expand_lessAPRI WIDGET

Depressione & Neuroscienze: l’imaging cerebrale per capire se la psicoterapia è stata utile

Una tecnica di imaging cerebrale per capire l'efficacia di una terapia e per scegliere la particolare terapia più adatta per ogni paziente - Neuroscienze

Di Redazione

Pubblicato il 09 Feb. 2015

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Una tecnica di imaging cerebrale viene usata per sapere quale trattamento sia il più indicato per il singolo paziente. Si evitano tentativi inutili e perdite di tempo

 

In futuro saremo in grado di utilizzare la tecnologia di imaging cerebrale non invasiva per trovare per i pazienti con l’opzione di trattamento che ha le migliori possibilità di guarirli dalla depressione

Depressione & Neuroscienze: l’imaging cerebrale per capire se la psicoterapia è stata utile Consigliato dalla Redazione

Una tecnica di imaging cerebrale che potrebbe essere utilizzata per scegliere la terapia più adatta per ogni paziente (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Ultimi articoli su depressione
Differenza tra tristezza e depressione
Depressione e tristezza possono essere confuse, ma non sono la stessa cosa. Scopriamo cosa le accumuna e cosa le differenzia
Esercizio fisico e depressione
L’esercizio fisico può essere un fattore di aiuto e di supporto nel trattamento della depressione e per promuovere il benessere mentale
La depressione e il deficit serotoninergico
Spesso si associa la depressione a una carenza di serotonina nel cervello; tuttavia, l’ipotesi viene messa in discussione dai ricercatori.
La depressione postpartum
Riconoscere l'esordio della depressione postpartum può permettere di intervenire precocemente riducendone l'impatto
Sintomi cognitivi residui al seguito di un episodio depressivo maggiore – Parte II: osservazione clinica
Gli autori presentano i risultati di uno studio sui sintomi cognitivi residui in seguito a episodio depressivo maggiore tra i pazienti seguiti presso il loro centro clinico
Sintomi cognitivi residui al seguito di un episodio depressivo maggiore – Parte I
Parte dei pazienti con depressione va incontro ad una remissione parziale: i criteri per il disturbo non sono più soddisfatti, ma permangono sintomi cognitivi residui
Come approcciarsi ad un adolescente quando sta attraversando un periodo di depressione?
Molti adolescenti sperimentano periodi più o meno duraturi di sofferenza estrema, la quale, nel peggiore dei casi, può sfociare in depressione
La prevenzione del suicidio: lo studio dei metaboliti cellulari apre nuove prospettive
Secondo un recente studio alcune sostanze presenti nel sangue possono essere considerate come marcatori del rischio di suicidio
Neuroplasticità e interventi psicologici nell’ottica di trattamenti sinergici
Integrare terapie che promuovono l’aumento della neuroplasticità e interventi cognitivo comportamentali può mantenere più a lungo gli effetti positivi
Più tristi ma più realisti?
Uno studio del 1979 ha indagato il realismo depressivo (l’associazione tra stati depressivi e maggior realismo) ma uno studio più recente è giunto a risultati differenti
Stress e depressione possono essere trasmessi epigeneticamente dalla coppia genitoriale?
L'epigenetica sta mettendo in luce come le alterazioni biologiche e comportamentali post traumatiche possono essere trasmesse alla prole
Chatbot e psicologia clinica: un’unione possibile?
Quali contributi potrebbero apportare l'intelligenza artificiale e i chatbot nell’area della salute psicologica?
La depressione estiva: una condizione diffusa da non sottovalutare
La depressione estiva è un disturbo dell’umore stagionale che si manifesta con alterazioni di sonno e appetito, angoscia, rischio suicidario
Disturbi internalizzanti e disturbi esternalizzanti in età evolutiva
Disturbi internalizzanti ed esternalizzanti: cosa si intende?
Approfondiamo le due categorie in cui si suddividono le manifestazioni psicopatologiche in età evolutiva: disturbi internalizzanti e disturbi esternalizzanti
Grandi città e salute mentale: un ridotto rischio di depressione
Perché vivere in grandi città diminuisce il rischio di depressione
Uno studio dell'Università di Chicago dimostra che le città più grandi hanno tassi di depressione sostanzialmente più bassi rispetto alle città più piccole
Salute mentale nelle università: il caso della Yale University
Salute mentale nelle università: il caso della Yale University
Le difficoltà incontrate dagli studenti di Yale con problemi psicologici solleva la questione dell'importanza dei servizi di salute mentale nelle università
Il legame tra la glicina e il disturbo depressivo maggiore
La glicina come regolatore del recettore GPR158 responsabile della depressione maggiore
La glicina sembra essere un amminoacido implicato nella regolazione dell’attività dei neuroni corticali e potrebbe essere legata alla depressione maggiore
Adolescenti e crisi della salute mentale: cosa è cambiato
La crisi della salute mentale tra gli adolescenti statunitensi
Il declino della salute mentale tra gli adolescenti si è intensificato con la pandemia, al punto che negli Stati Uniti si parla di emergenza nazionale
Psicoterapia ed efficacia le ricerche degli ultimi 10 anni supportate da fMRI-
Psicoterapia ed efficacia: ricerche condotte negli ultimi 10 anni con il supporto della fMRI
La psicoterapia può indurre cambiamenti nella struttura e nell'attività del cervello, ma i meccanismi sottostanti non sono ancora completamente compresi
Digital Therapeutics: terapie digitali per la cura della depressione nel SSN
Le terapie digitali per la cura della depressione nel Servizio Sanitario Nazionale
Le digital therapeutics sono certificate come dispositivi medici, strumenti che possono essere utilizzati sia in ambito clinico sia in ambito di ricerca
Carica altro
Si parla di:
Categorie
ARTICOLI CORRELATI
cancel