inTherapy

Morbo di Parkinson: la stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda potrebbe portare a un dispositivo autoregolante per trattare il morbo di Parkinson in maniera più efficace

ID Articolo: 109616 - Pubblicato il: 27 aprile 2015
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Articolo pubblicato su Linkiesta di Martedì 21 Aprile 2015

 

 

L’invio di impulsi elettrici al cervello attraverso elettrodi impiantati – una procedura conosciuta come stimolazione cerebrale profonda – permette di alleviare i sintomi del Parkinson e di altri disturbi del movimento.

Il problema, però, è che nessuno sa esattamente perché una scossa al cervello sia tanto benefica. Uno studio pubblicato recentemente su Nature Nanoscience offre una possibile spiegazione ai benefici visti nei soggetti affetti dal morbo di Parkinson: impedisce ai neuroni di entrare troppo in sincronia. Questa scoperta, se verrà confermata da studi futuri, potrebbe portare a dispositivi più sofisticati ed efficaci in grado di monitorare l’attività cerebrale e regolare automaticamente la stimolazione cerebrale.

I neuroni sani non si attivano casualmente; esiste spesso un ritmo a bassa frequenza che determina il tempismo della loro attività, come un conduttore che detta il ritmo a un’orchestra. Un crescente numero di studi suggerisce che la sincronia giochi un ruolo in diverse attività cerebrali, dalla memoria, alla percezione, al movimento.

Alcuni ricercatori dell’Università della California, a San Francisco, guidati da Philip Starr, avevano scoperto in precedenza che, rispetto ai pazienti affetti da distonia (una forma differente di disturbi del movimento) o epilessia, questa sincronizzazione è normalmente elevata nella corteccia motoria delle persone colpite da morbo di Parkinson…

Una scossa al cervello per aiutare i malati di ParkinsonConsigliato dalla Redazione

La stimolazione cerebrale profonda potrebbe portare a un dispositivo autoregolante per trattare il morbo di Parkinson in maniera più efficace (…)

Tratto da: Linkiesta.it

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

LEGGI L’ARTICOLO IN INGLESE (MIT Technology Review)

 


Articoli su: Morbo di Parkinson

Cosa può dirci la neuroestetica sul legame tra bellezza e movimento
Neuroscienze Psicologia

Cosa può dirci la neuroestetica sul legame tra bellezza e movimento

Neuroestetica: le arti visive offrono alle neuroscienze cognitive un’interessante opportunità di studio dei processi con cui il valore soggettivo di bellezza, intesa come piacevolezza estetica, viene costruito a partire da rappresentazioni supportate da diversi sistemi neurali.    In un recente studio (2021) condotto da Humphries, Rick, Weintraub e Chatterjee presso

Disturbi parafilici a causa iatrogena in pazienti con malattia di Parkinson: difficoltà, sofferenze e ripercussioni sul paziente, sui familiari e sull’ambiente – FluIDsex
Psichiatria Psicologia

Disturbi parafilici a causa iatrogena in pazienti con malattia di Parkinson: difficoltà, sofferenze e ripercussioni sul paziente, sui familiari e sull’ambiente – FluIDsex

Sebbene la terapia dopaminergica abbia migliorato notevolmente la qualità della vita dei pazienti con Parkinson, non sono rari gli effetti collaterali correlati, tra i quali l’insorgenza di disturbi parafilici. La presenza di pensieri e disturbi parafilici viene spesso sottovalutata o considerata solo come un’osservazione aneddotica.   La malattia di Parkinson

Esiste una correlazione tra il nevroticismo e il morbo di Parkinson?
Neuroscienze Psicologia

Esiste una correlazione tra il nevroticismo e il morbo di Parkinson?

Un recente studio dell’Università della Florida, realizzato in collaborazione con due istituti italiani del CNR, ha stabilito l’esistenza di una correlazione tra un aumento del rischio di sviluppare il morbo di Parkinson ed il tratto di personalità detto “nevroticismo”.   Il morbo di Parkinson appartiene al gruppo di patologie definite

Exergames in terapia
Psicologia Psicoterapia

Exergames in terapia

Se confrontati ai videogiochi tradizionali, gli exergames coinvolgono vari tipi di aspetti motivazionali, come feedback visivi e uditivi sulla performance, che rendono l’esercizio molto interattivo, divertente e soddisfacente.    Fra i benefici presi in considerazione abbiamo una migliorata motivazione all’esercizio fisico (che è stato a più riprese considerato come utile

Associazione tra disturbi dello spettro schizofrenico e morbo di Parkinson: il ruolo del sistema dopaminergico
Neuroscienze Psichiatria

Associazione tra disturbi dello spettro schizofrenico e morbo di Parkinson: il ruolo del sistema dopaminergico

Secondo un recente studio, condotto da ricercatori dell’Università di Turku in Finlandia, soffrire di un disturbo dello spettro schizofrenico aumenta le possibilità di sviluppare, nel corso della vita, la malattia di Parkinson. Il ruolo del sistema dopaminergico e gli effetti dei farmaci antipsicotici sono fondamentali per comprendere l’associazione tra queste

Il Morbo di Parkinson, la Deep Brain Stimulation e lo sviluppo di strategie di intervento integrato nella gestione della malattia
Neuroscienze

Il Morbo di Parkinson, la Deep Brain Stimulation e lo sviluppo di strategie di intervento integrato nella gestione della malattia

Il morbo di Parkinson è il più frequente dei disordini del movimento che colpiscono l’individuo nell’età adulta fra i quaranta ed i settanta anni.   Questa è una malattia neurodegenerativa cronica che si manifesta allorquando la perdita di neuroni nella substantia nigra determina un calo nella produzione di dopamina e la comparsa di

XII edizione: Giornata Nazionale Parkinson – Comunicato Stampa
Attualità Neuroscienze Psicologia

XII edizione: Giornata Nazionale Parkinson – Comunicato Stampa

Comunicato Stampa XII edizione Giornata Nazionale Parkinson 28 novembre 2020 90 centri su tutto il territorio nazionale, quest’anno sulla piattaforma virtuale: GIORNATAPARKINSON2020.FONDAZIONELIMPE.IT   Anteprima – Giornata Nazionale Parkinson 2020 Interverrà il Viceministro della Salute, Sen. Pierpaolo Sileri Sono stati invitati a partecipare i 20 assessori regionali alla Salute per la

Il COVID-19 aumenterà l’incidenza del morbo di Parkinson?
Neuroscienze Psicologia

Il COVID-19 aumenterà l’incidenza del morbo di Parkinson?

Gli scienziati del Florey Institute Of Neuroscience and Mental Health stanno studiando il legame tra COVID-19 e aumento dell’incidenza del morbo di Parkinson   Ad oggi sappiamo che il COVID-19, oltre alle crisi respiratorie, ha anche conseguenze neurologiche, come si può evincere dalla presenza di sintomi quali: encefaliti e iposmia

La Deep Brain Stimulation nel Parkinson
Neuroscienze Psicologia

La Deep Brain Stimulation nel Parkinson

La malattia di Parkinson colpisce negli USA l’1% circa della popolazione sopra i 50 anni e si manifesta con sintomatologia motoria a cui si associano deficit cognitivi di varia natura. Marta Paris – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre   Neuroanatomia e sintomatologia del morbo di Parkinson I gangli

Disturbo Bipolare e morbo di Parkinson: due patologie in relazione
Neuroscienze Psicologia

Disturbo Bipolare e morbo di Parkinson: due patologie in relazione

Diverse ricerche hanno suggerito l’esistenza di un’associazione tra Disturbo Bipolare e malattia di Parkinson. Una metanalisi del 2019 ha analizzato gli studi maggiormente attendibili sull’argomento confermando la veridicità di questa ipotesi.   Chi è affetto da Disturbo Bipolare ha un maggior rischio di sviluppare il morbo di Parkinson rispetto alle persone

Un nuovo training di Realtà Virtuale per i pazienti affetti dalla malattia di Parkinson
Psicologia

Un nuovo training di Realtà Virtuale per i pazienti affetti dalla malattia di Parkinson

Le nuove tecnologie e in particolare i moderni sistemi di realtà virtuale sono spesso un prezioso aiuto alla medicina e alla riabilitazione: questo succede anche nel caso del trattamento del morbo di Parkinson, che causa deficit di movimento e coordinazione. Adriano Mauro Ellena   Le persone affette dal morbo di

I pazienti con sindrome ADHD avrebbero un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson
Neuroscienze Psicologia

I pazienti con sindrome ADHD avrebbero un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson

Secondo uno studio della University of Utah Health pubblicato sulla rivista di Neuropsychopharmacology, le persone con Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) hanno un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson (disturbo del sistema nervoso progressivo associato a tremori, rigidità e rallentamento del movimento) o disturbi simili.

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza
Psichiatria Psicologia

Le difficoltà cognitive nelle persone con Disturbo Bipolare: il possibile legame a lungo termine con la demenza

I disturbi dell’umore comprendono un ampio gruppo di condizioni psicopatologiche il cui quadro clinico è dominato non solo da un’alterazione del tono affettivo ma anche da sintomi psicomotori, cognitivi e neurovegetativi, per giungere, in rare occasioni, a manifestazioni psicotiche. Roberta Sciore – OPEN SCHOOL, Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

La Deep Brain Stimulation migliora le prospettive di vita per i malati di Parkinson
Neuroscienze

La Deep Brain Stimulation migliora le prospettive di vita per i malati di Parkinson

Un nuovo trattamento chiamato deep brain stimulation (DBS), letteralmente tradotto stimolazione cerebrale profonda, potrebbe prolungare la vita delle persone con malattia di Parkinson.   I ricercatori del Edward Hines, Jr. VA Hospital in Illinois hanno identificato che i pazienti che sono stati sottoposti alla stimolazione tramite un dispositivo impiantato a

L’ attività fisica riduce i sintomi motori del morbo di Parkinson
Neuroscienze

L’ attività fisica riduce i sintomi motori del morbo di Parkinson

Secondo una nuova ricerca, una regolare attività fisica diminuirebbe il peggioramento dei sintomi motori nei soggetti affetti dal morbo di Parkinson.   Il morbo di Parkinson e gli effetti dell’attività fisica Gli scienziati della Northwestern Medicine dell’Illinois e della University of Denver hanno testato per la prima volta gli effetti

L’ascesa della tecnica della Deep Brain Stimulation (DBS) per i disturbi mentali gravi farmaco-resistenti: una questione controversa
Neuroscienze Psichiatria

L’ascesa della tecnica della Deep Brain Stimulation (DBS) per i disturbi mentali gravi farmaco-resistenti: una questione controversa

Attualmente l’uso della Deep Brain Stimulation è stato allargato al trattamento dei disturbi psichiatrici che si sono rivelati persistenti nel tempo e che non rispondono più ad alcun tipo di dosaggi farmacologico e terapia di qualunque genere.   La tecnica della Deep Brain Stimulation (DBS) La tecnica della Deep Brain Stimulation (DBS) è

La caffeina può alleviare i sintomi motori del Morbo di Parkinson?
Neuroscienze

La caffeina può alleviare i sintomi motori del Morbo di Parkinson?

Contrariamente alle ricerche precedenti, un recente studio dichiara che la caffeina non può alleviare i sintomi motori presenti nelle persone affette da morbo di Parkinson.   La caffeina non genera una riduzione dei sintomi motori del morbo di Parkinson Uno studio precedente, pubblicato nel 2012, ha suggerito che la caffeina

La nuova frontiera sull’origine della malattia di Parkinson
Neuroscienze

La nuova frontiera sull’origine della malattia di Parkinson

Uno studio pre-clinico suggerisce che la malattia di Parkinson potrebbe originare dalle cellule endocrine dell’intestino: la proteina correlata al Parkinson potrebbe diffondersi dall’intestino al sistema nervoso.   Malattia di Parkinson: sintomatologia La malattia di Parkinson è neurodegenerativa e progressiva, causata principalmente da una perdita dell’input dopaminergico dalla sostanza nera (pars

L’ideazione suicida e il rischio di suicidio nel Morbo di Parkinson
Neuroscienze Psicologia

L’ideazione suicida e il rischio di suicidio nel Morbo di Parkinson

E’ stato riscontrato come comportamenti suicidari possano essere più comuni in alcune malattie neurologiche, tuttavia sono pochi gli studi che hanno esaminato l’ ideazione suicida e il rischio di suicidio nel morbo di Parkinson. Maria Pia Totaro – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi   Il suicidio è una delle principali cause

L’ipotensione ortostatica influisce sulle prestazioni cognitive nei soggetti con Morbo di Parkinson

L’ipotensione ortostatica influisce sulle prestazioni cognitive nei soggetti con Morbo di Parkinson

In un nuovo studio pubblicato online nella rivista “Neurology”, un team di ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) e di neuropsicologi della Boston University, ha dimostrato che quando pazienti col morbo di Parkinson esperiscono un aumento della pressione sanguigna dopo essersi alzati in piedi – condizione conosciuta come

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,33 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario