inTherapy

Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento

Brain & Cognitive Sciences: 18 borse di studio per programmi di Dottorato presso l'università di Trento. DEADLINE per applications: 4 Giugno 2015

ID Articolo: 109591 - Pubblicato il: 27 aprile 2015
Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

CIMEC TRENTO HEAD

 

 

Gli ultimi articoli su: Neuroscienze

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico
Neuroscienze Psicologia

Trauma cranico: valutazione e intervento psicologico

Per effettuare una valutazione clinica del trauma cranico vengono considerati vari elementi, tra i quali: età, reattività motoria, agitazione psicomotoria, riflessi del tronco cerebrale, profondità e durata del coma, sindrome di Kluver-Bucy e durata dell’amnesia post traumatica.   Il Trauma cranico-encefalico (TCE) è causato da un impatto sul cranio di

Scoperto il funzionamento dell’interruttore cerebrale della sazietà
Neuroscienze Psicologia

Scoperto il funzionamento dell’interruttore cerebrale della sazietà

Un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra e della Hebrew University di Gerusalemme ha recentemente pubblicato, sulla rivista Science, i risultati di uno studio che ha permesso di descrivere la struttura ed il funzionamento del recettore per la melanocortina (MC4). Questo viene considerato l’interruttore cerebrale della sazietà.

Uno studio, condotto su oltre un milione di individui, fa luce sulle basi genetiche della depressione
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Uno studio, condotto su oltre un milione di individui, fa luce sulle basi genetiche della depressione

La depressione è tra i disturbi psichiatrici più diffusi ed ha una prevalenza di oltre il 20% negli Stati Uniti, mentre nel mondo si stima che la depressione colpisca 300 milioni di persone, il 4.4% della popolazione mondiale, con importanti costi personali e sociali (Levey  et al., 2021).   Solo

L’esperienza della gravidanza sotto un profilo neurobiologico: cambiamenti morfologici e cognitivi a confronto
Neuroscienze Psicologia

L’esperienza della gravidanza sotto un profilo neurobiologico: cambiamenti morfologici e cognitivi a confronto

La gravidanza determina cambiamenti morfologici cerebrali, relativi perlopiù alle aree coinvolte nella cognizione sociale e che guidano i comportamenti circa l’interpretazione dello stato mentale altrui, facilitando nella futura madre l’interazione verso l’altro.   La funzione genitoriale costituisce un insieme di competenze complesse, sempre in evoluzione, che riguardano la capacità di ogni

Il Neo-Funzionalismo e le Neuroscienze
Neuroscienze Psicoterapia

Il Neo-Funzionalismo e le Neuroscienze

La persona come un organismo complessivo e integrato corpo-mente, costituito da vari Sistemi profondamente interrelati: questa è una delle concezioni fondamentali che costituiscono l’area di pensiero del Neo-Funzionalismo. Il Neo-Funzionalismo guarda al funzionamento degli organismi viventi, guarda a ciò che è alla base di comportamenti, atteggiamenti, parole, pensieri.   Il

I geni della creatività (2021) di Simon Baron Cohen – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

I geni della creatività (2021) di Simon Baron Cohen – Recensione del libro

Nel testo I geni della creatività l’autore si focalizza sulla capacità “unicamente umana” di inventare, di creare, di trasformare il mondo, ponendosi domande affascinanti.   Come si inventa? Che cosa succede nella mente umana quando inventiamo? L’uomo è l’unica specie in grado di inventare? Qual è l’affascinante legame con l’autismo? A

Carenza di tiamina e sviluppo del linguaggio
Neuroscienze

Carenza di tiamina e sviluppo del linguaggio

In Israele nel 2003 (tra maggio e settembre), diversi neonati furono allattati con un latte in formula che ha portato a venti ricoveri in rianimazione, con sintomi riconducibili alla patologia di Wernicke (sofferenza bilaterale ai gangli della base). Fu allora eseguito uno studio sperimentale che si proponeva di analizzare la

Alzheimer: nuove frontiere e il ruolo dello psicologo nella cura del malato e nel supporto alla famiglia
Neuroscienze Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Alzheimer: nuove frontiere e il ruolo dello psicologo nella cura del malato e nel supporto alla famiglia

L’Alzheimer, una delle forme più comuni di demenza, è una malattia ad esordio senile, cronica e degenerativa ed ha una prognosi sfavorevole. Lo psicologo ha un ruolo importante nella prevenzione della malattia, nella cura del malato e nel sostegno alla sua famiglia.   Il morbo di Alzheimer è una delle

Percepire un gusto dolce può influenzare l’elaborazione di parole romantiche?
Neuroscienze Psicologia

Percepire un gusto dolce può influenzare l’elaborazione di parole romantiche?

Secondo alcuni studi, la percezione del gusto dolce è interconnessa ed interagisce con l’affettività romantica. L’amore favorisce e può influenzare la percezione di un gusto dolce (Chan et al. 2013), che a sua volta può migliorare la valutazione positiva e l’atteggiamento soggettivo nella situazione di un appuntamento romantico, secondo un

Il cablaggio delle reti neurali coinvolte nella percezione del tempo
Neuroscienze

Il cablaggio delle reti neurali coinvolte nella percezione del tempo

La dimensione essenziale della memoria sembra risentire di meccanismi nervosi che con l’evoluzione hanno contribuito alla formazione di processi cognitivi con un substrato di natura neurobiologica. Grazie a quest’ultima prospettiva, tali meccanismi sembrano confermare come il senso del tempo richieda una solida integrità di diverse aree che ne permettano l’elaborazione

L’ interconnessione cervello e intelligenza artificiale: fantascienza o possibile uso clinico?
Attualità Neuroscienze

L’ interconnessione cervello e intelligenza artificiale: fantascienza o possibile uso clinico?

Cosa accadrebbe se ad ospitare un dispositivo digitale non fosse un oggetto ma il cervello di un essere vivente? La prima notizia della realizzazione di impianti neuronali in un essere vivente risale al 29 Agosto 2020 quando Neuralink ha annunciato di aver sperimentato l’impianto neurale su un maiale   Neuralink

COVID-19: Una persona su 3 sviluppa disturbi psichiatrici e danni neurologici a lungo termine
Attualità Neuroscienze Psichiatria

COVID-19: Una persona su 3 sviluppa disturbi psichiatrici e danni neurologici a lungo termine

Un recentissimo studio retrospettivo pubblicato su The Lancet Psychiatry, ha mostrato che SARS-CoV-2 ha effetti acuti sul cervello e che può provocare danni neurologici a lungo termine, nonché l’insorgenza di disturbi psichiatrici.   Il 30 gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha ufficialmente denominato SARS-CoV-2 (Severe Acute

Il danno neurologico e psichiatrico da CoViD-19; uno studio italiano mostra il percorso del virus dal polmone al cervello attraverso il nervo vago
Neuroscienze

Il danno neurologico e psichiatrico da CoViD-19; uno studio italiano mostra il percorso del virus dal polmone al cervello attraverso il nervo vago

Uno studio italiano ha dimostrato la presenza del virus Sars-CoV-2 nel nervo vago e questo potrebbe spiegare il percorso tra polmone e cervello (Bulfamante G. 2021). Introduzione L’evoluzione della pandemia da CoViD-19 ha mostrato che oltre il 37% dei pazienti colpiti da Coronavirus anche dopo la guarigione manifesta reazioni neurologiche come stato confusionale, vertigini, mal

Schizofrenia e attività fisica
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Schizofrenia e attività fisica

Lo scopo del presente articolo è l’esplorazione di una modalità di potenziamento, a basso costo, dell’attività cognitiva delle persone con schizofrenia che agisce sul volume ippocampale, cioè l’attività fisica.    La schizofrenia è una patologia grave e cronica che compromette il funzionamento della persona in ambito lavorativo, delle relazioni interpersonali e della

Il ruolo del pensiero negativo ripetitivo nell’insorgenza del declino cognitivo
Neuroscienze Psicologia

Il ruolo del pensiero negativo ripetitivo nell’insorgenza del declino cognitivo

L’indagine longitudinale di Marchant et al. (2020) ha testato l’ipotesi del debito cognitivo, indagando la relazione tra stile di pensiero negativo ripetitivo, declino cognitivo e misure di neuroimaging.   La demenza di Alzheimer (AD) è una patologia neurologica che nelle fasi iniziali si caratterizza per l’aggregazione di beta amiloide e

Freud aveva ragione? Le Neuroscienze alla ricerca dell’origine e significato del sogno
Neuroscienze

Freud aveva ragione? Le Neuroscienze alla ricerca dell’origine e significato del sogno

L’interpretazione dei sogni ha una storia millenaria, ce ne parla già Artemidoro di Daldi nel II secolo dopo Cristo come di una pratica antica di secoli (Prada, 2015).   Il padre della psicoanalisi però fu il primo, o comunque tra i primi, a considerare scientificamente il sogno come un’attività originale

Esiste una correlazione tra il nevroticismo e il morbo di Parkinson?
Neuroscienze Psicologia

Esiste una correlazione tra il nevroticismo e il morbo di Parkinson?

Un recente studio dell’Università della Florida, realizzato in collaborazione con due istituti italiani del CNR, ha stabilito l’esistenza di una correlazione tra un aumento del rischio di sviluppare il morbo di Parkinson ed il tratto di personalità detto “nevroticismo”.   Il morbo di Parkinson appartiene al gruppo di patologie definite

Neuroscienze per i clinici (2021) di Louis Cozolino – Recensione del libro
Neuroscienze Psicologia

Neuroscienze per i clinici (2021) di Louis Cozolino – Recensione del libro

Lo scopo del libro Neuroscienze per i clinici di Cozolino è ampliare e approfondire la prospettiva dei clinici attraverso la comprensione delle neuroscienze, dello sviluppo del cervello, dell’epigenetica e del ruolo dell’attaccamento nello sviluppo encefalico.    Ogni paziente presenta problemi, stili cognitivi ed emotivi e difese modellati attraverso l’interazione di

Effetto dream-lag: gli eventi di vita riemergono nei sogni?
Neuroscienze

Effetto dream-lag: gli eventi di vita riemergono nei sogni?

È stato riscontrato che l’incorporazione dei dettagli degli eventi vissuti durante la veglia, nei sogni, è più alto nelle 2 notti successive all’evento e dopo 5-7 notti. Le incorporazioni più tardive, costituiscono il cosiddetto effetto dream-lag   È stato riscontrato che l’incorporazione dei dettagli degli eventi vissuti durante la veglia,

L’epigenetica e il mondo prenatale
Neuroscienze Psicologia

L’epigenetica e il mondo prenatale

L’eredità genetica e quella epigenetica sembrano partorite dalle rispettive esperienze dei caregiver, i quali mostrano durante l’epoca prenatale una gamma di modificazioni chimico-fisiologiche, capaci di incidere sui vari livelli di cura nei confronti di chi si porta in grembo.   Il ruolo dell’epigenetica nelle prime fasi di vita La programmazione

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario