Essere troppo “social” intasa la memoria

Utilizzare troppo i social network manda in tilt la memoria che rischierà di conservare informazioni poco rilevanti a discapito di quelle più importanti

ID Articolo: 34765 - Pubblicato il: 25 settembre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Secondo i ricercatori di KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, essere troppo “social” può causare problemi alla memoria, specialmente alla memoria di lavoro.

Quando normalemnte riceviamo informazioni la nostra memoria  le incamera e decide se tenerle o eliminarle nel giro di pochissimi secondi. Il problema si presenta nel momento che connettendomi, ad esempio su social network come facebook, ricevo un bombardamento di informazioni quali notifiche, foto etc…che si aggiungono alle informaizoni che ho già in memoria così il buffer si riempe  e il cervello si trova a decidere cosa fare di queste informazioni.

Il rischio è quello che il cervello in sovraccarico elimini informazioni utili che sta trattenendo a discapito di informazioni più superficiali o meno rilevanti che sono arrivate dal social network.

Quello che i ricercatori suggeriscono è fare delle pause! staccarsi dal mondo virtuale che manda in tilt il nostro cervello a causa di troppe informazioni e tornare alla “quiete” del mondo reale.


Come suggerisce Erik Fransen, alla guida dello studio, gli effetti di una vita iperconnessa senza pause fisiologiche potrebbero manifestarsi anche sulle capacità mnemoniche, perché quando il cervello va in pausa in realtà è intento a processare informazioni che stanno alla base della memoria a breve e dunque va lasciato lavorare, senza sovraccaricarlo.

 

Troppi social network mandano in tilt la memoria a breve termineConsigliato dalla Redazione

La working memory ha uno spazio limitato: se sottoposta a overdose informativa vanno perse informazioni importanti (…)

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind su Working Memory

Apprendimento di una nuova lingua: è più importante la produzione o la comprensione?
Psicologia

Apprendimento di una nuova lingua: è più importante la produzione o la comprensione?

Nell’ apprendimento di una lingua straniera vengono prediletti esercizi che allenano la comprensione, con prove di ascolto e attività carta-matita. 
Una nuova ricerca dimostra che, seppur questo tipo di formazione dia agli studenti il giusto input linguistico, appare estremamente importante parlare la lingua per impararla al meglio.   I ricercatori

Memoria di lavoro: quali sono i suoi limiti
Neuroscienze Psicologia

Memoria di lavoro: quali sono i suoi limiti

L’esperienza quotidiana ci mette di fronte al fatto che la nostra capacità di memoria di lavoro è limitata. È impossibile tenere a mente tante cose in una sola volta.   I risultati di un nuovo studio sembrano spiegarci il perché: l’ “accoppiamento”, o sincronia, delle onde cerebrali tra tre regioni

I riverberi psicologici della povertà
Psicologia

I riverberi psicologici della povertà

La povertà, come condizione che caratterizza alcuni strati della popolazione mondiale, a livello psicologico produce delle conseguenze sulla salute mentale e sulle funzioni cognitive degli individui. Nello specifico, essa incide negativamente sull’attenzione, sulla memoria di lavoro e sulla capacità di autoregolazione del soggetto.   Le conseguenze della povertà sulla salute

Le onde beta e la working memory: cosa ricordiamo e cosa dimentichiamo?
Neuroscienze

Le onde beta e la working memory: cosa ricordiamo e cosa dimentichiamo?

I ricercatori del Massachussets Istitute of Technology in un recente studio pubblicato su Nature Communications, hanno mostrato come le onde beta fungano da “cancelli” per la working memory, determinando quali informazioni debbano essere immagazzinate in memoria e quali invece valga la pena dimenticare.   Il ruolo delle onde beta “Il

Riflessioni sulla memoria a partire dalla visione del film Moglie e Marito (2017)
Psicologia

Riflessioni sulla memoria a partire dalla visione del film Moglie e Marito (2017)

Moglie e Marito è il titolo di un film di Simone Giordano, recentemente nelle sale: la visione del film è un ottima occasione per riflettere sul ruolo della memoria nelle nostre vite.   Moglie e Marito è il titolo del film di Simone Giordano, uscito recentemente nelle sale e che vede

Il ruolo della memoria di lavoro nell’apprendimento di una seconda lingua
Neuroscienze Psicologia

Il ruolo della memoria di lavoro nell’apprendimento di una seconda lingua

Una rassegna della ricerca sviluppata da Juffs e Harrington (2012) mette in evidenza come l’ apprendimento di una seconda lingua (L2) e il suo uso siano facilitati da una vasta gamma di processi cognitivi, tra i quali la memoria di lavoro. Stefania Pedroni – OPEN SCHOOL, Studi Cognitivi Modena   La memoria

L’ansia matematica: uno studio nelle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado
Psicologia

L’ansia matematica: uno studio nelle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado

Questo articolo ha partecipato al Premio State of Mind 2014 Sezione Junior L’ansia matematica: uno studio nelle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado Autore: Eleonora Mercadante (Università degli Studi di Urbino ‘Carlo Bo’) Abstract L’ansia matematica può venir identificata genericamente con la paura per la matematica. Tutto ciò può

La memoria a breve termine, a lungo termine e la working memory – Introduzione alla Psicologia Nr. 30
Psicologia

La memoria a breve termine, a lungo termine e la working memory – Introduzione alla Psicologia Nr. 30

La memoria è un magazzino all’interno del quale l’individuo può conservare tracce della propria esperienza passata, cui attingere per riuscire ad affrontare situazioni di vita presente e futura. Atkinson e Shiffrin (1968) postularono l’esistenza di tre tipi di memoria: memoria sensoriale, memoria a breve termine (MBT) e memoria a lungo

Memoria semantica vs memoria episodica – Introduzione alla Psicologia Nr. 28
Psicologia

Memoria semantica vs memoria episodica – Introduzione alla Psicologia Nr. 28

La memoria episodica è un sistema in grado di immagazzinare informazioni ed eventi in merito a situazioni che avvengono in un determinato arco temporale; invece la memoria semantica è composta da significati, da simboli e dalle relazione che si creano tra loro. Insieme, la memoria semantica e episodica formano la

Una buona memoria di lavoro aiuta i bambini a mentire meglio!
Cultura Psicologia

Una buona memoria di lavoro aiuta i bambini a mentire meglio!

Laura Pancrazi FLASH NEWS Per la prima volta, i ricercatori dell’Università della Florida e dell’Università di Sheffield, U. K., hanno dimostrato che una buona memoria di lavoro aiuta i bambini a mentire meglio. La Dottoressa Tracy Alloway, docente di Psicologia presso l’Università della Florida, è l’autrice principale dello studio “Liar,

Raccontare il vero dal falso: i consumatori di cannabis mostrano un aumento della suscettibilità ai ricordi
Neuroscienze Psicologia

Raccontare il vero dal falso: i consumatori di cannabis mostrano un aumento della suscettibilità ai ricordi

Daniela Sonzogni FLASH NEWS I risultati mostrano che i consumarti di cannabis avevano un numero maggiore di falsi ricordi, come osservato in alcune popolazioni psichiatriche/neurologiche e in persone anziane. Piuttosto che un’alterazione tra le strutture di memoria, i risultati mostrano una compromissione più diffusa che porta ad una ridotta capacità

Quando si raggiunge il massimo delle nostre capacità cognitive e sociali
Cultura Psicologia

Quando si raggiunge il massimo delle nostre capacità cognitive e sociali

FLASH NEWS Se è vero che esistono diverse età ideali in cui gli atleti raggiungono il top delle performance fisiche (ad esempio i calciatori intorno ai 27 anni, i maratoneti intorno ai 40 anni), secondo una nuova ricerca vi sarebbero specifiche età per raggiungere il picco ottimale anche riguardo le

Dislessia e memoria di lavoro: la memoria è importante tanto quanto la percezione
Neuroscienze

Dislessia e memoria di lavoro: la memoria è importante tanto quanto la percezione

FLASH NEWS Secondo i ricercatori la memoria di lavoro uditiva potrebbe agire come un “collo di bottiglia” sulle prestazioni delle persone dislessiche.   La Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA), che va a incidere sulla capacità di leggere correttamente. Un ipotesi sull’origine del disturbo vede la dislessia come il

PROFILO NEUROPSICOLOGICO E STILE DI RISPOSTA JUMPING TO CONCLUSIONS – SOPSI 2014

PROFILO NEUROPSICOLOGICO E STILE DI RISPOSTA JUMPING TO CONCLUSIONS – SOPSI 2014

SOPSI 2014  18° Congresso della Società Italiana di Psicopatologia La Psicopatologia e le età della vita – Torino 12-15 Febbraio 2014   PROFILO NEUROPSICOLOGICO E STILE DI RISPOSTA JUMPING TO CONCLUSIONS: UNO STUDIO CASO-CONTROLLO Tripoli G.1, Sartorio C.1, Sideli L.1, La Cascia C.1,2, Seminerio F. 2, Marinaro AM. 2, La

Cosa Determina la Differenza tra Prestazioni Buone e Ottimali?

Cosa Determina la Differenza tra Prestazioni Buone e Ottimali?

– FLASH NEWS – Secondo gli studiosi, l’esercizio renderebbe conto soltanto di un terzo delle differenze prestazionali nella musica e negli scacchi. E dunque cosa fa il resto della differenza? Sulla base della letteratura I ricercatori fanno riferimento all’intelligenza, all’età di inizio dell’attività e alla funzionalità della memoria di lavoro in

Mindfulness e Memoria di Lavoro

Mindfulness e Memoria di Lavoro

– FLASH NEWS – Secondo una nuova ricerca la memoria di lavoro può funzionare meglio a seguito di un training di mindfulness. Lo studio pubblicato su Psychological Science ha dimostrato che due sole settimane di protocollo mindfulness-based stress reduction (MBSR)  avrebbero un effetto benefico sulla funzionalità della working memory con

Van den Hout: Ecco come funziona l’ EMDR – SITCC 2012

Van den Hout: Ecco come funziona l’ EMDR – SITCC 2012

  TUTTI GLI ARTICOLI SU SITCC 2012 – SLIDES & POSTERS SITCC 2012  SITCC 2012 – Van den Hout: Ecco come funziona l’ EMDR L’Eye Movement Desensitization Reprocessing, meglio conosciuto con l’acronimo EMDR è uno degli approcci terapeutici che ha riscosso maggior successo negli ultimi anni. Questo è dovuto all’ormai consolidata mole

Le Memorie Emotive Recenti si possono Cancellare?
Neuroscienze

Le Memorie Emotive Recenti si possono Cancellare?

– FLASH NEWS –  Le memorie emozionali di recente formazione possono essere cancellate dal cervello umano. È ciò che stato è dimostrato da un team di ricercatori dell’Università di Uppsala.  Quando impariamo qualcosa, le informazioni vengono immagazzinate nella memoria lungo termine grazie al processo di consolidamento, basato sulla formazione di

Depressione Maggiore: gli Ambienti Naturali migliorano Umore e Memoria

Depressione Maggiore: gli Ambienti Naturali migliorano Umore e Memoria

– Rassegna Stampa –  In uno studio condotto dai ricercatori del Baycrest’s Rotman Research Institute di Toronto in collaborazione con la University of Michigan e Stanford University si dimostra che semplicemente camminare in un parco naturale può portare benefici in termini cognitivo-affettivi nelle persone depresse (con diagnosi di depressione maggiore).

La Memoria di Lavoro Visiva è maggiore nelle persone Socialmente Ansiose

La Memoria di Lavoro Visiva è maggiore nelle persone Socialmente Ansiose

– Rassegna Stampa –  La capacità della memoria di lavoro costituisce una delle più importanti funzioni cognitive che influenzano le caratteristiche individuali, come il controllo dell’attenzione, la fluidità dell’intelligenza, e alcuni tratti psicopatologici. Secondo uno studio recentemente condotto da due ricercatori della Ghent University e della Hiroshima University, la capacità

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario