Messaggio pubblicitario

Memoria semantica vs memoria episodica – Introduzione alla Psicologia Nr. 28

Nella memoria episodica si immagazzinano informazioni ed eventi specifici mentre in quella semantica la conoscenza generale, i significati e i simboli.

ID Articolo: 114314 - Pubblicato il: 09 ottobre 2015
Memoria semantica vs memoria episodica – Introduzione alla Psicologia Nr. 28
Condividi

La memoria episodica è un sistema in grado di immagazzinare informazioni ed eventi in merito a situazioni che avvengono in un determinato arco temporale; invece la memoria semantica è composta da significati, da simboli e dalle relazione che si creano tra loro. Insieme, la memoria semantica e episodica formano la conoscenza esplicita, caratterizzata da tutto ciò che è immediatamente conoscibile per l’individuo.

INTRODUZIONE ALLA PSICOLOGIA (Nr. 28)

 

La memoria è un magazzino di informazioni all’interno del quale si conservano tutte le nostre esperienze di vita. Esistono diversi magazzini di memoria aventi funzioni diverse. In generale, è possibile riscontrare l’esistenza di due forme generali di memoria: a breve termine in cui la traccia mnestica staziona per poco tempo, e a lungo termine, in cui l’informazione rimane più a lungo. Tulving individuò all’interno della memoria a lungo termine due scomparti: la memoria episodica e la memoria semantica. Nel dettaglio: la memoria episodica è un sistema in grado di immagazzinare informazioni ed eventi in merito a situazioni che avvengono in un determinato arco temporale; invece la memoria semantica è composta da significati, da simboli e dalle relazione che si creano tra loro. Insieme, la memoria semantica e episodica formano la conoscenza esplicita, caratterizzata da tutto ciò che è immediatamente conoscibile per l’individuo.

Messaggio pubblicitario In tempi recenti è stato scoperto, grazie a studi svolti su pazienti con trauma cranico, che la memoria in realtà è formata da molti parti, e ognuna svolge specifiche funzioni. Tulving e Schacter (1194) teorizzarono l’esistenza di 5 diversi sistemi mnestici:

Memoria di lavoro, magazzino a breve termine, è imputata al mantenimento temporaneo di poche informazioni linguistiche, visive, spaziali e di rappresentazioni di situazioni interne impiegate in operazioni cognitive di più alto livello;

Memoria episodica, immagazzina informazioni situazionali, riguardanti eventi specifici in relazioni a particolari eventi di vita.

Memoria semantica: si tratta di informazioni episodiche deprivate dalle coordinate spazio-temporali per divenire il patrimonio di conoscenza generale sul mondo del soggetto;

Memoria procedurale: riguarda l’apprendimento di abilità motorie e cognitive, come suonare il pianoforte o andare in bicicletta. La caratteristica di questo magazzino è di essere in grado di continuare a funzionare nonostante i sottosistemi di cui è formato siano danneggiati.

Sistema di rappresentazione percettiva: individua forme e strutture il cui significato è elaborato nella memoria semantica. Infatti, in caso di lesione cerebrale dell’area in questione gli individui sono in grado di riconoscere e individuare gli oggetti senza però capirne il significato.

 

 

RUBRICA: INTRODUZIONE ALLA PSICOLOGIA

Sigmund Freud University - Milano - LOGO

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

I ricordi felici di Riley - Inside Out (2015)

Inside Out: oltre le emozioni l'importanza della memoria

Buona parte della riflessione si concentra sul ruolo cruciale della memoria e sui complessi meccanismi di conservazione e distruzione dei ricordi...

Bibliografia

  • Tulving, E. (1972). Episodic and semantic memory. In E. Tulving and W. Donaldson (Eds.), Organization of Memory (pp. 381–402). New York: Academic Press.
  • Schacter, D., Tulving, E. (1994). Memory systems. Cambridge (Mass).
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca