Il pensiero desiderante come predittore del gioco d’azzardo patologico – Gambling

Un nuovo studio mette in correlazione il Pensiero Desiderante (Craving) e la tendenza al gioco d'azzardo patologico (Gambling). Psicoterapia - Psicologia

ID Articolo: 39135 - Pubblicato il: 30 gennaio 2014
Condividi

 

 

Il problema non sono i desideri. Il problema è come reagiamo mentalmente quando i desideri balzano alla nostra coscienza. Alcuni discriminano rapidamente i desideri su cui vogliono soffermarsi da quelli che in realtà non vogliono perseguire. Altri si soffermano a elaborare mentalmente questi desideri, il ché significa:

(1) immaginare le sensazioni che si provano ad esaudirli, (2) pianificare mentalmente (come fosse un film) le azioni da compiere per raggiungerli, (3) identificare le ragioni valide che ci possono “concedere” o “permettere” di sceglierli.

Questo processo di pensiero talvolta è tanto automatico che le persone non si rendono conto di esservi immerse. Sono fuse dentro questo canale di elaborazione. Questo processo cognitivo ha un impatto forte sulla sensazione di desiderio o di ‘fame’ per un oggetto o per un’attività. Molti studi recenti del gruppo di ricerca di Studi Cognitivi (es. Caselli & Spada, 2011), hanno evidenziato il ruolo di questo processo nel sostenere il desiderio di tornare a bere in pazienti con problemi da uso di alcool.

Ora un recente studio mostra che questo impatto si estende anche oltre le sostanze psicoattive verso attività come il gioco d’azzardo che possono generare una dipendenza di rilievo clinico. Questo primo passo lascia presagire che la dipendenza dai propri desideri non dipende esclusivamente dall’effetto fisiologico di sostanze psicoattive, ma soprattutto che potrebbe nascondere lo stesso meccanismo, alla base del pensiero desiderante, indipendentemente dall’oggetto del desiderio.


Desire Thinking as a Predictor of Gambling

Bruce A. Fernieab, Gabriele Casellic, Lucia Giustinad, Gilda Donatoc, Antonella Marcotriggianic, Marcantonio M. Spadae,

a King’s College London, Institute of Psychiatry, Department of Psychology, London, UK
b CASCAID, South London & Maudsley NHS Foundation Trust, UK
c Studi Cognitivi, Italy
d Servizio Tossicodipendendenze, AUSL, Parma, Italy
e London South Bank University, UK

Abstract

Desire thinking is a voluntary cognitive process involving verbal and imaginal elaboration of a desired target. A desired target can relate to an object, an internal state or an activity, such as gambling. This study investigated the role of desire thinking in gambling in a cohort of participants recruited from community and clinical settings. Ninety five individuals completed a battery of self-report measures consisting of the Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS), the Gambling Craving Scale (GCS), the Desire Thinking Questionnaire (DTQ) and the South Oaks Gambling Screen (SOGS). Correlation analyses revealed that gender, educational level, recruitment source, anxiety and depression, craving and desire thinking were correlated with gambling. A hierarchical multiple regression analysis revealed that both recruitment source and desire thinking were the only independent predictors of gambling when controlling for all other study variables, including craving. These findings are discussed in the light of Metacognitive Therapy (MCT).

 

Desire Thinking as a Predictor of GamblingConsigliato dalla Redazione

BANDO SELEZIONE PSICOLOGI
Desire thinking is a voluntary cognitive process involving verbal and imaginal elaboration of a desired target. (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind sul Pensiero Desiderante

Il pensiero desiderante durante l’isolamento
Psicologia

Il pensiero desiderante durante l’isolamento

Di per sé, il pensiero desiderante può avere delle ricadute positive perché sostiene la motivazione alla realizzazione di uno scopo raggiungibile e, lì dove esso non lo sia immediatamente, aiuta a tollerare attesa e frustrazione e, addirittura, a pianificare strategie (Castelfranchi, 2007). L’attività desiderante diventa disfunzionale, invece, nel momento in

L’utilizzo della Stimolazione Transcranica a Correnti Dirette (tDCS) nei disturbi da uso di sostanze
Neuroscienze Psicologia

L’utilizzo della Stimolazione Transcranica a Correnti Dirette (tDCS) nei disturbi da uso di sostanze

Lo studio del cervello ha affascinato gli scienziati di ogni epoca e gli effetti della corrente su di esso sono stati oggetto di un immenso interesse scientifico e non. Negli ultimi anni, la tDCS è stata sempre più utilizzata nella ricerca clinica psichiatrica ed in quella neuroscientifica di base con

Dipendenza affettiva e pensiero desiderante: quando l’amore diventa una droga e il pensiero desiderante aumenta una narrazione a senso unico
Psicologia

Dipendenza affettiva e pensiero desiderante: quando l’amore diventa una droga e il pensiero desiderante aumenta una narrazione a senso unico

Ogni essere umano esprime un naturale e profondo bisogno di dare e ricevere amore, finalizzato ad uno sviluppo psicofisico sano, ma quando questo sentimento viene scheggiato da frustrazioni o addirittura dall’assenza stessa di esso, la polarità dell’innamoramento oscilla fra l’estasi e il tormento. Manuela Tedeschi e Giorgia Cipriano – OPEN

Dipendenza affettiva e pensiero desiderante – Riccione, 2019
Psicologia Psicoterapia

Dipendenza affettiva e pensiero desiderante – Riccione, 2019

Proponiamo al lettore la ricerca presentata all’ultimo Forum di Riccione svoltosi a Maggio 2019 che indaga il pensiero desiderante nella dipendenza affettiva.   Qui il link per partecipare alla nostra ricerca, una breve introduzione alla tematica e i principali risultati del nostro studio. Quando l’amore diventa una dipendenza? Si parla di

Terapia metacognitiva per il Disturbo da Uso di Alcool: una serie di casi – Lectio Magistralis del Dott. Gabriele Caselli
Psicoterapia

Terapia metacognitiva per il Disturbo da Uso di Alcool: una serie di casi – Lectio Magistralis del Dott. Gabriele Caselli

Prosegue il Forum di Psicoterapia di Riccione, la seconda giornata inizia con la Lectio Magistralis di Gabriele Caselli, altro importante pilastro di Studi Cognitivi, dal titolo Terapia metacognitiva per il Disturbo da Uso di Alcool: una serie di casi.   A presentare il relatore è il Dott. Framba, responsabile della

Alcool: potrebbe modificare il nostro DNA
Neuroscienze Psicologia

Alcool: potrebbe modificare il nostro DNA

Nel 2016, stando ai dati forniti dall’OMS (2016 WHO Global Status Report on Alcohol and Health), il consumo smodato di alcol ha causato a livello mondiale 3 milioni di morti, di cui tre su quattro uomini.   Questa cifra ammonta a circa il 5% delle morti totali avvenute nel 2016.

Tre tipologie di craving per la comprensione del problem drinking
Neuroscienze Psicologia

Tre tipologie di craving per la comprensione del problem drinking

L’esperienza di craving è considerata una componente cruciale nella transizione da un bere controllato ad un vero e proprio problema di dipendenza (Robinson e Berridge, 1993) e uno dei principali fattori di mantenimento del comportamento di addiction legato all’ abuso di alcol.   Studi scientifici hanno evidenziato la natura eterogenea

L’eliminazione delle memorie per contrastare la dipendenza da cocaina
Neuroscienze

L’eliminazione delle memorie per contrastare la dipendenza da cocaina

Un recente studio di Huang e colleghi, pubblicato sulla rivista Science, ha mostrato come l’attivazione del recettore β-adrenergico, che invia un segnale ai neuroni eccitatori della corteccia prefrontale infralimbica, promuova nei topi l’attenuazione dell’associazione tra droga e cue ambientale favorendo l’apprendimento per estinzione della ricerca della sostanza psicotropa, attenuando così

L’era del cyber: le relazioni ai giorni nostri
Psicologia

L’era del cyber: le relazioni ai giorni nostri

Negli ultimi tempi, si è assistito ad una robusta diffusione di Internet e dei mezzi di comunicazione, in tutto il mondo. Questo fenomeno ha sicuramente portato a dei benefici e miglioramenti nel modo di comunicare perché ha permesso di superare le barriere imposte dal tempo e dallo spazio, fino ad

Terzo millennio: l’era delle dipendenze (per esempio dai TV Series)
Psicologia

Terzo millennio: l’era delle dipendenze (per esempio dai TV Series)

Si ha un problema nella dipendenza da serie TV quando si usa il pensiero desiderante per oggetti o attività dannosi e/o pericolosi non accessibili o non raggiungibili, in quanto in contrasto con la nostra realtà (per esempio, cercare di trasformarsi in “Buffy”, l’ammazza vampiri). In queste condizioni siamo in pericolo e abbiamo

L’ effetto del pensiero desiderante sul craving e sull’intenzione al bere – Riccione, 2017
Psicologia Psicoterapia

L’ effetto del pensiero desiderante sul craving e sull’intenzione al bere – Riccione, 2017

L’ effetto del pensiero desiderante sul craving e sull’intenzione al bere Beltrami, D., Ferrari, C., Gemelli, A., Caselli, G. – Studi Cognitivi Modena   Recenti studi sulla dipendenza da uso di alcol si sono focalizzati su alcuni costrutti specifici come craving, urge e pensiero desiderante (PD). Il craving è definito

“E pensare che c’era il pensiero” – Report del seminario sul Modello Metacognitivo per l’uso problematico di alcol
Psicoterapia

“E pensare che c’era il pensiero” – Report del seminario sul Modello Metacognitivo per l’uso problematico di alcol

Il 12 aprile 2017 la Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università di Bologna ha ospitato il Prof. Marcantonio Spada e il Prof. Gabriele Caselli per il seminario: “Il Modello Metacognitivo per l’uso problematico di alcol”. di Giorgia Garozzo, Maria Marotta, Elena Lo Sterzo   Il 12 aprile 2017 la Scuola

La Ricaduta nell’ alcolismo: fattori predisponenti, craving e modelli di prevenzione
Psicologia

La Ricaduta nell’ alcolismo: fattori predisponenti, craving e modelli di prevenzione

La ricaduta è un fenomeno che si presenta quando una persona, che ha un problema di dipendenza come l’ alcolismo, consuma nuovamente la sostanza dopo un periodo di astinenza. Marta Bugari – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto   La ricaduta nell’uso di sostanze da parte di soggetti

Craving e sostanza: cos’è il craving e i possibili approcci terapeutici
Psicologia Psicoterapia

Craving e sostanza: cos’è il craving e i possibili approcci terapeutici

Il craving è il desiderio impulsivo per una sostanza psicoattiva, per un cibo o per qualunque altro oggetto-comportamento gratificante. Questo desiderio impulsivo sostiene il comportamento “addittivo” e la compulsione, finalizzati a fruire dell’oggetto di desiderio. Il craving sarebbe prontamente stimolato da fattori previamente associati con la sostanza, elementi capaci di svolgere

Neurobiologia del consumo di cocaina: Il ruolo del sistema limbico
Neuroscienze

Neurobiologia del consumo di cocaina: Il ruolo del sistema limbico

Le neuroscienze hanno dato un contributo significativo alla spiegazione del substrato neuronale che supporta i comportamenti di dipendenza dalle sostanze, tra cui la cocaina, studiando i percorsi neurali, i modelli di neurotrasmissione coinvolti, gli agenti molecolari e, naturalmente, le componenti genetiche alla base della dipendenza. Romina Edith Monteleone, OPEN SCHOOL

Aderenza alla restrizione dietetica e implicazioni per il trattamento dell’obesità: i processi cognitivi coinvolti
Psicologia Psicoterapia

Aderenza alla restrizione dietetica e implicazioni per il trattamento dell’obesità: i processi cognitivi coinvolti

Anita Jansen e collaboratori dell’Università di Maastricht hanno descritto in una revisione pubblicata su Frontiers in Psychology alcuni processi cognitivi, studiati dalla ricerca scientifica, che sembrano minare l’aderenza alla restrizione dietetica delle persone affette da obesità, e delle strategie specifiche cognitivo comportamentali per affrontarli supportate da risultati preliminari di efficacia.

Realtà virtuale come strumento nella valutazione della dipendenza da alcool
Psicologia

Realtà virtuale come strumento nella valutazione della dipendenza da alcool

Per la prima volta la realtà virtuale viene utilizzata all’interno della fase di assessment con pazienti con dipendenza da alcool sviluppando un protocollo di valutazione ad hoc e confrontando i livelli di autoefficacia e motivazione al cambiamento in seguito alla seduta con una tradizionale intervista di valutazione face to face.

La dipendenza da nicotina e possibili interventi terapeutici
Psicologia Psicoterapia

La dipendenza da nicotina e possibili interventi terapeutici

Dipendenza da nicotina: Analizzando i pensieri dei soggetti dipendenti da nicotina così come da altre sostanze, è emerso come sia presente un particolare stile cognitivo, il “pensiero desiderante” che influenza il livello di craving esperito durante l’astinenza: nel pensiero desiderante si preconfigura l’oggetto del desiderio sottoforma di immagini e pensieri

Metacognitive beliefs and Desire Thinking as Predictors of Craving and Alcohol Use – Forum di Assisi 2015
Psicoterapia

Metacognitive beliefs and Desire Thinking as Predictors of Craving and Alcohol Use – Forum di Assisi 2015

Dal VI FORUM sulla FORMAZIONE in PSICOTERAPIA – Assisi 2015 Metacognitive beliefs and Desire Thinking as Predictors of Craving and Alcohol Use Ceci G.,Felicetti F., Martino F., Rampioni M., Romanelli P., Troiani L., Caselli G. Studi Cognitivi, Sede di San Benedetto del Tronto IV anno; London South Bank University Relatore:

Il problema della dipendenza, del craving e dell’overdose nel film “Radiofreccia” – Cinema & Psicologia
Cultura Psicologia

Il problema della dipendenza, del craving e dell’overdose nel film “Radiofreccia” – Cinema & Psicologia

Ma cos’è la dipendenza? È la condotta legata all’uso distorto di una sostanza, un oggetto o comportamento, caratterizzata da incoercibilità e modalità ripetute e compulsive. Era il 16 ottobre 1998 e usciva nei cinema “Radiofreccia” di Luciano Ligabue. All’epoca Luciano Ligabue era un cantante di Correggio che, per la prima

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Riviste scientifiche

Messaggio pubblicitario