La voce del Partner? Diventa rumore di fondo. – Psicologia

L’uomo e la donna si abituerebbero inconsciamente a isolare l’udito e carpire solo determinate informazioni

ID Articolo: 33896 - Pubblicato il: 04 settembre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2022

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

Una ricerca della Queen’s University di Kingston (Ontario) ha analizzato la percezione della voce del partner in comparazione con una seconda voce di controllo nei soggetti campione dell’esperimento. I risultati sono interessanti e sembrano indicare la tendenza a ignorare in maniera selettiva la voce del partner. Lo stesso esperimento mostra al tempo stesso la maggiore capacità di recepire e ritenere informazioni dal proprio partner rispetto a una voce “estranea” di controllo.

davanti alla voce del partner su cui invece si è concentrati attentamente, si reagisce meglio e si apprende più velocemente rispetto alla voce di uno sconosciuto. La lista della spesa dettata da una voce metallica dunque, verrà ricordata meno di quella memorizzata davanti a una moglie. Ma attenzione, perché se le due voci si mischiano, tenderemo sempre a zittire l’orecchio proteso verso la compagna o il compagno di una vita…

L’orecchio si allena a rendere «rumore di fondo» la voce del partnerConsigliato dalla Redazione

L’uomo e la donna si abituerebbero inconsciamente a isolare l’udito e carpire solo determinate informazioni (…)

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Leggi gli articoli su: Attenzione

Mantenere la prestazione sotto pressione: gli stili di concentrazione di Nideffer
Psicologia

Mantenere la prestazione sotto pressione: gli stili di concentrazione di Nideffer

La relazione tra attenzione, concentrazione ed elaborazione delle informazioni è al centro della teoria nota come ‘Theory of Attentional and Interpersonal Style’ (Nideffer, 1976).   Nello studio, nel lavoro, nello sport e in genere in tutti gli ambiti in cui il fattore umano è determinante per la performance individuale o

Sluggish Cognitive Tempo – Il quinto episodio di Angoli Clinici
Psicologia Psicoterapia

Sluggish Cognitive Tempo – Il quinto episodio di Angoli Clinici

I professionisti delle Scuole di Specializzazione e dei Centri Clinici del circuito Studi Cognitivi sono stati protagonisti della serie di webinar “Angoli Clinici”: un ciclo di appuntamenti che ha esplorato alcuni interessanti temi teorici, clinici e applicativi della Psicoterapia   Il circuito di Scuole di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato nell’autunno

Facci caso (2020) di Gennaro Romagnoli – Recensione del libro
Psicologia

Facci caso (2020)  di Gennaro Romagnoli – Recensione del libro

Questo volume si potrebbe definire come una palestra per l’attenzione, un amplificatore di consapevolezza, un concentrato di pratici tips & tricks orientati alla crescita personale.   Nella recensione a seguire si è preferito non entrare dettagliatamente nei contenuti del libro – che sono tanti e interessanti – piuttosto si darà

I Serious Games nella demenza: una rassegna della letteratura
Psicologia Psicoterapia

I Serious Games nella demenza: una rassegna della letteratura

La crescita esponenziale del tasso di demenza nella popolazione ha delle profonde implicazioni nei costi sociali ed economici di gestione della patologia. Si rivela dunque prioritario da parte della ricerca scientifica identificare nuovi scenari di prevenzione e di trattamento del progressivo deterioramento cognitivo. Merve Ulku Kulaksiz – OPEN SCHOOL Studi

Pensiero consapevole e automatico – I contributi di Kahneman
Psicologia Psicoterapia

Pensiero consapevole e automatico – I contributi di Kahneman

Kahneman evidenzia come alcuni bias cognitivi possano interessare il terapeuta durante il trattamento e comportare impasse, difficoltà, insuccessi e fallimenti. Ciò che accomuna questi errori del terapeuta è molto spesso la difficoltà a mettere in discussione le proprie idee e cambiarle. Il presente contributo è il secondo di una serie

L’ Attention Training Tecnique e i suoi effetti benefici sullo stress degli studenti universitari
Psicologia

L’ Attention Training Tecnique e i suoi effetti benefici sullo stress degli studenti universitari

Uno studio recentemente pubblicato su Frontiers in Psychology ha indagato gli eventuali effetti del Training Attentivo (Attention Training Tecnique – ATT) sullo stress, in un campione di studenti universitari di età compresa tra i 19 e i 43 anni.   Secondo il Self-Regulatory Executive Function model (S-REF) di Wells e

Internet e cervello: l’influenza sulle nostre capacità cognitive
Neuroscienze Psicologia

Internet e cervello: l’influenza sulle nostre capacità cognitive

In un mondo in cui siamo costantemente connessi e perennemente “online” è impossibile non credere che questo massiccio uso di internet non abbia alcuna conseguenza sulla nostra persona.   Internet è la forma di tecnologia più diffusa e rapidamente adottata della storia dell’umanità. Nell’arco di poche decadi, l’uso di Internet

Quando la curiosità non uccide il gatto ma riduce l’incertezza
Psicologia

Quando la curiosità non uccide il gatto ma riduce l’incertezza

Nonostante la curiosità costituisca un ottimo motore per la messa in atto di un comportamento, poco si sa a proposito di ciò che la determina e del suo rapporto con i processi cognitivi, decisionali e attentivi: cosa infatti ci porta ad essere desiderosi di conoscere qualcosa tralasciando altro?   Gli

L’attenzione come antidoto alle Fake News
Attualità Psicologia

L’attenzione come antidoto alle Fake News

Le fake news, più comunemente chiamate bufale, sono notizie volutamente inventate il cui intento è quello di danneggiare e/o screditare un individuo (o gruppi di individui) per fini molto spesso di natura politica, ma non solo.    Oggi stiamo assistendo a una crescita esponenziale di queste notizie false, la cui

Quando si dice “stare in un bell’ambiente”: la nuova promessa delle Neuroscienze
Neuroscienze

Quando si dice “stare in un bell’ambiente”: la nuova promessa delle Neuroscienze

Le neuroscienze ambientali aspirano a costruire più recenti e comprensivi modelli teorici in grado di descrivere le relazioni tra fattori ambientali e aspetti psicologici cognitivi (memoria, attenzione, funzioni esecutive), con dati provenienti da neuroimaging, dall’epigenetica, dalle neuroscienze molecolari-cellulari e dai sistemi genetici.   Gli ambienti fisici e i contesti sociali

Ruminazione: perché errare è umano mentre perseverare è…ruminare sull’errore
Psicologia Psicoterapia

Ruminazione: perché errare è umano mentre perseverare è…ruminare sull’errore

Maggio 2018, seconda prova di campionato regionale, coppia 4 clavette categoria junior-senior: Alice e Giulia, 13 anni, pronte a bordo pedana, buone probabilità di arrivare sul podio. Valentina Vannucci e Alessandra Pedicelli   Le gambe che tremano, l’asciugamano sfregato compulsivamente tra le mani per non far scivolare gli attrezzi, le

Una scala attentiva per la dimensione degli oggetti
Neuroscienze Psicologia

Una scala attentiva per la dimensione degli oggetti

Uno studio di Collegio e colleghi, recentemente apparso su Nature Human Behaviour, mostra come l’inferenza, fatta dagli individui, circa la dimensione reale di un oggetto sia in grado di influenzare il modo in cui essi stessi allocano l’attenzione nello spazio in cui è presente un disegno dell’oggetto preso in considerazione.

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?
Neuroscienze

Perché notiamo più rapidamente una voce aggressiva rispetto ad una normale o felice?

Cosa succede al nostro cervello di fronte a un segnale minaccioso, come per esempio un’espressione di rabbia o una voce aggressiva? L’Università di Ginevra ha pubblicato una ricerca riguardante l’attività cerebrale durante il processamento di diversi stimoli vocali emotivi.   I risultati di tale studio evidenziano un meccanismo che ci permette

Stigma e disfunzioni cognitive in pazienti con HIV: quale relazione?
Psicologia

Stigma e disfunzioni cognitive in pazienti con HIV: quale relazione?

Lo stigma sociale sembra compromettere alcune capacità cognitive, quali memoria e attenzione, in un gruppo di uomini anziani che convivono da anni con il virus dell’ HIV. Adriano Mauro Ellena   A più di 30 anni dalle prime diagnosi di AIDS e dalla scoperta del coinvolgimento del virus dell’ HIV,

Come le nostre aspettative influenzano percezione, attenzione e apprendimento
Psicologia

Come le nostre aspettative influenzano percezione, attenzione e apprendimento

È ormai noto e conosciuto il principio per cui impariamo dall’esperienza e costruiamo aspettative circa il nostro futuro. Tuttavia esse sono in grado di influenzare il nostro apprendimento dando priorità a informazioni ambientali che le vanno a confermare in un circolo distorto che si autoalimenta.   Le aspettative inoltre influenzano

Gli effetti della risposta allo stress sulla memoria
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Gli effetti della risposta allo stress sulla memoria

Il concetto di stress, la cui natura è primariamente fisiologica, ha oggigiorno assunto un significato multiforme ed è entrato a far parte della quotidianità della maggior parte degli individui, anche per le conseguenze su memoria e attenzione.   È indubbio che le richieste ambientali della nostra modernità abbiano condotto a

ADHD: troppe diagnosi o processo diagnostico complesso?
Psicologia

ADHD: troppe diagnosi o processo diagnostico complesso?

I bambini con ADHD hanno un deficit evolutivo che interessa i circuiti cerebrali correlati all’ inibizione e all’autocontrollo. Il Disturbo da Deficit dell’Attenzione dell’Iperattività (DDAI) meglio conosciuta come ADHD, è uno dei disturbi del neurosviluppo più frequenti e più studiati. Ilaria Perrucci e Francesca Lazzerini – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva

Come alleggeriamo il nostro carico cognitivo: il Cognitive Offloading
Psicologia

Come alleggeriamo il nostro carico cognitivo: il Cognitive Offloading

Ci sono diversi modi in cui possiamo liberare la nostra mente dal carico cognitivo richiestoci nello svolgimento di un compito attraverso l’uso dell’azione fisica: il Cognitive Offloading può essere attuato agendo su noi stessi (sul nostro corpo), sul mondo e gli oggetti esterni oppure sugli altri esseri umani. Giuseppe Rabini

La psicoterapia è un’avventura. Un nuovo approccio alla cura del sé che passa dal contatto con la natura e le attività all’aperto
Psicoterapia

La psicoterapia è un’avventura. Un nuovo approccio alla cura del sé che passa dal contatto con la natura e le attività all’aperto

Nella Terapia dell’Avventura, l’avventura non è intesa solo come divertimento ma è pensata come un fare esperienza che mira ad avere profondi benefici terapeutici e permette di apprendere lezioni di vita preziose, come l’importanza di cooperare con gli altri, lavorare in gruppo e superare i propri limiti. Alessandra Basso  

Multitasking: un’abitudine sempre più diffusa. Dovremmo preoccuparci?
Psicologia

Multitasking: un’abitudine sempre più diffusa. Dovremmo preoccuparci?

Lo facciamo in maniera inconsapevole, rapida, veloce, ma il multitasking è un fenomeno molto più complesso di quello che può apparire.   A ciascuno di noi capita ogni giorno di essere immerso in un’innumerevole quantità di azioni e compiti differenti; non sempre questi si susseguono in maniera ordinata nella nostra

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario