Alzheimer: il ruolo del rame nella formazione delle placche nel sistema nervoso.

Il rame altera la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche del morbo di Alzheimer

ID Articolo: 33748 - Pubblicato il: 29 agosto 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2023

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

“È chiaro che, con il tempo, l’effetto cumulativo del rame è quello di danneggiare i sistemi cerebrali dai quali non può essere rimossa la proteina beta-amiloide”, ha spiegato Rashid Deane, ricercatore del Dipartimento di Neurochirurgia dello University of Rochester Medical Center (URMC) che ha coordinato lo studio. “Occorre però cautela nel valutare questi risultati perché il rame non è un elemento fondamentale per molti processi fisiologici e l’esposizione utilizzata nella ricerca è equivalente a quella consumata da molti cittadini con la normale dieta”.

Le colpe del rame nella malattia di Alzheimer – Le ScienzeConsigliato dalla Redazione

L’esposizione a limitate concentrazioni di rame è in grado di alterare la funzionalità della proteina LRP1, cruciale per lo smaltimento della proteina beta-amiloide che forma le placche caratteristiche della malattia di Alzheimer. Lo afferma un nuovo studio che presenta la prima prova sperimentale di un coinvolgimento del metallo nell\’insorgenza della patologia (…)

Tratto da: Le Scienze

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli su: Morbo di Alzheimer

Variazioni ponderali negli anziani e rischio di demenza: cosa dice la letteratura
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Variazioni ponderali negli anziani e rischio di demenza: cosa dice la letteratura

Uno studio condotto da alcuni ricercatori della Corea del sud evidenzia come i cambiamenti di indice di massa corporea (BMI) in età avanzata, rappresentano un fattore di rischio per la comparsa di demenza.   Fattori di rischio per la demenza La commissione di The Lancet, la prestigiosa rivista scientifica inglese,

Ergonomia ambientale: la disciplina che migliora le nostre performance e promuove il benessere psicofisico
Psicologia

Ergonomia ambientale: la disciplina che migliora le nostre performance e promuove il benessere psicofisico

L’International Ergonomics Association (IEA) definisce l’ergonomia come la scienza che studia l’interazione tra l’uomo e i supporti tecnologici, con l’obiettivo di promuovere uno stato di benessere e migliorare le performance. Nella sua declinazione ambientale, può essere applicata dal settore lavorativo fino a quello sanitario.    Le origini dell’ergonomia  L’ergonomia ambientale

Anosognosia e metacognizione: l’adozione di un nuovo punto di vista sulla malattia di Alzheimer
Neuroscienze Psicologia

Anosognosia e metacognizione: l’adozione di un nuovo punto di vista sulla malattia di Alzheimer

L’anosognosia può essere vista come un deficit della conoscenza metacognitiva e dei processi di monitoraggio riguardo alla consapevolezza della propria condizione, con una carenza di riconoscimento a proposito della severità della propria sintomatologia.   Nel 2015, l’Alzheimer Disease International evidenziò come 4.8 milioni di persone soffrono di demenza e come

L’arte della cura: possono musica e pittura ridurre la severità dei sintomi da dolore cronico, migliorando l’umore, la qualità di vita ed il benessere cognitivo in pazienti con Alzheimer? 
Psicologia

L’arte della cura: possono musica e pittura ridurre la severità dei sintomi da dolore cronico, migliorando l’umore, la qualità di vita ed il benessere cognitivo in pazienti con Alzheimer? 

Lo studio di Pongan et al. (2017) ha valutato l’efficacia dell’intervento musicale sul dolore cronico in pazienti con Alzheimer allo stadio di disturbo cognitivo minore o di disturbo cognitivo maggiore lieve.   La malattia di Alzheimer colpisce principalmente gli adulti dai 65 anni in su. I pazienti con Alzheimer presentano

Mens sana in corpore sano: l’effetto benefico dell’irisina muscolare nella malattia di Alzheimer
Neuroscienze

Mens sana in corpore sano: l’effetto benefico dell’irisina muscolare nella malattia di Alzheimer

Una ricerca condotta dal team del Massachusetts General Hospital ha studiato come l’irisina, un ormone scoperto recentemente che viene prodotto dall’organismo durante l’esercizio fisico, abbia effetti benefici nel morbo di Alzheimer.   Fin dall’antichità, come testimonia il motto “mens sana in corpore sano”, è nota la relazione esistente tra esercizio

Alzheimer: nuove frontiere e il ruolo dello psicologo nella cura del malato e nel supporto alla famiglia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Alzheimer: nuove frontiere e il ruolo dello psicologo nella cura del malato e nel supporto alla famiglia

L’Alzheimer, una delle forme più comuni di demenza, è una malattia ad esordio senile, cronica e degenerativa ed ha una prognosi sfavorevole. Lo psicologo ha un ruolo importante nella prevenzione della malattia, nella cura del malato e nel sostegno alla sua famiglia.   Il morbo di Alzheimer è una delle

Il ruolo del pensiero negativo ripetitivo nell’insorgenza del declino cognitivo
Neuroscienze Psicologia

Il ruolo del pensiero negativo ripetitivo nell’insorgenza del declino cognitivo

L’indagine longitudinale di Marchant et al. (2020) ha testato l’ipotesi del debito cognitivo, indagando la relazione tra stile di pensiero negativo ripetitivo, declino cognitivo e misure di neuroimaging.   La demenza di Alzheimer (AD) è una patologia neurologica che nelle fasi iniziali si caratterizza per l’aggregazione di beta amiloide e

Il Memory Training: metodi che sfruttano la memoria implicita
Psicologia

Il Memory Training: metodi che sfruttano la memoria implicita

Il Memory Training è una metodologia riabilitativa utilizzabile con pazienti con deficit lievi o con smemoratezza benigna.   Tale tecnica è composta da alcune prove per la memoria ed ha alla base la teoria della neuroplasticità secondo cui il cervello può subire delle modifiche in seguito a stimolazioni esterne o

Interventi farmacologici nella demenza
Neuroscienze Psicologia

Interventi farmacologici nella demenza

Allo stato attuale, i farmaci impiegati per attenuare le manifestazioni cliniche nel AD di stadio lieve-moderato sono gli inibitori dell’acetilcolinesterasi (Guaita & Vitali, 2004).   Il DSM-5 (APA, 2013) con Disturbi Neurocognitivi (DNC) fa riferimento a un’ampia categoria di disturbi acquisiti che rappresentano un declino rispetto al precedente livello di

I disturbi di linguaggio nella malattia di Alzheimer: correlati metabolici di errori semantici, fonemici e formali ad un compito di denominazione
Neuroscienze Psicologia

I disturbi di linguaggio nella malattia di Alzheimer: correlati metabolici di errori semantici, fonemici e formali ad un compito di denominazione

Un recente studio (Isella et al., 2020) ha esplorato i correlati metabolici specifici degli errori semantici, fonemici e formali prodotti da pazienti con malattia di Alzheimer in un compito di denominazione di figure. Maria Gazzotti – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Milano   La malattia di Alzheimer (Alzheimer’s disease,

Il momento del pasto nella demenza: strategie utili per una migliore qualità di vita
Neuroscienze Psicologia

Il momento del pasto nella demenza: strategie utili per una migliore qualità di vita

Nel caso della demenza il pasto è, inoltre, un’attività complessa che se non adeguatamente supportata può far sperimentare all’anziano un senso di fallimento e inadeguatezza (Berg, 2013). Esso richiede riconoscimento, memoria procedurale e pianificazione.   Il Disturbo Neurocognitivo Maggiore (DNC) è una patologia acquisita, progressiva e irreversibile che aggravandosi porta

Alzheimer: scoperti i meccanismi delle difese antiossidanti contro la neurodegenerazione – Comunicato stampa
Neuroscienze Psichiatria

Alzheimer: scoperti i meccanismi delle difese antiossidanti contro la neurodegenerazione – Comunicato stampa

Comunicato Stampa Un nuovo studio sull’Alzheimer, oltre a far progredire le conoscenze sulla malattia e sul ruolo della prevenzione dello stress ossidativo, come forma di resistenza alla neurodegenerazione provocata dalla patologia, può gettare le basi per nuovi approcci terapeutici alla malattia.   Roma, 11 dicembre I soggetti Non-Demented with Alzheimer

Alzheimer e Demenze: oltre la stigmatizzazione
Psicologia

Alzheimer e Demenze: oltre la stigmatizzazione

La stigmatizzazione delle persone con demenza ha importanti conseguenze su credenze, emozioni e comportamenti delle famiglie e dei loro cari, in particolare nei primi stadi della malattia.   Il termine ‘demente’ deriva dal latino e significa privo di mente, pazzo, folle, insensato, irragionevole. Il termine ha un valore semantico dal

Pensare di avere problemi di memoria predice l’Alzheimer?
Psicologia Psicoterapia

Pensare di avere problemi di memoria predice l’Alzheimer?

Un nuovo studio tedesco rileva che la percezione personale della propria cognizione potrebbe essere un indicatore importante per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer.   Uno studio condotto da un gruppo di ricerca guidato dal Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE), ha preso in esame 449 anziani, scoprendo

Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?
Neuroscienze

Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?

L’obbiettivo di un recente studio è quello di comprendere quali cellule siano colpite nelle fasi iniziali della malattia di Alzheimer, così da sviluppare in seguito terapie che ne rallentino il decorso.    I neuroscienziati specializzati in cellule staminali dell’Università di Lund in Svezia hanno sviluppato un modello di ricerca che

Alzheimer e demenze, malati e caregiver: un progetto di sostegno attraverso dei video online – Comunicato Stampa
Attualità Psicologia

Alzheimer e demenze, malati e caregiver: un progetto di sostegno attraverso dei video online – Comunicato Stampa

Comunicato stampa Un progetto sociale propone una vasta quantità di video-pillole online che contengono informazioni utili, consigli pratici, supporto e orientamento dedicati non solo alle persone affette da patologie neurovegetative, ma soprattutto a chi si occupa di loro.   Firenze, 1 Luglio 2020 La Società Ricreativa L’Affratellamento di Ricorboli, in

L’anosognosia e la malattia di Alzheimer: qual è il legame?
Neuroscienze Psicologia

L’anosognosia e la malattia di Alzheimer: qual è il legame?

L’anosognosia è stata da sempre riconosciuta come uno dei sintomi tipici della malattia di Alzheimer. Recentemente è anche considerata un indicatore dell’evoluzione della demenza.   I pazienti non consapevoli dei propri limiti tendono a sopravvalutare le proprie capacità e creano maggiori difficoltà a chi deve assisterli e monitorali. La mancanza

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco
Neuroscienze

L’Alzheimer altera la capacità dell’intestino di assorbire il principio attivo di un farmaco

L’Alzheimer è considerata una malattia del sistema nervoso centrale. Si tratta di una condizione clinica che ad oggi non conosce cura: è possibile rallentarne il decorso, ma non è ancora raggiungibile una completa guarigione. Quali sono le nuove scoperte riguardanti le terapie farmacologiche?    Ai pazienti con malattia di Alzheimer

Alzheimer e deprivazione del sonno: non dormire aumenta la probabilità di sviluppare l’Azheimer?
Neuroscienze Psicologia

Alzheimer e deprivazione del sonno: non dormire aumenta la probabilità di sviluppare l’Azheimer?

La malattia di Alzheimer, conosciuta anche come morbo di Alzheimer, è la forma più comune di demenza degenerativa invalidante.   L’età di esordio è mediamente intorno ai 65 anni, l’incidenza raddoppia ogni 5 anni da dopo i 60 anni; si tratta di una demenza primaria, ciò significa che i fattori

I Serious Games nella demenza: una rassegna della letteratura
Psicologia Psicoterapia

I Serious Games nella demenza: una rassegna della letteratura

La crescita esponenziale del tasso di demenza nella popolazione ha delle profonde implicazioni nei costi sociali ed economici di gestione della patologia. Si rivela dunque prioritario da parte della ricerca scientifica identificare nuovi scenari di prevenzione e di trattamento del progressivo deterioramento cognitivo. Merve Ulku Kulaksiz – OPEN SCHOOL Studi

State of Mind © 2011-2023 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario