L’insostenibile Leggerezza del Bugiardo Patologico

Il Bugiardo compulsivo non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze...

ID Articolo: 4208 - Pubblicato il: 16 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FENOMENOLOGIA DEL BUGIARDO PATOLOGICO.

L'insostenibile leggerezza del Bugiardo Patologico - © SCPixBit - Fotolia.com - Vostro marito o vostra moglie, il vostro compagno o la vostra compagna, o degli amici dicono tante bugie, spesso senza avere un risvolto pratico? Beh, escludendo ogni patologia a carico del destinatario della menzogna, è possibile si possa avere a che fare con un bugiardo patologico.

Prima di entrare nel vivo del discorso è opportuno comprendere la differenza fra bugiardi patologici e bugiardi compulsivi.

Il bugiardo compulsivo non mente per raggiungere un fine specifico, ma semplicemente per abitudine e soprattutto perché mentire lo fa stare meglio rispetto a quando racconta la verità. Essere sinceri per queste persone diventa un’impresa psicologicamente difficile, così mentono su qualsiasi cosa. La bugia diventa una risposta automatica ed irrefrenabile, compulsiva appunto. Questo tipo di bugiardo, non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze emotive e comportamentali che questo atteggiamento può avere sugli altri.

In questo caso l’abitudine alla menzogna è vista come meccanismo per affrontare la realtà. Il bugiardo patologico è in genere manipolativo, autocentrato e ben poco empatico rispetto alla dimensione psicologica delle altre persone.

La persona che mente ha interiorizzato da così tanto tempo il meccanismo della menzogna che riesce a conviverci in modo egosintonico e difficilmente percepisce il suo modo di fare come patologico.

 

Tamponico - Mammese - Autore dell'immagine: Costanza Prinetti

La manipolazione delle madri: il linguaggio Mammese

 

Il primo passo da realizzare è quindi l’autoconsapevolezza, ovvero rendersi conto di avere un problema su cui lavorare. In seconda battuta va sottolineato che, come ogni altro comportamento che offre comfort e fuga dallo stress, la menzogna può creare dipendenza e assuefazione, quindi si tratta di un qualcosa difficile da disimparare. Come per le tossicodipendenze, se non c’è una forte motivazione a smettere, è difficile che si possa approdare a cambiamenti strutturali per la persona. I bugiardi sono tanto abituati a mentire che, spesse volte, non riescono a distinguere più la realtà dalla fantasia. E’ come se la bugia andasse a sostituire la verità con dei contenuti compensatori che completano perfettamente il puzzle della realtà. Infine, la realtà stessa assume una connotazione di falsità e la bugia diventa la realtà.

 

La prima caratteristica che connota un bugiardo patologico è dichiararsi sostenitori della sincerità e dei valori. Si tratta di persone severamente malate, anche se appaiono normali in superficie, e il loro disturbo può provocare gravissime conseguenze a chi sta loro vicino.

Sono persone che non hanno consapevolezza della loro malattia e credono che mentire sia giusto al fine di proteggere il proprio ego per guadagnare dei benefici. Gli altri, naturalmente, ricevono dai danni gravi in risposta ai comportamenti spietatamente manipolatori, e mendaci messi in atto dal bugiardo. Fondamentalmente, si tratta di persone che sono in grado di inscenare una pantomima della realtà fino ad apparire sinceri al più attento osservatore.
A molti capita di incontrare e conoscere persone con tale disturbo; essi si presentano con grande attorialità, ipocrisia (“ipocrita”, in greco significa attore) e astuzia come persone buone e sincere, quindi utilizzano questa maschera come copertura al fine di poter mentire e raggirare con maggior efficacia. Perciò è molto difficile riconoscerli e si può facilmente diventarne vittima nelle relazioni di amicizia, di lavoro e sentimentali.

MENTIRE L’AMORE
  Messaggio pubblicitario A rendere ancora più complicata la situazione è la presenza di un pervasivo disturbo di personalità, in genere narcisistico, nei mentitori patologici.
I narcisisti amano troppo se stessi per riuscire ad amare gli altri. Secondo uno studio statunitense, pubblicato sul “Journal of Personality and Social Psychology”, non sono in grado di mantenere relazioni sentimentali felici e durature. Per il “narciso”, l’amore è un gioco in cui si deve fare sempre la “parte del leone”, per mantenere sempre il potere anche a costo di mentire, tradire e umiliare il partner.
La personalità narcisistica è risultata incompatibile con la possibilità di stabilire relazioni sentimentali soddisfacenti, durature e affettivamente importanti. Infatti, nonostante sia vero che per amare gli altri bisogna prima di tutto amare se stessi, i narcisisti, in realtà, non amano veramente se stessi, ma si sopravvalutano continuamente, a spese di chi sta loro vicino.
Lo studio mette poi in guardia chi cerca un partner: “attenzione a non confondere il narcisismo con l’autostima”, perché l’autostima si concilia benissimo con la capacità di amare, il narcisismo implica necessariamente lo sfruttamento e l’umiliazione del partner. Certo, spesso i narcisisti sono estremamente affascinanti e sfuggenti, ma alla “prova del cuore” rivelano gradualmente la loro vera natura: egoisti, infedeli, manipolatori, prepotenti.

Il manipolatore relazionale è egocentrico; un vampiro psico-affettivo che si nutre dell’essenza vitale delle sue prede. Critica, disprezza, colpevolizza, ricatta, ricordando agli altri i principi morali o il perseguimento della perfezione, ma questo solo quando gli torna utile. E per raggiungere i suoi scopi ricorre a ragionamenti pseudo-logici che capovolgono le situazioni a suo vantaggio.

Spesso la sua comunicazione è paradossale: messaggi opposti in double bind, a cui è impossibile rispondere senza contraddirsi, oppure deforma il significato del discorso.
Si auto-commisera, si deresponsabilizza, non formula richieste esplicite e chiare. Non tollera i rifiuti, vuol sempre avere l’ultima parola per trarre le sue conclusioni, pur non condivise. Muta opinioni e decisioni. Soprattutto mente, insinua sospetti, riferisce malintesi . Simula somatizzazioni ed autosvalutazioni, ma dimostra sostanzialmente disinteresse affettivo.
Si tratta, insomma, di personalità disturbate e disturbanti, con cui ci si può legare sentimentalmente per venire immancabilmente destabilizzati dalla loro perfida influenza.

Messaggio pubblicitario Concludo citando Kundera ne “L’insostenibile leggerezza dell’essere”: quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell’intelligenza sfuggono a questa condanna. Chi è pesante non può fare a meno di innamorarsi perdutamente di chi vola lievemente nell’aria, tra il fantastico e il possibile, mentre i leggeri sono respinti dai loro simili e trascinati dalla ‘compassione’ verso i corpi e le anime possedute dalla pesantezza. Era la vertigine. L’ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa: la bugia.

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Vazire, S. & Gosling, S. D. (2004). e-Perceptions: Personality impressions based on personal websites. Journal of Personality and Social Psychology, 87, 123-132.
  • Vazire, S., Naumann, L. P., Rentfrow, P. J., & Gosling, S. D. (2008). Portrait of a narcissist: Manifestations of narcissism in physical appearance. Journal of Research in Personality, 42, 1439-1447.
  • Giuseppe Maria Silvio Ierace, (2004). Solstizio D’Estate. Arnoldi editore.
  • Milan Kundera, (2003). L’insostenibile leggerezza dell’essere, Adelphi

Gli ultimi articoli di State of Mind:

La scienza e la vita ordinaria. Dall’emergenza covid all’etica dell’intervento psicologico
Attualità Psicologia

La scienza e la vita ordinaria. Dall’emergenza covid all’etica dell’intervento psicologico

La scienza è risultata uno fra i tanti fattori nel gioco di una realtà multidimensionale, accanto a quello politico, sociale, economico.   E’ ormai chiaro a tutti: la scienza ha mostrato i suoi confini e la sua natura post-positivista. Eravamo nel ‘post’ già da tanto tempo, ora è apparso evidente

Bodyfulness. La pratica della consapevolezza somatica (2020) di Christine Caldwell – Recensione del libro
Psicologia

Bodyfulness. La pratica della consapevolezza somatica (2020) di Christine Caldwell – Recensione del libro

Nel volume Bodyfulness – La pratica della consapevolezza somatica, l’autrice Christine Caldwell, manifesta sin dalla creazione di questo nuovo termine, il desiderio di mettere in primo piano un aspetto non realizzato del potenziale umano.   “La bodyfulness inizia a svilupparsi quando prestate attenzione a ciò che la vostra forma fisica

Covid-19: Acceptance and Commitment Therapy e il dolore per la perdita delle persone care – Report dal webinar della Dr.ssa Oppo
Attualità Psicologia Psicoterapia

Covid-19: Acceptance and Commitment Therapy e il dolore per la perdita delle persone care – Report dal webinar della Dr.ssa Oppo

Il ciclo di lezioni proposto da Studi Cognitivi, per approfondire gli aspetti della sofferenza psicologica emersi in seguito all’emergenza Covid-19, continua con il webinar del 12 maggio, condotto dalla Dr.ssa Oppo.   The risck of love is loss and the price of loss is grief. (Hilary Stanton Zunin) L’argomento trattato

Teoria della perdita di vigilanza e caratteristiche di chi soffre di attacchi di panico notturni
Psichiatria Psicologia

Teoria della perdita di vigilanza e caratteristiche di chi soffre di attacchi di panico notturni

Più della metà di chi soffre di disturbo di panico sperimenta anche attacchi di panico (AP) notturni (Smith, 2019).   Il DSM-5 classifica gli attacchi di panico notturni entro la più ampia categoria degli attacchi di panico inaspettati, che cioè si verificano indipendentemente da fattori situazionali scatenanti (APA, 2013). Gli

MSAD: lo studio longitudinale che da 26 anni si occupa del Disturbo Borderline di Personalità
Psichiatria Psicologia

MSAD: lo studio longitudinale che da 26 anni si occupa del Disturbo Borderline di Personalità

Il MSAD ha permesso nel corso degli anni di osservare e descrivere molti aspetti dei pazienti con BPD. Lo studio ha cercato sia di cogliere le peculiarità della patologia, sia di analizzare i soggetti al di là del loro disturbo, esplorandone le esperienze, lo stile di vita, l’ambiente di riferimento

Dungeons and Dragons tra empatia e assorbimento
Psicologia

Dungeons and Dragons tra empatia e assorbimento

Che abilità sono implicate mentre si gioca a Dungeons and Dragons? Come mai e in che misura si è soliti giocare un primo personaggio molto simile a noi stessi? Perché col passare del tempo si diventa più bravi a fare del roleplay? Quanto questa attività è impegnativa dal punto di

La gestione dello stress nell’Emergenza Covid-19: emozioni ed isolamento – Report dal webinar del Dott. Mazzoni
Attualità Psicologia Psicoterapia

La gestione dello stress nell’Emergenza Covid-19: emozioni ed isolamento – Report dal webinar del Dott. Mazzoni

Il quinto intervento, organizzato da Studi Cognitivi per approfondire alcuni aspetti psicologici relativi all’emergenza Covid-19, ha avuto come protagonista il Dr. Mazzoni.   Il webinar, tenutosi l’08 maggio, ha esplorato le modalità di gestione dello stress e di regolazione delle emozioni nel contesto di isolamento. La lezione è stata chiara

Alzheimer e demenze, malati e caregiver: un progetto di sostegno attraverso dei video online – Comunicato Stampa
Attualità Psicologia

Alzheimer e demenze, malati e caregiver: un progetto di sostegno attraverso dei video online – Comunicato Stampa

Comunicato stampa Un progetto sociale propone una vasta quantità di video-pillole online che contengono informazioni utili, consigli pratici, supporto e orientamento dedicati non solo alle persone affette da patologie neurovegetative, ma soprattutto a chi si occupa di loro.   Firenze, 1 Luglio 2020 La Società Ricreativa L’Affratellamento di Ricorboli, in

Il movimento #metoo ed il potere dei social media
Attualità Psicologia

Il movimento #metoo ed il potere dei social media

I social media si confermano come nuovo mezzo per dichiarare l’abuso subito; molte donne hanno postato di aver trovato il coraggio di raccontarsi grazie alle testimonianze altrui e al movimento MeToo.   L’abuso sessuale è un evento ancora troppo diffuso nella società e colpisce le donne a prescindere dal background

Parafilia: la sessualità atipica
Psicologia

Parafilia: la sessualità atipica

Le descrizioni della parafilia possono essere collegate alla pressione sociale e agli ideali presenti nella società. Molte delle definizioni viste, infatti, sono basate su deviazioni rispetto all’idea di normalità che la società ha assegnato al sesso. Andrea Goldoni – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto   Che cos’è

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale

L’app Immuni ci aiuta ad individuare possibili contatti a rischio eppure ci sono ancora molti dubbi e un atteggiamento di scetticismo e preoccupazione e, sebbene garantisca il pieno rispetto dei diritti dei consumatori e l’anonimato, sono ancora pochi gli utenti che l’hanno scaricata: si stima solo 8 su 100. PSICOLOGIA

Dalla prevenzione alla promozione del benessere
Psicologia

Dalla prevenzione alla promozione del benessere

L’attuale concetto di salute comporta il superamento della prevenzione in favore di un’ottica che enfatizza la promozione della salute e la valorizzazione della persona: cultura, scuola e persona sono inscindibili (Guido & Verni, 2006).   In tutto il mondo occidentale e quindi anche in Italia, alla fine della seconda guerra

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza
Attualità Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza

Può uno spostamento di setting mettere in discussione l’efficacia psicoterapeutica? Non si tratta di stabilire se le terapia via Skype sia giusta o sbagliata, ma se si possa considerare questa modalità percorribile, in funzione del proprio modo di figurare il mondo.   …tutte le nostre percezioni attuali sono aperte alla

Paura del buio – CBT vs ACT
Psicologia Psicoterapia

Paura del buio – CBT vs ACT

Uno studio recente ha paragonato l’efficacia della Terapia Cognitivo-Comportamentale e dell’Acceptance and Commitment Therapy in un campione di bambini con alti livelli di ansia e paura del buio.   Anche se parte del normale sviluppo (Muris et al., 2001), approssimativamente il 20% dei bambini soffre di paure notturne e problemi legati

Ansia esistenziale e personalità nei giovani adulti
Psicologia

Ansia esistenziale e personalità nei giovani adulti

Porsi delle domande circa il senso della vita accomuna tutti gli esseri umani. Tuttavia, alcune persone possono essere particolarmente angosciate rispetto a questi temi, che più volte sono stati trattati anche nell’arte e nel cinema.   Alcune persone quindi sperimentano quella che viene definita ansia esistenziale. L’ansia esistenziale è l’apprensione

U.S.A.: La rivincita della psicoterapia online?
Attualità Psicologia Psicoterapia

U.S.A.: La rivincita della psicoterapia online?

In tempi di pandemia la parola d’ordine è online: se puoi fare qualcosa a distanza, falla a distanza! Smart working, spesa online, videolezioni, ginnastica, sessioni di laurea, corsi, convegni, eventi… un’infinità di attività ha traslocato sul web. Tra queste anche la psicoterapia.   Durante la fase di lockdown le sedute

I miei primi 40 giorni da mamma. Tutto quello che c’è da sapere sulle prime settimane dopo il parto. (2019) di Cheryl R. Zauderer – Recensione
Psicologia

I miei primi 40 giorni da mamma. Tutto quello che c’è da sapere sulle prime settimane dopo il parto. (2019) di Cheryl R. Zauderer – Recensione

La gravidanza è un periodo particolare nella vita di una donna: comporta numerosi cambiamenti e solleva diversi interrogativi. Questo il tema centrale del libro I miei primi 40 giorni da mamma.   Nel libro I miei primi 40 giorni da mamma l’autrice Cheryl R. Zauderer, infermiera e ostetrica da più

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale
Neuroscienze Psicologia

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale

Mentre l’inquinamento atmosferico è stato a lungo considerato un problema per la salute polmonare e cardiovascolare, solo negli ultimi dieci anni gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione ai suoi effetti sul cervello.   I ricercatori dell’Università della California hanno trovato un legame tra l’inquinamento atmosferico legato al traffico e

Ansia sociale, eventi positivi e benefici momentanei
Psicologia

Ansia sociale, eventi positivi e benefici momentanei

Alcune ricerche dimostrano che gli individui con un’elevata ansia sociale tendono a sperimentare effetti positivi molto deboli dalle situazioni quotidiane e talvolta a riportare una scarsa frequenza di eventi positivi nel corso della loro vita.   Gli individui con elevati livelli di ansia sociale sono soggetti a frequenti ed eccessive

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto
Psicologia Psicoterapia

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto

La relazione terapeutica può essere l’unico fattore di cambiamento in psicoterapia? È immaginabile che parlando del più e del meno in una relazione configurabile come caratterizzata da accurate empathy, positive regard, nonpossessive warmth, and congruence or genuineness il paziente superi le sue difficoltà in modo diverso e migliore da quello

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 20, media: 3,75 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario