Black Dog – Ho un cane che si chiama Depressione

Un video per aiutare a identificare i sintomi della Depressione. Psicologia & Psicoterapia

ID Articolo: 38891 - Pubblicato il: 28 gennaio 2014
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità ha promosso questo video per la prevenzione della depressione,  per aiutare chi soffre di depressione o chi sta scivolando in questa patologia, a riconoscerne i sintomi e chiedere aiuto.

Il video è molto chiaro, tutti i sintomi sono spiegati approfonditamente attraverso la metafora del Black Dog.

All’ inizio è la depressione che si insinua e “comanda” ma nel momento in cui si chiede aiuto le cose cambiano, allora si tratterà di “educare” quel cane, imparare a conviverci e piano piano allontanarlo. Il passaggio fondamentale è proprio “puoi smetterla di aver paura di quel cane”, e si può attraverso la psicoterapia, una terapia farmacologica e attraverso uno stile di vita sano… ovvero prendendosi cura di sè!

 

When others seem to be enjoying life, the black dog stands in the way for a lot of people

 

At its worst, depression can be a frightening, debilitating condition. Millions of people around the world live with depression. Many of these individuals and their families are afraid to talk about their struggles, and don’t know where to turn for help. However, depression is largely preventable and treatable. Recognizing depression and seeking help is the first and most critical towards recovery.

In collaboration with WHO to mark World Mental Health Day, writer and illustrator Matthew Johnstone tells the story of overcoming the “black dog of depression”.

What Is Depression? Let This Animation With A Dog Shed Light On It.

Consigliato dalla Redazione

Things that matter. Pass \’em on. (…)

Tratto da: Upworthy

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind su Depressione

Binge drinking: un’inversione di trend tra gli adolescenti americani
Attualità Psicologia

Binge drinking: un’inversione di trend tra gli adolescenti americani

I risultati di alcuni recenti studi sul binge drinking e la depressione sottolineano la necessità di ripensare al concetto di comorbidità tra l’abuso di alcool e i sintomi depressivi, aprendosi alla possibilità che vi siano momenti critici nell’arco di vita nei quali tale associazione risulti più o meno forte.  

Attività fisica, sindrome depressiva e sindrome bipolare
Psicologia

Attività fisica, sindrome depressiva e sindrome bipolare

Nell’ambito dell’attività fisica, si può ipotizzare che ci sia una differenza fra i pazienti che manifestano un episodio depressivo nell’ambito della sindrome bipolare e quelli che presentano una sindrome depressiva vera e propria.   Importante nell’ambito di un disturbo del tono dell’umore è saper distinguere fra un episodio depressivo vero

Imparare a modulare le propria attività cerebrale? Oggi è possibile grazie al neurofeedback
Neuroscienze

Imparare a modulare le propria attività cerebrale? Oggi è possibile grazie al neurofeedback

Roland Zhann e Jorge Moll hanno ideato uno studio sperimentale atto a valutare l’efficacia del neurofeedback nell’insegnare la modulazione della connettività tra due particolari aree cerebrali a soggetti con disturbo depressivo maggiore in remissione, e verificare di conseguenza eventuali effetti benefici dati dall’auto-modulazione.   Il neurofeedback è una procedura clinica

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte II: le basi neurali della cognizione sociale nella depressione
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

La cognizione sociale nei disturbi dell’umore – Parte II: le basi neurali della cognizione sociale nella depressione

Il funzionamento sociale dei pazienti con disturbo depressivo maggiore è da sempre considerato un aspetto clinico fondamentale e recentemente molti studi di neuroscienze hanno cercato di individuare i correlati neurobiologici coinvolti.   Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è caratterizzato da episodi di flessione significativa del tono dell’umore, della durata di

Terapia Metacognitiva e Depressione: un follow-up rivela l’efficacia della terapia a un anno di distanza dal primo trattamento
Psicologia Psicoterapia

Terapia Metacognitiva e Depressione: un follow-up rivela l’efficacia della terapia a un anno di distanza dal primo trattamento

Il Disturbo Depressivo Maggiore (DDM) rappresenta a tutti gli effetti una reale problematica dei nostri tempi, data la sua prevalenza all’interno della popolazione e la sua natura tragicamente ricorrente. Un recente studio mostra le potenzialità della Terapia Metacognitiva per i disturbi depressivi.   Hagen e colleghi (2017) hanno condotto uno

Le partner dei militari sarebbero più soggette a sviluppare depressione e binge drinking
Psicologia

Le partner dei militari sarebbero più soggette a sviluppare depressione e binge drinking

In quanto istituzione rigida l’esercito richiede dedizione e impegno da parte dei militari; tuttavia, queste richieste non si limitano solo a loro, ma si estendono anche a famiglie e in particolare alle partner dei militari.   Le partner dei militari sono esposte a una serie di fattori di stress legati

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

L’autoregolazione emotiva favorisce l’azione della sertralina

Oggigiorno, la depressione maggiore è probabilmente la condizione che accomuna molti individui sebbene in misura e frequenza diverse, sia che sopraggiunga in differenti periodi della nostra vita sia che si sviluppi per le più svariate ragioni o motivazioni.    Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia: l’antidepressivo è diventato

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi
Psichiatria Psicologia

Riduzione dell’empatia: tra depressione e antidepressivi

Precedenti ricerche hanno trovato una carenza di empatia nei soggetti con depressione. Tuttavia, molti di questi studi sono stati effettuati su pazienti depressi in cura con antidepressivi. La carenza empatica nei depressi è dunque correlata agli antidepressivi o alla depressione in sé?    La depressione è un disturbo psichico invalidante

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta
Psichiatria

Le adolescenti che assumono contraccettivi orali sarebbero più vulnerabili a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore in età adulta

A partire dall’adolescenza, le donne hanno il doppio delle probabilità di sviluppare la depressione rispetto agli uomini. Vi sono diversi studi che evidenziano il ruolo importante degli ormoni (estrogeno, progestinico e testosterone) nel rischio di sviluppare la depressione, oltre ai fattori psicosociali e ambientali.    I contraccettivi orali (OC) contengono forme

Relazione tra mindfulness disposizionale e sintomi depressivi: il ruolo della ruminazione

Relazione tra mindfulness disposizionale e sintomi depressivi: il ruolo della ruminazione

Nel mondo più di 300 milioni di persone soffrono a causa degli effetti negativi della depressione, gli studi hanno messo in luce come la mindfulness possa risultare sia un fattore protettivo che un intervento efficace rispetto ai sintomi depressivi.   Nel mondo più di 300 milioni di persone soffrono a

Il ruolo dell’attività fisica nella prevenzione e nel trattamento della depressione
Psicologia

Il ruolo dell’attività fisica nella prevenzione e nel trattamento della depressione

Il Disturbo Depressivo Maggiore (DDM) è un disturbo mentale fortemente diffuso nella maggior parte delle culture, il quale raggiunge una prevalenza che si attesta tra il 6% e il 18% nel mondo. Tale patologia è inoltre la prima causa di disabilità a livello mondiale e comporta costi notevoli sia dal

Cortisolo e depressione negli adolescenti
Psicologia

Cortisolo e depressione negli adolescenti

Negli ultimi tempi, il numero di adolescenti affetti da depressione è in maggiore crescita (National Institute of Mental Health, 2017). Dunque, la ricerca si sta indirizzando sempre più verso la possibilità di individuare i biormarcatori della depressione.   Ad esempio, uno studio recente ha trovato nel cortisolo pilifero una buona misura che potrebbe segnalare la

Nella borsa del dottorando: quali implicazioni psicologiche per chi sceglie la carriera accademica?
Psicologia

Nella borsa del dottorando: quali implicazioni psicologiche per chi sceglie la carriera accademica?

I PhD (philosophiæ doctor) students, o dottorandi, sono giovani ricercatori che investono tre o quattro anni nell’approfondimento di specifici temi. Sono persone che, terminato il percorso universitario, trasformano la loro “sete di conoscenza” in un’occupazione.   I PhD (philosophiæ doctor) students, o dottorandi, sono giovani ricercatori che investono tre o

Il ruolo protettivo della differenziazione emotiva rispetto allo sviluppo di depressione in adolescenza
Psichiatria Psicologia

Il ruolo protettivo della differenziazione emotiva rispetto allo sviluppo di  depressione in adolescenza

In adolescenza la capacità di differenziazione emotiva risulta inferiore rispetto a quella di bambini di età minore o degli adulti ed è esattamente in questa fase di vita che la depressione ha un incremento significativo.   Il concetto di differenziazione emotiva (Emotion Differentiation, ED) si riferisce alla specificità della rappresentazione

I dolori del giovane Indie
Psicoterapia

I dolori del giovane Indie

La musica può essere uno strumento utile per dare espressione a ciò che proviamo, soprattutto quando consente di dare sfogo ad emozioni dolorose. Un recente studio ha mostrato come addirittura il 73% dei musicisti indipendenti abbia sperimentato emozioni negative (stress, ansia, depressione) in relazione alla creazione musicale.   L’altro giorno

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?
Neuroscienze Psichiatria

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): quali sono le ragioni per cui su alcuni pazienti non sono efficaci?

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono attualmente gli antidepressivi più utilizzati. Tuttavia, questi farmaci non funzionano in quasi un terzo dei pazienti affetti da un disturbo depressivo maggiore.   Si parla di psicofarmacologia nell’ambito di quelle ricerche in cui viene collegata la somministrazione di determinate sostanze ai

La depressione è un disturbo di natura genetica? No, secondo un nuovo studio
Psichiatria

La depressione è un disturbo di natura genetica? No, secondo un nuovo studio

La depressione è un disturbo di natura genetica? No secondo gli autori dell’articolo “No Support for Historical Candidate Gene or Candidate Gene-by-Interaction Hypotheses for Major Depression Across Multiple Large Samples”, recentemente pubblicato sull’American Journal of Psychiatry.   Nell’ ambito della ricerca sui disturbi mentali uno degli interrogativi che più di

Sopravvissuti a disastri naturali mostrano disturbi del sonno e problemi legati alla salute mentale
Psicologia

Sopravvissuti a disastri naturali mostrano disturbi del sonno e problemi legati alla salute mentale

In letteratura sono riportati numerosi studi che valutano le conseguenze psichiche in seguito a tre diverse tipologie di disastri: naturali, tecnologici e provocati volontariamente dall’uomo come gli attacchi terroristici.   La serie di disturbi provocati da tali eventi comprende: disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo depressivo maggiore (MDD), abuso d’alcol,

Lesioni fisiche traumatiche ed insorgenza di patologie psichiatriche
Psicologia

Lesioni fisiche traumatiche ed insorgenza di patologie psichiatriche

La relazione che emerge dalle ricerche recenti tra traumi fisici e psicopatologia ci suggerisce l’importanza di operare un’azione preventiva, oltre che terapeutica, rivolta alla cura di questi soggetti.   Persone che hanno subito un ricovero ospedaliero in seguito a gravi lesioni fisiche dovute ad eventi traumatici sembrano essere maggiormente predisposte

Patologie del sistema nervoso centrale e depressione: il suicidio del cantante Ian Curtis e la correlazione con l’epilessia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Patologie del sistema nervoso centrale e depressione: il suicidio del cantante Ian Curtis e la correlazione con l’epilessia

Ian Kevin Curtis è stato un cantautore britannico, nato nel 1956 e fondatore del famoso gruppo musicale Joy Division; nel dicembre 1978, Curtis inizia a soffrire di un disturbo denominato epilessia tonico-clonica, il cosidetto “grande male”.. Rachele Recanatini – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto    Ian Kevin

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario