Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento

Brain & Cognitive Sciences: 18 borse di studio per programmi di Dottorato presso l'università di Trento. DEADLINE per applications: 4 Giugno 2015

ID Articolo: 109591 - Pubblicato il: 27 aprile 2015
Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento
Messaggio pubblicitario SFU 2020

CIMEC TRENTO HEAD

 

 

Gli ultimi articoli su: Neuroscienze

La sindrome del lobo frontale
Neuroscienze Psicologia

La sindrome del lobo frontale

Il lobo frontale rappresenta il lobo più grande del cervello ed è diviso in tre aree principali ben definite (corteccia motoria primaria, corteccia supplementare e premotoria e corteccia prefrontale) (L. Pirau et al., 2020).   Dopo un danno cerebrale alla corteccia prefrontale, varia è la natura dei disturbi della personalità

Il nostro cervello: autonomo, potente e dinamico definisce chi siamo durante tutto il corso della nostra vita
Neuroscienze Psicologia

Il nostro cervello: autonomo, potente e dinamico definisce chi siamo durante tutto il corso della nostra vita

Il nostro cervello è una macchina fantastica, complessa e ancora per certi versi misteriosa. Ci consente di essere ciò che siamo e fare ciò che facciamo senza richiedere il nostro diretto intervento.   Autonomo, potente e dinamico è infatti la cosa più importante che abbiamo perché ci rende ciò che

Demenza con Corpi di Lewy: diagnosi e segni prodromici
Neuroscienze Psicologia

Demenza con Corpi di Lewy: diagnosi e segni prodromici

Scopo dell’articolo è fornire delle indicazioni utili per l’assessment neuropsicologico nell’oggettivazione dei segni prodromici di una Demenza con Corpi di Lewy (DLB).   Nel panorama delle demenze, quella con corpi di Lewy è la seconda in ordine di frequenza. L’età media di insorgenza del disturbo è compresa tra i 58

I neuroni bussola ci aiutano ad orientarci tra i pensieri
Neuroscienze Psicologia

I neuroni bussola ci aiutano ad orientarci tra i pensieri

Sono stati pubblicati, dalla rivista scientifica internazionale Communications Biology, i risultati di uno studio dell’Università di Trento che ha portato ad una nuova scoperta: gli stessi neuroni che indicano la direzione del movimento nello spazio fisico si attivano anche per orientarci tra i concetti nello spazio astratto delle idee.   Nei mammiferi

Sistema Limbico e amigdala
Neuroscienze Psicologia

Sistema Limbico e amigdala

All’interno delle regioni cerebrali che costituiscono il sistema limbico, una funzione di vitale importanza è rivestita dall’amigdala.   Il nostro cervello è suddiviso anatomicamente in tre parti diverse – prosencefalo (o cervello anteriore), mesencefalo (o cervello medio) e romboencefalo (o cervello posteriore) – che originano a partire dalle prime settimane

L’organizzazione a network delle aree cerebrali nella malattia di Parkinson
Neuroscienze Psicologia

L’organizzazione a network delle aree cerebrali nella malattia di Parkinson

Nella malattia di Parkinson è particolarmente comune il riscontro di una sindrome disesecutiva, caratterizzata da difficoltà nell’esecuzione di compiti complessi, nella pianificazione a lungo termine, nella memorizzazione e nel richiamo di nuove informazioni.   Un’architettura ben definita Oggetto di grande interesse e di ricerca negli ultimi dieci anni, il connettoma, descrive

L’utilizzo dei Potenziali Evocati nel dolore e nei disturbi di sensibilità di difficile inquadramento diagnostico
Neuroscienze Psicologia

L’utilizzo dei Potenziali Evocati nel dolore e nei disturbi di sensibilità di difficile inquadramento diagnostico

I potenziali evocati (PE) costituiscono un esame diagnostico di rilievo nei casi di dolore neuropatico in cui gli altri accertamenti strumentali non siano dirimenti. Eliana Berra – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, Milano   Le tipologie di dolore La persistenza di dolore e alterazioni della sensibilità, quali formicolii, bruciori, sensazione di

The Boston Process Approach: una tecnica di osservazione qualitativa
Neuroscienze Psicologia

The Boston Process Approach: una tecnica di osservazione qualitativa

Il Boston Process Approach è descrivibile come “flessibile” perché si tratta di una tecnica che si può applicare ad uno svariato numero di test, mirando a non comprometterne la validità e specificità.   Il Boston Process Approach mira a valutare qualitativamente il comportamento del paziente all’interno della valutazione neuropsicologica, basandosi sul

E se una sostanza allucinogena fosse essa stessa un rimedio per il disturbo da uso di sostanze?
Neuroscienze Psicologia

E se una sostanza allucinogena fosse essa stessa un rimedio per il disturbo da uso di sostanze?

Il disturbo da uso di sostanze (ing. Substance Use Disorder, SUD) è una condizione per la quale l’utilizzo di uno o più psicoattivi porta a una compromissione clinicamente significativa o a disagio (American Psychiatric Association, 2013).   Il disturbo da uso di sostanze si riferisce quindi all’uso eccessivo di una

Amnesia di origine psicogena: tipologie ed esiti
Neuroscienze Psicologia

Amnesia di origine psicogena: tipologie ed esiti

L’amnesia psicogena consiste nella perdita di memoria a causa fattori psicologici.   L’amnesia psicogena può essere globale, ossia coinvolgere tutti i ricordi autobiografici di un individuo, oppure specifica alla situazione (Kopelman, 1987). Quest’ultima si riferisce ad una lacuna nella memoria per un incidente traumatico e può insorgere in una varietà di

Mens sana in corpore sano: l’effetto benefico dell’irisina muscolare nella malattia di Alzheimer
Neuroscienze

Mens sana in corpore sano: l’effetto benefico dell’irisina muscolare nella malattia di Alzheimer

Una ricerca condotta dal team del Massachusetts General Hospital ha studiato come l’irisina, un ormone scoperto recentemente che viene prodotto dall’organismo durante l’esercizio fisico, abbia effetti benefici nel morbo di Alzheimer.   Fin dall’antichità, come testimonia il motto “mens sana in corpore sano”, è nota la relazione esistente tra esercizio

Amore e cervello: dall’attrazione al sentimento
Neuroscienze Psicologia

Amore e cervello: dall’attrazione al sentimento

Nella fase di innamoramento la persona che suscita attrazione costituisce un segnale potente che fa attivare tutto l’organismo e produce un’eccitazione mediata da alcuni neurotrasmettitori. Ambra Lupetti ed Elisa Petetta – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del Tronto La monogamia Come ci spieghiamo la monogamia? Dal punto di vista

Come funziona il nostro cervello?
Neuroscienze Psicologia

Come funziona il nostro cervello?

La neuroeconomia propone l’idea della contabilità mentale, in base alla quale le persone suddividono i budget mentali in specifiche categorie di spesa e acquistano considerando questi diversi budget.   Come funziona il nostro cervello? Cognitive style, brain imaging e mental accounting sono solo alcuni dei metodi utilizzati dalla neuroscienza per

È il mio modo di essere, con un po’ di biochimica: i cambi di personalità dovuti ad elementi neurobiologici e neurologici

Neuroscienze Psichiatria Psicologia

È il mio modo di essere, con un po’ di biochimica: i cambi di personalità dovuti ad elementi neurobiologici e neurologici


La personalità è un argomento che affascina sempre la ricerca umanistica e psicologica, che siano gli sviluppi di essa attraverso le esperienze, gli elementi ambientali e gli elementi sociali. Questo articolo affronta le modifiche della personalità via sindromi mentali e squilibri neurochimici.   La personalità è un argomento che affascina da

Il microbiota influenza il comportamento sociale attraverso i neuroni dello stress
Neuroscienze Psicologia

Il microbiota influenza il comportamento sociale attraverso i neuroni dello stress

Il microbiota è un ecosistema complesso che influenza, modula ed è continuamente influenzato e modulato da molti sistemi attraverso il cosiddetto asse “microbiota-intestino-cervello”.   Una recente ricerca non solo ha confermato la forte connessione tra la composizione del microbiota ed i comportamenti sociali espressi dall’organismo ma ha anche identificato nei

Cosa può dirci la neuroestetica sul legame tra bellezza e movimento
Neuroscienze Psicologia

Cosa può dirci la neuroestetica sul legame tra bellezza e movimento

Neuroestetica: le arti visive offrono alle neuroscienze cognitive un’interessante opportunità di studio dei processi con cui il valore soggettivo di bellezza, intesa come piacevolezza estetica, viene costruito a partire da rappresentazioni supportate da diversi sistemi neurali.    In un recente studio (2021) condotto da Humphries, Rick, Weintraub e Chatterjee presso

Imprinting tra etologia e neuroscienze
Neuroscienze Psicologia

Imprinting tra etologia e neuroscienze

In etologia, ancora oggi con il termine imprinting si indica una particolare forma di apprendimento precoce, con cui un animale concentra la sua preferenza sociale verso un oggetto a cui è stato esposto subito dopo la nascita.   Cosa è l’imprinting? L’imprinting è uno dei costrutti più rilevanti per gli

La Psicoterapia funziona? Le Neuroscienze ci hanno spiegato come
Neuroscienze Psicoterapia

La Psicoterapia funziona? Le Neuroscienze ci hanno spiegato come

Ma come può un complesso di attività e tecniche basate per lo più sulla parola, come la Psicoterapia, essere efficace al punto di indurre modificazioni nei convincimenti e nel comportamento altrui?   Alzi la mano chi non si è mai posto questa domanda oppure si è ma sentito porre un

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico
Neuroscienze Psicologia

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico

Per effettuare una valutazione clinica del trauma cranico vengono considerati vari elementi, tra i quali: età, reattività motoria, agitazione psicomotoria, riflessi del tronco cerebrale, profondità e durata del coma, sindrome di Kluver-Bucy e durata dell’amnesia post traumatica.   Il Trauma cranico-encefalico (TCE) è causato da un impatto sul cranio di

Scoperto il funzionamento dell’interruttore cerebrale della sazietà
Neuroscienze Psicologia

Scoperto il funzionamento dell’interruttore cerebrale della sazietà

Un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra e della Hebrew University di Gerusalemme ha recentemente pubblicato, sulla rivista Science, i risultati di uno studio che ha permesso di descrivere la struttura ed il funzionamento del recettore per la melanocortina (MC4). Questo viene considerato l’interruttore cerebrale della sazietà.

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario