expand_lessAPRI WIDGET

Essere troppo “social” intasa la memoria

Utilizzare troppo i social network manda in tilt la memoria che rischierà di conservare informazioni poco rilevanti a discapito di quelle più importanti

Pubblicato il 25 Set. 2013

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Secondo i ricercatori di KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, essere troppo “social” può causare problemi alla memoria, specialmente alla memoria di lavoro.

Quando normalemnte riceviamo informazioni la nostra memoria  le incamera e decide se tenerle o eliminarle nel giro di pochissimi secondi. Il problema si presenta nel momento che connettendomi, ad esempio su social network come facebook, ricevo un bombardamento di informazioni quali notifiche, foto etc…che si aggiungono alle informaizoni che ho già in memoria così il buffer si riempe  e il cervello si trova a decidere cosa fare di queste informazioni.

Il rischio è quello che il cervello in sovraccarico elimini informazioni utili che sta trattenendo a discapito di informazioni più superficiali o meno rilevanti che sono arrivate dal social network.

Quello che i ricercatori suggeriscono è fare delle pause! staccarsi dal mondo virtuale che manda in tilt il nostro cervello a causa di troppe informazioni e tornare alla “quiete” del mondo reale.


Come suggerisce Erik Fransen, alla guida dello studio, gli effetti di una vita iperconnessa senza pause fisiologiche potrebbero manifestarsi anche sulle capacità mnemoniche, perché quando il cervello va in pausa in realtà è intento a processare informazioni che stanno alla base della memoria a breve e dunque va lasciato lavorare, senza sovraccaricarlo.

 

Troppi social network mandano in tilt la memoria a breve termineConsigliato dalla Redazione

La working memory ha uno spazio limitato: se sottoposta a overdose informativa vanno perse informazioni importanti (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind su Working Memory
Disturbi dell'umore e ospedalizzazione
Disturbi affettivi e ospedalizzazione: la compromissione della memoria verbale è un indicatore di rischio
Utilizzando i dati del più grande studio longitudinale è stata analizzata la relazione tra disturbi dell'umore e compromissione della memoria verbale
Apprendimento di una lingua straniera: il valore della produzione orale
Apprendimento di una nuova lingua: è più importante la produzione o la comprensione?
Alcuni dati indicano che la produzione del linguaggio fornisce una forte esperienza di apprendimento nell'imparare una lingua straniera. Ciò sembra dipendere dal fatto che la produzione orale richiede l’integrazione contemporanea di più funzioni cognitive, tra cui la memoria di lavoro.
Memoria di lavoro perchè la nostra capacità di ricordare è limitata
Memoria di lavoro: quali sono i suoi limiti
La nostra memoria di lavoro, cioè la capacità di mantenere in memoria più informazioni contemporaneamente, è limitata nel tempo. Secondo un recente studio ciò dipenderebbe dal coinvolgimento di alcune aree cerebrali e dal modo in cui queste interagiscono tra loro.
Povertà: i riverberi psicologici e gli effetti sulla salute mentale
I riverberi psicologici della povertà
La povertà a livello psicologico produce delle conseguenze sulla salute mentale e sulle funzioni cognitive degli individui; incide negativamente sull'attenzione, sulla memoria di lavoro e sulla capacità di autoregolazione del soggetto.
Onde beta e working memory: cosa è utile ricordare e cosa dimenticare
Le onde beta e la working memory: cosa ricordiamo e cosa dimentichiamo?
Le onde beta svolgono un'importante funzione di controllo delle informazioni in entrata e definiscono quali conservare nella working memory.
Riflessioni sulla memoria a partire dalla visione del film Moglie e Marito (2017)
Moglie e Marito è il titolo di un film recentemente nelle sale: il film consente di riflettere sul ruolo della memoria e dei ricordi nelle nostre vite.
Il ruolo della memoria di lavoro nell' apprendimento di una seconda lingua
Il ruolo della memoria di lavoro nell’apprendimento di una seconda lingua
L' apprendimento di una seconda lingua e il suo uso sembrerebbero facilitati da una vasta gamma di processi cognitivi, tra i quali la memoria di lavoro.
L’ansia matematica: uno studio nelle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado - Immagine: 90039641
L’ansia matematica: uno studio nelle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado
L’ansia matematica è la paura per la matematica, fino a un evitamento della stessa. Il presente lavoro indaga a fondo diverse variabili di questa ansia. 
La memoria a breve termine, a lungo termine e la working memory - Introduzione alla Psicologia Nr. 30 - Immagine: 83731885
La memoria a breve termine, a lungo termine e la working memory – Introduzione alla Psicologia Nr. 30
Alla divisione tra memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine, è stato aggiunto un nuovo magazzino mnemonico: la working memory.
Fotolia_66187083_Memoria semantica vs memoria episodica - Introduzione alla Psicologia Nr. 28
Memoria semantica vs memoria episodica – Introduzione alla Psicologia Nr. 28
Nella memoria episodica si immagazzinano informazioni ed eventi specifici mentre in quella semantica la conoscenza generale, i significati e i simboli.
Immagine: Fotolia_70649496_una buona memoria di lavoro aiuta i bambini a mentire meglio
Una buona memoria di lavoro aiuta i bambini a mentire meglio!
I ricercatori hanno dimostrato l’esistenza di una relazione direttamente proporzionale tra memoria di lavoro verbale e capacità di costruire bugie credibili
Raccontare il vero dal falso: i consumatori di cannabis mostrano un aumento della suscettibilità ai ricordi - Immagine: 48565318
Raccontare il vero dal falso: i consumatori di cannabis mostrano un aumento della suscettibilità ai ricordi
I consumarti di cannabis hanno un numero maggiore di falsi ricordi, come osservato in alcune popolazioni psichiatriche/neurologiche e in persone anziane
Immagine: Fotolia_56539879_Picco nelle abilità cognitive e sociali raggiunto ad età specifiche
Quando si raggiunge il massimo delle nostre capacità cognitive e sociali
Vi sarebbero specifiche età per raggiungere il picco ottimale delle abilità cognitive, quali la MBT, il vocabolario e l’elaborazione di informazioni emotive
State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicoogiche - Flash News
Dislessia e memoria di lavoro: la memoria è importante tanto quanto la percezione
Oltre che la percezione uditiva, secondo i ricercatori la memoria di lavoro uditiva potrebbe influenzare le prestazioni delle persone dislessiche
SOPSI 2014 - POSTER TRIPOLI
PROFILO NEUROPSICOLOGICO E STILE DI RISPOSTA JUMPING TO CONCLUSIONS – SOPSI 2014
18° Congresso SOPSI 2014 - Poster Session: PROFILO NEUROPSICOLOGICO E STILE DI RISPOSTA JUMPING TO CONCLUSIONS: UNO STUDIO CASO-CONTROLLO - Neuropsicologia
Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche
Cosa Determina la Differenza tra Prestazioni Buone e Ottimali?
Intelligenza, Età di inizio dell’attività e Funzionalità della memoria di lavoro: fattori in grado di discriminare tra prestazioni buone e ottime.
Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche
Mindfulness e Memoria di Lavoro
Mindfulness: Secondo una nuova ricerca la memoria di lavoro può funzionare meglio a seguito di un training di mindfulness.
Van den Hout: Ecco come funziona l’EMDR - SITCC 2012
Van den Hout: Ecco come funziona l’ EMDR – SITCC 2012
SITCC 2012 - Il razionale dell' EMDR: appesantire la memoria lavoro durante il recupero di ricordi traumatici ne favorisce la rielaborazione
Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche
Le Memorie Emotive Recenti si possono Cancellare?
Interrompendo il processo di riconsolidamento che segue la rievocazione di memorie, è possibile influenzare il contenuto della memoria.
Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche
Depressione Maggiore: gli Ambienti Naturali migliorano Umore e Memoria
Camminare in un parco naturale può portare benefici in termini cognitivo-affettivi nelle persone con diagnosi di depressione maggiore.
Carica altro
Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
ARTICOLI CORRELATI
cancel