expand_lessAPRI WIDGET

Psicoterapia al Telefono: un trial clinico randomizzato per Adolescenti con OCD

Psicoterapia: Pubblicati i risultati di un trial clinico che confronta trattamenti CBT erogati tradizionalmente, con gli stessi erogati via telefono.

Di Flavio Ponzio

Pubblicato il 16 Gen. 2015

Il numero di dicembre della rivista scientifica Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry ha pubblicato i risultati di un trial clinico randomizzato che confronta la psicoterapia cognitivo-comportamentale (CBT) erogata tradizionalmente, con la stessa psicoterapia erogata attraverso il telefono, in bambini e adolescenti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).

 

ABSTRACT:

Objective: Many adolescents with obsessive-compulsive disorder (OCD) do not have access to evidence-based treatment. A randomized controlled non-inferiority trial was conducted in a specialist OCD clinic to evaluate the effectiveness of telephone cognitive-behavioral therapy (TCBT) for adolescents with OCD compared to standard clinic-based, face-to-face CBT. Method: Seventy-two adolescents, aged 11 through 18 years with primary OCD, and their parents were randomized to receive specialist TCBT or CBT. The intervention provided differed only in the method of treatment delivery. All participants received up to 14 sessions of CBT, incorporating exposure with response prevention (E/RP), provided by experienced therapists. The primary outcome measure was the Children’s Yale–Brown Obsessive- Compulsive Scale (CY-BOCS). Blind assessor ratings were obtained at midtreatment, post- treatment, 3-month, 6-month, and 12-month follow-up. Results: Intent-to-treat analyses indicated that TCBT was not inferior to face-to-face CBT at posttreatment, 3-month, and 6-month follow-up. At 12-month follow-up, there were no significant between-group differ- ences on the CY-BOCS, but the confidence intervals exceeded the non-inferiority threshold. All secondary measures confirmed non-inferiority at all assessment points. Improvements made during treatment were maintained through to 12-month follow-up. Participants in each condition reported high levels of satisfaction with the intervention received. Conclusion: TCBT is an effective treatment and is not inferior to standard clinic-based CBT, at least in the midterm. This approach provides a means of making a specialized treatment more accessible to many adolescents with OCD. Clinical trial registration information–Evaluation of telephone-administered cognitive-behaviour therapy (CBT) for young people with obsessive-compulsive disorder (OCD); http://www.controlled-trials.com; ISRCTN27070832. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry, 2014;53(12):1298–1307. Key Words: OCD, psy- chotherapy, CBT, telehealth

 

Psicoterapia al telefono? Sì, ma a breve termineConsigliato dalla Redazione

L’evoluzione della cosiddetta telemedicina, ossia dell’erogazione di servizi sanitari a distanza, attraverso mezzi tecnologici che possono andare dalla telefonata alla videoconferenza, fino ad arrivare alla gestione di interventi chirurgici attraverso robots teleguidati, non si arresta neanche in campo psichiatrico/psicologico (…)

Tratto da: Medicitalia.it

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 SCARICA IL PAPER IN PDF


Articoli su CyberPsicologia:
Il corpo artificiale (2023) di Simone Rossi e Domenico Prattichizzo – Recensione
Studi e riflessioni sulla Robotica indossabile riabilitativa a partire dal libro “Il corpo artificiale. Neuroscienze e robot da indossare”
Terapia evidence-based e modelli predittivi di machine learning – ECDP 2024
L'intervento della Dott.ssa Grazioli all'ECDP 2024 spiega come l'introduzione della psicoterapia computazionale può migliorare la terapia evidence-based
La voce come mezzo di riconoscimento delle malattie mentali
I biomarcatori vocali sembrano essere un promettente strumento per identificare precocemente sintomi legati a malattie mentali
Il corpo artificiale (2023) – Recensione del libro – Psicologia digitale
Nel libro 'Il corpo artificiale' i professori Rossi e Prattichizzo mettono insieme le loro competenze per introdurci alla robotica riabilitativa e aumentativa
L’impiego della tecnologia GPT in psicoterapia: innovazioni e considerazioni etiche
Integrare tecnologie basate su Generative Pre-trained Transformer (GPT) in psicoterapia offre nuove possibilità ma presenta anche dei limiti
Che cos’è la linguistica computazionale – Recensione del libro – Psicologia digitale
Come fa Alexa a risponderci in maniera pertinente? Come fa un chatbot a esprimersi in modo fluido e coerente? Scopriamo il ruolo della linguistica computazionale
Comandare lo smartphone con il pensiero – Neuralink di Elon Musk, tra (fanta)scienza e marketing
Elon Musk annuncia l’installazione del primo chip nel cervello di un essere umano ed è subito Black Mirror.
Oltre le mura dell’ospedale: la realtà virtuale nel trattamento del dolore pediatrico – Intervista a Valentino Megale
Insieme a Valentino Megale, CEO e Co-Founder di Softcare Studios, esploriamo le più recenti applicazioni della realtà virtuale (RV) nel trattamento del dolore pediatrico
I chatbot non sono psicoterapeuti – Psicologia digitale
È nell’interesse di tutti sviluppare tecnologie avanzate ma anche sempre più sicure. Ma cosa succede se ci rivolgiamo ai chatbot come fossero terapeuti?
I software di trascrizione basati sull’intelligenza artificiale nelle sedute di psicoterapia – Psicologia digitale
Esistono software basati sull’intelligenza artificiale che trasformano file audio in testo, utili per la trascrizione delle sedute di terapia
L’utilizzo del Machine Learning nell’ambito della salute mentale
Gli algoritmi di Machine Learning permeano una vasta gamma di settori nella società, e possono fornire contributi anche alla salute mentale
Le tecnologie digitali a supporto della salute mentale – Psicologia digitale
Sfide, limiti e opportunità delle prestazioni nell’ambito della salute mentale erogate attraverso tecnologie digitali
MindMe: un progetto per la riduzione dello stress in contesti accademici
Nella frenetica vita degli studenti universitari, lo stress può diventare un compagno costante, mettendo a dura prova il benessere mentale
La psicologia nella creazione delle intelligenze artificiali – Milano Digital Week 2023
Nell’ultima edizione della Milano Digital Week, le dott.sse Cilardo e Cavallaro hanno proposto una riflessione su intelligenze artificiali e psicologia
Migliorare la salute mentale con un’app: funziona davvero?
La sfida di scegliere tra le app di salute mentale distinguendo tra quelle sviluppate da professionisti e quelle non verificate
Le intelligenze artificiali possono avere una coscienza? – Psicologia digitale
Eseguire grandi elaborazioni di dati non significa esserne consapevoli: la coscienza tipicamente umana non sembra estendersi alle tecnologie
La realtà virtuale nel trattamento di patologie psicologiche
L'integrazione dell'intelligenza artificiale nel campo della psicologia e della psichiatria sta aprendo nuove prospettive
L’intelligenza artificiale al servizio della salute mentale: i chatbot in psicoterapia
L'utilizzo dei chatbot potrebbe assumere un ruolo fondamentale negli interventi psicologici di ultima generazione
Chatbot e psicologia clinica: un’unione possibile?
Quali contributi potrebbero apportare l'intelligenza artificiale e i chatbot nell’area della salute psicologica?
Potenziare la Psicoterapia con l’Intelligenza Artificiale
L'Intelligenza Artificiale è una promettente risorsa per la cura dei disturbi mentali: esploriamo il suo uso responsabile in psicoterapia
Carica altro
Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Flavio Ponzio
Flavio Ponzio

Direttore operativo di State of Mind

Tutti gli articoli
ARTICOLI CORRELATI
cancel