Parlare del più e del meno. Perché è così faticoso se sei introverso?

Secondo la giornalista Jennifer Granneman gli introversi nelle conversazioni spicciole esperiscono una sorta di sensazione di "batteria scarica".

ID Articolo: 117641 - Pubblicato il: 01 febbraio 2016
Parlare del più e del meno. Perché è così faticoso se sei introverso?
Messaggio pubblicitario SFU BANNE MAGISTRALE 2018-03
Condividi

È esperienza comune della vita di molti di noi aver provato imbarazzo e malcelata insofferenza nel trovarci intrappolati in situazioni interpersonali di cui avremmo fatto volentieri a meno, con persone che non conosciamo bene o con cui non troviamo particolarmente stimolante scambiare opinioni e confidenze.
Per ovviare allo spiacevole disagio che tali situazioni portano con sé, spesso cerchiamo, con alterna convinzione ed efficacia, di imbastire faticosamente un dialogo estemporaneo per non apparire maleducati, disinteressati o per non doverci confrontare con l’”horror vacui” comunicativo che aumenta la nostra percezione di disagio.

Messaggio pubblicitario Gli argomenti di discussione “passpartout” che estraiamo dal nostro cilindro e con i quali cerchiamo di scardinare la porta di imbarazzante silenzio con le persone vicine a noi sono ben noti: le condizioni metereologiche, il lavoro, la politica ecc.
Per le persone maggiormente introverse, trovarsi a parlare “del più e del meno” in situazioni di scarsa confidenza può essere una condizione ancora più spiacevole.
La giornalista Jennifer Granneman, in un articolo pubblicato sul sito Quite Revolution, ipotizza quali possano essere le motivazioni che mettono in crisi gli introversi davanti alle conversazioni spicciole, che non sarebbero colpevoli di metterli semplicemente in forte imbarazzo, ma anche di lasciarli con una sorta di sensazione di “batteria scarica”…

In reality, most introverts are drained by small talk because it feels fake and meaningless. When you exchange pleasantries or chat about the weather to avoid silence, you don’t learn anything new or gain a better understanding of your conversation partner. Psychologist Laurie Helgoe, author of Introvert Power: Why Your Inner Life Is Your Hidden Strength, argues that small talk actually blocks honest interaction. “Introverts do not hate small talk because we dislike people,” she writes in her book. “We hate small talk because we hate the barrier it creates between people.”

5 Ways to Make Small Talk More Meaningful

Consigliato dalla Redazione

Parlare del più e del meno. Quanta fatica se sei introverso

Do you dread small talk? Here are 5 surefire tips for introverts on how to survive small talk and turn it into something worthwhile. (…)

Tratto da: Quiet Revolution

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli su: Rapporti interpersonali

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)
Neuroscienze

La stimolazione cognitiva per soggetti con Mild Cognitive Impairment (MCI)

Lo stadio di deterioramento cognitivo lieve viene definito con il termine di Mild Cognitive Impairment (MCI). Rappresenta una sindrome neurologica che fa riferimento ad un declino cognitivo superiore a quanto previsto per età e livello di istruzione di un individuo ma che lascia preservate le principali attività della vita quotidiana,

Il dolore negato (2018) di Pier Luigi Gallucci – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Il dolore negato (2018) di Pier Luigi Gallucci – Recensione del libro

Il dolore negato è il dolore per la perdita di un animale domestico che molti di noi negano o si negano di provare. Chiara Daldosso   Il dolore negato nasce dall’esperienza professionale di uno psicologo psicoterapeuta che più volte ha raccolto e ascoltato il dolore per la perdita di un

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica

Su una review di Nature Neuroscience apprendiamo un approccio trans-diagnostico per l’identificazione e la comprensione dei meccanismi sottostanti l’ anedonia e l’ apatia.   Se ne sono occupati Husain e Roiser del Nuffield Department of Clinical Neurosciences and Experimental Psychology dell’Università di Oxford. Identificare i meccanismi sottostanti la mancanza di

Quel che penso dei miei pensieri, cosa mi fa pensare? – Credenze metacognitive e psicopatologia
Psicologia Psicoterapia

Quel che penso dei miei pensieri, cosa mi fa pensare? – Credenze metacognitive e psicopatologia

Capita spesso di restare intrappolati in meccanismi di ricorsività del pensiero, ciò è dovuto alle credenze metacognitive o metacredenze: esse possono avere sia natura positiva, quando si crede che rimuginio e ruminazione siano utili ad affrontare gli eventi disturbanti, che negativa, quando ci si sofferma sulla pericolosità e l’incontrollabilità di

Binge Eating Disorder: non soltanto un problema di peso
Psicologia

Binge Eating Disorder: non soltanto un problema di peso

Chi soffre di Binge Eating Disorder si trova all’interno di un circolo vizioso in cui ricorre a mangiare per sentirsi meglio, sentendosi peggio, e poi tornando indietro al cibo per risollevarsi. Francesco Minelli   I soggetti affetti da BED (Binge Eating Disorder) sono raramente riconosciuti come tali: vengono erroneamente confusi

Guarire i traumi dell’età evolutiva (2018) di Aline LaPierre e Laurence Heller – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Guarire i traumi dell’età evolutiva (2018) di Aline LaPierre e Laurence Heller – Recensione del libro

Il libro Guarire i traumi dell’età evolutiva disamina gli stili di sopravvivenza che ognuno di noi in tenera età mette in atto e il Modello Relazionale Neuroaffettivo (NARM), un modello di psicoterapia che si occupa di guarire le fatiche del passato potenziando le risorse del presente e avvalendosi della pratica Mindfulness.

Utilizzare la Mindfulness per curare l’acufene
Psicologia Psicoterapia

Utilizzare la Mindfulness per curare l’acufene

La terapia cognitivo-comportamentale basata sulla Mindfulness (MCBT-Mindfulness Based Cognitive-Behavioral Therapy) potrebbe trasformare il trattamento per la cura dell’ acufene.   Una recente ricerca condotta presso il dipartimento di Psicologia dell’Università di Bath nel Regno Unito, sembra suggerire che la Mindfulness possa portare diversi benefici a pazienti che soffrono di acufene

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi
Psicologia

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi

Sono ancora troppo poche le ricerche che hanno approfondito la correlazione esistente tra un uso eccessivo dello smartphone e il manifestarsi di disturbi d’ ansia, ma i primi risultati hanno evidenziato significative conseguenze sullo stato di salute mentale e di benessere degli individui. Roberta Carugati – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi,

Pedofilia e disturbo pedofilico: la diagnosi, le comorbilità e i casi in letteratura e al cinema
Psichiatria Psicologia

Pedofilia e disturbo pedofilico: la diagnosi, le comorbilità e i casi in letteratura e al cinema

La pedofilia (παῖς, παιδός / φιλία) fa parte, secondo il DSM-5, dei disturbi parafilici, e precisamente del sottogruppo riguardante la predilezione per l’atipicità dell’oggetto sessuale, dove stanno anche il feticismo e il travestitismo. Aristide Tronconi   Gli altri due gruppi che fanno parte dei disturbi parafilici riguardano: il primo, i

Smetto quando voglio – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 30
Psicologia Psicoterapia

Smetto quando voglio – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 30

Secondo George Kelly il cambiamento è dato e non necessita di essere spiegato, semmai ciò che va spiegato e che è la radice ultima di ogni psicopatologia è il suo blocco. CIOTTOLI DI PSICOPATOLOGIA GENERALE – Smetto quando voglio (Nr. 30)   Da un esame delle lettere dei lettori alle rubriche

La storia del mio Paese sono io! – Il fenomeno del narcisismo collettivo
Psicologia

La storia del mio Paese sono io! – Il fenomeno del narcisismo collettivo

Quando si parla del proprio Paese, le persone assumono un punto di vista auto-celebrativo, arrogante, esagerato e solo recentemente gli psicologi hanno cominciato a studiare questo fenomeno, definendolo come narcisismo collettivo. Raffaella Filograno   In ricorrenza dell’Independence Day, un gruppo di ricercatori si è posto la seguente domanda: l’America è

Formazione in psicoterapia: l’aggiornamento del corpo didattico di Studi Cognitivi
Psicoterapia

Formazione in psicoterapia: l’aggiornamento del corpo didattico di Studi Cognitivi

Il 29 e 30 maggio 2018 il corpo didattico della rete di scuole “Studi Cognitivi” ha partecipato a due giornate di aggiornamento a San Benedetto del Tronto. Lo scopo era imparare cose nuove attinenti alla teoria della clinica, alla ricerca e alla didattica.   L’aggiornamento ha permesso ai didatti di

Nutrizionisti obiettori di scienza e il loro ruolo nel trattamento dell’obesità
Psicologia

Nutrizionisti obiettori di scienza e il loro ruolo nel trattamento dell’obesità

I dati disponibili concordano nel considerare l’ obesità come conseguenza dell’interazione fra un ambiente obesogeno e una suscettibilità genetica (Kyle et al. 2016). Ciononostante non si riduce la visione sociale che etichetta le persone con eccesso di peso, considerati colpevoli della propria condizione. Questo favorisce il fallimento dei trattamenti dimagranti

Professor George Bonanno: lectio magistralis su perdita, trauma e resilienza – Sigmund Freud University, Milano
Psicologia Psicoterapia

Professor George Bonanno: lectio magistralis su perdita, trauma e resilienza – Sigmund Freud University, Milano

Ho avuto il piacere di ospitare Il Professor George Bonanno alla Sigmund Freud University, dove ha tenuto una lectio magistralis dal titolo Loss, Trauma e Human Resilience: An Elementary Approach.  Mattia Ferro   Il Professor George Bonanno è uno dei massimi studiosi di lutto, trauma e resilienza (intesa come la

Depressione in età pre-scolare: riconoscerla e trattarla con la terapia genitore-bambino
Psicologia Psicoterapia

Depressione in età pre-scolare: riconoscerla e trattarla con la terapia genitore-bambino

La prevalenza del disturbo depressivo maggiore nei bambini in età pediatrica è pari a circa 1-2%. In questo periodo evolutivo, la depressione si manifesta diversamente rispetto agli adulti, per la minore presenza di sintomi della sfera cognitiva. Giovanni Belmonte   In particolare, i bambini depressi possono presentare: tristezza, irritabilità, scarso

Una psicoterapia vale l’altra? Non chiedetelo al dodo
Psicoterapia

Una psicoterapia vale l’altra? Non chiedetelo al dodo

Il cosiddetto verdetto del dodo asserisce che tutte le psicoterapie sono ugualmente efficaci grazie a fattori aspecifici comuni, primo fra tutti la relazione terapeutica. Tratto dall’articolo di Freeman & Freeman pubblicato nel 2014 sul The Guardian   “Tutti hanno vinto e tutti meritano un premio”. Per chiunque abbia studiato psicologia questa

Compassion Focus Therapy – Report dal workshop con Nicola Petrocchi
Psicologia Psicoterapia

Compassion Focus Therapy – Report dal workshop con Nicola Petrocchi

Che cos’è la compassione? “Una particolare sensibilità alla sofferenza di sé stessi e degli altri, unita ad un forte desiderio, motivazione ed impegno ad alleviarla.” (Aristotele). Valentina Nocito   Già secondo Aristotele, la Compassione era intesa come una emozione che riguarda la sofferenza che colpisce le altre persone. Compassione: cos’è

Studenti con disabilità e DSA nelle lauree e nei percorsi abilitanti: criticità e prospettive – Report dal convegno
Psicologia

Studenti con disabilità e DSA nelle lauree e nei percorsi abilitanti: criticità e prospettive – Report dal convegno

Purtroppo oggi si fa ancora molta fatica ad accettare di avere un medico con disabilità. Su questo fronte nessuna riforma sanitaria o universitaria può essere sufficiente, occorre piuttosto recuperare l’empatia che un tempo legava medico e paziente. Diletta Bufo   Il rapporto medico-paziente è da sempre al centro del dibattito

La mindfulness: defizione e applicazione nei disturbi d’ansia
Psicologia

La mindfulness: defizione e applicazione nei disturbi d’ansia

Pazienti che soffrono di disturbi d’ansia possono trarre benefici, sia psicologici che fisiologici, dalla pratica della mindfulness anche dopo una singola sessione di esercizi. Giovanni Belmonte   Con il termine mindfulness ci si riferisce a un modo di entrare in contatto, esplorare e comprendere i propri contenuti mentali, essa consente

Social network e salute: la qualità dell’uso conta di più della frequenza d’uso
Attualità Psicologia

Social network e salute: la qualità dell’uso conta di più della frequenza d’uso

L’uso dei social network, e Facebook ne è l’esempio principale, ha un ruolo significativo nella vita soprattutto degli adolescenti e dei giovani adulti (Kuss & Griffiths, 2011).  Claudia Marino – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Mestre   Mediante i social network gli utenti soddisfano bisogni importanti, tra i quali

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Introversione ed Estroversione - Introduzione alla Psicologia Nr. 07 - Immagine: 78339964

Introversione ed Estroversione - Introduzione alla Psicologia Nr. 07

Si trattadi due dei tipi psicologici, ossia strutture di personalità utilizzate per distinguere due diversi modi di rapportarsi al mondo esterno
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti