L’insostenibile Leggerezza del Bugiardo Patologico

Il Bugiardo compulsivo non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze...

ID Articolo: 4208 - Pubblicato il: 16 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FENOMENOLOGIA DEL BUGIARDO PATOLOGICO.

L'insostenibile leggerezza del Bugiardo Patologico - © SCPixBit - Fotolia.com - Vostro marito o vostra moglie, il vostro compagno o la vostra compagna, o degli amici dicono tante bugie, spesso senza avere un risvolto pratico? Beh, escludendo ogni patologia a carico del destinatario della menzogna, è possibile si possa avere a che fare con un bugiardo patologico.

Prima di entrare nel vivo del discorso è opportuno comprendere la differenza fra bugiardi patologici e bugiardi compulsivi.

Il bugiardo compulsivo non mente per raggiungere un fine specifico, ma semplicemente per abitudine e soprattutto perché mentire lo fa stare meglio rispetto a quando racconta la verità. Essere sinceri per queste persone diventa un’impresa psicologicamente difficile, così mentono su qualsiasi cosa. La bugia diventa una risposta automatica ed irrefrenabile, compulsiva appunto. Questo tipo di bugiardo, non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze emotive e comportamentali che questo atteggiamento può avere sugli altri.

In questo caso l’abitudine alla menzogna è vista come meccanismo per affrontare la realtà. Il bugiardo patologico è in genere manipolativo, autocentrato e ben poco empatico rispetto alla dimensione psicologica delle altre persone.

La persona che mente ha interiorizzato da così tanto tempo il meccanismo della menzogna che riesce a conviverci in modo egosintonico e difficilmente percepisce il suo modo di fare come patologico.

 

Tamponico - Mammese - Autore dell'immagine: Costanza Prinetti

La manipolazione delle madri: il linguaggio Mammese

 

Il primo passo da realizzare è quindi l’autoconsapevolezza, ovvero rendersi conto di avere un problema su cui lavorare. In seconda battuta va sottolineato che, come ogni altro comportamento che offre comfort e fuga dallo stress, la menzogna può creare dipendenza e assuefazione, quindi si tratta di un qualcosa difficile da disimparare. Come per le tossicodipendenze, se non c’è una forte motivazione a smettere, è difficile che si possa approdare a cambiamenti strutturali per la persona. I bugiardi sono tanto abituati a mentire che, spesse volte, non riescono a distinguere più la realtà dalla fantasia. E’ come se la bugia andasse a sostituire la verità con dei contenuti compensatori che completano perfettamente il puzzle della realtà. Infine, la realtà stessa assume una connotazione di falsità e la bugia diventa la realtà.

 

La prima caratteristica che connota un bugiardo patologico è dichiararsi sostenitori della sincerità e dei valori. Si tratta di persone severamente malate, anche se appaiono normali in superficie, e il loro disturbo può provocare gravissime conseguenze a chi sta loro vicino.

Sono persone che non hanno consapevolezza della loro malattia e credono che mentire sia giusto al fine di proteggere il proprio ego per guadagnare dei benefici. Gli altri, naturalmente, ricevono dai danni gravi in risposta ai comportamenti spietatamente manipolatori, e mendaci messi in atto dal bugiardo. Fondamentalmente, si tratta di persone che sono in grado di inscenare una pantomima della realtà fino ad apparire sinceri al più attento osservatore.
A molti capita di incontrare e conoscere persone con tale disturbo; essi si presentano con grande attorialità, ipocrisia (“ipocrita”, in greco significa attore) e astuzia come persone buone e sincere, quindi utilizzano questa maschera come copertura al fine di poter mentire e raggirare con maggior efficacia. Perciò è molto difficile riconoscerli e si può facilmente diventarne vittima nelle relazioni di amicizia, di lavoro e sentimentali.

MENTIRE L’AMORE
  Messaggio pubblicitario A rendere ancora più complicata la situazione è la presenza di un pervasivo disturbo di personalità, in genere narcisistico, nei mentitori patologici.
I narcisisti amano troppo se stessi per riuscire ad amare gli altri. Secondo uno studio statunitense, pubblicato sul “Journal of Personality and Social Psychology”, non sono in grado di mantenere relazioni sentimentali felici e durature. Per il “narciso”, l’amore è un gioco in cui si deve fare sempre la “parte del leone”, per mantenere sempre il potere anche a costo di mentire, tradire e umiliare il partner.
La personalità narcisistica è risultata incompatibile con la possibilità di stabilire relazioni sentimentali soddisfacenti, durature e affettivamente importanti. Infatti, nonostante sia vero che per amare gli altri bisogna prima di tutto amare se stessi, i narcisisti, in realtà, non amano veramente se stessi, ma si sopravvalutano continuamente, a spese di chi sta loro vicino.
Lo studio mette poi in guardia chi cerca un partner: “attenzione a non confondere il narcisismo con l’autostima”, perché l’autostima si concilia benissimo con la capacità di amare, il narcisismo implica necessariamente lo sfruttamento e l’umiliazione del partner. Certo, spesso i narcisisti sono estremamente affascinanti e sfuggenti, ma alla “prova del cuore” rivelano gradualmente la loro vera natura: egoisti, infedeli, manipolatori, prepotenti.

Il manipolatore relazionale è egocentrico; un vampiro psico-affettivo che si nutre dell’essenza vitale delle sue prede. Critica, disprezza, colpevolizza, ricatta, ricordando agli altri i principi morali o il perseguimento della perfezione, ma questo solo quando gli torna utile. E per raggiungere i suoi scopi ricorre a ragionamenti pseudo-logici che capovolgono le situazioni a suo vantaggio.

Spesso la sua comunicazione è paradossale: messaggi opposti in double bind, a cui è impossibile rispondere senza contraddirsi, oppure deforma il significato del discorso.
Si auto-commisera, si deresponsabilizza, non formula richieste esplicite e chiare. Non tollera i rifiuti, vuol sempre avere l’ultima parola per trarre le sue conclusioni, pur non condivise. Muta opinioni e decisioni. Soprattutto mente, insinua sospetti, riferisce malintesi . Simula somatizzazioni ed autosvalutazioni, ma dimostra sostanzialmente disinteresse affettivo.
Si tratta, insomma, di personalità disturbate e disturbanti, con cui ci si può legare sentimentalmente per venire immancabilmente destabilizzati dalla loro perfida influenza.

Messaggio pubblicitario Concludo citando Kundera ne “L’insostenibile leggerezza dell’essere”: quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell’intelligenza sfuggono a questa condanna. Chi è pesante non può fare a meno di innamorarsi perdutamente di chi vola lievemente nell’aria, tra il fantastico e il possibile, mentre i leggeri sono respinti dai loro simili e trascinati dalla ‘compassione’ verso i corpi e le anime possedute dalla pesantezza. Era la vertigine. L’ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa: la bugia.

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Vazire, S. & Gosling, S. D. (2004). e-Perceptions: Personality impressions based on personal websites. Journal of Personality and Social Psychology, 87, 123-132.
  • Vazire, S., Naumann, L. P., Rentfrow, P. J., & Gosling, S. D. (2008). Portrait of a narcissist: Manifestations of narcissism in physical appearance. Journal of Research in Personality, 42, 1439-1447.
  • Giuseppe Maria Silvio Ierace, (2004). Solstizio D’Estate. Arnoldi editore.
  • Milan Kundera, (2003). L’insostenibile leggerezza dell’essere, Adelphi

Gli ultimi articoli di State of Mind:

Eziologia, comorbilità e correlati della disgrafia
Psicologia

Eziologia, comorbilità e correlati della disgrafia

La disgrafia è uno dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, riguarda prettamente gli aspetti grafo-motori e consiste nella difficoltà a riprodurre i segni grafici, causando una scrittura deformata, con forme e grandezze irregolari e tratto tremolante. Mariasilvia Rossetti, Giulia Balerci – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del Tronto   L’apprendimento da

A star is born: a (New) love is born?! – Lettura sistemica del film
Attualità Psicologia

A star is born: a (New) love is born?! – Lettura sistemica del film

Are you happy in this modern world? Una domanda, una sfida, perché chiedersi se si è felici dentro un mondo che ci suona stonato, costituto da assetti comportamentali stretti, a ridosso di aspettative ed apparenze, risulta essere un atto abbastanza complesso. Attenzione! L’articolo contiene spoiler   La felicità, se esiste,

Manuale di intervento sul trauma (2019) di A. Montano e R. Borzì – Recensione del libro
Psicologia

Manuale di intervento sul trauma (2019) di A. Montano e R. Borzì – Recensione del libro

Manuale di intervento sul trauma offre una panoramica completa, ma chiara ed essenziale, sul trauma e le sue implicazioni; guida il lettore in un percorso che prende in esame dati empirici e concettualizzazioni teoriche, ma allo stesso tempo che permette di identificare i materiali e le risorse utilizzabili nel lavoro clinico.

Bambini e metacognizione: sintomi, metacredenze e attention control in presenza o assenza di disturbi d’ansia
Psicologia Psicoterapia

Bambini e metacognizione: sintomi, metacredenze e attention control in presenza o assenza di disturbi d’ansia

I disturbi d’ansia sono fra i disturbi più comuni nei bambini e negli adolescenti, con una prevalenza stimata tra il 3 e il 20% (Costello et al., 2005); sono associati a numerosi problemi di sviluppo, psicosociali e psicopatologici come un cattivo rendimento scolastico e difficoltà con il gruppo di pari

Teoria Polivagale e Psicoterapia, ristabilire il ritmo della regolazione – Report dal workshop con Deb Dana
Psicologia Psicoterapia

Teoria Polivagale e Psicoterapia, ristabilire il ritmo della regolazione – Report dal workshop con Deb Dana

Nel corso di due giornate, Deb Dana mostra i risvolti applicativi della Teoria Polivagale in ambito psicoterapeutico, arricchendo l’evento formativo con numerosi esempi di osservazione e comprensione del proprio SNC e dimostrazioni di attività terapeutiche volte a un rimodellamento funzionale dello stesso.    ISC International ha organizzato nelle giornate del 30

Edward Lee Thorndike e il condizionamento strumentale – Introduzione alla Psicologia
Psicologia

Edward Lee Thorndike e il condizionamento strumentale – Introduzione alla Psicologia

Edward Lee Thorndike è uno psicologo statunitense nato a Williamsburg nel Massachusetts il 31 agosto 1874 e morto a Montrose, New York,  il 9 agosto 1949. Inizialmente insegnò psicologia alla Columbia University di New York, e in seguito diresse il dipartimento di psicologia dell’Institute of Educational Research. Realizzato in collaborazione

Cosa c’è che non va tra di noi? Un’analisi descrittiva delle problematiche sessuali nelle relazioni
Psicologia

Cosa c’è che non va tra di noi? Un’analisi descrittiva delle problematiche sessuali nelle relazioni

Studiare i problemi sessuali spostando l’attenzione dall’individuo alla coppia e alla vita sessuale della coppia permette di ridurre la patologizzazione del singolo, e di raggiungere una più chiara comprensione dei meccanismi interni della coppia anziché prediligere la focalizzazione sulle mancanze di uno dei due.   Nell’ambito delle relazioni romantiche eterosessuali,

Attaccamento traumatico e co-regolazione: la neurobiologia della relazione – Report dal workshop con Janina Fisher
Psicologia Psicoterapia

Attaccamento traumatico e co-regolazione: la neurobiologia della relazione – Report dal workshop con Janina Fisher

Nel caso di pazienti con attaccamento traumatico, il fine ultimo del trattamento è sviluppare le capacità di autoregolazione, entrando in contatto e in intimità con l’altro e costruendo un senso di integrazione del sé. La co-regolazione terapeuta-paziente avviene attraverso un’attenta sintonizzazione dei messaggi somatici inviati dal cliente.   Lo scorso

La tecnologia nelle nuove generazioni
Attualità Psicologia

La tecnologia nelle nuove generazioni

Alcuni studiosi, come Mark Prensky (2001) ritengono che gli studenti sono cambiati radicalmente; non sono più le persone per cui il sistema educativo è stato pensato.   Oggi i ragazzi non sono solo cambiati rispetto al passato, né hanno semplicemente mutato il modo di parlare, vestirsi o agghindarsi, come era

Il sesso nella coppia e la pratica della non-monogamia eterosessuale: scambismo e poliamore
Attualità Psicologia

Il sesso nella coppia e la pratica della non-monogamia eterosessuale: scambismo e poliamore

La cultura occidentale contemporanea onora la monogamia, sostenendola come uno standard morale ideale e come fondamento solido per la costruzione di interazioni sociali normative per individui, gruppi e istituzioni.   Shippers (2016) descrive questa monogamia istituzionalizzata e obbligatoria come: Il dominio e la superiorità dell’etero-mascolinità, un insieme di aspettative culturali

Le funzioni del gioco nel contesto evolutivo
Psicologia

Le funzioni del gioco nel contesto evolutivo

Il concetto di gioco richiama un’attività di natura ricreativa, piacevole, intrinsecamente motivata e non finalizzata. Tuttavia, soffermandosi solo alle caratteristiche velleitarie connesse al suo specifico esercizio, si commetterebbe il rischio di trascurare le numerose competenze adattive e funzionali che il gioco consente di acquisire.   Il concetto di gioco richiama

Il dono nella cultura cristiana
Cultura Psicologia

Il dono nella cultura cristiana

Dal momento della nascita di Gesù il donare se stessi diventa uno dei punti principali dell’atto del donare. Se Dio dona se stesso, i cristiani non possono fare altro che seguire questa strada, questa via.    La cultura cristiana non solo segue temporalmente quella ebrea, ma la porta a compimento.

Gli operatori dell’emergenza. Fattori di rischio e di protezione (2019) di C. Iacolino e B. Cervellione – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Gli operatori dell’emergenza. Fattori di rischio e di protezione (2019) di C. Iacolino e B. Cervellione – Recensione del libro

Nel libro Gli operatori dell’emergenza. Fattori di rischio e protezione gli autori hanno affrontato tematiche comuni della psicologia, quali stress e trauma, seppur guardandole da un diverso punto di vista, analizzando ad esempio il contesto dell’emergenza come non esclusivamente legato alle catastrofi naturali.   Il 22 Ottobre 2019 è uscito nelle

Perdonare se stessi: indagati il ruolo del senso di colpa e della vergogna nel determinare le differenze individuali
Psicologia

Perdonare se stessi: indagati il ruolo del senso di colpa e della vergogna nel determinare le differenze individuali

La capacità di perdonare se stessi per i torti commessi appare correlata con una migliore salute generale, maggiore empatia, minore depressione e minori tendenze suicidarie.   La capacità di perdonare se stessi viene definita come un processo emotivo e motivazionale volto alla riparazione di un torto compiuto ai danni di

Stelle sulla terra (2007) storia di creatività dislessica
Psicologia

Stelle sulla terra (2007) storia di creatività dislessica

Le persone con dislessia sembrano possedere un pensiero divergente e meno veicolato da schemi formali e rigidi, che favorisce il potenziale creativo. Non tutti però riescono a mettere a frutto le proprie potenzialità. E’ importante aiutare il bambino dislessico sia a prevenire problemi scolastici, emotivi e comportamentali, sia ad accrescere

Anoressia Sessuale: sesso? No, grazie! Quando l’evitamento sessuale diventa patologico
Psicologia

Anoressia Sessuale: sesso? No, grazie! Quando l’evitamento sessuale diventa patologico

L’anoressia sessuale viene definita come l’atto di evitare compulsivamente di dare o ricevere nutrimento sociale, sessuale o emotivo. Quindi non sarebbe una semplice assenza di desiderio, ma una sorta di compulsione incontrollata a ripudiare ogni forma di approccio con il sesso.   Nell’ultimo periodo nella ricerca psicologica, si parla di

Specchi nel cervello (2019) di G. Rizzolatti e C. Sinigaglia – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

Specchi nel cervello (2019) di G. Rizzolatti e C. Sinigaglia – Recensione del libro

La risposta mirror riflette un meccanismo neuronale fondamentale per interagire con l’ambiente che ci circonda. Questa proprietà è presente in un’ampia gamma di neuroni con differenti caratteristiche funzionali, in diverse aree cerebrali ed in molteplici specie animali.    La concettualizzazione classica dei neuroni specchio – in grado di rispondere sia

La malnutrizione in età geriatrica
Psicologia

La malnutrizione in età geriatrica

E’ ormai noto lo stretto legame tra l’alimentazione e una buona condizione di salute. L’aumento della vita media e la speranza di poter migliorare ulteriormente sia la longevità sia la qualità della vita degli anziani, hanno fatto convergere un grande interesse scientifico e medico-sociale sui fenomeni che condizionano l’invecchiamento. Federica

Digital Prospectives in Psychology: SFU Milano organizza la prima conferenza europea di Psicologia Digitale – Milano, 19 e 20 febbraio 2021
Attualità Psicologia

Digital Prospectives in Psychology: SFU Milano organizza la prima conferenza europea di Psicologia Digitale – Milano, 19 e 20 febbraio 2021

Sigmund Freud University di Milano, in collaborazione con State of Mind e Studi Cognitivi organizza la prima conferenza europea di Psicologia Digitale il 19 e 20 febbraio 2021 a Milano. Il titolo della conferenza è “Digital Prospectives in Psychology”.   Le nuove tecnologie e l’avvento del digitale stanno drasticamente modificando

Ritiro sociale. Psicologia e clinica (2019) a cura di M. Procacci e A. Semerari – Recensione del libro
Psicologia

Ritiro sociale. Psicologia e clinica (2019) a cura di M. Procacci e A. Semerari – Recensione del libro

Il libro Ritiro Sociale a cura di Michele Procacci e Antonio Semerari disegna un modello della sofferenza psicologica incentrato sul deficit delle funzioni regolative delle emozioni, un deficit che ha alla sua base situazioni familiari e sociali di deprivazione relazionale.   Nei pazienti è stata la stessa insufficienza di situazioni

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 20, media: 3,75 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario