expand_lessAPRI WIDGET

Potenziare la Psicoterapia con l’Intelligenza Artificiale

L'Intelligenza Artificiale è una promettente risorsa per la cura dei disturbi mentali: esploriamo il suo uso responsabile in psicoterapia

Di Gloria Angelini

Pubblicato il 06 Set. 2023

Un’opportunità rivoluzionaria per la cura dei disturbi mentali

Oggi i disturbi mentali rappresentano una sfida significativa che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Recentemente, l’OMS (2022), ha stimato che 1 persona su 8, ovvero 970 milioni di persone in tutto il mondo, soffre di un disturbo mentale, e i disturbi d’ansia e depressivi sono i più comuni. Con la pandemia da COVID-19 c’è stato un aumento circa del 28% per i disturbi d’ansia e depressivi. La depressione è una delle principali cause di disabilità a livello globale.

La necessità di fornire un trattamento efficace è diventata sempre più impellente.

All’interno di questo panorama di urgenza, l’Intelligenza Artificiale (IA) si presenta come una risorsa potenzialmente rivoluzionaria. Il suo impatto nella pratica della psicoterapia può offrire un enorme potenziale per migliorare la qualità del trattamento e la ricerca scientifica. Tuttavia, l’applicazione dell’Intelligenza Artificiale in psicoterapia richiede una valutazione rigorosa e un uso responsabile.

Più che mai in questo periodo storico, sono molti i gruppi di ricerca attivi sugli usi dell’Intelligenza Artificiale in differenti campi. Per esempio, l’Institute for Human-Centered Artificial Intelligence dell’Università di Stanford (USA) nasce con l’obiettivo di creare macchine che possano interagire con noi in modo sofisticato e multidimensionale, rispondendo alle nostre esigenze fisiche, intellettuali ed emotive. Attualmente, si sta interrogando anche sul potenziale applicativo dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia e le relative implicazioni pratiche.

In questo articolo, esploreremo le riflessioni espresse dall’Istituto di Stanford (Walsh, 2023; Stade et al., in stampa) riguardo al potenziale dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia, esaminando come l’Intelligenza Artificiale possa migliorare la pratica clinica, supportare i terapeuti nelle loro attività quotidiane e contribuire a un miglioramento generale delle basi scientifiche e sperimentali delle terapie. Affronteremo anche le preoccupazioni e le sfide legate a un uso responsabile dell’Intelligenza Artificiale in psicoterapia, nell’ottica di integrare l’Intelligenza Artificiale in modo responsabile e garantire il suo impatto positivo sulla salute mentale dei pazienti.

L’Intelligenza Artificiale come assistente clinico

I modelli di Intelligenza Artificiale costruiti per elaborare e generare un linguaggio simile a quello umano, detti Large Language Models (LLM), hanno dimostrato la capacità di comprendere il contesto e la semantica delle domande e apprendere, rispondendo in modo coerente e persino fornendo argomentazioni convincenti. Queste caratteristiche rendono i Large Language Models, un’opzione promettente per l’assistenza nella gestione dei compiti di routine dei professionisti della salute mentale.

Secondo Stade e colleghi (in stampa) i terapeuti potrebbero beneficiare dell’uso dei Large Language Models per automatizzare compiti come le interviste iniziali, la documentazione delle sessioni, preparando annotazioni di monitoraggio del percorso di cura e la gestione dei compiti assegnati ai pazienti tra una sessione e l’altra.

Immaginiamo un terapeuta che, anziché dover trascrivere manualmente le informazioni raccolte durante un’intervista iniziale, possa contare su un sistema di Intelligenza Artificiale che registri automaticamente le risposte del paziente e generi una trascrizione accurata. Questo permetterebbe ai terapeuti di risparmiare tempo prezioso. L’automazione di questi compiti di routine può migliorare l’efficienza complessiva della pratica clinica, liberando il terapeuta da attività manuali e consentendo di dedicare più tempo e risorse per offrire un servizio più accurato e personalizzato ai pazienti.

L’Intelligenza Artificiale potrebbe essere utilizzata anche per fornire ai terapeuti assistenza clinica, attraverso suggerimenti o feedback, in tempo reale durante i colloqui di psicoterapia. Ad esempio, un sistema di Intelligenza Artificiale potrebbe analizzare il linguaggio usato da un paziente durante un colloquio e comunicarlo in tempo reale al terapeuta con un suggerimento su come riformulare domande. Inoltre, i sistemi di Intelligenza Artificiale potrebbero essere utilizzati per monitorare i progressi di un paziente nel tempo e fornire feedback al terapeuta su quali interventi sono stati i più efficaci. Tuttavia, Stade e colleghi (in stampa) rilevano preoccupazioni etiche e sottolineano l’importanza della ricerca per determinare l’efficacia di questi interventi.

Benefici per i pazienti

L’introduzione dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia non solo offrirebbe vantaggi significativi per i terapeuti, ma anche per i pazienti.

L’Intelligenza Artificiale potrebbe essere utilizzata per fornire trattamenti personalizzati su larga scala. Ad esempio, per fornire terapia da remoto a persone che non sono in grado di accedere alla terapia tradizionale a causa di barriere geografiche o finanziarie. Inoltre, i sistemi di Intelligenza Artificiale potrebbero potenzialmente ridurre il costo della terapia automatizzando alcuni aspetti del trattamento, come la pianificazione degli appuntamenti o la psicoeducazione.

Inoltre, l’Intelligenza Artificiale può essere utilizzata per il dialogo socratico in psicoterapia, una tecnica utilizzata per aiutare i pazienti a ristrutturare i propri pensieri e le proprie credenze in modo non giudicante. Fornendo suggerimenti e domande basati sui dati dei pazienti, l’Intelligenza Artificiale può aiutare a guidare la conversazione e incoraggiare un’esplorazione più approfondita. Ad esempio, un sistema di Intelligenza Artificiale può analizzare il linguaggio di un paziente e fornire suggerimenti per aiutarlo a identificare e sfidare i modelli di pensiero negativi.

Anche in questo caso, Stade e colleghi (in stampa) rilevano che ci sono preoccupazioni etiche associate all’uso dell’Intelligenza Artificiale e che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’efficacia di questi interventi.

L’Intelligenza Artificiale può giocare un ruolo attivo persino nell’aiutare i pazienti a svolgere i compiti assegnati tra le sessioni terapeutiche, rendendo il processo più coinvolgente ed efficace, migliorando così l’aderenza al trattamento. Ad esempio, un sistema di Intelligenza Artificiale può fornire ai pazienti attività personalizzate da svolgere a casa, come schede di esercizi o attività di auto-riflessione. Inoltre, l’Intelligenza Artificiale può facilitare il tracciamento dei pensieri e delle emozioni dei pazienti nel corso del tempo. Utilizzando strumenti di monitoraggio e registrazioni automatizzate, l’Intelligenza Artificiale può analizzare e rilevare modelli o cambiamenti significativi nelle esperienze dei pazienti. Questi dati possono essere preziosi per i terapeuti, fornendo informazioni dettagliate e oggettive che possono guidare le sessioni successive e personalizzare ulteriormente il trattamento in base alle esigenze specifiche di ciascun paziente.

È importante sottolineare che l’Intelligenza Artificiale non può e non dovrebbe sostituire la presenza dell’essere umano e l’empatia nel processo terapeutico. Essi dovrebbero essere utilizzati come strumenti di supporto per i terapeuti, integrando l’esperienza e le competenze umane con la potenza dell’Intelligenza Artificiale per offrire un trattamento più efficace e personalizzato.

Avanguardia in ricerca e formazione

L’Intelligenza Artificiale ha il potenziale per migliorare in modo significativo le basi scientifiche e sperimentali della psicoterapia.

Una delle sue applicazioni più promettenti è la capacità di supportare studi clinici controllati su larga scala. Grazie alla potenza di elaborazione dei dati dell’Intelligenza Artificiale, è possibile condurre studi che coinvolgono centinaia di interventi diversi su migliaia di pazienti. Questo livello di scalabilità sarebbe impensabile se fosse richiesto il coinvolgimento umano per introdurre e fornire ogni intervento. L’Intelligenza Artificiale apre le porte a una nuova era della ricerca in psicoterapia, consentendo ai ricercatori di esaminare una vasta gamma di trattamenti e combinazioni di interventi per determinare quali siano i più efficaci. Inoltre, l’Intelligenza Artificiale può generare nuove ipotesi sulla psicoterapia analizzando grandi quantità di dati e identificando modelli che potrebbero non essere visibili ai terapeuti umani. Ad esempio, analizzando i dati di migliaia di pazienti per identificare punti in comune e differenze nelle loro risposte ai diversi interventi.

L’analisi delle trascrizioni delle sessioni terapeutiche mediante l’Intelligenza Artificiale può fornire un valore inestimabile alle ricerca clinica. La tecnologia dell’Intelligenza Artificiale può analizzare e comprendere le trascrizioni con una precisione e una velocità che superano le capacità umane. Ciò consente ai terapeuti e ai ricercatori di identificare modelli, tendenze o aspetti chiave delle interazioni terapeutiche che possono influenzare i risultati del trattamento. Attraverso l’Intelligenza Artificiale, le trascrizioni delle sessioni terapeutiche possono diventare una fonte preziosa di dati oggettivi e di informazioni utili per migliorare la pratica clinica e perfezionare le strategie di intervento, individuando i meccanismi del cambiamento e i fattori che contribuiscono al successo o al fallimento del trattamento.

L’impiego dell’Intelligenza Artificiale per migliorare le basi scientifiche della psicoterapia offre un’opportunità senza precedenti per incrementare la comprensione delle dinamiche di cura e per l’identificazione di nuove modalità di trattamento, guidando la pratica clinica verso risultati più efficaci e personalizzati.

In aggiunta, secondo Stade e colleghi (in stampa) l’Intelligenza Artificiale potrebbe essere utilizzata anche nella formazione di terapisti e professionisti della salute mentale. Ad esempio, potrebbe simulare colloqui di terapia e fornire feedback ai tirocinanti, oltre ad erogare formazione su tecniche o interventi terapeutici specifici.

Lo sviluppo responsabile dell’IA in psicoterapia

L’Intelligenza Artificiale ha il potenziale per trasformare il campo della psicoterapia, offrendo nuove opportunità di trattamento e ricerca. Per questo è fondamentale affrontare le preoccupazioni legate a un uso suo non responsabile nel settore della salute mentale. Per garantire un’integrazione responsabile dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia, è necessario seguire un processo di sviluppo strutturato e risolvere i problemi specifici di ogni fase. Inoltre, la trasparenza e il coinvolgimento attivo del paziente sono fondamentali per assicurare una presa di decisioni etica e orientata al benessere.

Una delle principali preoccupazioni riguarda la possibilità di una corsa all’oro delle aziende nel settore della salute mentale, che potrebbe portare a un utilizzo inappropriato dell’Intelligenza Artificiale. Ad esempio, potrebbero esserci aziende che mirano solo a massimizzare i profitti, senza preoccuparsi dell’efficacia o della sicurezza dei loro strumenti. Per evitare questo scenario, è fondamentale stabilire linee guida etiche e regolamentare l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia.

Per garantire un’integrazione responsabile dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia, Stade e colleghi (in stampa) hanno proposto un processo di sviluppo in tre fasi: fase assistenziale, fase collaborativa e fase completamente autonoma.

  • Fase assistenziale. In questa fase iniziale, l’Intelligenza Artificiale verrebbe utilizzata come supporto agli psicoterapeuti nel fornire suggerimenti o feedback durante le sessioni di terapia (per esempio, analizzare le trascrizioni delle sessioni, suggerire strategie terapeutiche). Questa fase permetterebbe di sperimentare e valutare l’efficacia dell’Intelligenza Artificiale nel contesto della psicoterapia, risolvendo eventuali problemi tecnici o etici.
  • Fase collaborativa. Fase in cui l’Intelligenza Artificiale diventerebbe un vero e proprio partner collaborativo per gli psicoterapeuti. L’Intelligenza Artificiale può analizzare grandi quantità di dati provenienti da pazienti e ricerche, fornendo informazioni preziose per la pratica clinica. Ad esempio, può identificare pattern o tendenze nei dati che potrebbero non essere evidenti per gli esseri umani, aiutando gli psicoterapeuti a personalizzare i trattamenti in base alle esigenze specifiche dei pazienti.
  • Fase completamente autonoma. Nella fase finale, l’Intelligenza Artificiale raggiunge un livello di autonomia in cui potrebbe condurre interventi terapeutici senza la supervisione diretta degli psicoterapeuti. Tuttavia, prima di raggiungere questa fase, è fondamentale risolvere questioni cruciali come la responsabilità etica, la sicurezza dei pazienti e la valutazione continua dell’efficacia dei trattamenti IA autonomi.

Durante tutto il processo di sviluppo e integrazione dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia, la trasparenza e il coinvolgimento del paziente sono essenziali. I pazienti devono essere informati e consapevoli del ruolo dell’Intelligenza Artificiale nel loro percorso terapeutico, compresi i limiti e i rischi associati. Inoltre, devono essere coinvolti nel processo decisionale per garantire che le scelte riguardanti l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale siano in linea con le loro preferenze e i loro obiettivi terapeutici.

Un confronto utile per comprendere l’importanza dell’integrazione responsabile dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia è il processo di approvazione dei farmaci condotto dalla Food and Drug Administration (FDA, ente governativo statunitense). Come i farmaci, l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nella psicoterapia richiede una valutazione rigorosa, un monitoraggio costante e una valutazione dell’efficacia e della sicurezza. Questo approccio assicura che sia utilizzata in modo responsabile, offrendo un reale valore aggiunto alla pratica clinica e al benessere dei pazienti.

Bilanciare le potenzialità dell’IA con l’unicità delle abilità umane

In conclusione, l’Intelligenza Artificiale rappresenta una risorsa vantaggiosa per migliorare la pratica della psicoterapia e della ricerca scientifica. Tuttavia, la psicoterapia è un processo complesso che coinvolge una serie di abilità, come l’empatia, l’ascolto attivo e la capacità di costruire un rapporto collaborativo con i pazienti. Inoltre, la psicoterapia richiede competenze multidimensionali, ad esempio, i terapeuti devono essere in grado di adattare il loro approccio a diversi pazienti e situazioni, il che richiede una profonda comprensione del comportamento e della psicologia umani. Queste abilità sono difficili da replicare con i sistemi di Intelligenza Artificiale, che mancano dell’intelligenza emotiva e del tocco umano essenziali, necessari per una psicoterapia efficace. Tutto questo rende la psicologia clinica un dominio di applicazione di complessità insolitamente elevata per i sistemi di Intelligenza Artificiale, data anche l’alta posta in gioco coinvolta nell’attività di cura della salute mentale. Se un sistema di Intelligenza Artificiale commette un errore o produce danni, le conseguenze possono essere gravi. Pertanto, è importante affrontare lo sviluppo e l’integrazione dei sistemi di Intelligenza Artificiale nella psicoterapia con cautela e responsabilità.

La responsabilità nell’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale implica una valutazione critica delle sue potenzialità e dei suoi limiti, nonché un’attenta considerazione dei rischi e delle implicazioni etiche. Perciò è importante che i terapeuti acquisiscano conoscenze basilari sul funzionamento delle IA, in modo da poter affrontare la complessità della psicoterapia mantenendo un equilibrio tra il contributo dell’Intelligenza Artificiale e le abilità umane indispensabili per una terapia efficace.

L’invito è di promuovere la formazione continua e la collaborazione tra psicologi clinici, ricercatori e sviluppatori di IA, al fine di sviluppare soluzioni che siano basate sull’evidenza e rispettose dei bisogni dei pazienti.

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Gamification: quali sono le applicazioni e le implicazioni cliniche 
Gamification: applicazione e implicazioni cliniche 

Con il termine gamification si intende l’applicazione di elementi tipici del gioco in ambiti non ludici come quello clinico, terapeutico o riabilitativo

ARTICOLI CORRELATI
Il corpo artificiale (2023) di Simone Rossi e Domenico Prattichizzo – Recensione

Studi e riflessioni sulla Robotica indossabile riabilitativa a partire dal libro “Il corpo artificiale. Neuroscienze e robot da indossare”

Terapia evidence-based e modelli predittivi di machine learning – ECDP 2024

L'intervento della Dott.ssa Grazioli all'ECDP 2024 spiega come l'introduzione della psicoterapia computazionale può migliorare la terapia evidence-based

cancel