Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento

Brain & Cognitive Sciences: 18 borse di studio per programmi di Dottorato presso l'università di Trento. DEADLINE per applications: 4 Giugno 2015

ID Articolo: 109591 - Pubblicato il: 27 aprile 2015
Neuroscienze e Scienze Cognitive: 18 Borse di Studio per Dottorati a Trento
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

CIMEC TRENTO HEAD

 

 

Gli ultimi articoli su: Neuroscienze

Il disturbo ossessivo compulsivo: le ricerche genetiche, neurobiologiche ed immunologiche
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Il disturbo ossessivo compulsivo: le ricerche genetiche, neurobiologiche ed immunologiche

Il disturbo ossessivo-compulsivo è un disturbo a genesi complessa. Sono numerose le ricerche sugli aspetti genetici, neurobiologici ed immunologici del DOC. Questi aspetti, uniti alla considerazione dei fattori psicologici e al contributo dell’epigenetica, hanno chiarito la multifattorialità nell’eziologia di questo disturbo.   Il disturbo ossessivo compulsivo o DOC è caratterizzato

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale
Neuroscienze Psicologia

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale

Mentre l’inquinamento atmosferico è stato a lungo considerato un problema per la salute polmonare e cardiovascolare, solo negli ultimi dieci anni gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione ai suoi effetti sul cervello.   I ricercatori dell’Università della California hanno trovato un legame tra l’inquinamento atmosferico legato al traffico e

Terapia elettroconvulsivante e schizofrenia: a che punto siamo?
Neuroscienze Psichiatria

Terapia elettroconvulsivante e schizofrenia: a che punto siamo?

Per quanto riguarda il trattamento della schizofrenia, nei paesi più sviluppati l’utilizzo dell’ECT è in costante declino e rappresenta il trattamento di ultima scelta, quando altri tipi di terapia si siano dimostrati inefficaci   La terapia elettroconvulsivante (ECT) – ideata negli anni Trenta e basata sull’induzione di convulsioni nel paziente

Alti livelli di ketamina possono spegnere momentaneamente il cervello
Neuroscienze Psichiatria

Alti livelli di ketamina possono spegnere momentaneamente il cervello

I ricercatori hanno identificato due fenomeni cerebrali che possono spiegare gli effetti collaterali dell’uso di ketamina.   Lo studio condotto su una pecora a cui sono state somministrate dosi di ketamina, fornisce un’iniziale spiegazione sulle esperienze di depersonalizzazione e sullo stato di oblio che occorrono quando si fa uso di

Sogni connotati da emozioni di paura e attività cerebrali coinvolte: esiste un collegamento tra attività onirica e situazioni di vita reale?
Neuroscienze Psicologia

Sogni connotati da emozioni di paura e attività cerebrali coinvolte: esiste un collegamento tra attività onirica e situazioni di vita reale?

Vari studi confermano l’ipotesi secondo cui l’attività fisiologica del sonno offre al soggetto la possibilità di riprocessare e riorganizzare le informazioni cariche emotivamente.   Infatti, la teoria della simulazione della minaccia afferma che il sogno svolge una funzione neurobiologica, consentendo una simulazione offline dell’incombere di eventi minacciosi e promuovendo risposte

Il cervello adolescente: tra fragilità e potenzialità
Neuroscienze Psicologia

Il cervello adolescente: tra fragilità e potenzialità

Il sistema di ricompensa degli adolescenti è meno attivo, quindi hanno bisogno di esperienze più forti perché si sentano pienamente gratificati, questo li predispone ad adottare comportamenti a rischio. Pierantoni Serena – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del Tronto   I tratti distintivi dell’adolescenza, che possono essere un dono

Il ruolo dell’immaginazione motoria nei processi di apprendimento
Neuroscienze Psicologia

Il ruolo dell’immaginazione motoria nei processi di apprendimento

Grazie all’immaginazione motoria, dall’inglese “motor imagery”, l’atleta riesce a rappresentarsi mentalmente un movimento senza implementare una risposta motoria. La motor imagery può essere suddivisa in visual imagery e kinaesthetic imagery.   L’immaginazione motoria dall’inglese “motor imagery” consiste dal punto di vista dell’atleta di formare una rappresentazione di un movimento senza implementare

L’anosognosia e la malattia di Alzheimer: qual è il legame?
Neuroscienze Psicologia

L’anosognosia e la malattia di Alzheimer: qual è il legame?

L’anosognosia è stata da sempre riconosciuta come uno dei sintomi tipici della malattia di Alzheimer. Recentemente è anche considerata un indicatore dell’evoluzione della demenza.   I pazienti non consapevoli dei propri limiti tendono a sopravvalutare le proprie capacità e creano maggiori difficoltà a chi deve assisterli e monitorali. La mancanza

Horror, che paure!
Neuroscienze Psicologia

Horror, che paure!

Le mani diventano fredde e sudate, i muscoli sono tesi, il battito cardiaco aumenta. Avete mai percepito anche voi queste sensazioni corporee mentre guardate un film horror?   Sono segnali che stiamo provando paura, un’emozione, innescata da stimoli minacciosi, funzionale all’evitamento di un pericolo. Ma cosa sta accadendo nel nostro

OSAS e incubi
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

OSAS e incubi

La Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS) è un Disturbo del sonno caratterizzato dalla ricorrente ostruzione delle vie aeree superiori mentre si dorme.   L’OSAS è una condizione clinica piuttosto comune, con una prevalenza del 2-17% nella popolazione femminile e del 3-18% in quella maschile, e aumenta con l’avanzare

Neuroscienze, neuromarkenting e studi sul decision-making – Intervista al Prof. Davide Rigoni
Attualità Neuroscienze

Neuroscienze, neuromarkenting e studi sul decision-making – Intervista al Prof. Davide Rigoni

Qualsiasi elemento dell’ambiente potenzialmente può influenzare le nostre scelte. Il neuromarketing si dimostra efficace perché permette di intercettare alcuni processi decisionali e di orientare i consumatori.   Davide Rigoni, Ph.D., è fondatore di ICENSE, società di neuroscienze applicate al business ed è docente di Neuromarketing e Management Psychology alla Hult

Il bilinguismo come fattore di protezione nell’invecchiamento sano e patologico
Neuroscienze Psicologia

Il bilinguismo come fattore di protezione nell’invecchiamento sano e patologico

Vista la mancanza di trattamenti risolutivi per la demenza, l’OMS sottolinea l’importanza di focalizzarsi sulla riduzione dei fattori di rischio di demenza, o, specularmente, sullo sviluppo dei fattori di protezione.   La popolazione italiana sta invecchiando: questa considerazione, ormai parte del dibattito pubblico, è supportata dai dati Istat. Per citarne

Stanislas Dehaene e il potere speciale del cervello: imparare – Recensione
Neuroscienze Psicologia

Stanislas Dehaene e il potere speciale del cervello: imparare – Recensione

Stanislas Dehaene, nel libro Imparare: il talento del cervello, la sfida delle macchine, individua nella capacità di imparare ciò che rende speciale il cervello dell’uomo. Come funzionano i processi di apprendimento? Sono davvero così semplici?   Prima che intraprendessi il mio percorso universitario, la parola imparare era meramente legato al

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?
Neuroscienze Psicologia Psicoterapia

Plasticità cerebrale: quali i possibili effetti degli psicofarmaci sul cervello-mente?

L’uomo è un sistema complesso in cui mente e corpo sono a tutti gli effetti due facce di una stessa medaglia in rapporto di interdipendenza e sinergia. Il nostro cervello-mente cambia a seguito di stimoli ambientali, ma anche un farmaco, specie se assunto a lungo e in dosi significative, può generare

Scacchi e sistema nervoso autonomo: il ruolo dell’HRV
Neuroscienze

Scacchi e sistema nervoso autonomo: il ruolo dell’HRV

Sembra che al diminuire dell’HRV (Heart Rate Variability) sia associato un peggioramento nei risultati dei compiti cognitivi in cui è coinvolta l’area prefrontale. Può essere quindi considerato l’HRV come un parametro predittore della performance cognitiva?   Tutti conoscono il gioco degli scacchi. Non forse tutti però sanno che questo gioco

La nostra alimentazione può aumentare il rischio di demenza?
Neuroscienze Psicologia

La nostra alimentazione può aumentare il rischio di demenza?

Lo studio pubblicato su Neurology si è concentrato sull’esaminare le reti alimentari e il loro legame con lo sviluppo di demenza.   Nel 2020 non è un segreto che una dieta sana possa portare giovamento oltre che al corpo in generale, anche al nostro cervello. Tuttavia, potrebbe non essere solo questione

I suoni della mente in ambito rieducativo scolastico. Primi dati di un intervento di musicoterapia combinata con suite Brainwave Alpha (binaural-beat a 10Hz)
Neuroscienze Psicologia

I suoni della mente in ambito rieducativo scolastico. Primi dati di un intervento di musicoterapia combinata con suite Brainwave Alpha (binaural-beat a 10Hz)

Uno studio preliminare si propone di verificare se la tecnica di musicoterapia combinata Brainwave Binaural Beat (10 Hz) sia in grado di sostenere l’apprendimento, favorire le relazioni all’interno del gruppo degli studenti e migliorare l’atteggiamento generale riguardo le materie d’insegnamento.   Introduzione In questo intervento a valenza rieducativa si è

Vedere la musica, sentire la musica. Le associazioni mentali tra musica, emozioni e colori
Neuroscienze Psicologia

Vedere la musica, sentire la musica. Le associazioni mentali tra musica, emozioni e colori

I brani percepiti come più allegri e vivaci sono associati a colori brillanti e luminosi, mentre le melodie a carattere maggiormente meditativo e malinconico sono spesso collegate a colori grigi o appartenenti a tonalità più fredde e spente.   Suono e colore. La vista è uno dei sensi maggiormente utilizzato

Comportamento alimentare: nella scelta di cosa mangiare contano il gusto, l’olfatto e…forse qualcosa in più
Neuroscienze Psicologia

Comportamento alimentare: nella scelta di cosa mangiare contano il gusto, l’olfatto e…forse qualcosa in più

L’alimentazione è un requisito imprescindibile per la sopravvivenza di ogni essere vivente; eppure, l’atto del mangiare ha assunto nel corso della nostra evoluzione molteplici significati, superando la semplice funzione di nutrimento per la macchina-corpo.   Possiamo citare, ad esempio, la dimensione sociale, che entra in gioco nel momento conviviale della

Taekwondo: l’arte marziale che aumenta le prestazioni cognitive
Neuroscienze Psicologia

Taekwondo: l’arte marziale che aumenta le prestazioni cognitive

Esiste una correlazione ormai accertata tra aumento della performance cognitiva e arti marziali (Douris, 2015; Johnstone, 2018; Origua Rios, 2018). Le ricerche hanno evidenziato in particolare come la pratica del taekwondo sia in grado di ottimizzare alcune funzioni cognitive e incrementare la neuroplasticità, non solo nei soggetti in età giovane

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario