Centri Clinici

Associazione tra disturbi dello spettro schizofrenico e morbo di Parkinson: il ruolo del sistema dopaminergico

Schizofrenia e Parkinson sono accomunati dal coinvolgimento di un’alterazione, anche se in senso opposto, del sistema dopaminergico.

ID Articolo: 183004 - Pubblicato il: 11 marzo 2021
Associazione tra disturbi dello spettro schizofrenico e morbo di Parkinson: il ruolo del sistema dopaminergico
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Secondo un recente studio, condotto da ricercatori dell’Università di Turku in Finlandia, soffrire di un disturbo dello spettro schizofrenico aumenta le possibilità di sviluppare, nel corso della vita, la malattia di Parkinson. Il ruolo del sistema dopaminergico e gli effetti dei farmaci antipsicotici sono fondamentali per comprendere l’associazione tra queste due patologie.

 

Messaggio pubblicitario I disturbi dello spettro della schizofrenia sono caratterizzati da anomalie psicopatologiche che si esprimono a livello sintomatologico con deliri, allucinazioni, pensiero disorganizzato, comportamento motorio anormale e sintomi negativi come ad esempio la diminuzione dell’espressione delle emozioni o la diminuzione della capacità di provare piacere. La compromissione che queste patologie determinano si manifesta in ambito sociale, interpersonale, relazionale, cognitivo e percettivo. I sintomi differiscono per durata e modalità di espressione, a seconda degli ambiti maggiormente intaccati dalla malattia (De Jong MH, Zemel D, Van Gool AR. 2014; McCutcheon RA, Reis Marques T, Howes OD 2020). I disturbi dello spettro schizofrenico hanno un’eziologia multifattoriale, tra le varie ipotesi che cercano di spiegarne la causa vi è quella dopaminergica che teorizza, in questi disturbi, un’iperattività del sistema dopaminergico specie nelle vie mesolimbocorticali (Brisch R, Saniotis A, Wolf R et al. 2014; Howes OD, Kapur S. 2009).

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenertiva che fa parte di un gruppo di patologie denominate ‘’Disordini del Movimento’’. I principali sintomi motori che lo caratterizzano sono il tremore a riposo, la rigidità, la bradicinesia e, in fase avanzata, l’instabilità posturale con disturbi dell’equilibrio. Le strutture cerebrali colpite da neurodegenerazione, nel Parkinson, sono i gangli della base che partecipano alla corretta esecuzione dei movimenti. In questo morbo si verifica una perdita progressiva di dopamina nelle vie mesostriatali (Kalia LV , Lang AE . 2015).

I disturbi dello spettro schizofrenico e la malattia di Parkinson sono accomunati dal coinvolgimento di un’alterazione, anche se in senso opposto, del sistema dopaminergico. Dal punto di vista farmacologico i sintomi del Parkinson possono essere alleviati con gli agonisti del recettore per la dopamina mentre i disturbi schizofrenici sono comunemente trattati con antagonisti del recettore per la dopamina (De Jong MH , Zemel D , Van Gool AR. 2014; Lan CC , Su TP , Chen YS , Bai YM. 2011). Proprio perché le due patologie si associano ad alterazioni opposte del sistema dopaminergico, la comorbidità del Parkinson con i disturbi dello spettro schizofrenico è considerata un fatto raro. (DSM-5 2013)

Messaggio pubblicitario Un recente studio ha indagato quale sia il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson dopo una diagnosi di disturbo dello spettro schizofrenico (Kuusimaki T, Haidar Al,Andulrasul MD et al. 2021). Si tratta di uno studio caso-controllo basato su record retrospettivo. I ricercatori hanno esaminato una coorte che comprendeva 3045 pazienti, della Finlandia sud-occidentale, con malattia di Parkinson. Sono stati inclusi nella ricerca anche pazienti con disturbi dello spettro schizofrenico diagnosticati precedentemente alla comparsa del Parkinson.

In base all’analisi dei dati, gli autori dello studio sono giunti alla conclusione che i disturbi di tipo schizofrenico aumentano il rischio di sviluppare nel corso della vita la malattia di Parkinson. Questa associazione è stata osservata nonostante l’aspettativa di vita nei pazienti, con disturbi di tipo schizofrenico grave, è diminuita di 15-25 anni rispetto alla popolazione generale e ciò diminuisce la possibilità di sviluppare nel tempo il Parkinson (Saha S , canto D , McGrath J 2007).

L’aumento del rischio per il morbo di Parkinson, nei pazienti con disturbi dello spettro schizofrenico, potrebbe essere correlato alla maggiore vulnerabilità del sistema dopaminergico indotta dalla disregolazione della dopamina presente in questi disturbi o agli effetti degli antagonisti del recettore della dopamina (Grace AA .  1991, Howes OD , Kapur S . 2009). I ricercatori hanno preso in considerazione il ruolo dei farmaci antipsicotici, questi inducono il parkinsonismo bloccando i recettori dopaminergici post-sinaptici (Erro R , Bhatia KP , Tinazzi M .  2015). I neurolettici potrebbero predisporre i pazienti con disturbi schizofrenici alla malattia di Parkinson per gli effetti neurotossici che queste sostanze hanno sui neuroni dopaminergici (Leucht S , Cipriani A , Spineli L , et al. 2013).

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbo Bipolare e morbo di Parkinson: relazione tra le due patologie

Disturbo Bipolare e morbo di Parkinson: due patologie in relazione

Una metanalisi del 2019 ha valutato la possibile associazione del Disturbo Bipolare con una successiva diagnosi di morbo di Parkinson

Bibliografia

  • Brisch R , Saniotis A , Wolf R , et al.  (2014) Il ruolo della dopamina nella schizofrenia da una prospettiva neurobiologica ed evolutiva: vecchio stile, ma ancora in voga . Front Psychiatry; 5 ( 47 ).
  • De Jong MH , Zemel D , Van Gool AR (2014).  Aspetti clinici della schizofrenia concomitante e del morbo di Parkinson idiopatico .  Clin Schizophr Relat Psychoses ; 8 ( 1 ): 36 – il 40 .
  • DSM-5 (2013) Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali Raffaello Cortina Editore
  • Erro R , Bhatia KP , Tinazzi M .  (2015) Parkinsonismo a seguito di esposizione neurolettica: un’ipotesi double hit? Mov Disord  ; 30 ( 6 ): 780 – 785 .
  • Foubert ‐ Samier A , Helmer C , Perez F , et al.(2012) Esposizione passata a farmaci neurolettici e rischio di malattia di Parkinson in una coorte anziana . Neurology; 79 ( 15 ): 1615 – 1621 .
  • Faustino PR , Duarte GS , Chendo I , et al. (2020) Rischio di sviluppare la malattia di Parkinson nel disturbo bipolare: una revisione sistematica e una meta-analisi . JAMA Neurol; 77 ( 2 ): 192 – 198 .
  • Grace AA (1991) Rilascio di dopamina fasico contro tonico e la modulazione della reattività del sistema dopaminergico: un’ipotesi per l’eziologia della schizofrenia. Neuroscience; 41 ( 1 ): 1 – 24 .
  • Howes OD , Kapur S . (2009)  L’ipotesi dopaminergica della schizofrenia: versione III – la via comune finale . Schizophr Bull; 35 ( 3 ): 549 – 562
  • Kalia LV , Lang AE .(2015)  Il morbo di Parkinson Lancet ; 386 ( 9996 ): 896 – 912 .
  • Kuusimaki T, Haidar Al,Andulrasul MD et al. (2021) Aumento del rischio di malattia di Parkinson nei pazienti con disturbi dello spettro schizofrenico. Movement Disorders
  • Lan CC , Su TP , Chen YS , Bai YM . (2011) Dilemma del trattamento nella comorbilità della schizofrenia e del morbo di Parkinson idiopatico . Gen Hosp Psychiatry  ; 33 ( 4 ): 411.e3 – e5.
  • Leucht S , Cipriani A , Spineli L , et al.(2013)  Efficacia comparativa e tollerabilità di 15 farmaci antipsicotici nella schizofrenia: una meta-analisi di trattamenti multipli . Lancet  ; 382 ( 9896 ): 951 – 962
  • McCutcheon RA , Reis Marques T, Howes OD (2020) Schizofrenia: una panoramica . JAMA Psychiatry  ; 77 ( 2 ): 201 – 210 .
  • Saha S , canto D , McGrath J (2007)  Una revisione sistematica della mortalità nella schizofrenia: il divario di mortalità differenziale sta peggiorando nel tempo? Arch Gen Psychiatry; 64 ( 10 ): 1123 – 1131
  • Fiore, F. (2019). La schizofrenia e le neuroscienze – Introduzione alla Psicologia. State of Mind
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario