Due tipi di estroversione: affiliative extraversion e agentic extraversion

Un nuovo studio mette in luce due tipi di estroversione: agentic extraversion (legata alla ricompensa) e affiliative extraversion (legata agli affetti).

ID Articolo: 107743 - Pubblicato il: 06 marzo 2015
Due tipi di estroversione:  affiliative extraversion e agentic extraversion
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

L’introversione e l’estroversione sono delle caratteristiche psicologiche ampiamente studiate dai ricercatori, sia per il fascino che queste hanno sul pubblico di non esperti, sia per le innumerevoli sfaccettature che possono presentare. Proprio in ragione di questo ultimo punto non potremmo mai dirci completamente a conoscenza di questi tratti psicologici.

Nel caso dell’introversione e della timidezza grandi passi avanti sono stati fatti nella ricerca ad opera di illustri esperti in materia, primo tra tutti il Prof. Carducci dell’Indiana University Southeast (articolo 1, articolo 2), dell’estroversione potremmo dire lo stesso ma quali nuovi aspetti si possono ancora scoprire a riguardo?

Un nuovo studio, per esempio, ci parla ora di due tipi di estroversione: agentic extraversion e affiliative extraversion. Il primo tipo di estroversione è legato alla ricompensa: si diventa un leader in vista di un obiettivo, il secondo tipo di estroversione è più legato invece al bisogno di sentire la vicinanza degli altri. Curiosi di saperne di più? Leggete pure l’articolo consigliato!

 

In a new study in Cognitive, Affective, & Behavioral Neuroscience, Erica Grodin and Tara White of Brown University provide what they say is the first evidence of a neurological footprint that can help explain the two different types of extroversion. By giving a group of 83 healthy volunteers personality assessments and putting them through an MRI machine, the researchers were able to correlate each type of extroversion with greater volume in certain regions of the brain.

Due tipi di estroversione: affiliative extraversion e agentic extraversionConsigliato dalla Redazione

Due tipi di estroversione: affiliative extraversion e agentic extraversion - Immagine: 48747426
L’estroversione si può dividere, secondo una nuova ricerca, in due tipi: affiliative extraversion e agentic extraversion. (…)

Tratto da: Science of Us

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli Articoli di State of Mind su Personalità- Tratti di Personalità

ASMR, la nuova tecnica di rilassamento sul web
Psicologia

ASMR, la nuova tecnica di rilassamento sul web

La Risposta Autonoma dei meridiani Sensoriali (ASMR) ha catturato l’attenzione di un vasto pubblico negli ultimi anni. Questa esperienza sembra comune a molti, ma tanti altri non riescono a sperimentarla. Perché questa diversità?   Immagina di essere in una biblioteca silenziosa. Due persone dietro di te iniziano a sussurrare, digitano

Soddisfazione coniugale: impatto dei tratti di personalità, ansia e depressione nelle donne in gravidanza
Psicologia

Soddisfazione coniugale: impatto dei tratti di personalità, ansia e depressione nelle donne in gravidanza

Un recente studio ha indagato i fattori che contribuiscono alla soddisfazione coniugale, prendendo in considerazione come ansia, depressione e profili di personalità possano influenzare questo aspetto durante la gravidanza.   L’importanza della valutazione della soddisfazione coniugale e dei fattori associati non può essere trascurata. La soddisfazione coniugale, infatti, determina la

I condizionamenti sociali nella formazione della personalità
Psicologia

I condizionamenti sociali nella formazione della personalità

La formazione della nostra personalità passa attraverso un processo di crescita in cui si consolidano aspetti genetici che ci sono propri, ma anche influenze che su di noi vengono esercitate dall’ambiente che ci circonda, come la società.   La società ha su di noi delle precise aspettative che ci comunica

Le persone con tratti di personalità oscura possiedono abilità empatiche?
Psicologia

Le persone con tratti di personalità oscura possiedono abilità empatiche?

L’empatia è teorizzata come la capacità di comprendere e immaginare le emozioni e i pensieri delle altre persone, è considerata una caratterista centrale della specie umana, fondamentale per le interazioni sociali, infatti la mancanza di empatia in un individuo risulta spesso socialmente non accettabile (Persson & Kajonius, 2016).   Nel

I tratti di personalità sono in grado di modulare le nostre scelte alimentari?
Psicologia

I tratti di personalità sono in grado di modulare le nostre scelte alimentari?

Gli esseri umani nascono con una predilezione per i cibi dolci e con un’avversione per i cibi amari. Ma qual è il ruolo dei tratti della personalità nelle scelte alimentari?   È noto che il gradimento per il dolce è innato negli esseri umani e spazia in tutte le epoche e culture del mondo, rendendo il sapore

La fine dell’adolescenza e la nascita della personalità (e dei suoi disturbi)
Psicoterapia

La fine dell’adolescenza e la nascita della personalità (e dei suoi disturbi)

La fine dell’adolescenza segna il momento in cui possiamo riconoscere un’organizzazione di personalità che tende a restare stabile nel tempo e può evolversi in forme psicopatologiche.   A prescindere da orientamenti clinici, prese di posizioni su schemi e tratti, dimensioni e categorie, penso che tutti concordiamo sul fatto che sia

Paul L. Hewitt: Perfectionism. A Dynamic-Relational Approach to Conceptualization, Assessment and Treatment – Report dal Workshop di Bergamo, 25 Maggio
Psicoterapia

Paul L. Hewitt: Perfectionism. A Dynamic-Relational Approach to Conceptualization, Assessment and Treatment – Report dal Workshop di Bergamo, 25 Maggio

Durante il seminario che si è tenuto a Bergamo il 25 maggio scorso, Paul L. Hewitt ha illustrato il suo approccio dinamico-relazionale, frutto di oltre trent’anni di lavoro, all’assessment, alla concettualizzazione e al trattamento del perfezionismo, un complesso e problematico aspetto di personalità.   Il seminario è stato organizzato dalla

Il test MMPI: dalla sua prima versione agli ultimi aggiornamenti
Psicologia

Il test MMPI: dalla sua prima versione agli ultimi aggiornamenti

Il test MMPI (Minnesota Multiphasic Personality Inventory) risulta in grado di intercettare molteplici dimensioni di tratto dell’organizzazione intrapsichica e interpersonale dell’individuo.   Il test MMPI (Minnesota Multiphasic Personality Inventory), nonostante sia stato pubblicato per la prima volta nel 1942 ad opera dello psicologo Hathaway e del neuropsichiatra McKinley, è ancora

Non giudicare un libro dalla sua copertina: l’importanza dell’immagine corporea nell’epoca moderna
Psicologia

Non giudicare un libro dalla sua copertina: l’importanza dell’immagine corporea nell’epoca moderna

Viviamo in un’epoca dove la bellezza e l’apparenza sembrano essere gli unici ideali da perseguire, spingendoci alla ricerca di una perfezione difficile da conquistare. Massimiliano Padovani e Camilla Rugi   Ci troviamo cosi, sopraffatti da esercizi estenuanti in palestra, dalla conduzione di diete malsane, dall’acquisto di prodotti di bellezza, dall’utilizzo

Una riflessione sulla neurobiologia dell’individualità a partire dall’ambiente
Neuroscienze

Una riflessione sulla neurobiologia dell’individualità a partire dall’ambiente

Cosa ci rende individui unici, ineguagliabili, diversi gli uni dagli altri?   Questa è da sempre stata la domanda che fin dai primordi ha caratterizzato la ricerca psicologica sperimentale, la quale ha realizzato nel tempo diversi paradigmi, setting di laboratorio e metodologie sperimentali sempre più strutturate, valide e controllate, per

I sottotipi riguardanti il disturbo dell’insonnia
Neuroscienze Psicologia

I sottotipi riguardanti il disturbo dell’insonnia

Secondo i ricercatori del Netherlands Institute for Neuroscience l’ insonnia può essere di 5 tipi diversi. Lo studio è stato pubblicato il 7 gennaio 2019 su The Lancet Psychiatry.   Il disturbo dell’ insonnia è considerato il secondo disturbo mentale più diffuso al mondo e il primo rischio di depressione. Quando

Sadismo e comportamento aggressivo: infliggere una pena per sentirsi meglio
Psicologia

Sadismo e comportamento aggressivo: infliggere una pena per sentirsi meglio

Il Sadismo nel DSM IV configura tutte le condotte in cui un soggetto ricava eccitazione sessuale e piacere dalla sofferenza non solo fisica ma anche psicologica della vittima.   I comportamenti sadici possono includere svariate pratiche di manipolazione della libertà e del confine psicofisico della vittima. Sadismo: cos’è Così come

Facebook Facebook delle mie brame: la relazione tra utilizzo di social network, selfie e narcismo
Psicologia

Facebook Facebook delle mie brame: la relazione tra utilizzo di social network, selfie e narcismo

Uno studio dell’Università Swansea in collaborazione con l’Università di Milano ha stabilito che un eccessivo uso dei social media attraverso la pubblicazione di selfie è associato ad un aumento di tratti narcisistici negli utenti (Reed, Bircek, Osborne, Viganò, & Truzoli, 2018).   Sebbene siano numerosi gli studi sull’uso problematico dei

L’orientamento professionale nell’era di internet: l’operatore diventa sostituibile?
Psicologia

L’orientamento professionale nell’era di internet: l’operatore diventa sostituibile?

L’ orientamento professionale oggi rappresenta una delle attività decisionali più importanti e complesse che investe la maggior parte degli individui anche in diverse fasi della vita. Il supporto alla scelta, però, non sempre riguarda solo la sfera della scelta prettamente professionale. Teresa Di Fiore   La scelta professione è solo

Psicopatia, narcisismo e machiavellismo: il fattore D come comun denominatore
Psicologia

Psicopatia, narcisismo e machiavellismo: il fattore D come comun denominatore

I tratti più “oscuri” della personalità, come la psicopatia, il narcisismo, il machiavellismo, a primo impatto possono sembrare diversi tra loro, ma una nuova ricerca danese-tedesca sostiene che in realtà sono strettamente collegati tra loro e si basano su una stessa tendenza dell’individuo: un estremo egoismo.   Il comune denominatore

In ricordo di Walter Mischel, non solo lo psicologo dell’esperimento del marshmallow
Psicologia

In ricordo di Walter Mischel, non solo lo psicologo dell’esperimento del marshmallow

Il 12 settembre è venuto a mancare a 88 anni Walter Mischel, uno dei più citati psicologi del Novecento. Numerosi quotidiani americani hanno così ricordato il suo famoso esperimento del marshmallow. Prof. Renato Foschi – Università La Sapienza, Roma   In breve negli anni Sessanta Walter Mischel dimostrò che, posti

La riformulazione nel ‘qui e ora’ della relazione terapeutica
Psicoterapia

La riformulazione nel ‘qui e ora’ della relazione terapeutica

La riformulazione si inserisce all’interno di un setting interpersonale inteso come contesto di collaborazione reciproca tra terapeuta e paziente, dove la relazione terapeutica è lo strumento di esplorazione che permette di ricostruire e di comprendere i motivi del problema avvertito dal soggetto.   In questo articolo si farà riferimento in

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi
Psicologia

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi

Sono ancora troppo poche le ricerche che hanno approfondito la correlazione esistente tra un uso eccessivo dello smartphone e il manifestarsi di disturbi d’ ansia, ma i primi risultati hanno evidenziato significative conseguenze sullo stato di salute mentale e di benessere degli individui. Roberta Carugati – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi,

Disturbi di personalità: auto-diagnosi dei pazienti e diagnosi dei professionisti a confronto
Psicologia

Disturbi di personalità: auto-diagnosi dei pazienti e diagnosi dei professionisti a confronto

In passato i ricercatori hanno riscontrato l’esistenza di una discrepanza riguardo la diagnosi di disturbo di personalità effettuata dal terapeuta e l’autovalutazione del paziente stesso. In un nuovo studio invece, condotto dai ricercatori della Purdue University e pubblicato sul Journal of Consulting and Clinical Psychology, è stato rilevato come questa

L’infortunio sportivo: fattori psicologici di vulnerabilità e di protezione, prima e dopo l’evento
Psicologia

L’infortunio sportivo: fattori psicologici di vulnerabilità e di protezione, prima e dopo l’evento

L’ infortunio sportivo costituisce un momento molto critico nella vita di un atleta. È importante pertanto individuare eventuali segnali di rischio prima e dopo l’infortunio, sui quali allenatore, atleta stesso e psicologo dello sport, possano intervenire in maniera tempestiva ed efficace. Laura Zamboni – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Milano

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario