Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Graded Motor Imagery per il trattamento del dolore cronico

GRADED MOTOR IMAGERY per il dolore cronico disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria

ID Articolo: 116912 - Pubblicato il: 08 gennaio 2016
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Negli ultimi 10 anni le ricerche nel campo delle neuroscienze hanno portato novità importanti nella comprensione del ruolo del cervello nel dolore cronico.

Sono sempre più numerosi gli studi che evidenziano come il dolore cronico sia associato ad una riorganizzazione della corteccia sensoriale primaria (Flor et al., 1995, 1997). I pazienti con dolore cronico presentano un’alterazione della rappresentazione corticale somatotopica e anche della capacità di integrare gli stimoli percettivi con la rappresentazione e la discriminazione spaziale tra il lato affetto e quello sano.
Risultano compromesse anche le performance motorie volontarie. Altri studi mostrano che questi cambiamenti non sono irreversibili: per esempio i campi della corteccia sensitiva si possono modificare tramite stimoli tattili che hanno anche una rilevanza comportamentale (scrittura braille, Florence et al., 1997).
L’applicazione clinica di questi studi ha visto la messa a punto di trattamenti specifici che hanno come obiettivo diretto la riduzione del dolore attraverso una riorganizzazione corticale.

La Graded Motor Imagery (GMI) è uno di questi trattamenti: il suo obiettivo è quello di coinvolgere in maniera graduale le cortecce motorie senza attivare le risposte protettive del dolore. Vengono applicati i principi fisioterapici dell’aumento graduale delle attività, adattati in modo da influenzare sia il sistema nocicettivo ipersensibilizzato, sia i meccanismi corticali alterati già menzionati.

L’utilizzo del feedback visivo con lo specchio è un tipo di trattamento ben conosciuto e validato, introdotto dall’équipe di Ramachandran e colleghi nel 1992, per il trattamento dell’arto fantasma e dell’emiparesi conseguente a stroke (review di Ramachandran & Altshuler, 2009).

Pur essendo l’approccio GMI molto più “giovane”, è stata verificata la sua efficacia nel trattamento della CRPS, e vi sono risultati incoraggianti anche per il trattamento di altre condizioni di dolore cronico (Moseley et al., 2004, 2006).

Moseley e Butler hanno proposto due innovative definizioni del dolore, che aiutano a capire il “terreno teorico” in cui affonda le radici l’approccio GMI. La prima (Moseley, 2003) descrive il dolore come “il prodotto di diversi sistemi, che viene costruito sulla base della specifica “firma neurale” individuale del dolore. Tale “firma neurale” è costruita ogni volta che il cervello conclude che i tessuti corporei sono in pericolo ed è necessario un intervento.

Il dolore è un riferimento anatomico localizzato nel cervello”. Da sottolineare che il dolore è concepito come un prodotto che viene costruito dal cervello (piuttosto che soltanto uno stimolo che viene percepito ed elaborato). La definizione più recente (Moseley & Butler, 2015) fà un ulteriore passo avanti descrivendo il dolore come “un’inferenza percettiva, tramite la quale l’esperienza è considerata un risultato nella coscienza che riflette la migliore stima di ciò che sarà una risposta vantaggiosa. La tendenza è quella di sovrastimare il pericolo e di conseguenza eccedere in comportamenti protettivi.”

GRADED MOTOR IMAGERY nel dolore cronicoConsigliato dalla Redazione

GRADED MOTOR IMAGERY disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Ultimi articoli pubblicati

Ridere in terapia: le funzioni della risata in psicoterapia
Psicologia Psicoterapia

Ridere in terapia: le funzioni della risata in psicoterapia

La risata rappresenta un arcaico segnale comunicativo di grande rilevanza per le interazioni sociali ed è spesso associata a diversi costrutti come il temperamento, lo stato emotivo e l’empatia. Come si colloca la risata nel contesto della psicoterapia?   Negli ultimi decenni l’umorismo è stato oggetto di una sempre maggiore

La comprensione della malattia nei bambini
Psicologia

La comprensione della malattia nei bambini

I bambini vivono la malattia come una sorta di “pausa dolorosa” nella loro normale vita fatta di giochi, interazioni sociali, impegni. Per i bambini vivere un periodo di malattia vuol dire interrompere la loro continua ricerca di serenità, svago, momenti di crescita.   La malattia assume un significato diverso a

L’arte di volerti bene (2020) di Alberto Simone – Recensione del libro
Psicologia

L’arte di volerti bene (2020) di Alberto Simone – Recensione del libro

L’arte di volerti bene tratta un tema che alterna spazi e tempi assoluti, si svolge tra dolore e ironia, precarietà e perfetta lucidità nella fedele, costante ed inalterabile fiducia nell’uomo.   L’arte di volerti bene di Alberto Simone (Tea Edizioni, 2020) è un invito purificatore all’arte della cura, una saggia

Fino a che punto le persone sono disposte a sostenere le proprie menzogne?
Psicologia

Fino a che punto le persone sono disposte a sostenere le proprie menzogne?

Uno studio di pochi anni fa ha esaminato se, e in che misura, una persona che ha detto una bugia ha continuato a impegnarsi per mentire e se le sue azioni future sarebbero state influenzate da tale impegno anche a costo di rinunciare a qualche profitto.   Ci sono molte

Joker (2019) e le conseguenze dei vissuti traumatici nell’età adulta – Recensione del film
Psicologia

Joker (2019) e le conseguenze dei vissuti traumatici nell’età adulta – Recensione del film

Un artista sull’orlo del fallimento, talentuoso, ma tremendamente insicuro, con trascorsi tutt’altro che lieti e un funzionamento mentale instabile, Arthur Fleck non è diventato Joker dall’oggi al domani, ma ha subìto una lenta e progressiva discesa dalla sua infanzia per esplodere nell’età adulta.   Sempre sorridente, la madre lo chiama

Mente e corpo sono tra loro collegati? Un dialogo tra psicologia e osteopatia
Psicologia

Mente e corpo sono tra loro collegati? Un dialogo tra psicologia e osteopatia

L’Osteopatia è un sistema di diagnosi e trattamento che si dimostra efficace per la prevenzione, la valutazione e il trattamento di disturbi che interessano non solo l’apparato neuro-muscolo-scheletrico ma anche cranio-sacrale e viscerale (WHO, 2008).   Da tempo è stato accertato ed accettato che il funzionamento psichico e quello somatico

I fondamenti emotivi della personalità (2020) di Jaak Panksepp e Kenneth L. Davis – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

I fondamenti emotivi della personalità (2020) di Jaak Panksepp e Kenneth L. Davis – Recensione del libro

Panksepp e il suo allievo Davis ci raccontano come, partendo dalla teoria evoluzionistica di Darwin, si sia sviluppato un modello della personalità dell’uomo che si basa su sistemi emotivi ereditati nel corso dell’evoluzione.   Vi farebbe piacere sapere che voi e il vostro pesce rosso in fondo avete un carattere

La teoria dell’attaccamento e la teoria della differenziazione del Sé: quale influenza nelle relazioni amorose?
Psicologia

La teoria dell’attaccamento e la teoria della differenziazione del Sé: quale influenza nelle relazioni amorose?

Lo stile di attaccamento e la differenziazione del sé, i bisogni di intimità e quelli di autonomia sono tutti fattori centrali nel processo di sviluppo individuale. Come influenzano le relazioni amorose?   La teoria dell’attaccamento (Ainsworth, 1989; Bowlby, 1969) e la teoria del sistema famiglia di Bowen (Bowen, 1978; Kerr,

La dermatite atopica: la comunicazione somatopsichica
Psicologia

La dermatite atopica: la comunicazione somatopsichica

Nei pazienti con dermatite atopica sono frequenti quadri psicologici di depressione e ansia. Un trattamento psicologico, associato alle cure mediche, sembrerebbe essere di aiuto nella riduzione del livello dell’ansia e nel miglioramento delle condizioni della pelle.   Alexander Lowen diceva che non esistono parole più chiare del linguaggio del corpo,

Benefici dell’attività fisica sull’invecchiamento cognitivo. Come l’attività fisica incide sulle caratteristiche cognitive e psicologiche degli anziani
Psicologia

Benefici dell’attività fisica sull’invecchiamento cognitivo. Come l’attività fisica incide sulle caratteristiche cognitive e psicologiche degli anziani

E’ stato segnalato l’effetto positivo sull’invecchiamento di un regolare allenamento fisico che sembrerebbe migliorare l’umore, alleviare l’ansia e la depressione, e migliorare le funzioni cognitive globali come memoria, attenzione, inibizione e velocità di elaborazione. Daniela Renzi – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del Tronto   La vita media si

Judith Beck e la concettualizzazione cognitiva – Report dal Congresso EABCT 2020
Psicoterapia

Judith Beck e la concettualizzazione cognitiva – Report dal Congresso EABCT 2020

Judith Beck è una presenza che in questi ultimi anni si è resa sicuramente partecipe nei principali congressi europei delle società CBT.   Lo scorso anno al WCBCT di Berlino ha condotto un Workshop precongressuale sulla CBT dei disturbi di personalità e un workshop intracongressuale in cui ha presentato il

A cerchi concentrici. La complessità della perdita perinatale e le sue perturbazioni (2018) di Gandino, Vanni e Bernaudo – Recensione del libro
Psicologia

A cerchi concentrici. La complessità della perdita perinatale e le sue perturbazioni (2018) di Gandino, Vanni e Bernaudo – Recensione del libro

A cerchi concentrici di Gandino, Vanni e Bernaudo è un testo innovativo, non solo perché approccia un fenomeno poco trattato e discusso come quello del lutto perinatale, ma ancor più perché estende il focus di indagine alla coppia, alla famiglia allargata e al contesto socioculturale in cui prende forma la

La paura dell’intimità nelle relazioni amorose e i fattori ad essa associati
Psicologia

La paura dell’intimità nelle relazioni amorose e i fattori ad essa associati

Il rivelare aspetti di Sé al partner e il considerare la relazione come qualcosa di importante ed indispensabile possono portare l’individuo a sviluppare una maggior vulnerabilità, ossia ad essere sempre più assorbito dalla relazione e soffrire maggiormente per la sua eventuale interruzione.   L’intimità all’interno delle relazioni è considerata come

Psicologia applicata al soccorso: il trauma
Psicologia

Psicologia applicata al soccorso: il trauma

Non tutti gli eventi negativi sono traumatici e non tutti gli eventi traumatici generano sintomi post-traumatici e sofferenza psicologica intensa. Tuttavia, quando alcuni eventi espongono l’individuo a una grande minaccia si possono innescare delle risposte fisiologiche di difesa che restano attive più del necessario e lasciano l’individuo “bloccato” nel tempo

La clinica e il web (2020) di Gianfranco Manfrida, Valentina Albertini e Erica Eisenberg – Recensione del libro
Attualità Psicologia Psicoterapia

La clinica e il web (2020) di Gianfranco Manfrida, Valentina Albertini e Erica Eisenberg – Recensione del libro

Avere un attaccamento acritico a consuetudini e idealizzazioni sul setting terapeutico e contrastare tout court la terapia online è un atteggiamento anacronistico. Il progresso tecnico e scientifico deve essere considerato un alleato del terapeuta e non un nemico.   Come psicoterapeuti, non possiamo ignorare gli strumenti che abbiamo a disposizione

Facci caso (2020) di Gennaro Romagnoli – Recensione del libro
Psicologia

Facci caso (2020)  di Gennaro Romagnoli – Recensione del libro

Questo volume si potrebbe definire come una palestra per l’attenzione, un amplificatore di consapevolezza, un concentrato di pratici tips & tricks orientati alla crescita personale.   Nella recensione a seguire si è preferito non entrare dettagliatamente nei contenuti del libro – che sono tanti e interessanti – piuttosto si darà

Training Metacognitivo per il DOC – Gli effetti delle singole sessioni
Psicoterapia

Training Metacognitivo per il DOC – Gli effetti delle singole sessioni

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) è un disturbo psichiatrico con una prevalenza nel corso di vita del 2-3% (Kessler et al., 2012), caratterizzato da ossessioni e compulsioni (Kim et al., 2016).   Il Training Metacognitivo per il Disturbo Ossessivo Compulsivo (MCT-OCD; Jelinek et al., 2018) è una trattamento di gruppo specifico

Monogamia e tradimenti: una serie di Roberto Lorenzini – Introduzione
Cultura Psicologia

Monogamia e tradimenti: una serie di Roberto Lorenzini – Introduzione

Pubblichiamo con piacere una serie di articoli del collaboratore di lunga data di State of Mind Roberto Lorenzini, psichiatra e psicoterapeuta cognitivo. La serie è dedicata a un tema affascinante e stuzzicante: la monogamia e tutte le sue implicazioni psicologiche, affettive, relazionali e, perché no, sessuali. Non si tratta di

Motor imagery nel calcio a 11
Psicologia

Motor imagery nel calcio a 11

Lo studio di Seif-Barghi et al. (2012) ha dato il via ad una serie di ricerche, che prevedono l’inserimento all’interno del normale allenamento di calcio, di un training specifico di immaginazione motoria. Introduzione Il concetto di immaginazione è applicato in diversi settori (es. educativi, scolastici). Nell’ambito sportivo l’immaginazione è descritta

Comprendere i bambini. Sviluppo ed educazione nei primi tre anni (2019) di Silvana Quattrocchi Montanaro – Recensione del libro
Psicologia

Comprendere i bambini. Sviluppo ed educazione nei primi tre anni (2019) di Silvana Quattrocchi Montanaro – Recensione del libro

Il libro Comprendere i bambini di Silvana Quattrocchi Montanaro, medico e docente di neuropsichiatria infantile scomparsa alcuni anni fa, va a coniugare la psicologia dello sviluppo con i capisaldi del metodo educativo montessoriano di cui era una delle maggiori esponenti a livello nazionale.   Tra gli aspetti centrali dell’opera troviamo

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario