Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione – Definizione Psicopedia

Il DSM-5 propone una ridefinizione dei criteri diagnostici dei disturbi della nutrizione e dell'alimentazione rispetto al DSM-IV - Psicologia

ID Articolo: 102627 - Pubblicato il: 18 settembre 2014
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

 

 

LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

Secondo il DSM-5 i Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione sono caratterizzati “da un persistente disturbo dell’alimentazione oppure da comportamenti inerenti l’alimentazione che hanno come risultato un alterato consumo o assorbimento di cibo e che compromettono significativamente la salute fisica o il funzionamento psicosociale”.

 

E’ molto umana la necessità di classificare per aiutarci a decodificare e comprendere la realtà. Da qui nasce il DSM, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’Associazione Americana di Psichiatria, che ha il suo corrispondente nel cugino ICD, la classificazione internazionale delle malattie e problemi correlati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che tratta al Capitolo V le Patologie mentali e del comportamento.

Nel maggio 2013 è uscita negli Stati Uniti d’America la V edizione, DSM-5, tradotto in Italia nel 2014, mentre l’ICD-10 è l’ultima versione.

 

Secondo il DSM-5 i Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione sono caratterizzati “da un persistente disturbo dell’alimentazione oppure da comportamenti inerenti l’alimentazione che hanno come risultato un alterato consumo o assorbimento di cibo e che compromettono significativamente la salute fisica o il funzionamento psicosociale”, quali l’ingestione di sostanze senza contenuto alimentare, non commestibili; il ripetuto rigurgito di cibo, non attribuibile a condizioni gastrointestinali associate; l’evitamento di particolari cibi; le restrizioni alimentari con il conseguente significativo peso corporeo basso e la paura di diventare grassi; le abbuffate; i comportamenti compensatori inappropriati (vomito autoindotto, abuso lassativi e/o diuretici, digiuno, attività fisica eccessiva).

 

Messaggio pubblicitario Nel DSM-5 non è inserita l’obesità, anche se è statisticamente associata ad alcuni disturbi mentali quali: binge-eating, depressione, disturbo bipolare, schizofrenia. Quindi chi è obeso, ha un eccesso di grasso corporeo e non necessariamente soffre di alcun disturbo mentale.

 

Quali sono le differenze tra il DSM-5 e la precedete versione del DSM-IV-TR rispetto a quest’area?

 

Innanzitutto la denominazione era prima Disturbi della Alimentazione o Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), oggi Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione.

 

Andando ad elementi più sostanziali è stato eliminato il capitolo “Disturbi solitamente diagnosticati per la prima volta nell’infanzia, nella fanciullezza o nell’adolescenza”, tra cui il paragrafo “Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione dell’infanzia o della prima fanciullezza”, così la pica e il disturbo da ruminazione sono entrati nei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione.

Il disturbo della nutrizione dell’infanzia o della prima fanciullezza è stato denominato disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo, con ampliamento dei criteri diagnostici.

 

La descrizione dell’anoressia nervosa non è cambiata sostanzialmente, tranne che l’eliminazione del criterio diagnostico dell’amenorrea.

Rispetto alla bulimia nervosa la variazione introdotta è rispetto alla frequenza settimanale media minima, modificata da due ad una abbuffata con comportamenti compensatori inappropriati.

L’alimentazione incontrollata è divenuta nel DSM-5 disturbo da binge-eating, cambiando la frequenza media minima delle abbuffate da 2 giorni alla settimana per 6 mesi a 1 volta a settimana negli ultimi 3 mesi.

 

Il lettore si chiederà queste etichette diagnostiche come aiutano i pazienti?

In realtà i sistemi di classificazione nascono da esigenze dei clinici e ricercatori di inquadrare, incasellare, per i pazienti il beneficio può essere nel dare un nome al proprio disagio.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO

Psicoptologia oggi: la struttura del sè nei disturbi alimentari

 

BIBLIOGRAFIA:

  • American Psychiatric Association. (2014). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Quinta edizione (DSM-5). Raffaello Cortina editore.  ACQUISTA ONLINE
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,75 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Feeding disorders o Eating disorders? I disturbi alimentari durante l’infanzia
Psicologia

Feeding disorders o Eating disorders? I disturbi alimentari durante l’infanzia

I disturbi alimentari sono una classe diagnostica che, forse più di ogni altra classe presente nei manuali diagnostici (DSM e ICD), comprende una serie di disordini caratterizzati da un’eziologia multifattoriale.  Martina Tramontano e Veronica Aggio – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Milano   In tali disturbi, i comportamenti alimentari sono caratterizzati

Le mani in pasta. Riconoscere e curare il disturbo selettivo dell’alimentazione in infanzia e prima adolescenza (2018) – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Le mani in pasta. Riconoscere e curare il disturbo selettivo dell’alimentazione in infanzia e prima adolescenza (2018) – Recensione del libro

Il volume Le mani in pasta. Riconoscere e curare il disturbo selettivo dell’alimentazione in infanzia e prima adolescenza, curato da Laura Dalla Ragione e Paola Antonelli è incentrato sulla delicata questione dei disturbi del comportamento alimentare nell’infanzia e nella prima adolescenza esplorata attraverso una prospettiva complessa che dà voce a

Tra vita e girovita (2018) a cura di Nello Viparelli – Recensione del libro
Psicologia

Tra vita e girovita (2018) a cura di Nello Viparelli – Recensione del libro

Nell’epoca dei cooking show e degli chef-star, il libro Tra vita e girovita raccoglie le riflessioni sulla nutrizione e sul cibo dei professionisti che si occupano di alimentazione e amanti della tavola imbandita   Questo libro nasce a tavola, quasi letteralmente. Ogni contributo viene da un diverso professionista, legato agli

Nutrizionisti obiettori di scienza e il loro ruolo nel trattamento dell’obesità
Psicologia

Nutrizionisti obiettori di scienza e il loro ruolo nel trattamento dell’obesità

I dati disponibili concordano nel considerare l’ obesità come conseguenza dell’interazione fra un ambiente obesogeno e una suscettibilità genetica (Kyle et al. 2016). Ciononostante non si riduce la visione sociale che etichetta le persone con eccesso di peso, considerati colpevoli della propria condizione. Questo favorisce il fallimento dei trattamenti dimagranti

Preoccupazioni per il peso o la forma del corpo, paura di aumentare di peso, sentirsi grasso e esiti del trattamento in pazienti con anoressia nervosa: uno studio longitudinale
Psicologia Psicoterapia

Preoccupazioni per il peso o la forma del corpo, paura di aumentare di peso, sentirsi grasso e esiti del trattamento in pazienti con anoressia nervosa: uno studio longitudinale

Nel campo dei disturbi dell’ alimentazione la ricerca non ha ancora chiarito se la preoccupazione per l’immagine corporea rappresenti una caratteristica chiave della psicopatologia o più semplicemente un epifenomeno. Selvaggia Sermattei   Infatti, mentre alcuni autori hanno recentemente proposto di considerare l’ anoressia nervosa (AN) come un mero disturbo dell’

Lo stato attuale della terapia cognitivo comportamentale per i disturbi dell’alimentazione
Psicoterapia

Lo stato attuale della terapia cognitivo comportamentale per i disturbi dell’alimentazione

Un recente editoriale di un numero virtuale dell’International Journal of Eating Disorders (IJED) ha raccolto e reso disponibili ai lettori alcuni articoli recenti per fare il punto sullo stato attuale della terapia cognitivo comportamentale per i disturbi dell’alimentazione (CBT-ED).   Introduzione Un recente editoriale di un numero virtuale dell’International Journal of

Anoressia nervosa, abuso sessuale nell’infanzia ed esiti della terapia cognitivo comportamentale intensiva 
Psicologia Psicoterapia

Anoressia nervosa, abuso sessuale nell’infanzia ed esiti della terapia cognitivo comportamentale intensiva 

Il ruolo dell’ abuso sessuale nello sviluppo dei disturbi dell’alimentazione è stato ampiamente studiato, portando spesso a risultati contrastanti. Per fare maggior chiarezza un’ équipe di professionisti ha deciso di valutare gli esiti a breve e lungo termine dei pazienti con anoressia nervosa (con e senza una storia riportata di abuso

Neurobiologia dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione: stato dell’arte e prospettive – Report dal convegno
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Neurobiologia dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione: stato dell’arte e prospettive – Report dal convegno

Si è concluso il terzo convegno di formazione del 2017, dedicato alla neurobiologia dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, organizzato dall’équipe dell’Ambulatorio DCA – ASST Santi Paolo e Carlo, Presidio San Paolo Polo Universitario UNIMI, Milano – con il patrocinio di SITCC Lombardia e il supporto di Nutrimente Onlus. Gloria

Problemi da affrontare nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione in Italia
Attualità Psicologia Psicoterapia

Problemi da affrontare nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione in Italia

Negli ultimi dieci anni sono stati aperti in Italia numerosi servizi clinici per il trattamento dei disturbi dell’alimentazione, ma rimangono molti problemi da affrontare per riuscire ad offrire ai pazienti la garanzia di essere curati con i migliori trattamenti disponibili evidenziati dalla ricerca.   In primo luogo, i centri clinici

La restrizione dietetica cognitiva: il problema della sua misurazione
Psicologia

La restrizione dietetica cognitiva: il problema della sua misurazione

Herman e Polivy, per spiegare il comportamento dei mangiatori restrittivi secondo una prospettiva più cognitiva, iniziano a definire la restrizione dietetica cognitiva come il tentativo prolungato di sopprimere il peso indipendentemente dal successo o meno di riuscire a creare un bilancio calorico negativo. Simona Calugi e Riccardo Dalle Grave – Unità Funzionale

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario Performat - Evento Pisa

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie