Messaggio pubblicitario

Parlare del più e del meno. Perché è così faticoso se sei introverso?

Secondo la giornalista Jennifer Granneman gli introversi nelle conversazioni spicciole esperiscono una sorta di sensazione di "batteria scarica".

ID Articolo: 117641 - Pubblicato il: 01 febbraio 2016
Parlare del più e del meno. Perché è così faticoso se sei introverso?
Condividi

È esperienza comune della vita di molti di noi aver provato imbarazzo e malcelata insofferenza nel trovarci intrappolati in situazioni interpersonali di cui avremmo fatto volentieri a meno, con persone che non conosciamo bene o con cui non troviamo particolarmente stimolante scambiare opinioni e confidenze.
Per ovviare allo spiacevole disagio che tali situazioni portano con sé, spesso cerchiamo, con alterna convinzione ed efficacia, di imbastire faticosamente un dialogo estemporaneo per non apparire maleducati, disinteressati o per non doverci confrontare con l’”horror vacui” comunicativo che aumenta la nostra percezione di disagio.

Messaggio pubblicitario Gli argomenti di discussione “passpartout” che estraiamo dal nostro cilindro e con i quali cerchiamo di scardinare la porta di imbarazzante silenzio con le persone vicine a noi sono ben noti: le condizioni metereologiche, il lavoro, la politica ecc.
Per le persone maggiormente introverse, trovarsi a parlare “del più e del meno” in situazioni di scarsa confidenza può essere una condizione ancora più spiacevole.
La giornalista Jennifer Granneman, in un articolo pubblicato sul sito Quite Revolution, ipotizza quali possano essere le motivazioni che mettono in crisi gli introversi davanti alle conversazioni spicciole, che non sarebbero colpevoli di metterli semplicemente in forte imbarazzo, ma anche di lasciarli con una sorta di sensazione di “batteria scarica”…

In reality, most introverts are drained by small talk because it feels fake and meaningless. When you exchange pleasantries or chat about the weather to avoid silence, you don’t learn anything new or gain a better understanding of your conversation partner. Psychologist Laurie Helgoe, author of Introvert Power: Why Your Inner Life Is Your Hidden Strength, argues that small talk actually blocks honest interaction. “Introverts do not hate small talk because we dislike people,” she writes in her book. “We hate small talk because we hate the barrier it creates between people.”

5 Ways to Make Small Talk More Meaningful

Consigliato dalla Redazione

Parlare del più e del meno. Quanta fatica se sei introverso

Do you dread small talk? Here are 5 surefire tips for introverts on how to survive small talk and turn it into something worthwhile. (…)

Tratto da: Quiet Revolution

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli su: Rapporti interpersonali

Inconscio non rimosso (2018) di Giuseppe Craparo – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Inconscio non rimosso (2018) di Giuseppe Craparo – Recensione del libro

Il costrutto dell’ Inconscio Non Rimosso è un’elaborazione teorica della psicoanalisi che si costituisce, in questo decisivo periodo storico-scientifico, quale fondamentale area di riflessione, elaborazione e integrazione teorico-clinica per le Scienze della Mente. Stafania Vinci   L’inconscio non rimosso è un tema solo accennato da Freud ma poi approfondito da

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro
Neuroscienze Psichiatria

La mente fragile. L’enigma dell’Alzheimer (2018) di Arnaldo Benini – Recensione del libro

Il libro del Prof. Benini, neurochirurgo, spiega con un linguaggio semplice ed una narrazione accattivante, l’enigma della sindrome di Alzheimer e della demenza. Che sia un enigma lo si scopre già dalle prime pagine, allorquando è esposta la probabile origine della malattia, ancora oggi oggetto di ricerca.   Per lungo

L’intervento sulla famiglia a rischio: come cambia il cervello del bambino
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

L’intervento sulla famiglia a rischio: come cambia il cervello del bambino

Molte famiglie vivono in una condizione socio-economica che potrebbe essere definita “a rischio”. Tale condizione non ha solo degli effetti negativi diretti sui figli, che spesso non hanno uguali opportunità rispetto ai coetanei, ma anche indiretti, in quanto incidono sulla qualità delle cure genitoriali. Giovanni Belmonte   Nella maggior parte

Le esperienze avverse in infanzia sono collegate a burnout e depressione in un campione di infermieri
Psicologia

Le esperienze avverse in infanzia sono collegate a burnout e depressione in un campione di infermieri

Il numero di esperienze avverse vissute durante l’infanzia sembra essere collegato in maniera significativa ai livelli di burnout e alla gravità dei sintomi depressivi riscontrati nei giovani infermieri.   Presso l’Università del Texas è stato effettuato uno studio nel dipartimento della scuola di infermieristica di El Paso in cui è

Genitori e figli prematuri. Verso un intervento multidisciplinare – Report dal Convegno di Roma, 10 e 11 novembre 2018
Psicologia

Genitori e figli prematuri. Verso un intervento multidisciplinare – Report dal Convegno di Roma, 10 e 11 novembre 2018

Il convegno organizzato presso il Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica dell’Università Sapienza di Roma lo scorso 10 e 11 ottobre ha avuto l’obiettivo di promuovere un confronto tra i diversi professionisti che operano nel settore dell’assistenza ai bambini prematuri e ai loro genitori.   Il parto prematuro rappresenta un

Regolazione emotiva: la diade madre-bambino tra psicoanalisi e neuroscienze
Neuroscienze Psicologia

Regolazione emotiva: la diade madre-bambino tra psicoanalisi e neuroscienze

La capacità dell’individuo di regolare le proprie emozioni è una componente fondamentale per lo sviluppo adattivo ed è una capacità che emerge nella relazione madre-bambino, attraverso gli scambi fisici e preverbali. Influisce sul benessere psicofisico e sulle prestazioni in vari ambiti dello sviluppo. Ilaria Contini   Infatti, un individuo in

Comunicazione assertiva. Come farsi rispettare in ogni occasione senza prevaricare (2016) di Alessandro Ferrari – Recensione del libro
Psicologia

Comunicazione assertiva. Come farsi rispettare in ogni occasione senza prevaricare (2016) di Alessandro Ferrari – Recensione del libro

Comunicazione assertiva di A. Ferrari è un manuale che raccoglie l’esperienza dell’autore come manager e formatore in diverse multinazionali che, nel corso degli anni, gli hanno permesso di sviluppare le sue abilità nella gestione delle risorse umane e delle pubbliche relazioni.   Un no pronunciato con convinzione è molto migliore di un

Neurobiologia dell’aggressività sociale
Neuroscienze Psicologia

Neurobiologia dell’aggressività sociale

Il comportamento sociale può essere modulato da meccanismi neuronali, così affermano alcuni ricercatori della Duke-NUS Medical School. Tale scoperta può avere un notevole impatto sulla società visto il forte incremento di episodi di bullismo e aggressioni, principalmente tra i più giovani. Adriano Mauro Ellena   E’ risaputo ormai da tempo

Patrick Melrose (2018): c’è vita oltre il sarcasmo
Psicologia

Patrick Melrose (2018): c’è vita oltre il sarcasmo

Ultima e incredibile interpretazione di Benedict Cumberbatch, Patrick Melrose (2018) è una miniserie britannica di 5 episodi, ispirata dal ciclo di racconti dello scrittore Edward St Aubyn, I Melrose.   Lo scenario dipinto è quello di una ricca famiglia inglese, rappresentante perfetta di una borghesia compita, elegante e dedita all’educazione

Paura, odio e razzismo: perchè fioriscono oggi?
Attualità Psicologia

Paura, odio e razzismo: perchè fioriscono oggi?

Un’ipotesi basata sulla TEM (Teoria Evoluzionistica della Motivazione) e la TMI (Terapia Metacognitiva Interpersonale per i Disturbi di Personalità) per provare a spiegare perchè oggi abbiamo tanta paura. Vito Lupo   Si suggerisce l’ascolto di Benzin dei Rammstein durante la lettura. Paura, odio e razzismo centrali nella vita di ognuno

L’importanza della relazione terapeutica nel trattamento di pazienti psichiatrici – Report del convegno di Palermo del 29 ottobre 2018
Psichiatria Psicologia

L’importanza della relazione terapeutica nel trattamento di pazienti psichiatrici – Report del convegno di Palermo del 29 ottobre 2018

Relazione terapeutica, empatia, ascolto, collaborazione, stile decisionale condiviso da paziente e terapeuta, non subito e non imposto: tutti elementi indispensabili per un trattamento di successo a lungo termine, attorno ai quali si gioca l’efficacia della psicoterapia e l’aderenza stessa al trattamento farmacologico, nelle patologie a carattere psicotico.   Questo il

Costruire l’etica dell’intelligenza artificiale
Psicologia

Costruire l’etica dell’intelligenza artificiale

Lo studio dei dilemmi morali risulta essere una precondizione necessaria prima dell’adozione di mezzi di trasporto autonomi guidati da sistemi di intelligenza artificiale.   Alcune delle più grandi compagnie tech al mondo, sviluppatrici di automobili, come Google, Uber e Tesla, stanno programmando veicoli in grado di muoversi e viaggiare senza

La diffusione del panico nella folla: l’importanza del fenomeno nella medicina delle catastrofi
Psicologia

La diffusione del panico nella folla: l’importanza del fenomeno nella medicina delle catastrofi

Il panico rappresenta una paura esasperata che conduce verso comportamenti afinalistici. Se la paura costituisce una reazione vantaggiosa per la preservazione della specie e dell’individuo, il panico, al contrario, non avendo una funzione specifica né di tutela del singolo né di risposta ad un evento avverso, può sfociare in comportamenti

La scienza che allunga la vita (2017) di Elissa Epel ed Elisabeth Blackburn – Recensione del libro
Psicologia

La scienza che allunga la vita (2017) di Elissa Epel ed Elisabeth Blackburn – Recensione del libro

Il libro La scienza che allunga la vita. La rivoluzione dei telomeri della psicologa esperta di stress Elissa Epel e della biologa molecolare premio Nobel Elisabeth Blackburn è un libro originale e pioneristico perché presenta in maniera divulgativa la recente scienza dei telomeri ovvero come fattori, tra i quali l’atteggiamento psicologico,

HIV e disturbi neurocognitivi
Neuroscienze Psicologia

HIV e disturbi neurocognitivi

Il virus dell’ HIV entra molto precocemente nel Sistema Nervoso Centrale dopo l’esposizione iniziale. E’ stata riscontrata la presenza di HIV-RNA (che indica la replicazione del virus) nel liquor cefalorachidiano già dall’ottavo giorno dopo l’infezione.   Uno dei maggiori ostacoli all’eradicazione del virus HIV è legato proprio all’abilità di tale

Il rapporto conflittuale tra madre e figlia: quale ruolo nell’associazione tra abuso infantile e rischio suicidario in adolescenza?
Psicologia

Il rapporto conflittuale tra madre e figlia: quale ruolo nell’associazione tra abuso infantile e rischio suicidario in adolescenza?

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il suicidio è la seconda causa di morte negli adolescenti (10-24 anni) negli USA (la morte accidentale è la prima causa). In generale i pensieri suicidari si presentano maggiormente nelle ragazze che nei ragazzi. Gaia Butti   I dati provenienti dalla

11th IEPA Conference: Early Intervention in Mental Health – Report dal convegno
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

11th IEPA Conference: Early Intervention in Mental Health – Report dal convegno

La IEPA (Intervention in Early Psychosis Association) conference, giunta quest’anno alla sua undicesima edizione, è un evento unico per clinici e ricercatori che operano nell’ambito degli Stati Mentali a Rischio in adolescenza e degli interventi precoci negli esordi psicotici e in altri disturbi in ragazzi e giovani adulti.   Viene

I nuovi volti della paura. Le trasformazioni in atto nella società e nella pratica psicoanalitica – Report del XX Congresso Internazionale IFPS (International Federation of Psychoanalytic Societies)
Psicoterapia

I nuovi volti della paura. Le trasformazioni in atto nella società e nella pratica psicoanalitica – Report del XX Congresso Internazionale IFPS (International Federation of Psychoanalytic Societies)

Cosa significa avere paura ai giorni nostri e come può la psicoanalisi riuscire a trattare questi nuovi aspetti? Questo uno tra i tanti interrogativi che hanno animato il XX Congresso Internazione dell’IFPS tenutosi quest’anno a Firenze e che ha coinvolto più di duecento psicoanalisti provenienti da tutto il mondo. Clelia

Idoli, identità e ruolo: come scegliamo i nostri idoli e perché ne siamo ispirati
Attualità Psicologia

Idoli, identità e ruolo: come scegliamo i nostri idoli e perché ne siamo ispirati

L’arrivo di Ronaldo in Italia ha portato un entusiasmo incontenibile. Ufficializzato l’acquisto, la Juve ha guadagnato centinaia di migliaia di nuovi iscritti ai suoi canali social; la maglietta dell’attaccante portoghese, subito mesa in vendita alla ragguardevole cifra di 130 euro, è andata letteralmente a ruba tanto da mandare in tilt

Le forme vitali (2011) di Daniel Stern – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Le forme vitali (2011) di Daniel Stern – Recensione del libro

Come bene esplicita negli ultimi passaggi del suo volumetto Le forme vitali, Daniel Stern teme di spingersi “troppo oltre”, senza un adeguato supporto empirico a sostegno delle affascinanti ipotesi, e nel contempo esprime il forte desiderio di farsi comprendere in maniera fedele e autentica, complessa. Maurilio Verdesca   Il testo

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Introversione ed Estroversione - Introduzione alla Psicologia Nr. 07 - Immagine: 78339964

Introversione ed Estroversione - Introduzione alla Psicologia Nr. 07

Si trattadi due dei tipi psicologici, ossia strutture di personalità utilizzate per distinguere due diversi modi di rapportarsi al mondo esterno
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti