Assassine – Storie di (stra)ordinaria normalità (2017) di A. Ganci – Recensione del libro

Il libro Assassine (2017) ci introduce al mondo della violenza al femminile attraverso "Storie di (stra)ordinaria normalità": dalle più famose serial killer alle donne violente in famiglia, quali sono le conseguenze e cosa si può fare per aiutare le vittime?

ID Articolo: 154014 - Pubblicato il: 23 aprile 2018
Assassine – Storie di (stra)ordinaria normalità (2017) di A. Ganci – Recensione del libro
Messaggio pubblicitario SFU BANNE MAGISTRALE 2018-03
Condividi

Assassine – Storie di (stra) ordinaria normalità è un volume molto interessante sull’omicidio perpetrato dalle donne; lo confronta con quello maschile ed indaga la psicologia della parte più nera dell’animo umano.

 

Assassine – Storie di (stra) ordinaria normalità è un testo che attraversa la storia di donne comuni, che giungono alla violenza estrema.

L’ autrice, cercando di analizzare la logica della mente criminale di queste assassine, attraverso la lente delle più recenti teorie criminologiche, ne analizza anche le ipotetiche cause scatenanti e le conseguenti vicende giudiziarie.

Assassine: le più famose donne serial killer

Messaggio pubblicitario  Angela Ganci offre al lettore un’opportuna premessa sulla “banalità del male”: descrive le teorie sociologiche della criminalità femminile, partendo da quelle classiche e più datate, passando attraverso l’evoluzione storica del femminismo, per arrivare agli sviluppi attuali delle teorie di genere. Successivamente il testo si occupa prettamente di serial killer, cercando inizialmente di spiegarne il significato in senso generale; poi ne confronta le somiglianze e le differenze di genere. L’autrice descrive poi una classificazione delle donne serial killer, presentando per ciascuna di esse un caso di cronaca di riferimento, analizzandone nel dettaglio la storia: la vedova nera (il caso Belle Guinness), l’angelo della morte (gli orrori di Saronno), le assassine mentalmente disturbate (il caso Leonarda Cianciulli) ed infine le coppie assassine (il caso dei coniugi West).

La violenza in famiglia

La seconda parte del testo Assassine – Storie di (stra) ordinaria normalità si riferisce alla violenza attraverso l’analisi degli eventi formativi tenuti dallo studio di Psicoterapia e mediazione familiare dell’autrice, cercando di evidenziare che “il tema della violenza intrafamiliare diviene causa della vittimizzazione o del comportamento abusante messo in atto del vittimizzato.”

Numerosi gli argomenti dei seminari presentati nel testo che fanno riferimento al tema della violenza a danno dell’infanzia: l’autrice evidenzia il ruolo degli abusi fisici, psicologici e/o sessuali sul minore in termini di conseguenze a breve-lungo termine sulla sfera cognitiva, affettiva e dell’identità. Il tema all’abuso sui minori, si focalizza anche sulle misure giuridiche a difesa dell’infanzia violata e nell’ottica del diritto a una famiglia che possa assolvere alle sue funzioni curative. Interessanti anche i seminari dedicati alla violenza tra pari, al bullismo e al cyberbullismo, e agli attualissimi aspetti della psicologia dell’immigrazione.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Stalking: quando il carnefice è una donna

Quando lo stalking viene perpetrato da una donna

Circa l’80% dei casi conosciuti di stalking riporta un soggetto maschile come carnefice, ma dalle ricerche emerge che anche le donne possono mettere in atto una campagna di stalking verso

Bibliografia

  • Ganci, A. (2017) Assassine – Storie di (stra)ordinaria normalità. Youcanprint Editore
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie