Messaggio pubblicitario

Prima edizione del ciclo “Pratichiamo la teoria”, incontri formativi di confronto fra modelli – Report dall’evento

La Scuola di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato “Pratichiamo la teoria”, un ciclo di incontri teorici e pratici su modello LIBET, REBT e MCT.

ID Articolo: 148811 - Pubblicato il: 03 ottobre 2017
Prima edizione del ciclo “Pratichiamo la teoria”, incontri formativi di confronto fra modelli – Report dall’evento
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

La Scuola di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato presso la sede di Milano un ciclo di incontri formativi di confronto fra modelli dal titolo “Pratichiamo la teoria”.

 

Incontri di formazione teorici e pratici

Messaggio pubblicitario Me.Dia.Re. NOVEMBRE 2017 La Scuola di Specializzazione Studi Cognitivi ha organizzato presso la sede di Milano un ciclo di incontri formativi di confronto fra modelli dal titolo “Pratichiamo la teoria”.

Questo ciclo di incontri non era la solita lezione frontale, ma univa teoria e pratica perché in fondo “Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo” (Aristotele).

Ecco così un’ottima occasione di formazione sia teorica che sul campo. Ad ogni incontro è stato presentato un modello specifico di intervento.

Gli incontri hanno seguito questa struttura:

  • Breve introduzione teorica sul modello presentato
  • Simulata in diretta dell’intervento del modello affrontato sul medesimo caso clinico
  • Spazio aperto di confronto tra il relatore e i partecipanti

Il caso clinico era simulato da una collega psicologa psicoterapeuta (Mara Soliani) che interpretava Cinzia, giovane studentessa universitaria di 24 anni la cui domanda di terapia era la seguente “Devo fare il tirocinio e lavorare con altre persone… non reggo lo sguardo degli altri, non riesco a parlare in pubblico, mi sento agitata, mi blocco….la mia tutor ha uno sguardo che mi blocca”.

Nel corso degli incontri i partecipanti hanno visto i diversi relatori effettuare, sulla stessa problematica presentata, domande e approfondimenti differenti in base al modello di riferimento utilizzato.

Quali sono stati i modelli presentati e applicati?

Nel primo incontro Sandra Sassaroli ha presentato il modello LIBET.

LIBET (Life Themes and plans Implications of biased Beliefs: Elicitation and Treatment) è un modello integrato di concettualizzazione che nasce nel gruppo ricerca di Studi Cognitivi (Sassaroli, Bassanini, Redaelli, Caselli, Ruggiero 2014).

Questo modello consente di capire il paziente all’interno della sua storia evolutiva, senza trascurare allo stesso tempo i sintomi. LIBET inoltre nasce anche come proposta di integrazione tra i diversi mondi della psicoterapia e permette di armonizzare in un quadro unico contributi di diversi orientamenti evidence based.

Durante la simulata Sandra Sassaroli, autrice del modello LIBET, si è focalizzata sulla concettualizzazione del funzionamento della paziente andando a indentificare, a partire dalla domanda di terapia e dall’esordio sintomatico, il tema doloroso, i piani semiadattivi e la rottura del piano.

Pratichiamo la teoria, incontri formativi di confronto fra modelli - Report dall'evento IMM2

La Dottoressa Sandra Sassaroli illustra il Modello LIBET

Nel secondo incontro Giovanni Maria Ruggiero presenta invece il modello REBT.

La REBT (Rational Emotive Behavior Therapy) è un tipo di terapia cognitivo comportamentale sviluppata da Ellis nel 1955. Nell’ottica REBT l’enfasi è sul presente e le persone sono invitate a esaminare e a cambiare i loro pensieri irrazionali che creano emozioni non sane e comportamenti auto-danneggianti e auto-sabotanti. La tecnica della REBT include l’attuazione del modello “ABC” e il focus terapeutico è sulle credenze irrazionali.

Messaggio pubblicitario Giovanni Maria Ruggiero presenta la REBT, di cui è supervisore, e durante la sua simulata ha focalizzato il suo intervento sulla costruzione di un ABC, sull’identificazione dei pensieri irrazionali e sul disputing di questi.

Nel terzo incontro Gabriele Caselli presenta infine il modello MCT.

MCT (Metacognitive Therapy) è una recente forma di psicoterapia che ha introdotto una nuova modalità di concettualizzazione e trattamento dei disturbi psicologici. MCT risulta efficace nel trattamento dei Disturbi d’Ansia (Wells, 1995, 2000) e della Depressione (Norman, Van Emmerik & Molina, 2014). MCT ha come obiettivo la riduzione del pensiero ripetitivo negativo (nelle forme di rimuginio o ruminazione) e riportare sotto il controllo cosciente la risposta a pensieri ed emozioni negative.

Gabriele Caselli, terapeuta level 2 MCT, dopo la presentazione teorica, orienta la sua simulata su un colloquio di concettualizzazione e familiarizzazione con il modello MCT.

Pratichiamo la teoria, incontri formativi di confronto fra modelli - Report dall'evento IMM 1

Il Dott. Gabriele Caselli e la Dott.ssa Mara Soliani durante la simulazione di un caso clinico

Nuove edizioni del ciclo “Pratichiamo la teoria”

Dato l’interesse mostrato dalle richieste dei partecipanti, Studi Cognitivi riproporrà a Milano una seconda edizione del ciclo “Pratichiamo la teoria”. In questa nuova edizione ci saranno nuovi argomenti che verranno trattati con la stessa modalità di breve presentazione teorica e simulata.

Anche altre sedi del Network di Studi Cognitivi si stanno organizzando per lanciare questi tipi di eventi.

Vi siete persi questi incontri? La prima sede che lancerà il ciclo “Pratichiamo la teoria” già questo autunno sarà il Centro di Psicoterapia e Scienza Cognitiva di Genova.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 11, media: 3,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Mindfulness Acceptance Compassion - nuove dimensioni di relazione - Convegno 3G 2017 Milano - REPORTAGE

La concettualizzazione cognitivo-comportamentale del caso: Il modello LIBET - Report dal congresso Mindfulness, Acceptance, Compassion

Report dal Congresso 3G 2017: Mindfulness, Acceptance, Compassion: nuove dimensioni di relazione.

Bibliografia

  • Bassanini A., Redaelli C.A., Caselli G., Ruggiero G.M. & Sassaroli S.(2016). LIBET (Life Themes and Plans Implications of Biased Beliefs: Elicitation and Treatment): un modello integrato di concettualizzazione del caso clinco. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Wells, A. (1995). Cognitive Therapy of Anxiety Disorders: A practice manual and conceptual guide. Chichester, UK:Wiley. Trad it. Trattamento cognitivo dei disturbi d’ansia. Milano: Mc-Graw-Hill
  • Wells, A.(2000). Emotional Disorders and Metacognition: Innovative Cognitive Therapy. Chichester, UK:Wiley. Trad it. Disturbi Emozionali e Metacognizione. Nuove strategie di psicoterapia cognitiva. Trento: Edizioni Erikson, 2002.
  • Wells, A.(2008). Metacognitive Therapy for Anxiety and Depression. New York:Guilford. Trad it. Terapia Metacognitiva dei Disturbi d’Ansia e della Depressione. Firenze: Eclipsi.
  • Wells, A., & Matthews, G. (1994). Attention and Emotion. A Clinical Perspective. Hove, UK: Erlbaum.
  • Ellis, A. (1955). New approaches to psychotherapy techniques. Journal of Clinical Psychology, 11, 207-260.
  • Ellis, A. (1962), Ragione ed emozione in psicoterapia. Astrolabio, Roma 1989.
  • DiGiuseppe R., Doyle K. A., Dryden W., Backx, W. (2014). Manuale di terapia razionale emotiva comportamentale. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  • Norman, N., vanEmmerik, A.A. & Morina, N. (2014). The efficacy of metacognitive therapy for anxiety and depression: a meta-analytic review. Depression & Anxiety, 31(5), 402-411.
  • Sassaroli, S., Caselli, G., Bassanini, A.,  Ruggiero, G.M. (2017). Procedure e protocollo di terapia LIBET seconda parte: fasi del protocollo e caso clinico Antonia A. Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, in press.
  • Sassaroli, S., Caselli, G., Redaelli, C., Ruggiero, G.M. (2017). Procedure e protocollo di terapia LIBET – prima parte: le procedure ABC-LIBET, laddering e disputing. Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, 23, 73-92.
  • Sassaroli, S., Caselli, G.,  Ruggiero, G.M. (2016). Un modello cognitivo clinico di accertamento e concettualizzazione del caso: Life themes and plans Implications of biased Beliefs: Elicitation and Treatment (LIBET). Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, 22, 183-197.
  • Sassaroli S., Caselli G., Bassanini A., Redaelli C.A., & Ruggiero G.M. (2014). Life Themes and plans implications of biased beliefs: elicitation and treatment (LIBET). Annual Convention of the American Psychological Association (APA). August, 7th – 10th, Washington DC.
  • S. Sassaroli , A. Bassanini , C.A. Redaelli, G. Caselli, G. M. Ruggiero (2014) “Uno Studio Pilota Su Un Modello Di Concettualizzazione Del Caso Clinico: Life Themes And Plans Implications Of Biased Beliefs: Elicitation And Treatment (Libet). X Congresso Nazionale SPR-Italy Area Group, 12-13-14 settembre 2014, Padova
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Università e centri di ricerca