Graded Motor Imagery per il trattamento del dolore cronico

GRADED MOTOR IMAGERY per il dolore cronico disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria

ID Articolo: 116912 - Pubblicato il: 08 gennaio 2016
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Negli ultimi 10 anni le ricerche nel campo delle neuroscienze hanno portato novità importanti nella comprensione del ruolo del cervello nel dolore cronico.

Sono sempre più numerosi gli studi che evidenziano come il dolore cronico sia associato ad una riorganizzazione della corteccia sensoriale primaria (Flor et al., 1995, 1997). I pazienti con dolore cronico presentano un’alterazione della rappresentazione corticale somatotopica e anche della capacità di integrare gli stimoli percettivi con la rappresentazione e la discriminazione spaziale tra il lato affetto e quello sano.
Risultano compromesse anche le performance motorie volontarie. Altri studi mostrano che questi cambiamenti non sono irreversibili: per esempio i campi della corteccia sensitiva si possono modificare tramite stimoli tattili che hanno anche una rilevanza comportamentale (scrittura braille, Florence et al., 1997).
L’applicazione clinica di questi studi ha visto la messa a punto di trattamenti specifici che hanno come obiettivo diretto la riduzione del dolore attraverso una riorganizzazione corticale.

La Graded Motor Imagery (GMI) è uno di questi trattamenti: il suo obiettivo è quello di coinvolgere in maniera graduale le cortecce motorie senza attivare le risposte protettive del dolore. Vengono applicati i principi fisioterapici dell’aumento graduale delle attività, adattati in modo da influenzare sia il sistema nocicettivo ipersensibilizzato, sia i meccanismi corticali alterati già menzionati.

L’utilizzo del feedback visivo con lo specchio è un tipo di trattamento ben conosciuto e validato, introdotto dall’équipe di Ramachandran e colleghi nel 1992, per il trattamento dell’arto fantasma e dell’emiparesi conseguente a stroke (review di Ramachandran & Altshuler, 2009).

Pur essendo l’approccio GMI molto più “giovane”, è stata verificata la sua efficacia nel trattamento della CRPS, e vi sono risultati incoraggianti anche per il trattamento di altre condizioni di dolore cronico (Moseley et al., 2004, 2006).

Moseley e Butler hanno proposto due innovative definizioni del dolore, che aiutano a capire il “terreno teorico” in cui affonda le radici l’approccio GMI. La prima (Moseley, 2003) descrive il dolore come “il prodotto di diversi sistemi, che viene costruito sulla base della specifica “firma neurale” individuale del dolore. Tale “firma neurale” è costruita ogni volta che il cervello conclude che i tessuti corporei sono in pericolo ed è necessario un intervento.

Il dolore è un riferimento anatomico localizzato nel cervello”. Da sottolineare che il dolore è concepito come un prodotto che viene costruito dal cervello (piuttosto che soltanto uno stimolo che viene percepito ed elaborato). La definizione più recente (Moseley & Butler, 2015) fà un ulteriore passo avanti descrivendo il dolore come “un’inferenza percettiva, tramite la quale l’esperienza è considerata un risultato nella coscienza che riflette la migliore stima di ciò che sarà una risposta vantaggiosa. La tendenza è quella di sovrastimare il pericolo e di conseguenza eccedere in comportamenti protettivi.”

GRADED MOTOR IMAGERY nel dolore cronicoConsigliato dalla Redazione

GRADED MOTOR IMAGERY disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Ultimi articoli pubblicati

L’ABC del coronavirus in dialetto napoletano
Attualità Psicologia

L’ABC del coronavirus in dialetto napoletano

Tradurre in dialetto napoletano l’ABC -come ha fatto il collega Diego Sarracino- ha le sue difficoltà ma anche i suoi vantaggi. L’ABC, come alcuni sanno, è uno strumento di valutazione dei pensieri disfunzionali, quelli che non ci aiutano ad affrontare le situazioni e che ci fanno stare male. Lo svantaggio

Prevenzione del suicidio e valutazione del rischio: l’importanza della formazione
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Prevenzione del suicidio e valutazione del rischio: l’importanza della formazione

Il suicidio è tra le prime cause di morte a livello mondiale, più della malaria, del cancro al seno, della guerra e degli omicidi (Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, 2019), la seconda causa di morte fra gli individui fra i 15 ed i 29 anni.   Ogni 40 secondi qualcuno

Aspetti psicologici e esperienze di cura nella maternità omogenitoriale delle donne lesbiche con l’utilizzo delle nuove tecnologie riproduttive
Psicologia

Aspetti psicologici e esperienze di cura nella maternità omogenitoriale delle donne lesbiche con l’utilizzo delle nuove tecnologie riproduttive

Gli studi condotti sulla omogenitorialità si sono focalizzati principalmente sulle abilità genitoriali e il benessere psicologico dei bambini (APA, 2005; Short et al., 2007). Ciò su cui invece si è poco discusso, sebbene ci sia stato un aumento degli studi che si concentrano sulla popolazione LGBTQ, è la comunità lesbica, che rimane

Whatsapp e benessere organizzativo
Attualità Psicologia

Whatsapp e benessere organizzativo

La rivoluzione digitale ha prodotto strumenti di comunicazione sempre più sofisticati che hanno portato alla transizione dai media tradizionali ai nuovi media, come Whatsapp. Quali sono le implicazioni di questo passaggio? Com’è cambiato il modo di comunicare?   La Psicologia Positiva (Seligman & Csikszentmihalyi, 2014) ha rivoluzionato il nostro modo

Orgasmo femminile: tempo medio per raggiungerlo e variabili di influenza
Psicologia

Orgasmo femminile: tempo medio per raggiungerlo e variabili di influenza

L’orgasmo femminile è un fenomeno complesso, sopratutto quando si cercano di analizzare le variabili connesse al tempo per raggiungerlo. Quanto aspetti come l’età, la durata della relazione e la posizione durante il rapporto possono influenzare la latenza orgasmica?   L’orgasmo femminile è uno degli argomenti meno compresi e più controversi

Daniel Freeman e l’Oxford VR – gameChange: un nuovo progetto sull’uso delle nuove tecnologie
Psicologia Psicoterapia

Daniel Freeman e l’Oxford VR – gameChange: un nuovo progetto sull’uso delle nuove tecnologie

Il Therapeutic Realistic Immersive Virtual Environments (THRIVE) è il primo dei progetti gameChange e si propone di fornire ai pazienti con psicosi dei coach virtuali in grado di seguirli nelle situazioni disturbanti, aiutandoli a superare le proprie paure.   Oxford VR, una società affiliata all’Università di Oxford, già presentata nei precedenti

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza e la teoria del cambiamento come diretto corollario
Psicologia

Le quattro premesse della teoria sterniana dell’esperienza e la teoria del cambiamento come diretto corollario

Stern propone delle tesi che non possono essere considerate come sue esclusive invenzioni, tuttavia, la scelta dell’autore di fondare il proprio paradigma scientifico su tali premesse consente di mettere in discussione alcuni assunti fondamentali propri di importanti scuole di pensiero, come la psicoanalisi e il cognitivismo. Il presente contributo è

Metaemozioni
Psicologia

Metaemozioni

Così come le emozioni ci informano riguardo ad eventi rilevanti per il raggiungimento (o evitamento) di obiettivi personali (Lazarus, 1991), allo stesso modo anche le meta-emozioni sono esplicative di ulteriori obiettivi salienti per l’individuo: gli individui sembrano avere in questo senso degli ‘obiettivi circa le emozioni’ (Gross, 2014).   Tutti

Macbeth: le cose nascoste – La psicoanalisi in scena nella riscrittura della tragedia shakespeariana
Psicologia

Macbeth: le cose nascoste – La psicoanalisi in scena nella riscrittura della tragedia shakespeariana

Sul palco, un analista ha scomposto un testo e poi ne è stato assorbito. Fuori, oggi usiamo strumenti del teatro nelle nostre stanze di terapeuti. Giochi di ruolo li chiamiamo, memorie vere messe in scena così che la sofferenza sgorghi potente. Tratto dal Corriere della Sera del 18 Gennaio 2020

L’interindividualità ai tempi del COVID-19: tra limite e risorse
Attualità Psicologia

L’interindividualità ai tempi del COVID-19: tra limite e risorse

La relazione assume un valore imprescindibile e un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’essere umano, dal momento che l’individualità non può ontologicamente prescindere dalla relazionalità. Quali possono essere le conseguenze della privazione di libertà che gli individui vivono oggi? Quale ruolo possono avere gli strumenti tecnologici a nostra disposizione?    Osservando

Ansia sociale. Clinica e terapia in una prospettiva cognitivista integrata (2019) a cura di P. Grimaldi – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Ansia sociale. Clinica e terapia in una prospettiva cognitivista integrata (2019) a cura di P. Grimaldi – Recensione del libro

Gli autori nel lavoro di stesura del manuale Ansia sociale (a cura di Pietro Grimaldi) hanno cercato, riuscendoci in maniera chiara e ben articolata nelle argomentazioni, di integrare all’interno di un unico modello psicopatologico ricerche e modelli altri provenienti da ambiti diversi.   La sintesi proposta spiega lo sviluppo e

Gli effetti psicologici della quarantena
Attualità Psicologia

Gli effetti psicologici della quarantena

L’epidemia di Covid-19 che ha colpito così duramente il nostro paese ha fatto in modo che le nostre nostre abitudini, che ci sembravano così scontate, siano state improvvisamente stravolte e profondamente modificate.   Purtroppo per contenere l’espansione incontrollata dell’epidemia, il governo è stato costretto a prendere misure drastiche che hanno

BDSM: uno studio pilota sui meccanismi biologici alla base della dominazione e della sottomissione
Neuroscienze Psicologia

BDSM: uno studio pilota sui meccanismi biologici alla base della dominazione e della sottomissione

Uno studio pilota pubblicato il mese scorso su The Journal of Sexual Medicine tratta del BDSM e dei possibili meccanismi biologici che fanno sì che una persona ne sia appagata (Wuyts et al., 2020).   BDSM (Bondage, Domination/Discipline, Sadism, Masochism) è un’abbreviazione che viene utilizzata in riferimento alle pratiche di

Le competenze genitoriali in donne vittime di violenza
Psicologia

Le competenze genitoriali in donne vittime di violenza

Uno stile familiare caratterizzato da violenza di genere influenza la quotidianità dei figli, qualificandosi come una modalità relazionale pervasiva e prevaricante che influenza il pensiero e il modo di relazionarsi del bambino, provocando un apprendimento distorto circa lo stare insieme e le relazioni affettive e interpersonali. Concetta Di Gioia e

“FACE COVID”: il contributo di Russ Harris. Traduzione italiana a cura di Salvatore Torregrossa
Attualità Psicologia

“FACE COVID”: il contributo di Russ Harris. Traduzione italiana a cura di Salvatore Torregrossa

‘FACE COVID’ è una guida ideata da Russ Harris contenente una serie di passaggi pratici per rispondere efficacemente alla crisi Coronavirus, utilizzando l’ACT (Terapia dell’Accettazione e dell’Impegno).   Il presente articolo ha come finalità quella di divulgare un protocollo di auto-aiuto ispirato ai principi dell’ACT (Acceptance and Commitment Therapy) in

Lo svincolo dalla famiglia di origine: i corsi e i ricorsi
Psicologia

Lo svincolo dalla famiglia di origine: i corsi e i ricorsi

Il dramma dei legami familiari, dei passaggi generazionali e della trasgressione trova ampio spazio nelle opere di Hugo poiché la storia della sua famiglia è contraddistinta da ambivalenza nei confronti dei legami affettivi che, da un lato, portano rottura e disgrazia e, dall’altro, conducono alla follia.   Ciò che emerge

Ossitocina, somministrazione e utilità
Neuroscienze Psicologia

Ossitocina, somministrazione e utilità

Negli ultimi anni ci si è interessati al potenziale utilizzo dell’ossitocina per aiutare a superare le difficoltà sociali. Quanto il metodo di somministrazione di questo ormone riesce ad influenzare l’effetto desiderato?   L’ossitocina è un ormone conosciuto per il suo ruolo nel parto e nell’allattamento. Durante il parto, infatti, nell’utero

ABC del COVID-19: l’intervento CBT/REBT su emozioni e comportamenti disfunzionali legati al restare a casa
Attualità Psicoterapia

ABC del COVID-19: l’intervento CBT/REBT su emozioni e comportamenti disfunzionali legati al restare a casa

La tecnica ABC applicata all’emergenza Coronavirus. Lo schema dell’intervento CBT/REBT per aiutare i pazienti a gestire emozioni e comportamenti disfunzionali derivanti dal restare a casa. Infografica realizzata dall’ Istituto REBT Studi Cognitivi   Restare a casa – Intervento CBT/REBT :   Staying at home – CBT/REBT Intervention:    

Il ruolo del temperamento nella pratica sportiva e nella dipendenza da esercizio fisico
Psicologia

Il ruolo del temperamento nella pratica sportiva e nella dipendenza da esercizio fisico

Due studi hanno indagato la connessione tra temperamento ed esercizio fisico. In particolare, si analizza l’influenza del temperamento in una prospettiva a lungo termine (dall’infanzia all’adolescenza), nell’eccessiva attività fisica e nei disturbi alimentari. Sara Bocazza e Alberto Morandi – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Bolzano   Il concetto di

Lion. La strada verso casa – La LIBET nelle narrazioni
Psicologia Psicoterapia

Lion. La strada verso casa – La LIBET nelle narrazioni

L’appassionante storia di Saroo, un ragazzo indiano alla disperata ricerca delle proprie origini dopo il processo d’invalidazione che manda in crisi il suo piano semiadattivo prudenziale di evitamento del tema doloroso. La LIBET nelle narrazioni – (Nr. 11) Lion   Attenzione, l’articolo può contenere spoiler! Lion è un film del 2017

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario