Chi predica bene e razzola male: seguiremmo mai i nostri consigli?

Di fronte ai problemi altrui dispensiamo numerosi consigli. Ma nella stessa situazione problematica, riusciremmo a seguire gli stessi consigli dispensati?

ID Articolo: 113533 - Pubblicato il: 17 settembre 2015
Chi predica bene e razzola male: seguiremmo mai i nostri consigli?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Quando dispensiamo consigli su come affrontare i momenti bui, spesso ci sentiamo fiduciosi nelle parole di incoraggiamento e nei suggerimenti dati ai nostri cari, tuttavia…se avessimo lo stesso problema, seguiremmo mai il nostro consiglio?

 

È più facile consigliare di sopportare che sopportare.

Robert Browning, Balaustion’s Adventure, 1871

 

Tutti quanti purtroppo, ci ritroviamo nel corso della vita, a dover fare i conti con qualche problema: che sia di tipo personale, familiare o lavorativo, lo sconforto ci butta giù e spesso riusciamo a trovare sollievo e magari una soluzione solo grazie ai consigli dei nostri amici.

Quando invece siamo noi a dispensare consigli su come affrontare i momenti bui, spesso ci sentiamo fiduciosi nelle parole di incoraggiamento e nei suggerimenti che diamo ai nostri cari affinché si sentano pronti a trovare un’efficace via d’uscita al problema, tuttavia…se avessimo lo stesso problema, seguiremmo mai il nostro consiglio?

Messaggio pubblicitario Partendo dall’articolo scritto dalla psicologa Melissa Dahl ‘Why Is It So Hard to Take Your Own Advice?’, il giornalista Oliver Burkeman ha riflettuto sul perché di frequente non si riesca a seguire un consiglio che magari, qualche tempo prima, abbiamo dispensato fieri, dall’alto della nostra saggezza, all’amico afflitto di turno.

Burkeman scrive la rubrica settimanale ‘This column will change your life’, nella quale dedica ampio spazio alla diffusione di alcuni piccoli consigli per affrontare al meglio alcune situazioni (non senza il riferimento ad articoli scientifici e opinioni di esperti), eppure egli stesso scrive che, nonostante creda fortemente nei consigli che dispensa, non li segue poi così spesso.

C’è qualcosa dunque che rende, ai nostri occhi, i nostri problemi diversi e più gravi rispetto ai problemi altrui? O in realtà non crediamo poi tanto in ciò che diciamo per confortare i nostri cari? Burkeman, nell’articolo consigliato, espone diverse spiegazioni possibili del perchè non ci fidiamo delle belle parole che noi stessi abbiamo dispensato e continuiamo a dispensare. Se proprio non riuscite a seguire i vostri consigli, seguite il mio e leggete l’articolo…lo troverete molto interessante!

Ho l’enorme arroganza di pensare che se voi seguiste alcuni dei suggerimenti che vi do ogni settimana in questa rubrica, potreste essere un po’ più felici o più produttivi, avere rapporti meno tesi con gli altri e un po’ più di calma interiore (dalle email che mi arrivano so che almeno ogni tanto questo succede). Ma se per caso pensate che io segua immancabilmente i miei stessi consigli, siete proprio fuori strada.

Accetta il mio consiglio, tanto io non lo uso – Oliver Burkeman

Consigliato dalla Redazione

Se voi seguiste alcuni dei suggerimenti che vi do, potreste essere€™ più felici o più produttivi, avere rapporti meno tesi con gli altri e un po’ più di calma interiore. (…)

Tratto da: Internazionale

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Psicopatologia della Vita Quotidiana

Fuori o senza bordi – Riflessioni e significati della serie “Strappare Lungo i Bordi”
Attualità Psicologia

Fuori o senza bordi – Riflessioni e significati della serie “Strappare Lungo i Bordi”

Quante volte ci siamo chiesti se fosse davvero questo ciò che dovevamo aspettarci dalla vita, se abbiamo fatto tutto per ‘benino’, come se ci fosse una lista da seguire e delle spunte da mettere per ogni azione svolta. La serie Netflix Strappare lungo i bordi del fumettista romano Michele Rech

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale
Psicologia

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale

Milioni di persone sono appassionate di esports e seguono campionati e tornei sia dal vivo che in streaming. Quali sono le motivazioni di un fenomeno tanto diffuso? PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 25) Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports   Cosa sono gli esports  Gli esports (anche

Preoccupazione ed umorismo: prendere la vita con leggerezza è davvero utile ad incrementare il benessere?
Psicologia

Preoccupazione ed umorismo: prendere la vita con leggerezza è davvero utile ad incrementare il benessere?

Diversi studi hanno dimostrato che le persone con un maggiore senso dell’umorismo presentano meno ansia e stress rispetto alle persone con un minore senso dell’umorismo (Kuiper, 2012).   L’umorismo è un costrutto multidimensionale che combina svariati aspetti, come abitudini comportamentali, abilità e competenze, un tratto di personalità e una strategia

Il concetto di valore nell’essere umano, una riflessione assiologica
Psicologia

Il concetto di valore nell’essere umano, una riflessione assiologica

Nel trattamento delle sindromi psicologiche molto spesso ci imbattiamo in convinzioni che riguardano il proprio valore o il valore degli altri.   Tali convinzioni risultano fondamentali nel mantenimento del disagio psichico in quanto definiscono in modo totale ed invasivo non solo l’efficacia di tutte le aree funzionali della persona, ma

Psicologia del denaro: esistono soldi zen? Pensieri limitanti sul connubio denaro-spiritualità
Psicologia

Psicologia del denaro: esistono soldi zen? Pensieri limitanti sul connubio denaro-spiritualità

È la psicologia del denaro ciò che determina la relazione con la ricchezza, la quale dipende in particolare dalle nostre credenze.   Adriano Tilgher, giornalista e pubblicista dei primi del ‘900, nel suo saggio Homo Faber, scrive: ‘‘È facile deridere l’imprenditore o l’uomo d’affari, che da mane a sera si

L’incertezza è zen
 (2021) di Carlo Tetsugen Serra – Recensione
Psicologia

L’incertezza è zen
 (2021) di Carlo Tetsugen Serra – Recensione

Il testo L’incertezza è zen descrive l’impermanenza delle situazioni che si presentano nella quotidianità e può aiutare a comprendere l’incertezza che caratterizza l’esistenza.   Ai giorni nostri infatti l’incertezza permea l’esistenza con continui, repentini e imprevedibili cambiamenti. È un’epoca che richiede una grande “agilità”, la nostra: la capacità di adattarsi

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale

Il rapporto tra noi ed i social network non è a senso unico: non solo le nostre caratteristiche ma anche le loro specificità ci influenzano. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 24) Cosa ci piace così tanto dei social network   Perché le persone utilizzano i social network  Per avere una stima

Sticazzi, la suprema via della leggerezza – Recensione del libro
Psicologia

Sticazzi, la suprema via della leggerezza – Recensione del libro

In un testo sincero ed aperto, l’autore ci espone la sua personale filosofia di vita. Non delle più bon ton, il mantra dello “sticazzi” diventa un refrain liberatorio ed emancipante.   Sono molte le barriere che una società, specialmente una da sempre avversa al rischio come quella italiana, impone ai

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?
Psicologia Psicoterapia

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?

La malattia mentale, al pari di qualsiasi altra forma di malattia, può colpire chiunque, compresi i professionisti della salute mentale.   Prevalenza della malattia mentale tra i terapeuti Tuttavia, pochi studi si sono proposti di valutare la prevalenza delle diagnosi di malattia mentale tra i terapeuti, ma gli attuali dati

Tè, cacao, caffè e disturbi affettivi
Psicologia

Tè, cacao, caffè e disturbi affettivi

García-Blanco et al. (2017) hanno effettuato una revisione sistematica della letteratura esaminando il ruolo di tè, cacao e caffè in relazione all’ansia e ai disturbi affettivi come la depressione.   Solo nei paesi dell’unione europea, 21 milioni di persone soffrono di depressione e l’80% circa sono uomini (Vigo et al.,

L’arte dell’essere imperfetti: onore agli errori e agli sbagli
Psicologia

L’arte dell’essere imperfetti: onore agli errori e agli sbagli

L’assenza di errori non è desiderabile: il perfezionismo patologico, infatti, è come un tarlo che deteriora la salute mentale.   Come mai, se sbagliando si impara, si cerca di evitare gli errori? Sarà forse perché, fin da piccoli, si ricevono messaggi che, implicitamente o esplicitamente, suggeriscono che sbagliare è sbagliato?

La moglie di Darwin -L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione
Psicologia

La moglie di Darwin -L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione

“Esiste un’abilità più importante di quella di compiere scelte difficili?” Questo è il quesito posto da Steven Johnson nel libro La moglie di Darwin.   Dan e Chip Heath, autori del libro Decisive, fanno notare che “La gran parte delle organizzazioni sembra seguire lo stesso processo decisionale di un adolescente

La solitudine che è in noi: un’esperienza esistenziale di profonda libertà e potenziale creativo
Psicologia Psicoterapia

La solitudine che è in noi: un’esperienza esistenziale di profonda libertà e potenziale creativo

Gli individui sono spesso isolati dagli altri o da parti di loro stessi, ma ciò non va confuso con la solitudine esistenziale. Essa si riferisce ad un abisso incolmabile tra un individuo e ogni altro essere, ma anche ad un isolamento più fondamentale, una separazione tra l’individuo e il mondo.

Tempo lib(e)ro che promuove benessere
Psicologia

Tempo lib(e)ro che promuove benessere

Alcuni studi considerano identificazione e catarsi due fasi delle dinamiche della biblioterapia, cui fa seguito, come terza fase, il meccanismo psicologico dell’introspezione.   La biblioterapia, ossia la terapia attraverso la lettura di testi letterari, di saggistica, di auto-aiuto, rappresenta uno strumento relazionale (di supporto al piano terapeutico di base) e

10.000 passi al giorno a beneficio della salute mentale
Psicologia

10.000 passi al giorno a beneficio della salute mentale

A partire dalle evidenze dei miglioramenti fisici associati all’attività fisica, e nello specifico al percorrere 10.000 passi giornalieri, l’indagine di Hallam et al. (2018) ne ha valutato l’impatto sui fattori psicologici quali benessere, stress, ansia e depressione.   Si prevede che entro il 2030, la malattia mentale impatterà globalmente a

Chi sono e chi vorrei essere: differenze tra sé reale e sé ideale
Psicologia

Chi sono e chi vorrei essere: differenze tra sé reale e sé ideale

Il concetto di Sé Reale e Sé Ideale è stato introdotto dallo psicologo statunitense Carl Rogers (Rogers, 1951). Secondo Carl Rogers, l’immagine di sé e il sé ideale possono essere congruenti o incongruenti. Quando c’è congruenza vuol dire che tra l’immagine di sé e il sé ideale c’è una discreta quantità

La gestione psicosociale e i ritmi circadiani quali elementi chiave per il benessere psicofisico
Psicologia

La gestione psicosociale e i ritmi circadiani quali elementi chiave per il benessere psicofisico

I fattori responsabili dell’accelerazione e del rallentamento delle lancette del nostro orologio biologico, cioè i nostri telomeri, sono identificabili dall’alimentazione, dall’attività motoria, dalla qualità del sonno, dalla rete sociale che abbiamo e dal nostro benessere psicologico.   L’adattamento richiesto al nostro organismo, sia in termini di contesti di vita molto

“Nel Profondo Veneto” e l’instabilità della società della prestazione
Attualità Cultura Psicologia

“Nel Profondo Veneto” e l’instabilità della società della prestazione

Il singolo di Vasco Brondi Nel Profondo Veneto racconta delle incertezze di una ragazza veneta che si trasferisce a Milano ed è un inno all’arte dell’accontentarsi.   Nel Profondo Veneto è un brano che fa parte dell’album Terra, di Vasco Brondi (alias Le Luci della Centrale Elettrica), uscito nel 2017. L’album

Vivere con grinta (grit): passione e perseveranza per ottenere ciò che desideriamo
Psicologia

Vivere con grinta (grit): passione e perseveranza per ottenere ciò che desideriamo

La ricerca sulla grinta sembra dare supporto alla sua relazione positiva con la performance, anche in contesti particolarmente provanti.   Correre l’ultimo metro, scrivere l’ultimo articolo, chiudere l’ultima pratica d’ufficio, studiare ancora un’altra ora… cosa distingue le persone che perseverano fino ad eccellere nel loro campo, dagli altri individui? Cosa

Il pregiudizio di conferma
Psicologia

Il pregiudizio di conferma

Ci illudiamo di essere persone che utilizzano sempre la ragione, ma la realtà dei fatti è che molti pregiudizi guidano, spesso inconsapevolmente, le nostre azioni; uno di questi è sicuramente il “pregiudizio di conferma” (in inglese “confirmation bias”).   Definizione Ma cos’è questo “pregiudizio di conferma”? In generale, possiamo definire

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario