expand_lessAPRI WIDGET

L’efficacia della logoterapia per ridurre i sintomi depressivi in pazienti oncologici

La logoterapia può aiutare i pazienti oncologici ad attribuire un significato alla loro sofferenza, riducendo i sintomi depressivi

Di Elior Blechstein

Pubblicato il 08 Lug. 2024

Sintomi depressivi nei pazienti oncologici: la logoterapia come intervento psicologico

Una tra le principali problematiche emergenti nella società odierna è l’incidenza sempre più diffusa di tumori (Siegel et al., 2014); secondo i risultati della ricerca, il tasso di tumori nel 2008 è stato di 7-12 milioni, ed è previsto che entro il 2030 si raggiungeranno i 22,2 milioni (Bray et al., 2012).

I pazienti oncologici mostrano sintomi significativi di depressione (Smith, 2015; Griffiths et al., 2016), i quali impattano negativamente sul benessere e la qualità di vita (Purkayastha et al., 2017; Jafari et al., 2018). 

Nel corso degli anni sono state utilizzate molte terapie farmacologiche (Rodin et al., 2007) e comportamentali (Wu et al., 2014; Jasemi, Aazami & Zabihi, 2016) per ridurre la depressione nei pazienti oncologici; per quanto riguarda il trattamento farmacologico, è ampiamente diffuso l’uso di antidepressivi (Ell et al., 2007; Kennedy & Rizvi, 2009). Mentre per quanto riguarda gli interventi psicologici, la psicoterapia si dimostra un trattamento efficace per ridurre i sintomi depressivi nei pazienti oncologici (Williams & Dale, 2006; Rodin et al., 2007).

In particolare modo, nello studio condotto da Williams e Dale (2006) è stata dimostrata l’efficacia della terapia cognitiva-comportamentale (CBT) sulla diminuzione dei sintomi depressivi in pazienti oncologici. Un altro intervento psicologico funzionale per la riduzione della depressione in pazienti affetti da cancro è la logoterapia, che aiuta i pazienti oncologici ad attribuire un significato alla loro sofferenza, promuovendo un adattamento psicologico alla loro condizione di malattia che causa sintomi depressivi (Hagighi, Khodaei & Sharifzadeh, 2012; Lahiji et al., 2022; Soetrisno et al., 2016).

Cos’è la logoterapia?

La logoterapia risale agli anni Trenta con Viktor Frankl (1905-1997) e affonda le sue radici nella psicoanalisi freudiana e individuale di Adler. La logoterapia, tuttavia, si distingue dalla psicoanalisi per l’uso di una metodologia meno retrospettiva (Frankl, 1959). La logoterapia non è orientata al passato piuttosto al futuro, in quanto si focalizza su obiettivi futuri da realizzare, attribuendo così significato e valore alla propria vita (Boeree, 2006). Tale intervento si basa su un approccio innovativo, definito come la “Terza Scuola Viennese di Psicoterapia”, ossia la psicoterapia basata empiricamente sul significato (Batthyány , 2016). 

La logoterapia affonda le sue radici filosofiche e scientifiche nell’analisi esistenziale; quest’ultima analizza la dimensione umana e postula che la ricerca del significato rappresenti la motivazione primaria dell’uomo. È fondamentale precisare che i logoterapeuti non prescrivono un significato generale della vita, bensì guidano l’individuo a trovare un suo senso di realizzazione adattato ai suoi specifici princìpi valoriali (Thorne & Henley 2005). 

L’approccio di Frankl si basa su tre concetti filosofici e psicologici: la libertà di volontà, la volontà di significato e il senso della vita (Batthyány, 2016). Il primo principio afferma che anche in situazioni immutabili, le quali sono al di fuori del proprio controllo, rimane la libertà di scegliere come rispondere a tali circostanze: soccombere alla sofferenza, oppure trascendere il dolore, attribuendo un significato alla realtà, elaborandola in accordo a determinati princìpi o valori. Pertanto, una realtà non mutevole non implica necessariamente il soccombere ad essa (Wong, 2012). Il secondo principio sostiene che la principale forza motivazionale di un individuo sia il desiderio di trovare un senso alla vita. Questa forte volontà di significato consente agli individui di sopportare sofferenze inimmaginabili e di persistere nel perseguire i propri obiettivi (Wong, 2012; Frankl, 2014). Infine, il terzo principio afferma che ogni situazione, anche la più dolorosa, racchiude in sé un significato che va colto ed elaborato. La vita infatti è portatrice di significato in ogni circostanza, inclusa quella di sconforto. Gli esseri umani sono chiamati, in virtù della responsabilità individuale, ad impegnarsi nel rintracciare ed elaborare i significati che si susseguono nell’arco temporale di una vita (Wong, 2012). 

Nel momento in cui non è possibile realizzare la propria “volontà di significato” nella rispettiva esistenza, si sperimenta un senso di vuoto, dato dall’assenza di significato. Questa condizione genera la cosiddetta “frustrazione esistenziale”, la quale dà origine a sintomi depressivi,  generando o aggravando malattie psicosomatiche e disturbi nevrotici (Fabry, 1970).

L’efficacia della logoterapia in pazienti oncologici con sintomi depressivi

Nello studio condotto da Hagighi, Khodaei e Sharifzadeh (2012) è stata dimostrata l’efficacia della logoterapia sulla riduzione dei sintomi depressivi in 22 pazienti affetti da cancro al seno, divisi in due gruppi. I pazienti nel gruppo sperimentale hanno ricevuto sessioni di gruppo di logoterapia, mentre al gruppo di controllo è stata somministrata la chemioterapia senza alcun supporto psicologico. E’ stata rilevata una diminuzione significativa dei sintomi depressivi nei pazienti che hanno ricevuto interventi di logoterapia (p < .001), rispetto al gruppo di controllo (Hagighi, Khodaei & Sharifzadeh, 2012).

In un’ulteriore ricerca condotta da Soetrisno e colleghi (2016) è stata dimostrata l’efficacia della logoterapia sulla riduzione dei sintomi depressivi in pazienti con tumore cervicale avanzato. Tale ricerca, attraverso un disegno a gruppo di controllo pre test – post test, ha selezionato 30 partecipanti dividendoli in due gruppi: un gruppo sperimentale, che ha ricevuto il trattamento di logoterapia, e un gruppo di controllo. Nel gruppo sperimentale è stata rilevata una riduzione significativa dei sintomi depressivi (p > .05) rispetto al gruppo di controllo, dimostrando che la logoterapia è maggiormente efficace nel ridurre i sintomi depressivi nei pazienti oncologici rispetto alla terapia standard proposta per tali pazienti (Soetrisno et al., 2016).

In un altro studio più recente condotto da Lahiji e colleghi (2022) è stata dimostrata l’efficacia della logoterapia insieme alla consulenza nutrizionale sul benessere psicologico, sulla qualità della vita (QoL) e sull’assunzione dietetica tra 90 pazienti sopravvissute al cancro al seno diagnosticate con depressione. Le partecipanti sono state assegnate in modo randomizzato in due gruppi per ricevere consulenza nutrizionale e logoterapia o solo consulenza nutrizionale per otto settimane. La logoterapia insieme all’educazione nutrizionale ha permesso la riduzione significativa dei sintomi ansiosi (p < .001) e depressivi (p < .001) e migliorato la qualità di vita (p < .001), rispetto alla sola consulenza nutrizionale (Lahiji et al., 2022). 

Pertanto, a partire dai risultati di questi studi, l’integrazione della logoterapia con un trattamento regolare per pazienti oncologici è un’alternativa efficace per ridurre i loro sintomi depressivi (Hagighi, Khodaei & Sharifzadeh, 2012; Lahiji et al., 2022; Soetrisno et al., 2016).

Le quattro fasi della logoterapia con pazienti oncologici

L’intervento su tali pazienti comprende quattro fasi (Lukas, 1979; Fabry, 1994; Lukas, 1995). Nella logoterapia è indispensabile che i pazienti non si identifichino eccessivamente con la diagnosi a loro assegnata.

Durante la prima fase si aiuta il paziente a prendere distanza dai propri sintomi. Li si invita a tenere presente che possiedono la libertà di scelta su come reagire a una data situazione e la capacità di individuare un significato per la loro sofferenza. 

Durante la seconda fase si mira al cambiamento dellatteggiamento del paziente verso la propria condizione di malattia. In tale sessione si fa perno sulla libertà di volontà del paziente, promuovendo lo sviluppo di un atteggiamento adattivo nei confronti della sofferenza per evitare che egli soccomba al dolore.

La terza fase riguarda la riduzione dei sintomi. Spesso, questa coincide con il cambiamento degli atteggiamenti nei confronti della propria sofferenza.

Lultima fase prevede il mantenimento della salute mentale, orientando lattenzione al futuro, ricercando obiettivi da perseguire che diano significato alla propria esistenza (Schulenberg et al., 2008). 

Limiti della logoterapia

In letteratura, gli studi sulla logoterapia prendono in esame principalmente soggetti di religione musulmana, pertanto è necessario verificare l’efficacia della terapia in un campione più variegato (Alreda et al., 2022; Hagighi, Khodaei & Sharifzadeh, 2012; Lahiji et al., 2022; Mohabbat-Bahar et al., 2014; Soetrisno et al., 2016). Il concetto di logoterapia rispecchia l’insegnamento islamico, il quale interpreta l’esistenza umana come una prova in cui ciascun individuo è chiamato ad affrontare le sfide quotidiane, accettando la volontà divina (Soetrisno et al., 2016).

Nonostante Frankl sottolinei l’importanza della separazione tra logoterapia e religione, è presente una profonda connessione tra queste due. Questa associazione tra religione e psicoterapia è stata fortemente criticata da terapeuti umanistici ed esistenziali (May, 1978). Ad esempio, Weisskopf-Joelson (1975) non considera la logoterapia come una scuola psicoterapeutica scientifica, bensì come una religione, siccome è presente una stretta connessione tra la natura spirituale della logoterapia e l’eccessivo incoraggiamento verso il paziente ad accettare, anzichè combattere attivamente, il suo stato di malessere.

Punti di forza della logoterapia

Nelle condizioni dove non è possibile ridurre la sofferenza dei pazienti oncologici, risulta efficace ricorrere alla logoterapia  per aiutare i pazienti ad acquisire la capacità di sopportare la sofferenza, lavorando sulla loro abilità di adattamento alla situazione di malattia. Questa strategia riduce i sintomi depressivi dei pazienti oncologici, aiutandoli a trovare un significato alla loro sofferenza (Hagighi, Khodaei & Sharifzadeh, 2012; Lahiji et al., 2022; Soetrisno et al., 2016). La logoterapia può favorire l’adattamento ai cambiamenti del loro stile di vita causati dalla malattia, cercando di trovare un senso alla propria vita (Tang et al., 2013). Tale ricerca di significato della propria esistenza rappresenta un fattore protettivo contro la depressione e la disperazione (García-Alandete et al., 2014).

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Alreda, J. J. A., Mohameed, D. A. A.-H., Al-Hili, A., Jawad, M. A., & Khamees, S. S. (2023). The Effectiveness of Group Logotherapy on Life Expectancy and Death Anxiety of Patients with Breast Cancer: The effectiveness of group logotherapy in patients with breast cancer. International Journal of Body, Mind and Culture, 9, 129–137.
  • Ameli, M. (2016). Integrating Logotherapy with Cognitive Behavior Therapy: A Worthy Challenge. Logotherapy and Existential Analysis: Proceedings of the Viktor Frankl Institute Vienna, 197–217. 
  • Batthyany, A. (2016). Logotherapy and Existential Analysis. Springer eBooks.
  • Boeree, C. G. (2006). Personality theories : melacak kepribadian anda bersama psikologi dunia / C. George Boeree ; penerjemah Insyiak Ridwan Muzir). 1. KEPRIBADIAN,Personality Theories: Melacak Kepribadian Anda Bersama Psikologi Dunia / C. George Boeree ; Penerjemah Insyiak Ridwan Muzir, 2006(2006), 1–99.
  • Bray, F., Jemal, A., Grey, N., Ferlay, J., & Forman, D. (2012). Global cancer transitions according to the Human Development Index (2008-2030): a population-based study. The Lancet. Oncology, 13(8), 790–801
  • Ell, C., May, A., Pech, O., Gossner, L., Guenter, E., Behrens, A., Nachbar, L., Huijsmans, J., Vieth, M., & Stolte, M. (2007). Curative endoscopic resection of early esophageal adenocarcinomas (Barrett’s cancer). Gastrointestinal endoscopy, 65(1), 3–10.
  • Fabry, J. B. (1968). The Pursuit of Meaning: Logotherapy Applied to Life.
  • Fabry, J. B. (1994).The pursuit of meaning: Viktor Frankl, logotherapy, and life (new rev. ed.). Abilene,TX: Institute of Logotherapy Press.
  • Frankl, V. (1959). Mans search for meaning. Hodder & Stoughton, London.
  • Frankl, V. (1962) Mans Search for Meaning. Beacon Press, Boston.
  • Frankl V. (1967); Logotherapy and existentialism. Psychother Theory Res Pract. 4(3):138–142. 
  • Frankl V. The Will to Meaning: Foundations and Applications of Logotherapy. New York, NY: Penguin Group; 2014.
  • García-Alandete, J. (2014). Does Meaning in Life Predict Psychological Well-Being?: An Analysis Using the Spanish Versions of the Purpose-In-Life Test and the Ryff’s Scales. European Journal of Counselling Psychology, 3(2), 89–98. 
  • Griffiths, R. R., Johnson, M. W., Carducci, M. A., Umbricht, A., Richards, W. A., Richards, B. D., Cosimano, M. P., & Klinedinst, M. A. (2016). Psilocybin produces substantial and sustained decreases in depression and anxiety in patients with life-threatening cancer: A randomized double-blind trial. Journal of psychopharmacology (Oxford, England), 30(12), 1181–1197. 
  • Haghighi, F., Khodaei, S., & Sharifzadeh, G. R. (2012). Effect of logotherapy group counseling on depression in breast cancer patients. Modern Care, 9, 165-172.
  • Is Logotherapy Authoritarian? (1978). Journal of Humanistic Psychology, 18(4), 45–54. 
  • Jafari, S. H., Saadatpour, Z., Salmaninejad, A., Momeni, F., Mokhtari, M., Nahand, J. S., Rahmati, M., Mirzaei, H., & Kianmehr, M. (2018). Breast cancer diagnosis: Imaging techniques and biochemical markers. Journal of cellular physiology, 233(7), 5200–5213.
  • Jasemi, M., Aazami, S., & Zabihi, R. E. (2016). The Effects of Music Therapy on Anxiety and Depression of Cancer Patients. Indian journal of palliative care, 22(4), 455–458. 
  • Kennedy, S. H., & Rizvi, S. J. (2009). Emerging drugs for major depressive disorder. Expert opinion on emerging drugs, 14(3), 439–453
  • Lahiji, M. R., Sajadian, A., Haghighat, S., Zarrati, M., Dareini, H., Lahiji, M. R., & Razmpoosh, E. (2022). Effectiveness of logotherapy and nutrition counseling on psychological status, quality of life, and dietary intake among breast cancer survivors with depressive disorder: a randomized clinical trial. Supportive Care in Cancer, 30(10), 7997–8009. 
  • Lukas, E. (1979/1995). The four steps of logotherapy. InJ. B. Fabry, R. P. Bulka, & W. S. Sahakian (Eds.), Finding meaning in life: Logotherapy (pp. 95–103).Northvale, NJ: Jason Aronson. 
  • Mohabbat-Bahar, S., Golzari, M., Moradi-Joo, M., & Akbari, M. E. (2014). Efficacy of group logotherapy on decreasing anxiety in women with breast cancer. Iranian journal of cancer prevention, 7(3), 165–170.
  • Purkayastha, D., Venkateswaran, C., Nayar, K., & Unnikrishnan, U. G. (2017). Prevalence of Depression in Breast Cancer Patients and its Association with their Quality of Life: A Cross-sectional Observational Study. Indian journal of palliative care, 23(3), 268–273.
  • Rodin, G., Lloyd, N., Katz, M., Green, E., Mackay, J. A., Wong, R. K., & Supportive Care Guidelines Group of Cancer Care Ontario Program in Evidence-Based Care (2007). The treatment of depression in cancer patients: a systematic review. Supportive care in cancer : official journal of the Multinational Association of Supportive Care in Cancer, 15(2), 123–136.
  • Schulenberg, S. E., Hutzell, R. R., Nassif, C., & Rogina, J. M. (2008). Logotherapy for clinical practice. Psychotherapy (Chicago, Ill.), 45(4), 447–463.
  • Siegel, R., Ma, J., Zou, Z., & Jemal, A. (2014). Cancer statistics, 2014. CA: a cancer journal for clinicians, 64(1), 9–29. 
  • Smith H. R. (2015). Depression in cancer patients: Pathogenesis, implications and treatment (Review). Oncology letters, 9(4), 1509–1514.
  • Soetrisno, N., Sulistyowati, S., Ardhianto, A., & Hadi, S. (2016). The effect of logotherapy on the expressions of cortisol, HSP70, Beck Depression Inventory (BDI), and pain scales in advanced cervical cancer patients. Health Care for Women International, 38(2), 91–99. 
  • Sun, F. K., Hung, C. M., Yao, Y., Fu, C. F., Tsai, P. J., & Chiang, C. Y. (2021). The Effects of Logotherapy on Distress, Depression, and Demoralization in Breast Cancer and Gynecological Cancer Patients: A Preliminary Study. Cancer nursing, 44(1), 53–61.
  • Tang PL, Chen WL, Cheng SF. (2013) Using logotherapy to relieve death anxiety in a patient with recurrent cancer: a nursing experience. Hu Li Za Zhi.  60(4):105–110. 
  • Thorne, B. M., & Henley, T. B. (2005). Connections in the History and Systems of Psychology. Wadsworth Publishing.
  • Weisskopf-Joelson, E. (1975). Logotherapy: Science or faith? Psychotherapy, 12(3), 238–240. 
  • Williams, S., & Dale, J. (2006). The effectiveness of treatment for depression/depressive symptoms in adults with cancer: a systematic review. British journal of cancer, 94(3), 372–390.
  • Wong P. (2012) From logotherapy to meaning-centered counseling and therapy. In: Wong PTP, ed. Personality and Clinical Psychology Series. The Human Quest for Meaning: Theories, Research, and Applications. New York, NY: Routledge/Taylor & Francis Group; 619–647.
  • Wu, J. B., Shao, C., Li, X., Li, Q., Hu, P., Shi, C., Li, Y., Chen, Y. T., Yin, F., Liao, C. P., Stiles, B. L., Zhau, H. E., Shih, J. C., & Chung, L. W. (2014). Monoamine oxidase A mediates prostate tumorigenesis and cancer metastasis. The Journal of clinical investigation, 124(7), 2891–2908. 
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Differenza tra tristezza e depressione

Depressione e tristezza possono essere confuse, ma non sono la stessa cosa. Scopriamo cosa le accumuna e cosa le differenzia

ARTICOLI CORRELATI
Differenza tra tristezza e depressione

Depressione e tristezza possono essere confuse, ma non sono la stessa cosa. Scopriamo cosa le accumuna e cosa le differenzia

Esercizio fisico e depressione

L’esercizio fisico può essere un fattore di aiuto e di supporto nel trattamento della depressione e per promuovere il benessere mentale

cancel