare questo fenomeno.   Fin da bambini gli abitanti di Città del Messico hanno una esposizione ad agenti inquinanti

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro
Neuroscienze Psichiatria

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro

Il libro del Prof. Benini, neurochirurgo, spiega con un linguaggio semplice ed una narrazione accattivante, l’enigma della sindrome di Alzheimer e della demenza. Che sia un enigma lo si scopre già dalle prime pagine, allorquando è esposta la probabile origine della malattia, ancora oggi oggetto di ricerca.   Per lungo

Cellule senescenti: scoperto il loro ruolo nello sviluppo delle malattie neurodegenerative
Neuroscienze

Cellule senescenti: scoperto il loro ruolo nello sviluppo delle malattie neurodegenerative

Particolari tipi di cellule, chiamate cellule senescenti, non vanno mai incontro alla morte e, al tempo stesso, sono incapaci di eseguire le normali funzioni di una cellula. Le cellule senescenti sono correlate a diverse malattie associate all’invecchiamento. Uno studio pubblicato su Nature ha rivelato che proprio queste cellule guiderebbero in

Olfatto e memoria: una connessione che potrebbe spiegare alcuni sintomi dell’Alzheimer
Neuroscienze Psicologia

Olfatto e memoria: una connessione che potrebbe spiegare alcuni sintomi dell’Alzheimer

Esiste un circuito neurale tra Nucleo Olfattivo Anteriore (NOA) e ippocampo, la struttura cerebrale responsabile della nostra memoria e altamente implicita nella malattia di Alzheimer.   Una nuova ricerca canadese ha indagato il meccanismo responsabile della formazione della memoria episodica olfattiva. Lo studio, pubblicato su Nature Communications, offre una spiegazione

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza
Psichiatria Psicologia

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza

I disturbi dell’umore comprendono un ampio gruppo di condizioni psicopatologiche il cui quadro clinico è dominato non solo da un’alterazione del tono affettivo ma anche da sintomi psicomotori, cognitivi e neurovegetativi, per giungere, in rare occasioni, a manifestazioni psicotiche. Roberta Sciore – OPEN SCHOOL, Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

Alzheimer: obesità e invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?
Neuroscienze

Alzheimer: obesità e  invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?

Un nuovo studio sostiene che seguire una dieta ricca di grassi e ad alto contenuto di zuccheri che aumenta il rischio di obesità aggrava gli effetti dell’ invecchiamento sulle funzioni cerebrali e l’ invecchiamento gioca un ruolo nella progressione del morbo di Alzheimer.    Il morbo di Alzheimer, la forma

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)
Neuroscienze

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)

Lo stadio di deterioramento cognitivo lieve viene definito con il termine di Mild Cognitive Impairment (MCI). Rappresenta una sindrome neurologica che fa riferimento ad un declino cognitivo superiore a quanto previsto per età e livello di istruzione di un individuo ma che lascia preservate le principali attività della vita quotidiana,

Gli interventi e gli effetti della musicoterapia nelle demenze
Psichiatria Psicologia

Gli interventi e gli effetti della musicoterapia nelle demenze

L’aumento della popolazione anziana e l’allungamento della vita media ha comportato un incremento delle patologie legate all’invecchiamento, come ad esempio le demenze che rappresentano ormai una delle più grandi sfide di salute per l’umanità. La musicoterpia sembra essere un efficace strumento di cura Federica Aloisio  – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi

Scoperti particolari segmenti di DNA che causerebbero la morte dei neuroni nel Morbo di Alzheimer
Neuroscienze

Scoperti particolari segmenti di DNA che causerebbero la morte dei neuroni nel Morbo di Alzheimer

Una nuova ricerca svela il meccanismo attraverso il quale l’accumulo progressivo di proteina Tau all’interno del cervello contribuisce alla morte delle cellule nel morbo di Alzheimer.   Studiando più di 600 soggetti, gli scienziati hanno scoperto per la prima volta un’associazione tra la presenza di proteina Tau all’interno delle cellule

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?
Neuroscienze

Come può la musica aiutare i pazienti affetti da Alzheimer o da altre forme di demenza?

La musica può essere una strada alternativa per comunicare con pazienti affetti da malattia di Alzheimer, nei quali la memoria linguistica e visiva sono danneggiate precocemente, aiutandoli a ritrovare un contatto con la realtà.   I ricercatori della University of Utah Health stanno sviluppando trattamenti basati sulla musica per aiutare

Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?
Neuroscienze

Perdite di memoria: normale invecchiamento o Alzheimer?

Invecchiando, non è raro sperimentare “momenti di vecchiaia“, in cui dimentichiamo dove abbiamo parcheggiato la macchina o chiamiamo i nostri bambini con nomi sbagliati. E potremmo chiederci: questi ricordi sono una parte normale dell’ invecchiamento o segnalano le prime fasi di un disturbo grave come il morbo di Alzheimer?  

Lo sviluppo del morbo di Alzheimer: il dibattito è ancora aperto
Neuroscienze

Lo sviluppo del morbo di Alzheimer: il dibattito è ancora aperto

I recenti progressi nell’imaging cerebrale hanno permesso agli scienziati di mostrare per la prima volta il ruolo di una proteina chiave nella morbo di Alzheimer, la quale si diffonde in tutto il cervello e causa la morte delle cellule nervose. La possibilità di bloccare tale diffusione potrebbe impedire alla malattia

Una nuova scoperta sui meccanismi di morte cellulare nelle malattie neurodegenerative
Neuroscienze

Una nuova scoperta sui meccanismi di morte cellulare nelle malattie neurodegenerative

I ricercatori del King’s College di Londra hanno scoperto nuovi meccanismi di morte cellulare associati a malattie neurodegenerative debilitanti quali il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.   La nuova ricerca, pubblicata su Current Biology, potrebbe assumere un ruolo di estrema importanza per lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici

Le crisi epilettiche infrequenti possono danneggiare la memoria
Neuroscienze

Le crisi epilettiche infrequenti possono danneggiare la memoria

Un team di ricercatori rivela un meccanismo in grado di spiegare come anche le crisi epilettiche relativamente infrequenti possano portare a deficit cognitivi a lungo termine, mediante ricerche su modelli animali.   Le crisi epilettiche infrequenti possono indurre deficit cognitivi Anche se è evidente che le crisi epilettiche siano correlate

Alzheimer e benessere psicologico: gli interventi non farmacologici
Psicologia Psicoterapia

Alzheimer e benessere psicologico: gli interventi non farmacologici

Tra le diverse forme di demenza, la demenza di Alzheimer è quella più diffusa e rappresenta una delle maggiori cause di disabilità, dipendenza e istituzionalizzazione per i malati e di carico e stress per i caregivers. Giulia Cesetti – OPEN SCHOOL San Benedetto del Tronto   Nella popolazione anziana si assiste

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: origine del morbo legata a depressione e disturbi dell’umore
Neuroscienze

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: origine del morbo legata a depressione e disturbi dell’umore

Lo studio italiano, pubblicato sulla rivista Nature Communications, rivoluziona l’approccio alla demenza di Alzheimer imputandone l’origine all’area tegmentale ventrale, dove viene prodotta la dopamina, neurotrasmettitore coinvolto anche nei disturbi dell’umore.   La demenza di Alzheimer La malattia di Alzheimer (Alzheimer disease – AD) è un disturbo neurologico caratterizzato da sintomi

I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer
Neuroscienze

I test neuropsicologici per l’individuazione precoce dell’ Alzheimer

Recentemente un nuovo studio condotto dal neuropsicologo Duke Han, professore associato di medicina presso la Keck School of Medicine dell’Università della South California, suggerisce che i test cognitivi siano anche in grado di rilevare i primi segni di Alzheimer in persone ancora asintomatiche.   I cambiamenti biologici sottostanti la malattia

Il ruolo dell’Omega-3 nella prevenzione della malattia di Alzheimer: uno studio con la SPECT
Neuroscienze

Il ruolo dell’Omega-3 nella prevenzione della malattia di Alzheimer: uno studio con la SPECT

Un recente studio dimostra che vi sarebbe un aumento del flusso sanguigno nelle regioni del cervello associate con la memoria e l’apprendimento in persone con alti livelli di omega-3.   L’incidenza della malattia di Alzheimer è in continuo aumento e, ad oggi, non è stata trovata alcuna cura. Recentemente l’interesse

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario