inTherapy

L’insostenibile Leggerezza del Bugiardo Patologico

Il Bugiardo compulsivo non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze...

ID Articolo: 4208 - Pubblicato il: 16 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FENOMENOLOGIA DEL BUGIARDO PATOLOGICO.

L'insostenibile leggerezza del Bugiardo Patologico - © SCPixBit - Fotolia.com - Vostro marito o vostra moglie, il vostro compagno o la vostra compagna, o degli amici dicono tante bugie, spesso senza avere un risvolto pratico? Beh, escludendo ogni patologia a carico del destinatario della menzogna, è possibile si possa avere a che fare con un bugiardo patologico.

Prima di entrare nel vivo del discorso è opportuno comprendere la differenza fra bugiardi patologici e bugiardi compulsivi.

Il bugiardo compulsivo non mente per raggiungere un fine specifico, ma semplicemente per abitudine e soprattutto perché mentire lo fa stare meglio rispetto a quando racconta la verità. Essere sinceri per queste persone diventa un’impresa psicologicamente difficile, così mentono su qualsiasi cosa. La bugia diventa una risposta automatica ed irrefrenabile, compulsiva appunto. Questo tipo di bugiardo, non è manipolativo o almeno non lo è apertamente. Mentre, il bugiardo patologico è colui che mente incessantemente per ottenere qualcosa e lo fa senza curarsi delle conseguenze emotive e comportamentali che questo atteggiamento può avere sugli altri.

In questo caso l’abitudine alla menzogna è vista come meccanismo per affrontare la realtà. Il bugiardo patologico è in genere manipolativo, autocentrato e ben poco empatico rispetto alla dimensione psicologica delle altre persone.

La persona che mente ha interiorizzato da così tanto tempo il meccanismo della menzogna che riesce a conviverci in modo egosintonico e difficilmente percepisce il suo modo di fare come patologico.

 

Tamponico - Mammese - Autore dell'immagine: Costanza Prinetti

La manipolazione delle madri: il linguaggio Mammese

 

Il primo passo da realizzare è quindi l’autoconsapevolezza, ovvero rendersi conto di avere un problema su cui lavorare. In seconda battuta va sottolineato che, come ogni altro comportamento che offre comfort e fuga dallo stress, la menzogna può creare dipendenza e assuefazione, quindi si tratta di un qualcosa difficile da disimparare. Come per le tossicodipendenze, se non c’è una forte motivazione a smettere, è difficile che si possa approdare a cambiamenti strutturali per la persona. I bugiardi sono tanto abituati a mentire che, spesse volte, non riescono a distinguere più la realtà dalla fantasia. E’ come se la bugia andasse a sostituire la verità con dei contenuti compensatori che completano perfettamente il puzzle della realtà. Infine, la realtà stessa assume una connotazione di falsità e la bugia diventa la realtà.

 

La prima caratteristica che connota un bugiardo patologico è dichiararsi sostenitori della sincerità e dei valori. Si tratta di persone severamente malate, anche se appaiono normali in superficie, e il loro disturbo può provocare gravissime conseguenze a chi sta loro vicino.

Sono persone che non hanno consapevolezza della loro malattia e credono che mentire sia giusto al fine di proteggere il proprio ego per guadagnare dei benefici. Gli altri, naturalmente, ricevono dai danni gravi in risposta ai comportamenti spietatamente manipolatori, e mendaci messi in atto dal bugiardo. Fondamentalmente, si tratta di persone che sono in grado di inscenare una pantomima della realtà fino ad apparire sinceri al più attento osservatore.
A molti capita di incontrare e conoscere persone con tale disturbo; essi si presentano con grande attorialità, ipocrisia (“ipocrita”, in greco significa attore) e astuzia come persone buone e sincere, quindi utilizzano questa maschera come copertura al fine di poter mentire e raggirare con maggior efficacia. Perciò è molto difficile riconoscerli e si può facilmente diventarne vittima nelle relazioni di amicizia, di lavoro e sentimentali.

MENTIRE L’AMORE
  Messaggio pubblicitario A rendere ancora più complicata la situazione è la presenza di un pervasivo disturbo di personalità, in genere narcisistico, nei mentitori patologici.
I narcisisti amano troppo se stessi per riuscire ad amare gli altri. Secondo uno studio statunitense, pubblicato sul “Journal of Personality and Social Psychology”, non sono in grado di mantenere relazioni sentimentali felici e durature. Per il “narciso”, l’amore è un gioco in cui si deve fare sempre la “parte del leone”, per mantenere sempre il potere anche a costo di mentire, tradire e umiliare il partner.
La personalità narcisistica è risultata incompatibile con la possibilità di stabilire relazioni sentimentali soddisfacenti, durature e affettivamente importanti. Infatti, nonostante sia vero che per amare gli altri bisogna prima di tutto amare se stessi, i narcisisti, in realtà, non amano veramente se stessi, ma si sopravvalutano continuamente, a spese di chi sta loro vicino.
Lo studio mette poi in guardia chi cerca un partner: “attenzione a non confondere il narcisismo con l’autostima”, perché l’autostima si concilia benissimo con la capacità di amare, il narcisismo implica necessariamente lo sfruttamento e l’umiliazione del partner. Certo, spesso i narcisisti sono estremamente affascinanti e sfuggenti, ma alla “prova del cuore” rivelano gradualmente la loro vera natura: egoisti, infedeli, manipolatori, prepotenti.

Il manipolatore relazionale è egocentrico; un vampiro psico-affettivo che si nutre dell’essenza vitale delle sue prede. Critica, disprezza, colpevolizza, ricatta, ricordando agli altri i principi morali o il perseguimento della perfezione, ma questo solo quando gli torna utile. E per raggiungere i suoi scopi ricorre a ragionamenti pseudo-logici che capovolgono le situazioni a suo vantaggio.

Spesso la sua comunicazione è paradossale: messaggi opposti in double bind, a cui è impossibile rispondere senza contraddirsi, oppure deforma il significato del discorso.
Si auto-commisera, si deresponsabilizza, non formula richieste esplicite e chiare. Non tollera i rifiuti, vuol sempre avere l’ultima parola per trarre le sue conclusioni, pur non condivise. Muta opinioni e decisioni. Soprattutto mente, insinua sospetti, riferisce malintesi . Simula somatizzazioni ed autosvalutazioni, ma dimostra sostanzialmente disinteresse affettivo.
Si tratta, insomma, di personalità disturbate e disturbanti, con cui ci si può legare sentimentalmente per venire immancabilmente destabilizzati dalla loro perfida influenza.

Messaggio pubblicitario Concludo citando Kundera ne “L’insostenibile leggerezza dell’essere”: quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell’intelligenza sfuggono a questa condanna. Chi è pesante non può fare a meno di innamorarsi perdutamente di chi vola lievemente nell’aria, tra il fantastico e il possibile, mentre i leggeri sono respinti dai loro simili e trascinati dalla ‘compassione’ verso i corpi e le anime possedute dalla pesantezza. Era la vertigine. L’ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa: la bugia.

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Vazire, S. & Gosling, S. D. (2004). e-Perceptions: Personality impressions based on personal websites. Journal of Personality and Social Psychology, 87, 123-132.
  • Vazire, S., Naumann, L. P., Rentfrow, P. J., & Gosling, S. D. (2008). Portrait of a narcissist: Manifestations of narcissism in physical appearance. Journal of Research in Personality, 42, 1439-1447.
  • Giuseppe Maria Silvio Ierace, (2004). Solstizio D’Estate. Arnoldi editore.
  • Milan Kundera, (2003). L’insostenibile leggerezza dell’essere, Adelphi

Gli ultimi articoli di State of Mind:

L’incidenza dei media nella comunicazione politica: considerazioni sociopsicologiche
Attualità Psicologia

L’incidenza dei media nella comunicazione politica: considerazioni sociopsicologiche

Lo studio del linguaggio nei contesti politici è importante non solo per le ripercussioni pratiche, ma anche per le conseguenze sociali che tale miglioramento potrebbe avere sul processo democratico.   Oggi viviamo in una società che è stata definita “società dell’informazione”. La vita quotidiana, a tutti i livelli, è ampiamente

The undoing. Le verità non dette – Recensione della serie
Cultura Psicologia

The undoing. Le verità non dette – Recensione della serie

In questa miniserie televisiva statunitense diretta da Susanne Bier, la regista rappresenta in tutta la sua veridicità la distorsione cognitiva delle realtà dei due protagonisti, le verità esplicite ed implicite che ognuno racconta e cela e che si esauriscono alla fine nella rovina delle loro esistenze, undoing appunto. Attenzione! L’articolo

Disforia di genere, transizione e l’iter per la riassegnazione di genere: uno sguardo al contesto italiano – FluIDsex
Psicologia

Disforia di genere, transizione e l’iter per la riassegnazione di genere: uno sguardo al contesto italiano – FluIDsex

Ai sensi della Legge n. 164 del 14/4/82, in Italia, per poter svolgere un intervento di riassegnazione chirurgica del sesso da parte di un individuo con diagnosi di disforia di genere, è obbligatorio rivolgersi alla Consulenza Tecnica d’Ufficio.   L’origine del termine “gender” deriva dal francese antico “gendre”, il cui

Definire il vuoto: quali sono le caratteristiche e le declinazioni della sensazione di vuoto nei disturbi psicologici?
Psichiatria Psicologia

Definire il vuoto: quali sono le caratteristiche e le declinazioni della sensazione di vuoto nei disturbi psicologici?

D’Agostino e colleghi (2020) attraverso una revisione hanno definito la sensazione di vuoto come uno stato emotivo complesso e negativo, vissuto in modi diversi in base alle peculiarità di ciascun individuo.   La sensazione di vuoto è molto diffusa nella popolazione clinica. Ad esempio, nella quinta edizione del Manuale Diagnostico

Disturbi funzionali della deglutizione: il ruolo dell’ansia nel globus e disfagia funzionale
Psicologia

Disturbi funzionali della deglutizione: il ruolo dell’ansia nel globus e disfagia funzionale

I disturbi funzionali della deglutizione sono riconosciuti come aventi un ruolo sempre più rilevante nella manifestazione di sintomi esofagei. Noemi Boschetti – OPEN SCHOOL, Studi Cognitiva Modena   La percezione degli stimoli esofagei è un meccanismo complesso, sostenuto da processi neurali periferici e centrali, dove fattori emotivi, cognitivi e propriocettivi

Un nuovo “strumento” per valutare la dipendenza da sesso e la “discordanza” della comunità scientifica, un dialogo ancora aperto
Psicologia

Un nuovo “strumento” per valutare la dipendenza da sesso e la “discordanza” della comunità scientifica, un dialogo ancora aperto

È stato recentemente pubblicato (Soraci et al., 2021) uno studio che valida, nel territorio Italiano, un nuovo strumento che “misura” la dipendenza da sesso (utilizzabile sia “online” che “offline”, ed indipendentemente dal genere e/o dall’oriamento sessuale).   Questo strumento, seppur con tutti i limiti derivanti dal campione scelto e dal

Il culto del feto. Come è cambiata l’immagine della maternità (2020) di Piontelli A. – Recensione
Psicologia

Il culto del feto. Come è cambiata l’immagine della maternità (2020) di Piontelli A. – Recensione

Il soggetto del testo Il culto del feto è dato dal feto, analizzato da tre punti di vista: storico, scientifico, culturale.   Non è possibile parlare di feti in termini astratti, necessitando esso per esistere dell’incontro di un uomo e di una donna e, nello specifico, di uno spermatozoo e di

Recensione del libro “Questa è la mia guerra” (2021) di Chiara Mansi
Psicologia

Recensione del libro “Questa è la mia guerra” (2021) di Chiara Mansi

Questa è la mia guerra è un intimo diario autobiografico nel quale Chiara Mansi, ventenne di Viterbo, delinea uno spaccato crudo, sincero e realistico del suo malessere. La quarta di copertina tratteggia in poche parole il contenuto del libro – “storia di un adolescente e del suo disturbo alimentare” – ma

Contraccettivi orali: la loro assunzione può incrementare il rischio di suicidio nelle giovani donne?
Psichiatria Psicologia

Contraccettivi orali: la loro assunzione può incrementare il rischio di suicidio nelle giovani donne?

Circa il 20% delle donne tra i 15 e 29 anni ha fatto uso di contraccettivi orali tra il 2015 ed il 2017 (Daniels & Daugherty, Abma, 2018).   Nonostante siano efficaci nel prevenire le gravidanze ed alleviare i sintomi mestruali (Oinonen & Mazmanian, 2002), non sono privi di potenziali

Chi ha paura delle varianti? La paura del Covid-19, riconoscerla per promuovere l’adattamento
Attualità Psicologia

Chi ha paura delle varianti? La paura del Covid-19, riconoscerla per promuovere l’adattamento

La paura del Covid-19, quando molto intensa, può risultare altamente disorganizzante sia per il pensiero che per il comportamento, ed essere considerata a tutti gli effetti una reazione peritraumatica. Ma come riconoscerla?   Come noto, in queste ultime settimane il Governo italiano ha varato alcune misure volte alla tutela della

Attacchi e disturbo di panico (2019) di Sanavio & Sanavio – Recensione del libro
Psichiatria Psicologia

Attacchi e disturbo di panico (2019) di Sanavio & Sanavio – Recensione del libro

Il volume Attacchi e disturbo di panico parte dalla definizione dell’attacco di panico e delle sue caratteristiche per portare ad una maggiore comprensione del disturbo, mentre nei capitoli successivi approfondisce gli aspetti eziologici e diagnostici ed infine quelli trattamentali.   Sebbene in Italia la richiesta di aiuto per i disturbi mentali sia inferiore rispetto

È possibile ridurre l’auto-stigma e la vergogna che affliggono le donne tossicodipendenti?
Psicologia

È possibile ridurre l’auto-stigma e la vergogna che affliggono le donne tossicodipendenti?

Uno studio preso in esame ha perseguito l’obbiettivo di sviluppare un programma educativo per ridurre l’auto-stigma e la vergogna tra le donne affette da una tossicodipendenza.   L’abuso di sostanze è un problema rilevante all’interno della società che determina innumerevoli ripercussioni negative sulla vita, gravando anche sulle spese pubbliche nazionali.

La mindfulness per l’ADHD e i disturbi del neurosviluppo. Applicazione clinica della Meditazione Orientata alla Mindfulness – MOM  a cura di Cristiano Crescentini e Deny Menghini
Psicologia Psicoterapia

La mindfulness per l’ADHD e i disturbi del neurosviluppo. Applicazione clinica della Meditazione Orientata alla Mindfulness – MOM  a cura di Cristiano Crescentini e Deny Menghini

I curatori di La mindfulness per l’ADHD e i disturbi del neurosviluppo hanno voluto descrivere come l’applicazione della Meditazione Orientata alla Mindfulness (MOM) può essere utile in clinica per il trattamento di bambini ed adolescenti affetti da ADHD.   Il disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD) ha come

“Ecofenotipo” climatico: quanto è influenzata la nostra salute mentale dai cambiamenti climatici?
Attualità Psicologia

“Ecofenotipo” climatico: quanto è influenzata la nostra salute mentale dai cambiamenti climatici?

Si può ipotizzare che in futuro, con l’accentuarsi del cambiamento climatico, aumenteranno anche le persone che, a causa di disastri naturali, sperimenteranno conseguenze sulla salute mentale come l’eco-ansia.   Gli eventi causati dal cambiamento climatico si stanno verificando in tutto il pianeta, con gravi conseguenze dirette ed indirette su numerosi

Sviluppo dell’identità e videogiochi online durante la pandemia COVID-19. Quali rischi?
Attualità Psicologia

Sviluppo dell’identità e videogiochi online durante la pandemia COVID-19. Quali rischi?

Negli ultimi decenni l’utilizzo dei videogiochi è costantemente aumentato tra bambini e adolescenti; seppur abbiano dimostrato di essere validi strumenti in grado di favorire l’apprendimento, le ricerche sui loro effetti sulla salute sono ancora in corso di attuazione. Concetta Bellomo –  OPEN SCHOOL, Psicoterapia e Scienze Cognitive Genova   La

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico
Neuroscienze Psicologia

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico

Per effettuare una valutazione clinica del trauma cranico vengono considerati vari elementi, tra i quali: età, reattività motoria, agitazione psicomotoria, riflessi del tronco cerebrale, profondità e durata del coma, sindrome di Kluver-Bucy e durata dell’amnesia post traumatica.   Il Trauma cranico-encefalico (TCE) è causato da un impatto sul cranio di

La moglie di Darwin. L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione del libro
Psicologia

La moglie di Darwin. L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione del libro

La moglie di Darwin. L’arte di prendere decisioni lungimiranti, titolo intrigante, che ci porta immediatamente nel cuore del tema centrale del libro, ossia i processi decisionali della nostra mente.   La nota a mio avviso più originale del testo risiede nell’aver citato variegate situazioni, da quelle meno note a tutti noi

Stile genitoriale elicottero e adattamento universitario nei figli
Psicologia

Stile genitoriale elicottero e adattamento universitario nei figli

Una maggiore genitorialità elicottero si associa a sintomi depressivi e ad una minore autoefficacia tra i giovani adulti, che a loro volta comportano livelli inferiori di adattamento accademico e sociale all’università.   Rispetto al passato, la transizione verso l’età adulta ed il raggiungimento di una piena indipendenza economica ed emotiva

Adolescenza: quali reazioni alla pandemia – VIDEO del webinar
Attualità Psicologia

Adolescenza: quali reazioni alla pandemia – VIDEO del webinar

Video dal webinar Adolescenza: quali reazioni alla pandemia, organizzato dal centro clinico Studi Cognitivi L’Aquila e condotto dalla Dott.ssa Julianita Anselmini   Il Centro Clinico Studi Cognitivi L’Aquila ha organizzato un interessante webinar che ha affrontato il tema dell’adolescenza in relazione alla pandemia di Covid-19. Dalla clinica si è osservato un aumento della sintomatologia

Disturbo Borderline di Personalità: sentirsi “vuoti dentro”
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Disturbo Borderline di Personalità: sentirsi “vuoti dentro”

Il Disturbo Borderline di Personalità (DBP), per molto tempo e fino a qualche decennio fa, non aveva ricevuto una dignità nosografica precisa a causa di un nome ingannevole proveniente da un’oscura tradizione psicoanalitica.   Il quadro clinico sembrava, infatti, non rientrare né nella classe diagnostica delle nevrosi (disturbo psichico più

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 20, media: 3,75 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario