Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Pensare di avere problemi di memoria predice l’Alzheimer?

Le terapie contro l'Alzheimer iniziano troppo tardi. Il declino cognitivo soggettivo potrebbe essere un indicatore del rischio di sviluppare la malattia.

ID Articolo: 177239 - Pubblicato il: 01 settembre 2020
Pensare di avere problemi di memoria predice l’Alzheimer?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Un nuovo studio tedesco rileva che la percezione personale della propria cognizione potrebbe essere un indicatore importante per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer.

 

Messaggio pubblicitario Uno studio condotto da un gruppo di ricerca guidato dal Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE), ha preso in esame 449 anziani, scoprendo che gli individui che percepivano di avere problemi di memoria, ma le cui prestazioni mentali erano nella norma, mostravano tuttavia deficit cognitivi misurabili che erano collegati ad anomalie nel liquido spinale. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Neurology (Perdersen, 2020). Quando la memoria si deteriora secondo la propria percezione ma le prestazioni mentali sono ancora all’interno dello score normale, si parla allora di “declino cognitivo soggettivo” (SCD). Le persone con SCD hanno un rischio maggiore di sviluppare demenza a lungo termine. Tuttavia, si sa poco sui meccanismi alla base dei problemi soggettivi di memoria, ha affermato il prof. Michael Wagner, capo di un gruppo di ricerca presso la DZNE e psicologo senior presso la clinica della memoria dell’ospedale universitario di Bonn. Gli effetti sono sottili e studi precedenti hanno incluso gruppi relativamente piccoli di persone, il che rende difficili le valutazioni statisticamente attendibili (Perdersen, 2020).

Con il fine di condurre una sperimentazione statisticamente affidabile, è stata coinvolta una rete di università e ospedali tedeschi, coordinati dalla DZNE. Un totale di 449 donne e uomini (età media intorno ai 70 anni) hanno partecipato allo studio. Di questo gruppo, 240 partecipanti sono stati inclusi nelle cliniche di memoria degli ospedali universitari partecipanti. Questi pazienti avevano consultato le cliniche per chiarimenti diagnostici su persistenti disturbi cognitivi soggettivi, di solito dopo il rinvio di un medico. Tuttavia, nei soliti test sono stati valutati come cognitivamente normali. Fu così determinato che avevano un SCD. Gli altri 209 partecipanti allo studio sono stati classificati come sani dal punto di vista cognitivo in base alle interviste e agli stessi test cognitivi. Avevano deciso di partecipare allo studio a seguito di annunci sui giornali. Lo studio in questione è stato in grado di dimostrare che quelle persone che si sono rivolte a una clinica della memoria a causa della SCD avevano anche se solo lievi, dei deficit cognitivi misurabili. Quindi i partecipanti allo studio considerati sani avevano generalmente un punteggio migliore nelle prestazioni mentali rispetto ai pazienti con SCD nella clinica della memoria. Queste differenze sono difficilmente rilevabili con metodi standard di analisi. In ogni caso, è necessario un set di dati di grandi dimensioni. I soggetti dello studio sono stati sottoposti a vari test delle loro capacità mentali. Oltre alle prestazioni della memoria, l’attenzione si concentrava anche sulle capacità attentive e sulla capacità di concentrazione in varie situazioni. Tra le altre cose, sono state testate anche le abilità linguistiche e la capacità di riconoscere e nominare correttamente gli oggetti (Perdersen,, 2020).

Messaggio pubblicitario Inoltre, è stato analizzato il liquido cerebrospinale di 180 partecipanti, 104 dei quali con SCD. Questo liquido è presente nel cervello e nel midollo spinale; nello specifico sono stati misurati i livelli di proteine ​​come i “peptidi beta-amiloidi” e le “proteine ​​tau”.

Questi dati sui biomarcatori consentono di trarre conclusioni sui potenziali danni ai nervi e sui meccanismi associati alla malattia di Alzheimer (Palmer et al., 2007).

È stato dimostrato che i soggetti con SCD presentavano in media lievi deficit cognitivi e che questi deficit erano associati ad alterazioni proteiche ​​riconducibili alla malattia di Alzheimer in fase iniziale. Pertanto, i ricercatori suppongono che sia i disturbi soggettivi sia i deficit cognitivi oggettivi minimi sono dovuti ai processi di Alzheimer (Perdersen, 2020).

È importante sottolineare che queste persone avevano visitato una clinica della memoria a causa delle loro lamentele inerenti alla propria memoria. Pertanto, questi risultati non possono essere generalizzati, perché molte persone anziane soffrono di disturbi temporanei della memoria soggettiva senza avere il morbo di Alzheimer (Perdersen, 2020).

In ogni caso, i risultati attuali supportano il concetto che la SCD può contribuire a rilevare la malattia di Alzheimer in una fase precoce. Tuttavia, il SCD può certamente fornire solo una parte del quadro più ampio necessario per la diagnosi, bisogna anche considerare i biomarcatori.

Le attuali terapie contro l’Alzheimer iniziano troppo tardi, quando ormai il cervello è già gravemente danneggiato. Una migliore comprensione della SCD potrebbe creare le basi per un trattamento precedente. Al fine di testare le terapie che intendono avere un effetto nelle prime fasi del morbo di Alzheimer, è necessario identificare le persone ad aumentato rischio di malattia. Per questo, SCD potrebbe essere un criterio importante (Perdersen, 2020).

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Alzheimer: verso nuove terapie per rallentarne il decorso - Neuroscienze

Siamo vicini a trovare nuove terapie per rallentare il decorso dell’Alzheimer?

I ricercatori affermano che migliorare la trasmissione sinaptica sarà la chiave per risolvere la cognizione compromessa nella malattia di Alzheimer.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario