Il Neuroimaging al servizio di Cal Lightman: Le neuroscienze per scoprire le menzogne.

Lie to me? Grazie al Neuroimaging si possono scoprire le menzogne quando specifiche aree del cervello si attivano. Università Bicocca, Milano

ID Articolo: 34213 - Pubblicato il: 12 settembre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2023

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Dall’università Bicocca di Milano nuovi studi che tornerebbero molto comodi a Cal Lightman, il super-esperto di espressioni facciali e smascheramento di menzogne della fortunata serie televisiva Lie to Me. Lightman, che altri non è che la versione romanzata di Paul Ekman, è già praticamente infallibile da solo, ma un aiuto dalle neuroscienze elimenerebbe ogni dubbio all’investigatore della bugia.

Lo studio è stato condotto dal gruppo di ricerca della Prof. Alice Proverbio di Università Bicocca di Milano e pubblicato sulla rivista PlosOne

Lo studio, “Can You Catch a Liar? How Negative Emotions Affect Brain Responses when Lying or Telling the Truth”, è stato realizzato da Alice Proverbio, associato di psicobiologia a Milano, Maria Elide Vanutelli e Roberta Adorni. Le aree del cervello più attive dal punto di vista “elettrico” quando una persona sta mentendo sarebbero la regione frontale e prefrontale dell’emisfero sinistro e la corteccia cingolata anteriore.

«Attraverso un approccio di studio basato sull’elettrofisiologia cognitiva – spiega Alice Proverbio, professoressa associata di Psicobiologia e coordinatrice della ricerca – siamo in grado di vedere come reagisce il cervello di una persona quando riconosce qualcosa di familiare. È come se l’attività bioelettrica (derivante dall’attività cerebrale) esclamasse un “aha!”».

 

Bicocca, vita difficile per i bugiardiConsigliato dalla Redazione

BANDO SELEZIONE PSICOLOGI
Specifiche aree del cervello si attivano quando si mente. E queste regioni posso essere “viste all’opera” con il neuroimaging. (…)

Tratto da: Brain Factor

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Leggi gli articoli su Espressioni Facciali

Facial emotion recognition in bambini adottati
Psicologia

Facial emotion recognition in bambini adottati

Uno studio del 2021 di Paine e colleghi ha analizzato alcuni aspetti del riconoscimento delle emozioni in bambini adottati, sottoponendoli a discriminazione di diverse espressioni facciali e bias di risposta.   Tutti i bambini presenti nel sistema di adozioni hanno avuto esperienza di separazione dai genitori biologici e quindi di

Nascondere le emozioni
Psicologia

Nascondere le emozioni

Quando proviamo un’emozione può succedere che non vorremmo farla trasparire, non vorremmo che chi ci sta davanti capisse quale effetto ha su di noi una determinata situazione, per diversi motivi che possono andare dal pudore alla vergogna, all’imbarazzo, al senso di colpa, in generale a un tentativo di difendere la

Le abilità sociali nei bambini con disturbo dell’apprendimento non verbale
Psicologia

Le abilità sociali nei bambini con disturbo dell’apprendimento non verbale

Il disturbo dell’apprendimento non verbale (Nonverbal Learning Disability, NLD) si caratterizza per una compromissione delle abilità visuospaziali, ovvero non verbali, mentre rimangono preservate le abilità di natura verbale.   Tale disturbo non è incluso nel DSM-5 (APA, 2013), di conseguenza per la sua definizione e comprensione si fa riferimento al

Emozioni manifeste e latenti: comunicare con la mimica facciale
Psicologia

Emozioni manifeste e latenti: comunicare con la mimica facciale

Poiché le emozioni vengono trasmesse attraverso espressioni facciali, cambiamenti corporei e posturali, secondo alcuni approcci che studiano le emozioni di base esistono dei prototipi associati a specifiche emozioni.   Espressioni facciali ed emozioni Il volto è la parte corporea maggiormente evidente di una persona. Ogni giorno si intrattengono conversazioni faccia

Linguaggio del corpo ed espressioni facciali: quale dei due stimoli è più rilevante?
Psicologia

Linguaggio del corpo ed espressioni facciali: quale dei due stimoli è più rilevante?

Viso e corpo contribuiscono entrambi a trasmettere informazioni di carattere emotivo. Quando per riconoscere uno stato emotivo ci focalizziamo sulle espressioni facciali, il linguaggio del corpo rappresenta uno stimolo ambientale essenziale al fine della comprensione e viceversa.    Sia il viso, sia il corpo umano contribuiscono a trasmettere informazioni di carattere

Maltrattamento in età infantile: come cambia il riconoscimento delle emozioni?
Psicologia

Maltrattamento in età infantile: come cambia il riconoscimento delle emozioni?

L’essere stati vittime di un trauma o di maltrattamenti in età infantile può determinare una tendenza a interpretare negativamente le espressioni facciali neutre. Questo fenomeno non caratterizza solo l’età infantile ma si protrae sino all’età adulta   La capacità di riconoscere e differenziare le espressioni facciali neutre da quelle emotive

L’espressione delle emozioni nella depressione e schizofrenia
Psichiatria Psicologia

L’espressione delle emozioni nella depressione e schizofrenia

Berembaum e Oltmanns (1992) hanno preso in esame un campione di pazienti con diagnosi di schizofrenia e depressione ed hanno esaminato le espressioni facciali in risposta alla visione di filmati.   L’uomo utilizza due forme di comunicazione: logica ed analogica. Il linguaggio verbale rientra nella prima categoria, quindi si serve

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte II: le basi neurali della cognizione sociale nella depressione
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte II: le basi neurali della cognizione sociale nella depressione

Il funzionamento sociale dei pazienti con disturbo depressivo maggiore è da sempre considerato un aspetto clinico fondamentale e recentemente molti studi di neuroscienze hanno cercato di individuare i correlati neurobiologici coinvolti. La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Le basi neurali della cognizione sociale nella depressione (Nr. 2)   Il

L’impatto che l’utilizzo della cannabis avrebbe sul riconoscimento emotivo dei volti
Psicologia

L’impatto che l’utilizzo della cannabis avrebbe sul riconoscimento emotivo dei volti

La capacità di elaborare le espressioni facciali di chi ci circonda risulta essere uno dei processi importanti alla base dell’empatia.   Cannabis e riconoscimento emotivo dei volti: uno studio sulle differenze di genere Un recente studio ha voluto indagare gli effetti che l’utilizzo della cannabis può avere sulla capacità di

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte I: le basi neurali della cognizione sociale nel Disturbo Bipolare
Neuroscienze Psichiatria

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte I: le basi neurali della cognizione sociale nel Disturbo Bipolare

Studi di neuroimaging su pazienti con disturbo bipolare e campioni di controllo durante l’elaborazione delle emozioni facciali evidenziano, nel campione clinico, un’attivazione complessiva anomala in numerose aree cerebrali implicate nel riconoscimento delle emozioni, abilità alla base della cognizione sociale e implicata in molte delle difficoltà dei pazienti bipolari nell’interazione sociale.

Mindful Interbeing Mirror Therapy. Un metodo innovativo per un nuovo approccio terapeutico integrativo sulla personalità
Psicoterapia

Mindful Interbeing Mirror Therapy. Un metodo innovativo per un nuovo approccio terapeutico integrativo sulla personalità

Da cinque anni è stata creata e sviluppata la Mindful Interbeing Mirror Therapy da Alessandro Carmelita e Marina Cirio. Questa Terapia in questi anni è stata utilizzata con tantissimi pazienti dando risultati molto promettenti.   La Mindful Interbeing Mirror Therapy rappresenta un approccio integrativo delle parti di personalità, allo scopo

Le bugie hanno le gambe corte? Gli effetti del contatto visivo sul nostro interlocutore
Psicologia

Le bugie hanno le gambe corte? Gli effetti del contatto visivo sul nostro interlocutore

A chi non è mai successo di trovarsi di fronte a un bugiardo? È piuttosto comune che le persone con le quali ci relazioniamo ci raccontino delle bugie. Spesso si tratta di “bugie bianche”, ovvero di menzogne innocue, dette per evitare che l’altra persona si senta ferito o dispiaciuto.  

Maternità e disturbi dell’umore: osservate differenze nel riconoscimento delle espressioni emotive infantili
Psicologia

Maternità e disturbi dell’umore: osservate differenze nel riconoscimento delle espressioni emotive infantili

Una nuova ricerca presentata al Congresso European College of Neuropsychopharmacology ha rivelato che le donne che hanno sofferto di depressione o disturbo bipolare presentano un’alterazione nell’abilità di riconoscere le espressioni emotive dei bambini.   Quasi l’8% della popolazione europea ha sofferto in tempi recenti (negli ultimi 12 mesi) di depressione, con un

Lacrime di coccodrillo o lacrime reali? Gli psicopatici potrebbero non riconoscere la differenza
Psicologia

Lacrime di coccodrillo o lacrime reali? Gli psicopatici potrebbero non riconoscere la differenza

Secondo i risultati di un recente studio, le persone con alti livelli di psicopatia non rispondono alle emozioni genuine allo stesso modo della maggior parte delle persone e si dimostrano meno inclini ad aiutare qualcuno che sta esprimendo un vero disagio.   La ricercatrice Dawel, della Research School of Psychology

Genitori critici: il cervello dei bambini risponde diversamente agli stimoli emotivi
Neuroscienze Psicologia

Genitori critici: il cervello dei bambini risponde diversamente agli stimoli emotivi

L’esposizione alla critica dei genitori influisce sul modo in cui i bambini elaborano e prestano attenzione alle espressioni facciali delle emozioni.   Secondo un recente studio della Binghamton University State di New York, i figli di genitori molto critici mostrano meno attenzione alle emozioni espresse e comunicate attraverso le espressioni

Paul Ekman e i suoi importanti studi sull’universalità delle emozioni e delle espressioni facciali- Introduzione alla Psicologia
Psicologia

Paul Ekman e i suoi importanti studi sull’universalità delle emozioni e delle espressioni facciali- Introduzione alla Psicologia

Paul Ekman è l’autore della cosiddetta “teoria neuroculturale” che, riprendendo gli studi di Darwin sulle espressioni facciali delle emozioni, dimostra l’universalità delle emozioni. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di Psicologia a Milano   Paul Ekman nacque a Washington il 15 febbraio del 1934. Egli è cresciuto

La nostra postura e i nostri gesti possono essere il risultato delle prime interazioni di attaccamento?
Psicologia

La nostra postura e i nostri gesti possono essere il risultato delle prime interazioni di attaccamento?

La postura e il modo in cui ci muoviamo nel mondo si delinea fin dalle primissime interazioni di attaccamento, a partire dal momento in cui veniamo presi in braccio da nostra madre, a seconda di come lo fa, di come ci allatta al seno, e di conseguenza di come reagiamo

La cognizione sociale nella sclerosi multipla
Neuroscienze Psicologia

La cognizione sociale nella sclerosi multipla

Dal momento che la Sclerosi Multipla (SM) si pone quale patologia prototipica della compromissione della materia bianca nel sistema nervoso centrale a cui si associano non solo deficit di natura neurologica, ma anche psicopatologica e cognitiva che compromettono la qualità di vita delle persone affette, in letteratura sono presenti diversi

Assunzione di droghe e compromissione del riconoscimento delle immagini
Psicologia

Assunzione di droghe e compromissione del riconoscimento delle immagini

Una nuova ricerca pubblicata su Neuropsychopharmacology mostra come l’LSD, una delle droghe psichedeliche più diffuse, alteri il processamento delle informazioni emotive veicolate dai volti mentre incrementa il comportamento prosociale.   Introduzione Questa droga è stata spesso studiata in virtù delle sue proprietà psicoattive fin dal 1940; tuttavia dagli anni sessanta

The effects of sleepiness on rating facial expressions – Middlesex University London
English Psicologia

The effects of sleepiness on rating facial expressions – Middlesex University London

Survey: The effects of sleepiness on rating facial expressions Your child is being invited to take part in a research study. Before you decide whether you’re happy for your child to participate, it is important for you to understand why the research is being done and what it will involve.

State of Mind © 2011-2023 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario