Centri Clinici

Graded Motor Imagery per il trattamento del dolore cronico

GRADED MOTOR IMAGERY per il dolore cronico disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria

ID Articolo: 116912 - Pubblicato il: 08 gennaio 2016
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Negli ultimi 10 anni le ricerche nel campo delle neuroscienze hanno portato novità importanti nella comprensione del ruolo del cervello nel dolore cronico.

Sono sempre più numerosi gli studi che evidenziano come il dolore cronico sia associato ad una riorganizzazione della corteccia sensoriale primaria (Flor et al., 1995, 1997). I pazienti con dolore cronico presentano un’alterazione della rappresentazione corticale somatotopica e anche della capacità di integrare gli stimoli percettivi con la rappresentazione e la discriminazione spaziale tra il lato affetto e quello sano.
Risultano compromesse anche le performance motorie volontarie. Altri studi mostrano che questi cambiamenti non sono irreversibili: per esempio i campi della corteccia sensitiva si possono modificare tramite stimoli tattili che hanno anche una rilevanza comportamentale (scrittura braille, Florence et al., 1997).
L’applicazione clinica di questi studi ha visto la messa a punto di trattamenti specifici che hanno come obiettivo diretto la riduzione del dolore attraverso una riorganizzazione corticale.

La Graded Motor Imagery (GMI) è uno di questi trattamenti: il suo obiettivo è quello di coinvolgere in maniera graduale le cortecce motorie senza attivare le risposte protettive del dolore. Vengono applicati i principi fisioterapici dell’aumento graduale delle attività, adattati in modo da influenzare sia il sistema nocicettivo ipersensibilizzato, sia i meccanismi corticali alterati già menzionati.

L’utilizzo del feedback visivo con lo specchio è un tipo di trattamento ben conosciuto e validato, introdotto dall’équipe di Ramachandran e colleghi nel 1992, per il trattamento dell’arto fantasma e dell’emiparesi conseguente a stroke (review di Ramachandran & Altshuler, 2009).

Pur essendo l’approccio GMI molto più “giovane”, è stata verificata la sua efficacia nel trattamento della CRPS, e vi sono risultati incoraggianti anche per il trattamento di altre condizioni di dolore cronico (Moseley et al., 2004, 2006).

Moseley e Butler hanno proposto due innovative definizioni del dolore, che aiutano a capire il “terreno teorico” in cui affonda le radici l’approccio GMI. La prima (Moseley, 2003) descrive il dolore come “il prodotto di diversi sistemi, che viene costruito sulla base della specifica “firma neurale” individuale del dolore. Tale “firma neurale” è costruita ogni volta che il cervello conclude che i tessuti corporei sono in pericolo ed è necessario un intervento.

Il dolore è un riferimento anatomico localizzato nel cervello”. Da sottolineare che il dolore è concepito come un prodotto che viene costruito dal cervello (piuttosto che soltanto uno stimolo che viene percepito ed elaborato). La definizione più recente (Moseley & Butler, 2015) fà un ulteriore passo avanti descrivendo il dolore come “un’inferenza percettiva, tramite la quale l’esperienza è considerata un risultato nella coscienza che riflette la migliore stima di ciò che sarà una risposta vantaggiosa. La tendenza è quella di sovrastimare il pericolo e di conseguenza eccedere in comportamenti protettivi.”

GRADED MOTOR IMAGERY nel dolore cronicoConsigliato dalla Redazione

GRADED MOTOR IMAGERY disfunzione sensoriale, componente educativa, attivazione motoria (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Ultimi articoli pubblicati

L’arrivo di una nuova vita: la nascita di una mamma e di un papà – VIDEO dal webinar di Studi Cognitivi Modena
Psicologia

L’arrivo di una nuova vita: la nascita di una mamma e di un papà – VIDEO dal webinar di Studi Cognitivi Modena

Il Centro Clinico Studi Cognitivi Modena ha organizzato un incontro informativo rivolto a tutti i futuri genitori. Pubblichiamo per i nostri lettori il video dell’evento   Durante l’incontro sono state discusse le aspettative e le credenze delle future mamme e dei futuri papà aiutandoli a condividere e normalizzare pensieri funzionali

Sharp Objects: un’analisi in chiave LIBET
Psicologia Psicoterapia

Sharp Objects: un’analisi in chiave LIBET

Sharp Objects è una miniserie televisiva statunitense del 2018, adattamento del romanzo thriller “Sulla pelle” di Gillian Flynn. Ideata da Marti Noxon e diretta da Jean-Marc Vallée, è stata candidata come miglior miniserie ai Golden Globe del 2019.  Nico Alberici – OPEN SCHOOL, Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto  

Beck e l’uso clinico del Sé dalla psicoanalisi alla terapia cognitiva – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 6
Attualità Psicoterapia

Beck e l’uso clinico del Sé dalla psicoanalisi alla terapia cognitiva – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 6

Il racconto di come Beck accertava e trattava in seduta le credenze distorte sul Sé   Beck e gli psicoanalisti dopo il 1975: una collaborazione C’è una considerazione da fare su Beck. Ed è quella dei suoi persistenti rapporti con gli psicoanalisti, anche dopo la definitiva svolta cognitiva del 1975.

Suoni e vibrazioni fantasma: il ruolo della dipendenza da dispositivi mobili
Psicologia

Suoni e vibrazioni fantasma: il ruolo della dipendenza da dispositivi mobili

Il fenomeno dei Phantom Phone Signals (Segnali Telefonici Fantasma) si caratterizza per la percezione di squilli, vibrazioni e/o stimoli visivi associati ad una chiamata o messaggio in arrivo dal telefono cellulare, in assenza di una notifica effettivamente presente (Tanis et al., 2015).   Secondo Deb (2015), questa esperienza viene avvertita

Lavorare come Psicologo del Benessere. Tecniche Psicocorporee e Immaginative (2021) di Edoardo Ercoli e Laura Gigliodoro – Recensione
Psicologia

Lavorare come Psicologo del Benessere. Tecniche Psicocorporee e Immaginative (2021) di Edoardo Ercoli e Laura Gigliodoro – Recensione

Lavorare come Psicologo del Benessere, Tecniche Psicocorporee e Immaginative, Edra Editore, è un ottimo libro di formazione.   È stato scritto a due mani da Edoardo Ercoli, Psicologo, formatore e consulente aziendale, Socio fondatore di Obiettivo Psicologia srl, e Laura Gigliodoro, Psicologa, formatrice e consulente aziendale, Docente e responsabile organizzativa

Storia dell’ipnosi: James Braid e l’ipnosi nella gestione del dolore
Psicologia

Storia dell’ipnosi: James Braid e l’ipnosi nella gestione del dolore

La rubrica della dott.ssa Nicoletta Gava procede compiendo un altro passo attraverso il XIX secolo per parlarci di James Braid: chirurgo, ricercatore e filosofo scozzese nato nel 1795 e importante innovatore nel campo dell’ipnosi.   Si tratta di una figura fondamentale che consolidò le basi di applicazione medica della disciplina

L’autorivelazione (self-disclosure) come strumento di lavoro del professionista sanitario
Psicologia Psicoterapia

L’autorivelazione (self-disclosure) come strumento di lavoro del professionista sanitario

L’autorivelazione può essere uno strumento efficace nelle mani del sanitario per abbattere le difese dietro le quali spesso i pazienti si barricano nella convinzione che nessuno possa davvero comprendere il loro stato d’animo.   L’autorivelazione, più comunemente conosciuta come self-disclosure, è una tecnica attraverso la quale il medico o il

Beck tra ricerca clinica e politica – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 5
Attualità Psicoterapia

Beck tra ricerca clinica e politica – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 5

Il racconto di come Beck fece diventare la sua terapia un trattamento efficace, finanziato dal governo e dalle assicurazioni.   La fortuna di Beck esplose anche grazie alla parallela ascesa della Evidence-Based Medicine (EBM) (Smith & Rennie, 2014). L’EBM, proprio come il DSM e il protocollo di Beck furono la

L’impatto psicologico e comportamentale della pandemia sui bambini
Attualità Psicologia

L’impatto psicologico e comportamentale della pandemia sui bambini

Bambini e Covid-19: l’avvento del Covid-19 e le sue inevitabili conseguenze hanno messo a dura prova il benessere psicologico della popolazione. L’IRCCS Gaslini si propone di indagare le ripercussioni della pandemia sui bambini e le loro famiglie.    La pandemia e le misure necessarie per il suo contenimento hanno imposto

Il possibile ruolo del Disturbo da Comportamento Sessuale Compulsivo nella sessualità promiscua di individui con Disturbo Borderline di Personalità
Psicologia

Il possibile ruolo del Disturbo da Comportamento Sessuale Compulsivo nella sessualità promiscua di individui con Disturbo Borderline di Personalità

Il Disturbo Borderline di personalità (DPB) è caratterizzato da una sintomatologia che intacca la personalità in modo pervasivo e interessa quindi molti aspetti del funzionamento dell’individuo.   Per questo motivo, sono frequenti disturbi dell’asse I in comorbidità e quindi non strutturali, ma potenzialmente temporanei, come disturbi alimentari o abuso di

L’effetto IKEA nel mangiar sano
Psicologia

L’effetto IKEA nel mangiar sano

Basandosi sull’effetto IKEA lo studio del team di Radtke ipotizza che coinvolgere i bambini nella pianificazione e preparazione dei pasti sia positivamente correlato all’assunzione di verdure.   Frutta e verdura sono una parte essenziale di una dieta equilibrata. L’assunzione di frutta e verdura, infatti, può proteggere da moltissime malattie e

Il corpo ci parla.. ma noi lo ascoltiamo? – Video dell’evento online di CIP Modena
Psicologia

Il corpo ci parla.. ma noi lo ascoltiamo? – Video dell’evento online di CIP Modena

L’incontro online Il corpo ci parla.. ma noi lo ascoltiamo? ha approfondito l’utilizzo delle tecniche di Training Autogeno.   In questa epoca di crescente malessere emotivo ed esistenziale sono sempre più frequenti i sintomi di tipo psico-emozionale (es. ansia, depressione, discontrollo emotivo, apatia, ecc,) ma anche sintomi corporei (es. cefalea,

In cosa consiste l’emozionarsi? Il concetto di corpo in relazione con l’altro
Psicologia

In cosa consiste l’emozionarsi? Il concetto di corpo in relazione con l’altro

Sono diverse le strutture ed i circuiti neuronali che si attivano con l’emozionarsi soggettivo.   Chi non ha sentito parlare della storia di Adamo ed Eva? Vivevano nel giardino dell’Eden felici e spensierati, in armonia con il resto del creato. Finché tentati dal serpente si cibarono del frutto della conoscenza:

Il tempo che non vola. Le temps vécu nell’Anoressia Nervosa
Psicologia

Il tempo che non vola. Le temps vécu nell’Anoressia Nervosa

Nell’Anoressia Nervosa le pazienti appaiono come “cristallizzate”, situazione splendidamente descritta da Federico Leoni nell’introduzione a Le temps vécu di Minkowski.   “Chiara è una ragazza bellissima, ma il suo volto appare per la maggior parte del tempo come pietrificato. Quando è distesa sulla poltrona resta immobile per ore, quasi fosse cristallizzata.

La salute mentale degli italiani. Per un ripensamento delle politiche regionali
Attualità Psicologia

La salute mentale degli italiani. Per un ripensamento delle politiche regionali

La pandemia non ha aiutato la cura della salute mentale nel nostro paese.   «Solo 60 bambini su 1.000 hanno accesso a un servizio territoriale di NPIA (Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza, ndr), e di essi solo la metà riesce ad avere risposte terapeutico-riabilitative territoriali appropriate (con estrema variabilità regionale)». A denunciarlo

Rotture evolutive. Psicoanalisi dei breakdown e delle soluzioni difensive (2021) di Anna Maria Nicolò – Recensione
Psicologia

Rotture evolutive. Psicoanalisi dei breakdown e delle soluzioni difensive (2021) di Anna Maria Nicolò – Recensione

Soprattutto ad inizio terapia, come afferma l’autrice di Rotture evolutive, è necessario lavorare sull’acquisizione e il rinforzo della fiducia del paziente, che prima si fida e poi si affida.   Prendendo spunto dal suo primo caso di psicoterapia, durante il periodo di specializzazione, con la supervisione del Dr. Arnaldo Novelletto,

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e benzodiazepine nel trattamento del disturbo di panico: confronto tra i rispettivi effetti collaterali
Psichiatria

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e benzodiazepine nel trattamento del disturbo di panico: confronto tra i rispettivi effetti collaterali

Le benzodiazepine (BDZ) e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) si sono dimostrati entrambi efficaci nel trattamento farmacologico del disturbo di panico (DP).   Tuttavia, le linee guida sul trattamento favoriscono gli SSRI rispetto alle benzodiazepine, sulla base della convinzione che quest’ultime siano associate ad effetti collaterali più

Beck tra standardizzazione dei trattamenti e relazione paritaria col paziente – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 4
Attualità Psicoterapia

Beck tra standardizzazione dei trattamenti e relazione paritaria col paziente – 100 anni di Aaron T. Beck – Parte 4

Il racconto di come la psicoterapia cognitiva di Beck appartenesse alla prima generazione di trattamenti psicoanalitici relazionali.   Il manuale fu elaborato da un gruppo di lavoro che collaborava pariteticamente scambiando in continuazione idee, esempi, simulazioni di interventi e osservazioni critiche. Questo metodo di lavoro si rifletteva sulla pratica clinica

I millennials, la nuova generazione che investe
Psicologia

I millennials, la nuova generazione che investe

La generazione dei millennials è forse quella che ha fatto più parlare e discutere, rispetto alle altre, per molti aspetti differenti. Daniela Renzi – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto   Una questione di spicco che li riguarda è relativa al mondo economico e finanziario. Si tratta della

Ci salva la vita, ma comunque è il Diavolo: i meccanismi di difesa disadattivi nei confronti dei mezzi medici contro il Covid–19
Attualità Psicologia

Ci salva la vita, ma comunque è il Diavolo: i meccanismi di difesa disadattivi nei confronti dei mezzi medici contro il Covid–19

Mai come nelle altre epoche della Storia dell’Umanità, i mezzi medici e scientifici sono stati necessari per affrontare una pandemia come quella del Covid-19. Eppure essi sono ancora oggetto di scredito e di percezioni negative, spesso create da meccanismi di difesa male contestualizzati.   Grazie ad un lavoro indefesso di

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario