Psicoterapia al Telefono: un trial clinico randomizzato per Adolescenti con OCD

Psicoterapia: Pubblicati i risultati di un trial clinico che confronta trattamenti CBT erogati tradizionalmente, con gli stessi erogati via telefono.

ID Articolo: 105848 - Pubblicato il: 16 gennaio 2015
Condividi

Il numero di dicembre della rivista scientifica Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry ha pubblicato i risultati di un trial clinico randomizzato che confronta la psicoterapia cognitivo-comportamentale (CBT) erogata tradizionalmente, con la stessa psicoterapia erogata attraverso il telefono, in bambini e adolescenti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).

 

ABSTRACT:

Objective: Many adolescents with obsessive-compulsive disorder (OCD) do not have access to evidence-based treatment. A randomized controlled non-inferiority trial was conducted in a specialist OCD clinic to evaluate the effectiveness of telephone cognitive-behavioral therapy (TCBT) for adolescents with OCD compared to standard clinic-based, face-to-face CBT. Method: Seventy-two adolescents, aged 11 through 18 years with primary OCD, and their parents were randomized to receive specialist TCBT or CBT. The intervention provided differed only in the method of treatment delivery. All participants received up to 14 sessions of CBT, incorporating exposure with response prevention (E/RP), provided by experienced therapists. The primary outcome measure was the Children’s Yale–Brown Obsessive- Compulsive Scale (CY-BOCS). Blind assessor ratings were obtained at midtreatment, post- treatment, 3-month, 6-month, and 12-month follow-up. Results: Intent-to-treat analyses indicated that TCBT was not inferior to face-to-face CBT at posttreatment, 3-month, and 6-month follow-up. At 12-month follow-up, there were no significant between-group differ- ences on the CY-BOCS, but the confidence intervals exceeded the non-inferiority threshold. All secondary measures confirmed non-inferiority at all assessment points. Improvements made during treatment were maintained through to 12-month follow-up. Participants in each condition reported high levels of satisfaction with the intervention received. Conclusion: TCBT is an effective treatment and is not inferior to standard clinic-based CBT, at least in the midterm. This approach provides a means of making a specialized treatment more accessible to many adolescents with OCD. Clinical trial registration information–Evaluation of telephone-administered cognitive-behaviour therapy (CBT) for young people with obsessive-compulsive disorder (OCD); http://www.controlled-trials.com; ISRCTN27070832. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry, 2014;53(12):1298–1307. Key Words: OCD, psy- chotherapy, CBT, telehealth

 

Psicoterapia al telefono? Sì, ma a breve termineConsigliato dalla Redazione

L’evoluzione della cosiddetta telemedicina, ossia dell’erogazione di servizi sanitari a distanza, attraverso mezzi tecnologici che possono andare dalla telefonata alla videoconferenza, fino ad arrivare alla gestione di interventi chirurgici attraverso robots teleguidati, non si arresta neanche in campo psichiatrico/psicologico (…)

Tratto da: Medicitalia.it

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 SCARICA IL PAPER IN PDF


Articoli su CyberPsicologia:

Il Dr Google dice che si è affetti da “Cybercondria”
Psicologia

Il Dr Google dice che si è affetti da “Cybercondria”

I ricercatori hanno notato che vi è correlazione tra ansia riguardo la propria salute e l’ipocondria, tale per cui le ricerche online su argomenti relativi al proprio stato di salute possono indurre elevata paura e ansia. Il fenomeno della cybercondria.   A seguito della Rivoluzione digitale, la ricerca di informazioni

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale

L’app Immuni ci aiuta ad individuare possibili contatti a rischio eppure ci sono ancora molti dubbi e un atteggiamento di scetticismo e preoccupazione e, sebbene garantisca il pieno rispetto dei diritti dei consumatori e l’anonimato, sono ancora pochi gli utenti che l’hanno scaricata: si stima solo 8 su 100. PSICOLOGIA

Morire per una foto: le selfie deaths – Psicologia Digitale
Psicologia

Morire per una foto: le selfie deaths – Psicologia Digitale

Le situazioni a rischio più frequenti che conducono alle cosiddette selfie deaths comprendono trovarsi in aree impervie ad alte altitudini, su cascate, su binari dei treni, fare selfie con armi che accidentalmente esplodono un colpo, mentre si è alla guida o con animali non addomesticati. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 10) Morire

Cyberchondria: googla un sintomo e ti dirò cos’hai
Attualità Psicologia

Cyberchondria: googla un sintomo e ti dirò cos’hai

In questo momento storico in cui sembra che “dott. Google” sappia tutto, è sempre più frequente pensare o sentire da parenti e amici “sai quel mal di testa che ho?! Ho googolato e potrebbe essere un tumore al cervello, che ansia!”. Marino Claudia – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca,

Cybercondria: Internet, abbiamo un problema…sulla salute…e non è la pandemia!
Attualità Psicologia

Cybercondria: Internet, abbiamo un problema…sulla salute…e non è la pandemia!

In questo momento di allarme generalizzato rispetto alla salute, siamo quotidianamente bombardati da notizie poco rassicuranti riguardo alla stessa e contemporaneamente invitati, o costretti, a rimanere nelle nostre case. Alcuni aspetti del nostro funzionamento piscologico ci espongono ad un maggior rischio di cybercondria, psicopatologia comunque epidemiologicamente in aumento, già prima

Cybercondria e iCBT: patologia nuova, nuovo intervento?
Psicologia

Cybercondria e iCBT: patologia nuova, nuovo intervento?

Uno studio recente (Newby & McElroy, 2020) ha indagato per la prima volta se una terapia cognitivo-comportamentale via internet (iCBT) per problemi legati all’ansia da malattia portasse a miglioramenti nei self-report sulla cybercondria e se questi ultimi fossero associati a miglioramenti sull’ansia da malattia.   Avere un po’ di ansia

ProAna e ProMia: siti nemici
Psicologia

ProAna e ProMia: siti nemici

Gli ormai diffusi siti ProAna (Pro Anoressia) e ProMia (Pro Bulimia) rappresentano una grave minaccia per la salute di tutte le persone con Disturbo del comportamento alimentare.   I DCA sono patologie caratterizzate da abitudini alimentari alterate associate ad una costante preoccupazione per il peso e la forma del corpo.

‘Ehi Google, cosa sai fare?’: gli assistenti digitali al nostro servizio – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

‘Ehi Google, cosa sai fare?’: gli assistenti digitali al nostro servizio – Psicologia Digitale

Il mercato degli smart speaker sta crescendo rapidamente: a livello globale, secondo i dati di Canalys, si stima che alla fine del 2019 ne siano stati venduti circa 200 milioni. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 7) “Ehi Google, cosa sai fare?”: gli assistenti digitali al nostro servizio    Milioni di persone quindi fruiscono

I siti di domande e risposte (Q&A): psicopportunità di apprendimento
Psicologia

I siti di domande e risposte (Q&A): psicopportunità di apprendimento

Con l’avvento di Internet, c’è stato uno straordinario sviluppo di comunità virtuali. In particolare, esempi di comunità virtuali possono essere i siti di domande e risposte (Question and Answer sites – Q&A), appositamente progettati per aiutare gli utenti ad ottenere informazioni.   Nell’epoca della ‘datacrazia’ (De kerckhove, 2014), dove il

Netnografia e data storytelling, alla ricerca delle nostre tracce digitali – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Netnografia e data storytelling, alla ricerca delle nostre tracce digitali – Psicologia Digitale

I dati non sono niente se non li sai leggere e se non raccontano una storia. Le informazioni provenienti dal web, in particolare, hanno un grande potere persuasivo e vengono visti dai ricercatori come storie nuove e nuovi modi di coglierle. Un efficace metodo di ricerca qualitativo è la netnografia, flessibile

#thininspiration, quando la perdita di peso è una questione social: il caso di Instagram – Psicologia Digitale
Psicologia

#thininspiration, quando la perdita di peso è una questione social: il caso di Instagram – Psicologia Digitale

I contenuti collegati al #thinspiration sono per lo più immagini con testi che incoraggiano a non mangiare o che esprimono disagio e sofferenza, sentimenti di tristezza, isolamento, senso di inutilità, desideri di autolesionismo o pensieri suicidari. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 5) #thininspiration, quando la perdita di peso è una questione

Smart cities, le città del futuro tra innovazione e sostenibilità – Psicologia Digitale
Psicologia

Smart cities, le città del futuro tra innovazione e sostenibilità – Psicologia Digitale

Città in cui le persone sono al centro del progetto di sviluppo, dell’economia sostenibile, delle tecnologie integrate, in cui le risorse naturali vengono gestite consapevolmente da tutti attraverso l’azione partecipativa. Dove efficienza fa rima con produttività, funzionalità e alto valore sociale. Le smart cities sono le città di domani. PSICOLOGIA

L’uomo e l’ologramma: pericolosi confini porosi
Attualità Psicologia

L’uomo e l’ologramma:  pericolosi confini porosi

L’elevata velocità dell’innovazione tecnologica porta a delegare alle macchine un ventaglio sempre più ampio di azioni, funzioni e decisioni. Quando ci si sofferma sui complicati rapporti tra uomo e tecnologia, si fa spesso l’assunto implicito che si tratti di due entità ben distinte e separate – benché interagiscano fra loro

Condivisione o isolamento? Il fenomeno del phubbing – Psicologia Digitale
Psicologia

Condivisione o isolamento? Il fenomeno del phubbing – Psicologia Digitale

Il phubbing, ovvero ignorare gli altri durante interazioni sociali per dedicarsi invece al proprio smartphone, anche se considerato un comportamento normativo, ha un impatto su qualità della comunicazione e porta a sentimenti di isolamento ed esclusione. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 1) Condivisione o isolamento? Il fenomeno del phubbing
    Quante

Paura dei fantasmi social: ma chi sei veramente?
Psicologia

Paura dei fantasmi social: ma chi sei veramente?

Nel presente contributo si analizzano alcuni fenomeni anomali fondati sui social network che si traducono nella “dematerializzazione” dell’essere umano secondo varie modalità: il “ghosting” (ovvero il fenomeno del dileguarsi, dello sparire), l’ “orbiting” (cioè la tendenza a dileguarsi da un rapporto tradizionale face-to-face pur continuando il contatto esclusivamente tramite rete)

Intelligenza artificiale e percezione visiva: come una macchina può esplorare il mondo
Psicologia

Intelligenza artificiale e percezione visiva: come una macchina può esplorare il mondo

Anche i più complessi sistemi di intelligenza artificiale hanno dei limiti, soprattutto quando vengono messi alla prova su capacità tipicamente “umane”. Riconoscere le differenze esistenti tra uomo e macchina è importante perché apre ad un’interessante riflessione sulle alcune caratteristiche umane.   Vi è una certa differenza fra un’immagine virtuale, ad

La violenza: un trofeo da esibire su telefonini e social network?
Psicologia

La violenza: un trofeo da esibire su telefonini e social network?

Online e attraverso i social network è ormai possibile condividere praticamente qualsiasi tipo di contenuto e sono soprattutto gli adolescenti a fare uso di questa modalità di comunicazione attraverso l’esibizione del proprio corpo o di attività quotidiane, a volte però la rete viene usata anche per divulgare registrazioni di contenuti di violenza (sessuale o

La cibernetica (2017) di Norbert Wiener, a cura di Ciofalo e Leonzi – Recensione del libro
Psicologia

La cibernetica (2017) di Norbert Wiener, a cura di Ciofalo e Leonzi  – Recensione del libro

Ciofalo e Leonzi ci propongono una ristampa del libro La cibernetica di Norbert Wiener con i capitoli fondamentali e alcuni aggiornamenti; si tratta di una sintesi sui punti essenziali dell’opera che, nel cuore del Novecento, dà il via a una nuova disciplina: la cibernetica.   1948: viene pubblicato Cybernetics or Control

Generation Like: quando un “mi piace” ha effetti… anche a livello neurale
Neuroscienze Psicologia

Generation Like: quando un “mi piace” ha effetti… anche a livello neurale

È ormai noto come l’utilizzo dei social media abbia un effetto sul benessere psicologico dell’individuo, ma cosa succede a livello neurale? Può un numero elevato di like alle fotografie postate influenzare il nostro comportamento e il nostro cervello quando navighiamo sui social? Martina Giglioli e Olga Durante   I social

Il Narcisismo digitale e le patologie da iperconnessione
Psicologia

Il Narcisismo digitale e le patologie da iperconnessione

La cognizione di una diffusione di tratti narcisistici nella popolazione occidentale ha portato diversi autori a indagarne i motivi, c’è chi ha parlato di cultura del narcisismo e addirittura di un’epidemia del narcisismo. Che cos’è il narcisismo? Secondo Wikipedia il narcisismo è spesso sinonimo di egoismo, vanità, presunzione. Applicato a

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario